Tommaso Rocchi

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Keplero sulla copertina di rolling stones.jpg
QUESTO ARTICOLO O PARAGRAFO NON È AGGIORNATO!

In conferenza stampa, lo staff di Nonciclopedia ha dichiarato:
"Mancano tutti gli eventi più recenti! Mettetevi al lavoro, merde!"

Cosa manca: È passato all'Inter
firma/data: --CAESAR 03:37, apr 6, 2013 (CEST)

Manzoni time.JPG
Moratti zio Sam.jpg
MORATTI WANTS YOU!
Ehi tu! Sei un calciatore mediocre e non hai mai giocato nell'Inter?
Massimo Moratti ha scrutato in te il talento per diventare un fenomeno e ti ha acquistato per la modica cifra di 20 milioni!
Sei atteso domattina ad Appiano Gentile per gli allenamenti.
Rocchi-Tommaso.jpg

Tommaso Rocchi prima di scendere in campo

Quote rosso1.png Questo non vincerà mai niente Quote rosso2.png

~ Luciano Moggi su Tommaso Rocchi
.
Quote rosso1.png Questo non vincerà mai niente Quote rosso2.png

~ Tutti su Tommaso Rocchi
.
Quote rosso1.png Mmm...che bella pettinatura! Quote rosso2.png

~ Ruud Gullit su Tommaso Rocchi
.
Quote rosso1.png Ehi! ma è più pelato!? Quote rosso2.png

~ Claudio Bisio su Tommaso Rocchi
.


Tommaso Rocchi (Ponte di rialto,1770) è un vecchio e tristo gondoliere della laguna veneta che da sempre vorrebbe essere un grande calciatore ma che non essendolo rosica! Ha vinto la UEFA Champions League con la Juventus nel 1996 senza mai scendere in campo (se non nelle amichevoli) e questo gli brucia ancor di più.

[modifica] Storia

L'esatta data della nascita di Tommaso Rocchi è antica e sconosciuta, alcune fonti attendibili hanno però dimostrato che egli sia uno dei tanti figli illegittimi di Giacomo Casanova.

Partorito direttamente dal Ponte di rialto, la prima cosa percepita dal principino mozzarellato fu proprio l'acqua della laguna. Povero e non riconosciuto il giovanotto in questione iniziò a esercitare l'attività di gondoliere fino a che non venne inventato e diffuso il Giuoco Calcio, da allora cominciò ad appassionarsi nei decenni del novecento finché, negli anni novanta, non decise di farsi un lifting in modo da presentarsi a un provino della Juventus.

[modifica] La Juve e la Champions League (vinta grazie a lui)

Grazie al preciso lifting facciale Tommaso Rocchi venne scambiato per un giovanissimo under-17 e cominciò così a fare la trafila nelle primavere senza mai giocare una partita. Nel 1995 Marcello Lippi riconobbe nel lifting di Tommaso un che di geniale e decise così di convocarlo in prima squadra. Tommaso Rocchi in quella stagione giocò solamente la partita Bagna cauda FC-Juventus mostrando le sue inesistenti qualità e convincendo Lippi a tenerlo per il restante anno in panchina, seduto a guardare la sua squadra vincere una Champions League.

[modifica] La triste carriera e la Lazio

Da quel momento Tommaso Rocchi dirà addio a tutta la gloria che aveva potuto annusare, difatti l'anno dopo venne mandato (con annesso calcio in culo) alla Pro Patria in serie C.

Il tristo Tommasino ricominciò così a fare la trafila in squadre fortissime come la Fermana, il Saronno o il Como giungendo poi un giorno, come d'incanto, nell'Empoli e trovando una casa accogliente e una famiglia. Con la casacca azzurra, Tommaso trovò le soddisfazioni della sua vita quali vedere le partite di serie A dalla panchina e poter chiedere gli autografi a tutti i campioni che erano diventati ciò che lui non era.

Dopo qualche anno passato a riscaldare la panchina, Tommasino il giovanotto cominciò a sentire i suoi anni, l'ambiente giovane e toscano era diventato oramai troppo stressante e il vecchio lagunaro sentiva il bisogno di vivere più all'antica, tra la gente semplice e campagnola. Fu così che passò alla Lazie.

Nella Lazio Tommasino si guadagnò la fascia di capitano (in quanto giocatore con più esperienza) e tuttora sbraita sulla sedia a dondolo contro tutti i nuovi talenti che hanno un futuro promettente. Scende di tanto in tanto in campo con l'ausilio di due stampelle e la flebo.

[modifica] L'exploit all'Inter

Il suo passaggio all'Inter si deve all'arguto occhio di Massimo Moratti, il quale ha visto in lui un nuovo campione in grado di sostituire il Principe Milito. Non deludendo le attese ha ringraziato il suo patron segnando tre gol candidandosi in questo modo tra i papabili candidati alla vittoria del Pallone d'Oro, tra l'altro già vinto da lui per 6 anni consecutivi dal 1200 al 1206. I suoi gol all'Inter hanno contribuito al raggiungimento dell'obiettivo della squadra, ovvero la salvezza.

Cesare Prandelli ha, anch'esso, visto in lui un giocatore con cui vincere da solo la Confederation Cup 2013 e il successivo Mondiale 2014 affiancato da suo figlio Sebastian Giovinco. Insieme formeranno la coppia d'attacco più forte della storia del calcio.

Strumenti personali
wikia