Urbano Cairo

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1.png «Champions League in tre anni!» Quote rosso2.png

~ Urbano Cairo, 1 aprile 2005
Quote rosso1.png Direi bene. Squadra volitiva. Bene Bianchi. Ho visto un grande Abbruscato. Volitivo. Direi bene Quote rosso2.png

~ Urbano Cairo in un momento di alta eloquenza

~ Urbano Cairo dopo che Chiellini ha segnato dalla trequarti opposta
Quote rosso1.png Quest'anno abbiamo la seria possibilità di arrivare in coppa Uefa Quote rosso2.png

~ Urbano Cairo prima dell'inizio di ogni stagione
Quote rosso1.png È soltanto colpa dell'arbitro se abbiamo perso! Quote rosso2.png

~ Urbano Cairo dopo che in un derby Amauri, partito da fondocampo, si è scartato mezzo Torino e ha messo con il sedere per terra il portiere, segnando il gol vittoria

Urbano Cairo nasce in una data non precisata da partenogenesi, che non sappiamo cosa voglia dire ma fa un sacco specie (anzi, abbiamo scoperto trattarsi di: "una riproduzione sessuale 'asessuata' perché, pur implicando la formazione di gameti, non richiede fecondazione". Insomma, dupalle). Soprattutto se consideriamo il personaggio, che non si capisce proprio da quale malato genio del male sia stato generato.

[modifica] Storia

Egitto dal satellite.jpg

Cairo all'età di cinque anni gioca con i suoi compagni d'asilo.

Dopo aver fatto la controfigura per le scene pericolose che coinvolgevano l'astro nascente del Lato Oscuro della Forza, Silvio Berlusconi, Cairo decide di contribuire alla rovina del paese mettendosi in proprio e cominciando a pubblicare ciarpame che con discreto coraggio definisce "riviste".

Data l'effettiva noia di una vita passata tra il ridente comune alessandrino di Masio e corso Magenta a Milano, sede dell'orrida società cui ha dato il suo nome, in un delicato sfoggio di fantasia e understate che precederà le meravigliose campagne abbonamenti degli "Anni del Calcio", e frequentazioni del calibro di Sandro Mayer e Silvana Giacobini, Urbano decide di comprare una squadra di calcio in grado di rendere concrete le sue ambizioni:

L'unico problema è che una squadra di calcio tendenzialmente costa. E anche tanto. E Urbano Cairo, nel 2004, ha già vinto il premio "Braccino" per la ventesima volta. Pare sia sua abitudine chiedere all'umile Bepin di offrirgli il caffè con la scusa geniale di: «Non poter cambiare le banconote da 500 euro che ho nella tasca interna del mio gessato su misura». Fortuna vuole (da quel momento in poi, la data segnerà l'inizio dell'"Era della ennesima sciagura a tinte granata) che quell'estate la rubiconda squadra del Torino F.C. fosse fallito e disponibile a costo zero.
Accolto da una folla festante, che anno dopo anno passerà dalle trombette ai forconi, che vede in lui il nuovo Berlusconi. Non solo per la foggia dei suoi abiti (abbiamo già detto che ha un gessato fatto su misura?) ma anche perché: «oh, Silvio sarà 'nostronzo però ha vinto le Champions». E chi da dieci anni si fa più campionati di B che di A è talmente disperato da non vedere che, mentre sta facendo benzina, qualcuno gli sta rubando la macchina.

[modifica] Curiosità

  • Si dice che in realtà sia un egiziano travestito da cioccolatino.
  • È un uomo coerente che non torna mai sui suoi passi: fin'ora ha già cambiato 5 allenatori richiamandone 2 rispettivamente 3 volte e 2 volte dall'esonero.
  • Conosciuto anche come "Berlusconino" o "Cavalierino" o "Piccolo Nano dei poveri", è stato riconosciuto come attento seguitore del Metodo Barça. Al contrario.
  • È solito lamentarsi per il comportamento dei suoi giocatori rei di non essere "volitivi, importanti e bene " anche se solo lui ha capito cosa significa.
  • È l'unico uomo in grado, ad inizio anno, di "ammazzare" il campionato di serie B, rimanendo in serie B.
  • Deve ancora capire la regola del fuorigioco.


Strumenti personali
wikia