Vampire Princess Miyu

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1.png Aaah! Larva! Quote rosso2.png

~ Miyu invoca il suo servitore affinché la protegga da un temibile Shinma parchimetro che è riuscito addirittura a guardarla male.

Vampire Princess Miyu è il classico anime e manga che ha per protagonista la solita ragazza minuta e taciturna che ammazza mostri millenari a forza di palle di fuoco nei denti. Nell'adattamento italiano dell'anime, ogni puntata è introdotta dalla voce narrante di una donna che suscita la stessa depressione che porta spararsi tutte le puntate di Galaxy Express in un giorno.

[modifica] Trama

Vampire Princess Miyu - palla di fuoco.png

Miyu in risposta a uno Shinma che le ha chiesto da accendere.

Molto tempo fa gli esseri umani, spaventati dal potere tremendo degli Shinma (demoni superfighi in grado di sterminare la razza umana sbattendo le palpebre), li esiliarono in un'altra dimensione nella quale non esistono le patatine al formaggio. Per questo, a volte, la voglia implacabile di patatine al formaggio di alcuni Shinma li spinge a scappare e a tornare nel mondo degli esseri umani. Per evitare gli spiacevoli effetti collaterali che questo comporterebbe, come l'annientamento della razza umana e la cessazione delle offerte della Lidl, è stato scelto un guardiano col compito di bacchettarli sulle mani e ricacciarli nel loro inferno senza snack caseari. La scelta del guardiano è ricaduta su una giovane vampira di nome Miyu, alla quale, per portare a termine la sua mansione millenaria, sono stati conferiti l'eterna giovinezza e il potere di combattere scalza quanto le pare senza pestare mai le cacche di cane.
In ogni episodio dell'anime i metaforici testicoli di Miyu devono obbligatoriamente essere mandati in frantumi da Reiha, uno Shinma-frigorifero che controlla il ghiaccio e la neve dalle sembianze di una ragazzina che si porta sempre dietro un Cicciobello satanico. Costei ha il compito di seguire Miyu in ogni sperduto anfratto in culo ai lupi per motivi che ormai non sono noti nemmeno al suo bambolotto assemblato nei negozi di giocattoli dell'inferno. Stranamente, Miyu non ha mai ricacciato indietro Reiha. Probabilmente perché quella del guardiano è una vita dura e difficile, fatta di solitudine, tristezza e sofferenza, che soltanto un'amica può rendere tollerabile anche solo con la sua presenza costante; o forse perché Reiha le torna utile come dispenser di granite.
Ad aiutare Miyu nella sua missione ci sono lo Shinma Larva, più femminile di Reiha, Miyu e di tutte le sue compagne di scuola messe insieme, e Shiina, uno Shinma batuffoloso rosa confetto che sembra uscito dai sogni più zuccherosi di una bambina diabetica, ma che in realtà nasconde un occhio destro così demoniaco che a confronto quello di Sauron è l'occhietto di un cucciolo di foca. Per finire, per preservare la sua identità segreta, Miyu frequenta la scuola media Tymparu Lekose, dove è costretta a sopportare le lagne delle sue compagne riguardanti WhatsApp, Ask, la poca varietà nei gusti dei preservativi alla frutta... Anzi no, perché l'anime è del 1988, e allora la gente non possedeva ancora organi sessuali. Nell'ultima puntata si scopre che la migliore amica che Miyu si è fatta a scuola altri non è se non uno Shinma molto timido che cerca di sventrare Miyu solo dopo 25 episodi, per giunta con uno tsunderico "N-non è che volessi sbudellarti... Idiota!".

[modifica] Personaggi

Miyu

Protagonista assoluta della serie (contenta lei), Miyu è una vampira centenaria che è stata scelta per ricacciare gli Shinma a Fanculandia dal misterioso Nonsisabenechì. Passa le giornate in compagnia delle sue amiche tredicenni maniache di selfie, copertura che trova decisamente più intollerabile del suo lavoro di sminuzza-demoni.

Vampire Princess Miyu - Larva.jpg

Larva in un tripudio di virilità, dopo aver finito l'ombretto a Miyu.

Larva

Shinma dall'aspetto di giovane uomo con le unghie da drag queen degne di una cartomante di TeleLazio, Larva è il fedele compagno di Miyu; in origine lui era stato mandato da lei per ucciderla, ma la giovane vampira è riuscita a renderlo suo schiavo tramortendolo con un colpo di chiave inglese sotto al mento e intrappolandolo in una Poké Ball. Da allora il suo compito è quello di prendersi tutte le botte peggiori al posto di Miyu per evitare che le si sgualcisca il kimono, di prepararle il the vestito da cameriera e di gettarsi nelle pozzanghere che lei deve attraversare affinché lo usi come passerella. Indossa solitamente una maschera, perché gli altri Shinma che lo conoscono quando lo incontrano mimano il gesto della frustata e lo indicano ridendosela di gusto.

Shiina

Uno Shinma dall'aspetto di un coniglio rosa a forma di pallone da football americano, Shiina ha una massa tumorale pulsante al posto dell'occhio destro, che ha come funzione quella di individuare gli altri Shinma nonché quella di turbare profondamente gli spettatori rendendo loro indigesto il coniglio. Non prende mai parte ai combattimenti, perché sarebbe troppo complessa una scena di lotta con un pattern diverso dal solito:

  • Miyu minaccia lo Shinma mentre è di aspetto umano;
  • quello, in risposta, si trasforma in un orrore cosmico che non si capisce da che parte si guarda;
  • lo Shinma attacca Miyu, che si fa scudo con Larva;
  • Larva bestemmia tutti gli dèi del pantheon giapponese;
  • Miyu tira una palla di fuoco al mostro ricacciandolo così nel mondo di tenebra dal quale proviene, strafregandosene dello scompiglio che la scomparsa di un umano causerà tra la gente.
Reiha

Uno Shinma in grado di controllare il ghiaccio e la neve che sfracella i coglioni a Miyu seguendola anche al cesso, Reiha ha una sola funzione, ovvero quella di dare lavoro alla sua doppiatrice. Porta costantemente in braccio un bambolotto saccente e rompizeppole che ogni altro personaggio desidererebbe usare come combustibile per la stufa. In un episodio, Miyu torna nel passato dopo aver esagerato con la grappa e qui trova una Reiha ancora umana. Qui si imbatte in tre Shinma anziché uno: riesce a farne kickare due inoltrando una lamentela al moderatore della lobby, ma il terzo uccide il padre di Reiha headshottandolo con una 360. Da allora, Reiha si è assunta il compito di uccidere Miyu per eccessiva caduta di coglioni, anche se a farne le spese sono soprattutto i martiri che riescono a non cambiare canale non appena inizia Vampire Princess.

[modifica] Vampire Princess Miyu: l'OAV

Quote rosso1.png Un tempo lontano, film d'animazione e anime erano la stessa cosa. Gli umani, che temevano quegli esseri straordinari e terribili, li sigillarono negli abissi della memoria... Queste entità si chiamavano OAV! E un giorno si risvegliarono... Quote rosso2.png

~ Inizio dell'OAV di Vampire Princess Miyu

Molto prima della serie televisiva, esisteva l'OAV, di sole quattro puntate, che come ogni culto oscuro ha torme nascoste di seguaci.

I personaggi principali sono:

  • Himiko Se: esorcista bella e decisamente sexy. Questa donna è seriamente scettica in merito all'esistenza del soprannaturale, ma continua a esercitare a pagamento.[1][2][3][4]
  • Miyu: bambina inquietante dagli occhi dorati e dalla risata argentina. E incessante.
  • Larva: silenzioso servitore di Miyu, dal volto sigillato in un mascherone in stile barocco[5] (a differenza della serie TV, non se lo toglie assolutamente mai).

Seguono vittime varie, lo shinma di turno dell'episodio, parenti e amici delle vittime varie (in genere muoiono, oppure non sono veramente esistenti oppure vengono smemorizzati financo a dimenticarsi della propria esistenza stessa).

[modifica] Episodi

Ogni episodio si apre con una sinistra musica di carillon e la presentazione degli déi-mostri noti come shinma, con immagini di orrore cosmico che - come detto sopra - non si capisce da che parte si guardino.[6]

1) Kyoto ultraterrena
Una bambina posseduta e misteriosi dissanguamenti, ma non è un vampiro, è un tapiro! Sul serio.[7]
2) Lo spettacolo delle marionette
A un ragazzo molto bello piacciono le bambole giapponesi... Finale tragico.
3) Fragile armatura
Uno spostato in armatura si convince di essere uno shinma. Himiko lo esorcizza con il gesto delle forbici, la cosa più spaventosa dell'episodio![8] Alla fine lo spostato viene abbattuto dalla polizia.
4) Tempo immobile
Episodio costellato di flashback, dove vediamo i genitori di Miyu messi sott'olio (come incentivo per farle accettare il posto di guardiana) e la casa spaventosamente grande dove lei vive, fuori da ogni consesso umano. Talvolta ci invita le compagne di scuola.
E Himiko? Ogni volta che prende il taxi, finisce sempre lì. (E vede delle cose orrende. Poi si sveglia, dice "tutto un sogno", va a fare una passeggiata, passa sotto un arco e si ritrova a casa di Miyu. Risciacquare e ripartire da capo).
Memorabile la scena in cui Himiko cammina in campagna, ha un deja vu, sale una collina dicendosi: "Se in cima a questa collina c'è quella casa, le conseguenza saranno terribili!" Arriva in cima e c'è solo un prato verde, spazzato dal vento. "Meno male", si dice. Non fa in tempo a tirare un sospiro di sollievo che appena si volta sente un rumore fortissimo. Si volta di nuovo e scopre che una squadra di operai molto veloci ha appena costruito una casa identica a quella dei suoi incubi! "Nooooo!"[9]
Nella scena finale, Miyu indica Himiko e dice: "Ah, ecco chi eri!" Con queste inquietanti [10] parole si conclude la serie, ritenuta un piccolo capolavoro[citazione necessaria] dell'horror giapponese per ragazzine.[11]
DOONN!
(gong di legno che conclude ogni episodio)

[modifica] Note

  1. ^ Gli esorcismi, cosa pensavate?
  2. ^ I parenti dei posseduti pagano bene.
  3. ^ "Ma non dovrebbe essere un vecchio sacerdote tipo padre Amorth?". No: le miko sono le sacerdotesse shintoiste con poteri esorcistici e sono un'antica tradizione giapponese.
  4. ^ Ma davvero preferireste un sacerdote vecchio e rugoso a un'esorcista bella e gnocca?
  5. ^ Più nello stile di Philippe Druillet, secondo alcuni spettatori insistenti.
  6. ^ Chiamiamoli pure Grandi Antichi, no? Residenza in altre dimensioni, alcuni sanno di pesce...
  7. ^ Miyu: "Tapiro. Noto anche come baku. Mangia i sogni delle persone". Ora è tutto chiaro.
  8. ^ Soprattutto per le parole che accompagnano detto gesto. "Abidabidabadibabidabadibidibadabi..." Boh? Il tizio se la dà a gambe dopo che Himiko glielo ripete per dodici volte. Provate anche voi!
  9. ^ E il cielo è rosso causa l'inquinamento mostruoso dei macchinari.
  10. ^ E chiarificatrici.
  11. ^ "The Ring" non si era ancora visto.

[modifica] Voci correlate


Strumenti personali
wikia