Università Vita-Salute San Raffaele

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1.png Il mio falegname per trentamila lire lo fa meglio! Quote rosso2.png

~ Aldo, Giovanni e Giacomo sulla statua dell'angelo

L'Università Vita-Salute San Raffaele è un istituto milanese volto all'assistenza, mascherato da università, situato nella periferia sub-urbana di Segrate, fondato tanto tempo fa da un fruttivendolo veneto, di passaggio nella grande metropoli. L'istituto deve il suo nome al fatto che, una volta entrati, toglie ai propri utenti sia la vita che la salute, ma attrae ogni anno frotte di persone che si fanno chiamare studenti, nonché orde di avvenenti ricercatrici.

San Raffaele.jpg

San Raffaele quando era ancora in vita e in salute.

[modifica] L'assistenza

Meglio definibile come un centro psichiatrico per pazienti ad alto funzionamento, la struttura accoglie i bisognosi all'insaputa degli stessi e su richiesta delle doviziose famiglie e si specializza nel trattamento di sindromi comuni quali personalità multiple, astinenza, nerdaggine, manie... e meno frequenti.

A fronte della convinzione dei pazienti di essere normali studenti universitari, il programma di recupero prevede finte lezioni di materie scientifiche inerenti l'ambito medico, infermieristico, filosofico, psicologico, biomedico e quant'altro si possa trovare durante una normale puntata di Studio Aperto, tenute da eminenti esperti quali cuochi, macellai, benzinai e astrologi di fame mondiale. Oltre alle pseudo lezioni frontali, il centro prevede la messa in scena di sessioni d'esame in tutto e per tutto uguali a quelle presenti in tutte le più serie università del monte[1], i cui risultati sono calcolati a random tramite programmi statistici al fine di testare la resistenza dei pazienti allo stress da umiliazione e a depressione patologica.

Molto importante l'aspetto motivativo del trattamento: dopo un periodo che può andare dai tre ai trentacinque anni di "studio", a seconda delle diverse "facoltà" che i pazienti credono di scegliere al momento dell'iscrizione, e dopo una serie di finti esami pari al numero dei valori che compongono la successione di Fibonacci, ai soggetti viene dato un attestato di merito chiamata, convenzionalmente, laurea, contrassegnata da un numero che va da 60 a 110L e che, in realtà, è un indizio per trovare il conto corrente della Montalcini. Il significato di questo numero sta nei decibel mediamente raggiunti dalle risate dei docenti durante l'analisi degli scritti finali realizzati dagli "studenti", chiamate Tesi di Laurea.

Il programma così progettato consente, una volta terminato il periodo di riabilitazione, di motivare il soggetto a cercare un lavoro nell'immensa spazzatura che trova una volta varcata la soglia del mondo adulto, motivazione che cala drasticamente dopo i primi due anni di tentativi mal riusciti.

[modifica] Ammissione al San Raffaele

All'inizio di ogni anno accademico, o sessione terapeutica che dir si voglia, vi è una particolare cerimonia di iniziazione chiamata Test d'ingresso; una sorta di enorme giocata all'Enalotto collettiva, che simula una prova di meritocrazia.

Il tutto si svolge in un'enorme mensa comunale affittata per l'occasione, la cosiddetta Aula Magna. Ai soggetti vengono consegnati dei fogli che, si dice, debbano essere delle prove di abilità/cultura generale/conoscenze biologiche da compilare in breve tempo. In realtà, non sono altro che schede generate automaticamente a partire da un campione di notizie divulgate negli ultimi anni da Luca Giurato, selezionato da esperti per setaccionare solo quelle più attendibili dal punto di vista scientifico. Va da sé che, anche in questa occasione, i risultati vengono generati a caso al fine di non creare discriminazione tra tutti i pazienti inviati dalle famiglie.

Il momento della lettura del risultato costituisce il primo passo della terapia riabilitativa del soggetto patologico. La reazione emotiva alla lettura del suo risultato sui seicentoduemilaquattrocentoventitrè tabelloni posti all'ingresso dell'università influenzerà il corso del programma terapeutico.

È curioso notare come la maggior parte dei soggetti clinici che, in un dato anno, non vengono ammessi al programma siano convinti di guadagnare qualcosa iscrivendosi a vere facoltà universitarie limitrofe, come Farmacia, Igiene dentale, Biologia, Ingegneria biomolecolare e quant'altro, rendendo vano il tentativo dei parenti di indirizzarli verso un cammino di recupero.

[modifica] La location

Posto a metà strada tra la ridente stazione termale di Cascina Gobba e il folkloristico agglomerato urbano di Milano 2, l'Università Vita-Salute si compone di diversi settori, a partire all'ospedale, luogo descritto come "Tempio della Sofferenza", dove finiscono i pazienti che presentano i primi segni di cedimento fisico al trattamento; l'Università vera e propria, un edificio isolato magneticamente dal mondo esterno in modo tale che da fuori non si riesca a capire cosa avvenga al suo interno, che dà spazio anche a innumerevoli centri di ricerca avanzata [2] raccolti in uno spazio chiamato Science Park, ispirato al quasi omonimo cartone animato South Park, fonte d'ispirazione per il centro; uno zoo, nel quale vengono rinchiuse innocenti bestiole con la scusa di essere usate nella Pet terapy[3]; infine, il cosiddetto cupolone, un edificio di recente costruzione, visibile a millemila miglia di distanza, riconoscibile per la presenza di un'enorme statua raffigurante un pescivendolo alato, simbolo di rinascita spirituale, e di un'enorme statua contemporanea a forma di elica in vetro e legno che ne percorre tutta l'altezza, simbolo della vertiginosità delle cazzate che vengono dette e fatte in quel luogo.

[modifica] L'inno

Original video
La medicina di Dioooooooooooooooo!

Come ogni ente che si rispetti, anche il San Raffaele ha un suo inno; ce l'ha l'Italia, ce l'ha Forza Italia, ce l'ha pure l'Inter!

Il Magnifico rettore non poteva perdere un'occasione così ghiotta, così convinse il suo fantoccino canterino preferito, Albano Carrisi, a scriverlo. Gli diede 5 secondi di tempo. I risultati si possono notare ancora oggi.

Wikiquote.png
«♪♫L'uomo ♪♫è prima di tutto ♪♫un essere umanoooooo!♪♫»
(Albano riflette tautologicamente)
Quote rosso1.png Prendi questo! E quest'altro! Quote rosso2.png

~ Albano faccia a faccia con l'Oblio

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Quelle che insegnano a dire sì.
  2. ^ Nel senso che vi lavorano centinaia di scienziati avanzati dagli altri istituti, intenti a cercare qualcosa di utile su cui fare ricerca
  3. ^ Una nuova terapia in fase di sperimentazione che consiste nell'indurre il soggetto a scoprire i piaceri del meteorismo


Strumenti personali
wikia