Tiro al volteggio

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Soldato armato.jpg

"Pronti...Mirare...FUOCO!

Il tiro al volteggio è uno sport che consiste nel colpire un bersaglio chiamato ginnasta da una determinata distanza con un fucile a canne mozze.
È inoltre disciplina olimpica.

Il bersaglio è sempre in movimento e può essere colpito solo mentre è sospeso in aria.

[modifica] Esecuzione

Nadia Comaneci salto mortale su trave.jpg

Una ginnasta cerca di evitare le pallottole.

Il tiratore può sparare stando sdraiato a terra, inginocchiato, in piedi, in sella ad una bicicletta oppure appeso a testa in giù per i piedi. Ognuna di queste situazioni garantirà punti extra per la difficoltà del colpo.

È assolutamente vietato sparare mentre si è sospesi in aria o sott'acqua.

Il ginnasta invece corre lungo la pedana per prendere velocità, poi si slancia sull'attrezzo ed esegue il volteggio e tutte le figure artistiche preparate. Anche in questo caso la spettacolarità dell'esercizio garantirà un punteggio maggiore all'atleta, purché questi non venga colpito. In quel caso il ginnasta è eliminato.

[modifica] Storia

Ginnasta gira nel vuoto.gif

Un ginnasta colpito si piega su se stesso.

Questa disciplina olimpica fu introdotta per la prima volta nelle Olimpiadi dello Spagnogallo. Deriva da altre due discipline olimpiche, e precisamente dal nuoto sincronizzato e dal tennis tavolo. Nelle prime apparizioni di questa nuova disciplina venivano utilizzati dei fucili di precisione, ma questo facilitava troppo la vita ai tiratori, mentre la distruggeva ai ginnasti. In seguito ad un'importante riforma si è passati all'utilizzo del fucile a canne mozze, che risulta meno preciso, ma ugualmente efficace.

[modifica] Punteggi

Ogni tiratore ha a disposizione 100 colpi di fucile: il numero di colpi andati a segno sarà moltiplicato per il coefficiente di difficoltà dato dalla sua posizione. Al totale vengono poi detratte le eventuali penalità[1].

Per i ginnasti, invece, il punteggio si basa su diversi parametri. Devono arrivare al suolo in modo pulito, senza salti o passi successivi all'atterraggio, e senza sporcare di sangue il tappeto. Accasciarsi al suolo, urlare e chiamare la mamma comportano delle pesanti penalità.

[modifica] Curiosità

  • Nessun ginnasta ha mai vinto per due edizioni consecutive.
  • Molti ginnasti decidono, nel corso della carriera, di ritirarsi e partecipare poi alle Paralimpiadi.

[modifica] Note

  1. ^ Assegnate nel caso in cui vengano colpiti dei ginnasti ancora a terra, degli spettatori o altri tiratori.
Strumenti personali
wikia