Veterinario

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Furry pacifista.png
I Furry disapprovano il soggetto di questo articolo

Il Furry Fandom non è un gruppo, è una ragione di vita. Per qualsiasi Furry caduto per colpa della Fursecution, se ne creerà subito un altro tramite riproduzione monocellulare.
Inoltre non vanno toccati, hanno le pulci, e non amano i veterinari .


Che le palle di pelo restino per sempre nei nostri fegati. Amen.
Furry pacifista riflesso.png
Gatto Bobob.gif

Un gatto sottoposto ad esame audiometrico dal veterinario.

Quote rosso1.png Ah che bello! Anche io volevo fare il veterinario da piccolo. Quote rosso2.png

~ Ricco imprenditore a veterinario
Quote rosso1.png Ma quindi lei è vetrinaio? Quote rosso2.png

~ Numerose persone a veterinario
Quote rosso1.png Ma quindi lei è vetraio? Quote rosso2.png

~ Persone confuse riguardo il campo lavorativo del veterinario
Quote rosso1.png Ah sei veterinario! Quindi ti piacciono gli animali! Quote rosso2.png

~ La top delle domande fatte al veterinario
Quote rosso1.png Ma quindi lei è dottore? Cioè c'ha studiato per fare questo mestiere?Pensa un po'... Quote rosso2.png

~ Gente comune a veterinario
Quote rosso1.png Si deve cogliere la palla al balzo! Quote rosso2.png

~ Detto di veterinari castratori di canguri

Il veterinario è il medico degli animali. L'origine del nome è sconosciuta e le interpretazioni controverse. Qualche filologo sostiene che, in epoca romana trovandosi la scuola veterinaria a S. Maria Capua Vetere, la prima parte del nome, Vetere, avrebbe avuto origine da quel toponimo. Mentre la seconda parte, rinario (da urinario), farebbe riferimento alla tecnica di fare diagnosi assaggiando le urine degli animali ammalati. Per quanto possa essere incerta questa interpretazione, è la sola di cui si dispone. Il veterinario generalmente è un povero disgraziato, che non viene considerato dalla società e che in questa vive male perché, ormai, ha definitivamente sviluppato un disturbo di tipo dissociativo conseguente ai numerosi traumi subiti durante il corso di studi e la carriera lavorativa.

[modifica] Campo di applicazione della scienza veterinaria e problemi diagnostici

Bondi Pescatore.jpg

Un veterinario mentre aiuta un pesce asmatico a prendere una boccata d'aria.

Il veterinario cura tutti gli animali, dalla mosca al dinosauro, dalla pulce alla balena. Sola eccezione sono le zoccole, poiché queste sono curate da normali ginecologi; se invece sono zoccole[1] possono venire curate dal veterinario stesso.

Il vero problema di ogni veterinario è dovuto al fatto che gli animali non parlano e quindi non possono informarlo di cosa stanno soffrendo. Tuttavia, per sopperire a questo problema, il veterinario riceve generalmente l'aiuto del proprietario dell'animale, il quale disserta amabilmente per sei o sette ore su come il suo cane pratichi l'autoerotismo durante i pasti o di quanto sia meraviglioso e tenero il suo gatto, che peraltro cercherà con successo di staccare il braccio o una parte consistente degli organi vitali al medico in questione.

Solo recentemente l'analisi strumentale è venuta in aiuto ai veterinari (analisi del sangue, transaminasi, VES, TASS, risonanza magnetica, ecografie, radiografie, ma non crediate che sia comunque facile), così da avere una valida scusa per interrompere il proprietario.

Wikiquote.png
«Un mio amico aveva un'anguilla che stava evidentemente male. La teneva in una boccia di vetro e poggiando lo stetoscopio sulla parete di vetro auscultava accelerazioni del battito cardiaco. Occorreva un elettrocardiogramma, ovviamente: avete mai provato a fare un elettrocardiogramma ad un'anguilla? È difficilissimo.»
(Testimonianza anonima)

Il lavoro del veterinario è facilitato nel caso in cui si tratti di grossi animali terrestri. Altro compito dei veterinari è prendersi cura degli animali d'allevamento come le bufale.

[modifica] Esempi di diagnosi sul campo

[modifica] Il veterinario di aversa

Cammello2.jpg

Un cammello colpito dal morbo di Parkinson sotto cura del veterinario.

Un veterinario aversano (CE) imparò ad interpretare i movimenti delle code delle bufale a fini diagnostici. Le bufale, quando avevano mal di fegato tenevano la coda ritta a forma di S e quando avevano mal di gola tenevano la coda a tortiglione; la battevano dalla parte dove sentivano dolore, una specie di alfabeto morse bufalino. In questo modo egli riusciva ad effettuare le sue diagnosi. Solo in un caso, essendo in dubbio, sottopose una bufala ad una radiografia, ma ci volle il bello ed il buono per convincere la bufala a salire sul lettino radiografico e mettersi a pancia in su.

[modifica] L'allevamento di gamberi

Un altro caso difficile fu quello affrontato da un veterinario di Canicattì il quale aveva in cura un allevamento di gamberi. Questi crostacei presentavano strani sintomi come la colorazione fucsia a pallini gialli ed antenne a forma di punto interrogativo. Alla fine, grazie alle analisi del sangue e delle urine, comprese che si trattava di un'intossicazione da hashish; I gamberi furono curati con lavaggi a base di glucosio.

[modifica] I lombrichi

Uno dei casi più difficili affrontati dalla scienza veterinara fu quello di un veterinario di Sassu Scrittu, addetto ad un allevamento di lombrichi. Le difficoltà diagnostiche erano davvero immense. I lombrichi, come si sa, sono utilissimi in agricoltura per humificare il terreno, ma quei lombrichi si rifiutavano di farlo. Il veterinario pensò dipendesse dalla qualità del terreno, ma non era così. Dopo molte indagini non approdò a niente. Solo quando un gruppo di lombrichi si dispose sul terreno a formare la frase Vogliamo anche il dolce egli capì, ed il problema fu risolto miscelando zucchero al terreno.

[modifica] Le mosche

Le mosche rappresentano una sfida per la diagnostica veterinaria. Intanto è già difficile acchiapparle per poterle esaminare ed il veterinario deve esercitarsi lungamente. Una delle malattie più frequenti in questi ditteri è il fatto di muovere le ali ad elicottero: ovviamente le ali si attorcigliano ed allora queste non possono più volare. Inoltre si rifiutano di farsi fare i prelievi ematici. Per poterle auscultare il paziente veterinario deve inzuccherare lo stetoscopio,rischiando di viene assordato dai battiti cardiaci quando queste accorrono a frotte.

Più facili, però, sono le cure di ortopediche, e la protesica delle mosche è una tecnica abbastanza sviluppata.

[modifica] Altri animali

Una delle indagini diagnostiche più difficili è la rettoscopia. Se si tratta di grandi mamiferi terrestri la cosa è ancora facile, ma quando si passa ai piccoli invertebrati è davvero un'impresa epica. Questi animali sono tutti cattolici e non accettano procedure contro natura. Il veterinario quindi è costretto a strane rituali, come sculettare davanti all'animale per indurlo ad accettare l'introduzione della sonda.

[modifica] conclusioni

Abbiamo dato qui solo un vago accenno ai problemi connessi alla diagnostica veterinaria, una scienza praticamente senza limiti ed in continua evoluzione. A coloro che volessero dedicarsi a questa difficile scienza consigliamo di cominciare dalle pratiche più semplici come guardare le code delle bufale ed acchiappare mosche. Nel caso foste impossibilitati a fare ciò, potete sempre pestare merde di cane, così, per abituarvi.

[modifica] Terapie farmacologiche veterinarie moderne

Alla diagnosi segue la terapia, farmacologica o chirurgica, a seconda della necessità. In veterinaria i rimedi sono molto più complicati che nella medicina umana e altrettanto difficili da applicare.

Moscawer.jpg

Una mosca malata di anemia appena dopo le cure a base di iniezioni di ferro.

Un veterinario che riscontri, ad esempio, un'anemia nelle mosche dovrà prescrivere iniezioni di ferro della durata di almeno un mese. Esistono infermieri specializzati ma, nel migliore dei casi, non riescono a fare più di 8-10 punture al giorno, e si rischia che le facciano tutte alla stessa mosca in quanto ci sono evidenti difficoltà nel distinguere le une dalle altre.

Quanto poi alle supposte il dramma è completo. Di solito le supposte sono quelle destinate ai cavalli: siluri lunghi 30 cm e larghi quanto un tubo da stufa. Purtroppo l'industria farmaceutica non fabbrica supposte ad hoc per ogni tipo di animale e una cura di supposte per un animale di piccola taglia (come ad esempio un gatto) può essere un vero problema.

[modifica] Il veterinario e la psiche

I veterinari spesso fungono anche da psicologi: ad esempio la depressione dei tacchini all'avvicinarsi del Natale o i raptus omicidi dei maiali quando si dice loro che hanno belle cosce, sono di loro competenza.

[modifica] Veterinari estremi

[modifica] Zoo

I veterinari addetti agli zoo sono, ovviamente, quelli che affrontano i problemi più complicati. Il raffreddore per un elefante oppure il torcicollo per una giraffa sono casi comuni per questo tipo di veterinari.

Coccodrillo con braccio umano.JPG

La mano di un veterinario che stava curando una carie ad un coccodrillo.

Come pericolose sono le cure odontoiatriche ai coccodrilli: la devitalizzazione di un dente o la detartarizzazione sono la prima causa per la quale molti di questi veterinari hanno una mano sola.

Altra malattia complicata è l'aerofagia nei serpenti: a forza di ingurgitare aria questi si gonfiano come palloncini e, quando la espellono, si ha un rumore assordante simile alla nota grave del contrabbasso che dura per circa sette ore. Durante questo lasso di tempo il veterinario deve porre un palloncino presso l'altra estremità dell'animale al fine di recuperare per poi analizzare i gas espusli. In questo caso la cura prevede una dieta povera di legumi.

[modifica] Acquari marini

I veterinari addetti agli acquari sono una categoria di a parte. Si occupano di pesci, crostacei e molluschi ed anche di mammiferi come delfini e balene. Le balene sono spesso affette da costipazione.

Elefante che fa la cacca con donna.jpg

Una veterinaria aiuta un elefante stitico mediante estrazione a mano delle palle di merda.

In tal caso il povero medico è costretto a convincere la balena ad ingurgitare una cisterna di olio di ricino. Con gli elefanti è più facile, in quanto si aggiunge sale inglese[2] al loro cibo, ma più spesso il veterinario è costretto a ricorrere all'estrazione manuale dell'otturazione.

[modifica] Chirurgia veterinaria, metodi e strumentazioni

Le cure chirurgiche sono un altro aspetto importante del lavoro del veterinario. Le più praticate sono la castrazione mediante ascolto ripetuto di CD di Gigi d'Alessio (per frantumazione), l'amputazione della coda, la frantumazione delle palle mediante ultrasuoni, la tracheotomia, l'appendicectomia e, per quanto riguarda i maiali, la coscieoctomia (prosciutto).

Il numero di animali operati ogni giorno è molto più grande di quanto non si pensi. Gli unici animali che non vengono mai operati sono le puzzole. Di seguito alcuni esempi:

  • Le scimmie: siccome hanno il culo piatto, a forza di sedersi si formano grossi calli a forma di ciambella i quali tendono a diventare dolorosi ed occorre eliminarli. Per far ciò i veterinari solitamente ricorrono ad una smerigliatrice.

Questa forma di chirurgia non è molto gradita dalle scimmie in quanto, dopo l'operazione, continuano a vibrare per parecchi giorni.

  • Equini (Cavalli, cammelli, asini e zebre) di solito presentano prostatiti molto fastidiose. In questi casi è d'obbligo ricorrere al catetere. Gli animali mal lo sopportano, anche perché, affinché sia efficace, è necessario l'uso di supposte.
  • Pulci e canguri: questi animali sembrano essere più propensi alle cure in quanto appena vedono il veterinario fanno salti di gioia,

[modifica] Note

  1. ^ in dialetto napoletano zoccola indica il topo femmina.
  2. ^ un purgante capra!
Strumenti personali
wikia