Van Helsing (film)

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Van Helsing - Carletto principe dei mostri

La locandina del film.

Quote rosso1 Che paura mi fa

Carletto, l'Uomo Lupo, Frank e Dracula
Lupo, Frank e Dracula!
E Carletto chi è

Un bimbo che s'allunga sette metri e trentatré! Quote rosso2

~ La sigla di chiusura del film

Van Helsing è un film con protagonista Hugh Jackman.
E, volendo, potremmo anche fermarci qui.

Tratto dal romanzo Dracula di Bram Stoker, il film narra con la stessa fedeltà d'un bigamo che soffre di sindrome dell'abbandono le vicende di Van Helsing, eroico cacciatore di creature della notte, il quale si ritrova alle prese contro vampiri, licantropi, cadaveri ambulanti, mostri spaziali, ed un temibile esercito di nani da giardino.

[modifica] Trama

Idiomas-1-
Avvertenza:
Questo articolo contiene dettagli che potrebbero rovinarti la "sorpresa", come per esempio il fatto che

Van Helsing uccide Dracula grazie all'energia solare per poi tornare sul suo pianeta d'origine
Beh, ormai che l'ho detto puoi anche leggere tutto...

Vampiresse Van Helsing

Le voraci vampiresse al servizio di Dracula, riconoscibili dalla perenne posa facciale a mo' di bambola gonfiabile. Oltre che dalle zinne. Quella a destra si rifiuta di aprire la bocca e difatti morirà per prima.

1887, Transilvania; il Dottor Frankenstein riesce a portare in vita il proverbiale mostro, grazie all'assistenza del fidato Igor Aigor. Oltre che, ovviamente, a quella di Dracula. Il vampiro, imbarazzato dall'essere finito all'interno della storia sbagliata per colpa d'un errore del GPS, uccide il dottore e scappa piangendo. Nel frattempo una folla inferocita uccide il mostro e questo, in qualche modo, ostacola i progetti di Dracula di resuscitare suo figlio. Perché Dracula ha un figlio. E, come tutti sanno, il mostro di Frankenstein può risuscitare i vampiri. È ovvio.

1888, Londra: dopo un'estenuante battaglia a colpi di yo-yo tra i tetti della metropoli, Van Helsing riesce ad abbattere il pericoloso Mr. Hyde. Neanche il tempo di dire "Crepa bastardo" che il mostro si ritrasforma nello stimato cittadino Dr. Jekyll ed una folla di astanti in preda all'Indignazione chiede subito la testa di Van Helsing. Fortunatamente per lui la missione è terminata e può tornare finalmente al Vaticano, il quartier generale dove tutte le religioni del mondo si sono riunite per combattere le forze dell'oscurità. Praticamente la versione sacra dei Superamici. Chissà se mandano anche Krishna ad ammazzare demoni Indù e Maometto a scannare mostri musulmani. Ma sto divagando.

La prossima destinazione del cacciatore di demoni è l'oscura regione chiamata Pennsylvania. Cioè, volevo dire Transilvania. Suo compito è uccidere Dracula. E, magari, già che c'è, fare in modo che i membri della famiglia Valerious, nemici storici del vampirone, smettano di suicidarsi in massa come lemming cercando inutilmente di ammazzarlo. Prima di partire, Van Helsing riceve il suo equipaggiamento, composto di balestre semi-automatiche, mazzafionde e fialette di liquido puzzolente, ed un utilissimo assistente, un monaco infinitamente utile ai fini della storia sul quale quest'articolo eviterà di pronunciarsi più di troppo per non risultare offensivo.

L'ameno duo, arrivato in un villaggio tipico della Transilvania, non perde tempo e si mette subito a fare foto ricordo e ad assaggiare le prelibatezze del luogo, quando per caso si imbatte nella gnocca ufficiale della storia, Anna Valerious. La giovane racconta agli eroi che suo fratello Velkan ha disonorato la famiglia, facendosi uccidere da un anonimo lupo mannaro invece di farsi scannare da Dracula come da tradizione. I tre vengono però interrotti dalle zoccole spose di Dracula, che attaccano il set del film. Van Helsing riesce ad uccidere una delle tre vampiresse facendole esplodere la tetta destra, ma le altre due scappano ululando e piroettando. Anna, riempito il suo attillatissimo corpetto di cuoio con del tritolo, si prepara come da tradizione a morire inutilmente nel castello di Dracula ma Van Helsing, temendo che il Vaticano gli tagli lo stipendio se non sopravvive almeno uno dei Valerious, narcotizza la fanciulla.

Anna valerious contro catwoman

Una delle scene più celebri del film, il combattimento tra Anna e Catwoman. In 3D!

Al suo risveglio Anna si ritrova di fronte suo fratello Velkan, vivo, vegeto e lupo mannaro. E dire che la bottiglia di grappa transilvana è ancora intonsa. Purtroppo Anna riesce a trattenere il fratello perduto giusto il tempo per fare un paio di lanci di bastoncino ed un grattino sulla pancia, prima che questi inizi a correre dietro una barboncina. Van Helsing e compagnia non si perdono d'animo e si lanciano dunque all'inseguimento di Velkan, inseguimento che li porta dritti dritti al castello di Dracula in persona. Lì scoprono che il vampiro sta usando il lupo mannaro al posto del mostro di Frankenstein per resuscitare suo figlio. O almeno così dice Wikipedia. Anna riesce a liberare il fratello, che per ringraziarla si trasforma di nuovo in lupo mannaro e cerca di sbranarla. Il gruppo è però costretto a fuggire quando arriva Dracula, che, alla vista di Van Helsing, inizia ad urlare:

Wikiquote
«Maledetto! Sei tu! Sì, sei proprio tu! Che tu sia dannato! Sono duecento anni che mi devi cinque euro!»

Durante la fuga, i nostri eroi finiscono in una caverna, probabilmente riciclata dal set di Bat-Man, dove trovano il mostro di Frankenstein, inspiegabilmente ancora vivo ed ormai rassegnato a partecipare al film. Van Helsing decide di salvarlo e portarlo in Italia, dove avrebbe un radioso futuro come mascotte della Lega Nord, ma subito arrivano all'inseguimento quattro tette con annesse vampire volanti ed il fratello di Anna, di nuovo in versione licantropo. Durante un furioso combattimento a base di effetti speciali e musica simil Carmina Burana un'altra delle vampiresse muore, strangolata dai suoi stessi seni durante una piroetta di troppo, mentre Velkan viene ucciso da uno shock anafilattico dopo aver dato un morso a Van Helsing. Eppure il dottore gliel'aveva detto che dalle analisi era risultato intollerante a forti dosi di Hugh Jackman. Grazie al suo eroico[citazione necessaria] sacrificio Velkan riesce a contagiare il protagonista con una forma acuta di licantropismo. Oltre ad avergli attaccato l'herpes. La vampignocca sopravvissuta, dimenticata dal resto del cast, approfittando del trambusto riesce a prendere Anna ed a scappare con lei. Van Helsing riesce a salvarla quasi subito, ma perde di vista il mostro di Frankenstein, che viene catturato. Certo che per essere un bestione di 6x3 metri non è che offra molta resistenza ai tentativi di sequestro.

Dracula tette kate beckinsale van helsing

Questa scena è assolutamente inutile allo svolgimento della trama, ma è l'unica in cui si vedono le tette della Beckinsale. Ci dovrebbe essere anche Dracula da qualche parte, se riuscite a focalizzare l'attenzione altrove.

Approfittando d'una pausa caffè, Anna racconta finalmente agli eroi la triste storia della sua casata; Dracula è in realtà un antico appartenente alla famiglia Valerious ed un antenato di Anna. Gli altri membri hanno giurato di ucciderlo dopo che il Conte commise l'atroce crimine di non essere andato al pranzo di Natale di zia Cesira Valerious. Ma d'altronde l'allora giovane Dracula non aveva tempo per queste cose, era impegnato a fare un patto col Diavolo. Son ragazzi, che ci vuoi fare. Durante la pausa pubblicitaria i nostri protagonisti scoprono per caso un comodissimo portale che li riporta all'interno del castello di Dracula, proprio davanti all'armadietto dei medicinali del Conte, che, manco a farlo apposta, contiene una dose di vaccino per l'influenza licantropesca. Non solo: il Foglietto illustrativo del medicinale svela loro l'unico punto debole dei vampiri, ossia gli stessi lupi mannari. Ma guarda che caso, non solo Van Helsing è stato accidentalmente infettato da un lupo mannaro, e può dunque uccidere Dracula, ha anche a portata di mano i mezzi per curarsi dalla licantropia una volta sbrigato il lavoro sporco. E inoltre quella stessa notte c'è pure la luna piena. Grazie a questa sequenza di botte di culo spropositate gli eroi sono finalmente pronti allo scontro finale.

La luna piena fa la sua comparsa e Van Helsing si trasforma in lupo mannaro, libera il mostro di Frankenstein ed inizia a combattere con Dracula, che per non esser da meno si trasforma in una nottola gigante. Nel frattempo Anna ed il monaco scemo vengono attaccati da Igor Aigor e dall'ultima vampiressa; fortunatamente per le due comparse i seni della succubus, stroncati dall'eccessiva massa, collassano su loro stessi generando un piccolo buco nero, che risucchia tutti e due i cattivoni.

Nel pieno del combattimento, Dracula rivela a Van Helsing la sua vera identità; il cacciatore di mostri, vampiri e fenomeni da baraccone altri non è che l'Arcangelo Gabriele che, punito da Dio per essere stato interpretato da Hugh Jackman, è stato mandato sulla terra senza memoria. Anche perché se avesse avuto ancora la sua memoria sarebbe stato difficile spiegare come cazzo c'è finito a combattere con degli yo-yo sui tetti di Londra. Dracula, ormai in difficoltà, propone a Van Helsing di allearsi per conquistare il mondo, ma l'angelo caduto per risposta lo uccide in un petosecondo, pasteggia con il figlio del vampiro e si mette a ballare sui loro cadaveri. Morto il Conte, Anna arriva prontamente col vaccino anti-licantropo e lo inietta all'eroe che mentre si sta ritrasformando le dà una simpatica pacca sulla spalla. Che la uccide all'istante. Esplosioni, cadute di diversi metri, lotte con vampire e mazzate d'ogni genere l'hanno lasciata al massimo con il trucco leggermente sbavato, ma una una zampata data distrattamente dal protagonista a circa tre minuti dalla fine la stronca. Questa è la potenza della famiglia Valerious.

L'incubo è finalmente terminato; Dracula è ormai storia, Van Helsing ed il monaco si sbarazzano in fretta del cadavere mentre il mostro di Frankenstein sale sulla nave di Cristoforo Colombo alla ricerca del Nuovo Mondo. Gli spiriti di Anna e dei suoi familiari osservano sorridendo il rattristato cacciatore di demoni, che sa benissimo che non vedrà una lira visto che alla fine quei coglionazzi dei Valerious sono tutti morti. Ma niente paura, nuove avventure attendono il nostro Van Helsing, che viene subito mandato dal Vaticano ad affrontare un attacco congiunto di Sauron e Voldemort contro la regina di Atlantide.

[modifica] Personaggi

[modifica] Van Helsing

Van helsing lego

L'incubo di ogni demone; Dante con la barba ed il cappello. Cioè, volevo dire, Van Helsing.

Van Helsing è un cacciatore di demoni affetto da amnesia che lavora in segreto per il Vaticano, ed è dotato d'un temibile arsenale che farebbe invidia persino all'Ispettore Gadget della prima serie. Proprio come nella storia originale. La reale identità di Van Helsing è nientepopodimeno che quella dell'Arcangelo Gabriele, anzi, di Gheibriel, con pronuncia anglo-rumena così come lo chiama Dracula nel Film. Perché l'arcangelo? Che c'entra? Che c'azzecca? Boh, però fa figo. Fatto sta che Gheibriel, in un attimo di distrazione, si è dimenticato di essere un arcangelo e si è messo ad ammazzare demoni.

Pare che Gheibriel/Van Helsing sia anche stato colui che ha ucciso Dracula quando ancora era un umano dando inizio a tutto 'sto casino di storia, ma gli autori si sono dimenticati di spiegare perché l'eroe si sia spinto a compiere siffatto gesto. A proposito, ve l'ho già detto che è interpretato da Hugh Jackman?

[modifica] Dracula

Il signore delle tenebre, il vampiro per antonomasia in questo film è una sorta di sosia di Renato Zero che cerca disperatamente di imitare Bela Lugosi. Il risultato è un Severus Piton perennemente incazzato con una parlata incredibilmente razzista russo-bulgaro-rumena che ricorda vagamente quella di Ivan Drago. Sebbene possa sembrare uno spietato mostro uscito dai più oscuri recessi infernali che desidera soltanto conquistare il mondo, in realtà Dracula è un povero ragazzo padre alla ricerca d'una cura per suo figlio, malato di una qualche rara malattia genetica vampiresca.

Prima di diventare un vampiro era un membro della famiglia Valerious. Ovviamente, è morto giovane. Peraltro per mano di Van Helsing, che manco si ricorda d'averlo ucciso. Al momento del decesso Dracula stipulò un patto col Diavolo e sfuggì al suo tragico destino; in cambio della sua anima ed una palpata di tette delle tre succubi, Satana gli concesse di rinascere come vampiro immortale, il cui unico punto debole sono i lupi mannari. Giustamente il buon Conte, invece di sterminare i licantropi e diventare l'invincibile ed incontrastato padrone del mondo, pensa bene di tenersene uno come animale da compagnia. Si vede che avevano finito i chihuahua. Ovviamente alla fine schiatta.

[modifica] I Valerious

Quote rosso1 Siamo sicuri che Dio voglia che sopravvivano? Quote rosso2

~ Homer Simpson sui membri della famiglia Valerious

Una nobile famiglia dall'incrollabile fede, dalla totale dedizione alla loro missione e dalla scarsa attitudine alla vita. Hanno giurato di uccidere Dracula, costasse la vita a tutti i membri della famiglia. Ci riusciranno, al prezzo della vita di tutta la famiglia. Fanno parte dei Valerious circa tre quarti dei personaggi di questo film. Sono facilmente riconoscibili, sono quelli che muoiono.

Anna Valerious: Teoricamente dovrebbe essere la gnocca di turno, ma il suo seno, quasi sempre nascosto da dei corpetti eccessivamente castiganti, viene messo in ombra da quello delle vampiresse, ben più grande e dotato di autocoscienza. Anna è la classica donzella presente in qualsiasi film d'azione, e difatti la sua presenza nel film servirà più che altro a rompere le scatole e complicare la vita al protagonista. Che peraltro neanche se la può trombare, visto che alla fine, da brava Valerious, riesce a morire lo stesso. Tsk.
Velkan Valerious: Il fratello di Anna. All'inizio del film viene dato per morto, il ché, data la scarsa attitudine alla sopravvivenza dei membri della sua famiglia, sembra abbastanza plausibile. Incredibilmente, si scopre che è vivo e vegeto, anche se licantropizzato. Rimedierà poco dopo facendosi scannare senza pietà da Van Helsing in persona, disonorando decine e decine di generazioni di Valerious morti altrettanto ingloriosamente ma almeno tentando di graffiare Dracula.

[modifica] Comparse

Dracula vampiresse van helsing

Le temibili vampiresse si strusciano sensualmente su di un tizio, forse è Dracula, mah, non è il caso di perdersi nei dettagli.

Le Tette delle Vampiresse: Le vere protagoniste del film, sei giganteschi oggetti distribuiti in quantità di due su ciascuna delle tre succubi al servizio del Conte Dracula. Il regista ci tiene a farcele vedere piroettare e ballonzolare senza sosta durante gran parte del film, stando attento a trovare ogni volta l'inquadratura più vicina al capezzolo.
Le Vampiresse portatrici di tette: Tre maggiorate finite chissà come al soldo di Dracula. La loro storia è una tragica parabola; scartate alle selezioni per entrare nel Cirque su Soleil per via della dimensione del decolleté che le le sbilanciava in continuazione, rendendo loro impossibile eseguire qualsivoglia acrobazia, precipitarono in un tunnel a base di sesso, droga e vampiri. Muoiono come mosche. Mosche con la sesta, ma sempre mosche. Probabilmente anche loro fanno parte della famiglia Valerious.
L'amico scemo di Van Helsing: Un monaco, mandato ad accompagnare Van Helsing perché oramai l'attore aveva già firmato il contratto. Da bravo uomo di Chiesa con tanto di voti di castità, è l'unico personaggio che riesce a rimorchiare e trombare nel corso del film. Le sue battute ed i suoi sketch comici sono alcuni tra i rari momenti in cui il pubblico riesce a riposarsi in silenzio tra una risata e l'altra.
Il mostro di Frankenstein: Un energumeno artificiale di sei tonnellate che passa il tempo a piangere e farsi rapire. Imbarazzante. Per qualche motivo non meglio specificato dovrebbe servire a Dracula per curare suo figlio, probabilmente si tratta di qualche ritrovato omeopatico di ultima generazione. O, più probabilmente, gli sceneggiatori non sono riusciti a trovare una scusa migliore per infilarlo nel film. Sebbene tutti lo chiamino semplicemente "Frankenstein", confondendolo col dottore che lo ha creato, o più spesso "Aaaaaah! Mostro! Muori! Muoriiiii!", questo orribile mostro dal cuore d'oro ha un bellissimo nome: Jaqueline.
Dr. Jackill e Mr. Hyde: Sì, sono la stessa persona. 'caputtana, vi ho spoilerato il finale del libro originale. Scusate. Vabbè, comunque, mentre Jackill è un tizio qualunque, Hyde è un mostrone alto due metri e largo tre, capace di saltare da un tetto all'altro e di sfondare un muro a pugni. 'caputtana, vi ho rivelato un altro particolare del libro originale. Secondo voci di corridoio, le animazioni di Hyde sono state ottenute cambiando leggermente di colore quelle del mostrone dei film di Resident Evil.
Igor Aigor: Il tipico servitore gobbo, storpio e puzzolente presente in ogni film horror che si rispetti. Il loro sindacato ha combattuto e vinto un sacco di battaglie per obbligare qualunque signore del male ad assumerne uno. E difatti, quando muore il dr. Frankenstein, si fa subito fare un contratto a progetto da Dracula. Il mondo del lavoro è duro. Anche per gli storpi servitori di signori del male.

[modifica] Curiosità

Icona scopa
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Contribuisci a scop migliorarla disintegrando le informazioni nel corpo della voce e aggiungendone di inappropriate

  • La Mummia è tutt'ora offesa in quanto unico mostro della tradizione horror non invitato a partecipare al film.
  • Questo articolo non contiene foto che ritraggono Hugh Jackman; articoli "100% Hugh Jackman Free", leggi bene, leggi sicuro.
  • Questa pagina qua è stata eletta prodotto dell'anno 2011.



[modifica] Voci Correlate


Strumenti personali
wikia