Tonio Cartonio

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Purtroppo sì, questa è la conferma. Quello che hai sempre temuto è vero:
Faccina rosa SEI OMOSESSUALE! Faccina rosa
E il fatto che tu sia venuto a leggere questa pagina lo conferma. Accettalo. Leggi pure, ma poi considera di fare coming out: non c'è niente di male! Basta usare la vaselina!
Il Manuale di Tonio Cartonio e dei folletti luminosi

Il nuovo best seller di Tonio Cartonio, un'opera che parla della sua vita, della sua dipendenza dalla droga fino all'AIDS che lo stava lentamente uccidendo.[1]

Quote rosso1 Spero che mio figlio da grande non diventi così. Quote rosso2

~ Le mamme dei telespettatori di Tonio
Quote rosso1 AAAAAAAAA! Forbici senza punta arrotondata!! Quote rosso2

~ Tonio Cartonio in un incubo
Quote rosso1 Hey, amico di città laggiù! Ma sei di nuovo qui a rompere i coglioni?! Ma levati dal cazzo e fammi tirare in pace! Quote rosso2

~ Tonio accoglie educatamente i giovani telespettatori


Tonio Cartonio, all'anagrafe Teofilo De Dietro, è uno dei personaggi più controversi della tv italiana. Il nome è derivato probabilmente da Toniu Cartis, che in aramaico-pugliese indica il dio latino delle bibite viola, magenta e verde prostata, protettore delle punte arrotondate. Oltre a essere stato il protagonista della Melevisione, è anche una checca a cinque stelle e, se proprio dobbiamo dirla tutta, non fa niente per nasconderlo.

[modifica] Biografia

Toniocartonio

Tonio in una tipica posa post-sniffata.

Tonio Cartonio nasce nel Fantabosco negli anni '70 ed ha un'infanzia difficile, che non è ancora terminata. Da piccolo era sempre preso in giro dai compagni di classe a causa delle esigue dimensioni del suo pene. Attorno ai 15 anni Tonio trova un impiego nello spaccio di droghe pesanti come eroina, cocaina e Tavernello. Dopo la turbolenta adolescenza, decide di dare un senso alla sua vita mettendo su un piccolo chiosco nel Fantabosco dove servire bibite tanto rinfrescanti quanto poco salutari.[2] Nel 2001 si è unito al gruppo musicale Scissor Sisters di cui è attualmente la voce.

[modifica] Morte

Aspirapolvere Sauger

Un folletto amico di Tonio Cartonio.

Il bue frugnembre del 2005 è morto per mano di un'overdose causata da una micidiale miscela di eroina, blumele e scivolizia che ha messo fine all'esistenza del suo fragile corpo ormai semidistrutto dall'AIDS contratta anni prima per un rapporto anale non protetto con Lupo Lucio[3].
Nessuno sa perché un uomo di successo del genere abbia scelto di porre fine alla sua vita drogandosi e Cartonio non ha mai voluto dirlo ai microfoni.

La tomba di Tonio Cartonio, un monumentale complesso di carta e colla vinilica, è situata in un'area degradata del Fantabosco, nella periferia di Milano, ed è custodita da Lupo Lucio, che quotidianamente vi porta dei fiori di cartapesta.

[modifica] Resurrezione

Secondo le Scritture, il terzo giorno Tonio Cartonio è resuscitato, è assunto al cielo ed è ridisceso, perché al cielo non lo volevano. Ora conduce un'altra trasmissione su RaiTre ancora più idiota della Melevisione che si chiama Trebisonda.

[modifica] Frasi celebri

Tonio Cartonio usa amabilissime espressioni quali:

  • "Accipigna... Ti ho detto pignanta volte di non disturbarmi mentre tiro la coca!!"
  • "Oh... sono proprio un folletto testa di pigna!! Ho scambiato il quaalude con la mescalina... Così rischio una pignosissima morte per overdose!!"
  • "Nessuno sa preparare il blumele corretto con l'adrenocromo come me."
  • "Torno tra un pignuto! Vado a pignare la pignosa principessa Odessa pignuta e la depigno"
  • "Accipigna pignevole! Questa Perevisione è pignosamente interessante!"
  • "Mamma Gnoma! Si dice che a città laggiù ci sia coca a volontà!"
  • "Cosacchi, kajak, e mogli di spinaci! Ho tantissima voglia di vedere il pacco di Jeffrey di Tekken I! E baciare il collo a Lau senza che Lei starnutisca lievito urlando "urrà urrà!"
  • "Pejo! Mi piacerebbe avere una bottiglia di pejo da infilarmi sul labbro, non come quando Nestore il cacciastruzzi entrò nel bosco a filtrare con navigli e fili di cock!"
  • "Baracche! L'antitesi del puff e loffiare cavedi louviani fondando case per maceti!"
  • " Dove pigna ho messo il mio vibratore? Devo chiedere a Pedi Castagnaru di prestarmi il suo per qualche pignuto, altrimenti chi ce la fa a sparare un'altra ora di pignate alla Melevisione??"
  • "Oh santa pigna... è una pignamerda quella che ho sulla mano?"
  • "Lupo Lucio! Ho letto pignanta storie sui lupi ma non sapevo che cagavano nei bicchieri degli altri!!!"
  • "Per tutte le pigne spignolate! Principe Giglio, Non credevo che il tuo pino fosse così lungo!"
  • "Orco Rubio! Ti ho detto millanta volte di non disturbarmi mentre mi spigno la Gnoma Linfa, sennò ti amputo le castagnuccie!

[modifica] Curiosità

Cast sensualità a corte

L'attuale fidanzato, Jean Claude.

  • Non ha mai provato attrazione per nessuna donna al mondo, apparte la Gnoma Linfa, che però è donna solo al 50%.
  • Durante diverse puntate della Melevisione, lo si vedeva sparire spesso sotto il bancone del suo chiosco, con la scusa di dover trovare le forbici dalla punta arrotondata che aveva perso. Quando si rialzava aveva il naso stranamente arricciato e le pupille dilatate.

[modifica] Note

  1. ^ Sì, c'è riuscito ma purtroppo, grazie alla magia nera di Strega Salamandra, è risorto.
  2. ^ Si dice che per la loro preparazione si rivolga ai migliori narcotrafficanti colombiani di città laggiù.
  3. ^ Che ne era portatore sano in quanto licantropo.

[modifica] Voci correlate

[modifica] Collegamenti esterni

Strumenti personali
wikia