Woody Allen

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Woody Allen.jpg

Woody Allen con il costume che indossava per fare da controfigura a Massimo Boldi.

Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Woody Allen
NonCitazLogo.png
NonCitazioni contiene deliri e idiozie (forse) detti da o su Woody Allen.


Quote rosso1.png Sono di estrazione ebraica ma in seguito mi sono convertito al Narcisismo Quote rosso2.png

~ Woody Allen sulle sue preferenze religiose
Quote rosso1.png L'ultima donna dentro la quale sono stato era la Statua della Libertà Quote rosso2.png

~ Woody Allen sulla scarsa frequenza dei suoi rapporti sessuali
Quote rosso1.png Non fraintendermi, lo amo come un fratello... un po' come Caino e Abele Quote rosso2.png

~ Woody Allen sulle sue amicizie più intime
Quote rosso1.png Mi ispiro sempre a lui per i dialoghi dei miei film Quote rosso2.png

~ Rocco Siffredi e la sua ammirazione per Woody Allen


Woody Allen, nome d'arte di Allen Stewart Mordecai Rabbi Yoh'anan Assunto, (New York 31 Febbraio 1935) è il padre degli hipster, nonché, in seguito alla sua fama mainstream, una citazione di Facebook.

[modifica] L'infanzia e gli esordi

Woody Allen rabbino.jpg

Un cartellone celebrativo del Rabbino Woody Allen.

Fin da bambino nutriva una forte fede e si avvicina a colui che sarà per tutta la vita il suo modello, il Rabbino della Sinagoga del quartiere. Crescendo, decise di intraprendere studi ecclesiastici, scelta dettata dalla sua forte vocazione. Fu istruito e ben presto concluse gli studi con risultati lodevoli.

Iniziò così per Allen un periodo che lui stesso definì 'il migliore della mia vita', vedendo realizzati tutti i sogni che aveva fin da piccolo. Diventò Rabbino presso il suo vecchio quartiere e subito venne amato dalla comunità di fedeli per la sua instancabilità, l'amore per ciò che faceva e per le barzellette che raccontava negli incontri pomeridiani.

Furono anni d'oro, all'insegna della felicità, ma la sventura era dietro l'angolo... Rileggendo la Bibbia, si insinuò in Allen l'idea che mancasse qualcosa, un pilastro su cui poggiare la proprio fede; ultimatane l'ennesima lettura, questa sensazione ancora non lo aveva abbandonato.

Furono dei mesi tormentati, fino a quando, una notte, illuminato dal Signore, scrisse una nuova parte della Bibbia, nota a tutti come il Nuovo Testamento. La cosa che non piacque alla CEI (Comunità Ebraica Internazionale) e fu allontanato dalla sua posizione. Il giorno in cui si sentì più vicino alla sua realizzazione fu anche quello della sua rovina.

Iniziò ad avere numerosi problemi psicologici, tanto da rivolgersi ad uno psicanalista, il quale consigliò ad Allen di cercare una nuova passione che lo facesse sentire realizzato. Avvenne così l'incontro con il Cinema. Aveva trovato la sua strada. Film come Tieni Duro ebbero un grande impatto sulla psiche di Allen, il quale cominciò a scriverne alcuni in cui tette giganti assalivano persone.

Dopo un breve periodo di duro lavoro, finalmente fu notato: iniziò a lavorare come sceneggiatore per un'importante casa produttrice di film porno, tra i quali ricordiamo Hannah e sue sorelle. Ormai le cose parevano avviate per il meglio e Woody Allen, sempre più deviato mentalmente, si appassionò ad un ambiguo strumento dalla forma fallica, passione che, purtroppo, si affaccia spesso nei suoi lavori.

[modifica] Gli anni bui della depressione

Woody Allen vestito da giullare.jpg

La sua comicità non è di immediata comprensione.

Oreste Lionello.jpg

La straordinaria somiglianza con Oreste Lionello.

Partito per l'Italia al seguito di altri esiliati dagli States come Mike Bongiorno, Dan Peterson e il Nesquik, cercò fortuna come politico, ma, subito dopo un intervento di Silvio Berlusconi a reti unificate, si accorse di non riuscire a far ridere a sufficienza per essere preso sul serio dall'elettorato italiano.

Si cimentò, allora, nell'ambito cinematografico, dapprima come controfigura di Massimo Boldi nella serie capolavoro Vacanze di Natale 68 a.C. 2 - La vendetta di De Sica, in cui un Vittorio De Sica zombificato prova a riaffossare il cinema italiano nella spirale di depressione e paranoia del neorealismo, 90, e Vacanze su Marte, molto prima dei fascisti. Poi, come comico nevrotico, surreale e grottesco, provò con varie compagnie quali Zelig e Colorado, ma non ottenne un grande successo. Quale ultima spiaggia, tentò al Bagaglino, ma persino lì fu scartato, avendo Pippo Franco già ingaggiato con un contratto ultramiliardario Oreste Lionello.

Dopo essere scartato anche alle audizioni del Bagaglino, ormai caduto nella più totale depressione e sconsolato come un fan di Marilyn Manson a un suo concerto annullato, passò tre anni nel carcere di San Vittore in cella di isolamento, dove conobbe anche Mario De Filippi, detto dagli amici anche il trucido, il futuro marito di Maurizio Costanzo, che ci provò spudoratamente, proponendogli in cambio una fulgida carriera televisiva come concorrente a vita di Amici, ma ottenendo solo, per tutta risposta, un clamoroso due di picche. Ripartì alla volta degli Stati Uniti capendo che in un paese esoso come l'Italia non avrebbe mai potuto aver successo.

[modifica] Il ritorno negli States e il successo

Woody Allen fumetto parla della sua ex ragazza che fingeva l'orgasmo.jpg

Il suo rapporto con le donne.

Ritornato in America, provò a trovare il successo, dapprima nell'ambito sportivo provando con la boxe in combattimenti clandestini, da cui prenderà spunto per uno dei suoi film Provaci ancora Sam, ma, avendo rischiato più volte la morte, decise che non faceva per lui.

In seguito, ritentò la carriera politica ma, questa volta, come dittatore di uno stato dell'America Centrale, raccontato nel suo film Il dittatore dello stato libero di Bananas. Spodestato dal suo stesso popolo (molto probabilmente perché le sue barzellette non erano all'altezza di quelle di altri dittatori), fece ritorno negli States, dove intraprese una carriera di ladruncolo, raccontata nel film Prendi i soldi e scappa. Ma non riuscì ad avere troppa fortuna e si faceva beccare in continuazione dalla Polizia per via dei suoi tic e perché non riusciva a stare mai zitto. Ma il successo era alle porte.

Woody Allen e la sua statua in bronzo.jpg

Woody Allen, a destra per chi guarda, con il suo fratello gemello più espressivo, a sinistra.

Negli Stati Uniti arrivarono le puntate del Bagaglino e Woody, vista l'enorme somiglianza col grandissimo comico Oreste Lionello, fu scritturato come suo doppiatore. Da lì a venire la grande fama e la notorietà colpirono Lionello che divenne un icona della comicità anche negli U.S.A., un Dio adorato in Terra. Grazie a questo, la fama di Lionello colpì di striscio anche Allen che godette di un minimo di notorietà per un certo periodo, il tempo necessario per convincere qualche sfigato produttore a prestargli i soldi per i suoi film.

Mantenendo fede al titolo del suo primo film Prendi i soldi e scappa, appena ottenuti i finanziamenti, partì per la Thailandia, lasciando tutti a bocca aperta, per comprarsi una giovane di 12 anni con cui sposarsi, l'unica maniera per aver moglie visto che nessuna riusciva a stare con lui per più di una settimana, visto il logorroico eloquio che lo contraddistingue. Diane Keaton dichiarò che Allen riusciva a parlare anche quando pomiciavano.

Ritenuto da molte donne il massimo esperto del piacere sessuale, ha scritto diversi libri di sessuologia e un'utilissima "Nuova Versione Riveduta e Corretta del Kamasutra", Woody Allen, edito dalla Mondadori. La realtà è ben diversa: riesce a realizzare circa un film all'anno, ma non a fare sesso con la medesima frequenza.

Sarebbe questo il vero motivo per cui Mia Farrow l'avrebbe lasciato e non le accuse di molestie sessuali nei confronti della loro figlia adottiva coreana, né, tanto meno, la relazione con la sorella di quest'ultima, poi sposata da Woody Allen stesso. In pratica Woody Allen divenne il proprio cognato, nonché terzo marito di se stesso. Per cercare di capirci qualcosa, produsse un altro film, intitolato Mariti e mogli, ma senza raccapezzarsi più di tanto nella complessa questione genealogica, anzi peggiorando la situazione perché non si capiva più se gli incassi al botteghino dovessero andare a lui o a suo cognato.

Dopo Matchpoint e Scoop, esaurì la fantasia per i titoli dei film. Invece di capire che forse era giunto il momento di andare in pensione, cominciò a usare i nomi delle città in cui viaggiava e delle hostess: Vicky Cristina Barcelona, To Rome with love, Midnight in Paris[1].

[modifica] Curiosità

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse vuoi veder crescere le margherite dalla parte delle radici?

  • Viene spesso scambiato per un dannato comico da ragazzini, che si divertono a condividere sue citazione su Facebook.
  • Il ricavato totale del suo ultimo film è bastato appena per pagare il tipo che consegnava le pizze sul set.
  • Non è chiaro come sia entrato in rapporti con Carla Bruni. Eminenti studiosi di sociopsicozoologia stanno cercando di capire come faccia un tipo come Allen a essere sempre circondato da belle donne.
  • È claustrofobico, agorafobico, ginefobico e demofobico. Ha inoltre paura di cani, gatti, insetti, cervi, dei tuoi evidenziatori Stabilo, di sua suocera (essere mitologico nato dall'anima della sua ex moglie), della folla infuriata che ha pagato il biglietto del cinema e di tutto ciò che si trova fuori Manhattan.
  • Riesce a parlare della morte mentre si insinua tra le gambe delle malcapitate rese oggetto delle sue pulsioni.

[modifica] Voci correlate

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Non è il titolo di quel famoso porno con Paris Hilton che hai guardato millemila volte.


Strumenti personali
wikia