Tifoso della Roma

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Tomas Milian er monnezza romanista.jpg

Il tifoso romanista si sente "er mejo" e vuole farlo sapere.

Quote rosso1.png La Roma non si discute, si ama! Quote rosso2.png

~ Prima legge del romanista.
Quote rosso1.png La Roma non è una squadra, è una fede! Quote rosso2.png

~ Seconda legge del romanista.
Quote rosso1.png La Lazio non è una squadra. Quote rosso2.png

~ Terza legge del romanista.

Il tifoso della Roma, conosciuto anche come romanista o anche riommanista, rappresenta l'estremo stadio evolutivo dell'Homo tifosus, da sempre in guerra con l'Homo arbitris, accusato di comportamento persecutorio nei propri confronti. Diversamente da quanto avviene per gli altri gruppi della specie, i romanisti hanno ragione. Un'eventuale sconfitta della A.S. Roma, soprattutto in presenza di un rigore negato, pone i suoi ultras al nono posto della classifica "Animali letali per l'uomo", esattamente tra Crotalus atrox e Francesco Schettino. Essere un romanista è davvero difficile, tutti gli altri ti considerano altezzoso, facile alla rissa, bullo e ignorante, ma la cosa che è davvero difficile da mandare giù è che non puoi dargli torto. Per scrollarsi di dosso queste etichette alcuni emissari, provenienti dai principali gruppi del tifo organizzato, hanno proposto a molte altre tifoserie l'amichevole forma del "gemellaggio". È andata bene con i cinesi dello Shanghai Shenhua e col Porto Recanati (MC).

[modifica] Caratteristiche generali

Ronald-Arrestato.jpg

Rolando Donadei detto "er pupazzo", mitico capo del CUCS, arrestato durante una sfortunata trasferta contro il Liverpool F.C.

Riconoscere un romanista è molto semplice, esso si presenta solitamente con una livrea giallorossa, cosa che però lo accomuna ad altri gruppi etnici, come i tifosi del Lecce, del Catanzaro, del Termoli e del Galatasaray. Per essere sicuri che sia quello che cerchiamo, basta scandire a voce alta la frase: "Totti è una sega", lo scintillio di un'arma da taglio ve ne darà la certezza e, se non siete abbastanza veloci a dire: "Ahó, sto a scherzà!", sarà l'ultima volta che ruberete ossigeno agli altri. Il tifoso della Roma è dotato di un olfatto finissimo, questo lo rende in grado di riconoscere gli ultras avversari (verso i quali nutre profonda diffidenza) basandosi su odori tipici di alcune tifoserie, come ad esempio: l'odore di ovino bagnato dei tifosi del Cagl laziali, quello di calcinacci dei bergamaschi e quello di corruzione dei "gobbi". La presenza eccessiva di deodorante mette in allarme il romanista, potrebbe trattarsi di una spia del nemico, nel dubbio ricorre alla parola d'ordine:

Wikiquote.png
«Forza Roma!»

A cui si deve rispondere nell'unico modo che non induca il branco a montarvi le ossa a neve:

Wikiquote.png
«Sempre maggica!»

Si raccomanda di scandire bene la doppia G, altrimenti sarà anche peggio.

[modifica] Il linguaggio

Tifosi romanisti con cartelli allo stadio.jpg

Il tifoso romanista si esprime con concetti semplici ed immediati.

Al tifoso romanista va riconosciuta una considerevole capacità di sintesi, i discorsi complicati non fanno per lui, anche perché non è in grado di farli. Inoltre, sbagliasse di sicuro il condizionale e se tenterebbe col congiuntivo andriede anche peggio. Quando viene a contatto con la tifoseria avversaria, che si mostra minacciosa, ricorre ad un lessico minimale, ma di efficace impatto emotivo.

Quote rosso1.png Manzo, che te cinquino er teschio! Quote rosso2.png

~ Stai calmo, se mi arrabbio ti appioppo uno schiaffo sulla testa come si fa con i ragazzini.

Oppure il sempre valido

Quote rosso1.png Te sto a 'mbruttì! Quote rosso2.png

~ Il mio stato d'animo nei tuoi confronti evolve repentinamente verso l'animosa antipatia.

Anche nel commentare i risultati di una partita, non indugia in astruse considerazioni di natura tecnica, si limita invece ad esprimere concetti di facile assimilazione, affinché un bambino di sei anni (o un adulto di pari quoziente intellettivo) possa comprenderli.

  • partita vinta = avemo giocato mejo, se lo semo meritato, l'avemo asfaltati;
  • partita persa = semo stati sfigati, è colpa dell'arbitro, è colpa del palazzo[1].

[modifica] La settimana tipo del romanista

Massimo Boldi romanista.jpg

Nella vita di un tifoso romanista non c'è tempo per la noia, si torna da una trasferta ed è già ora di preparare la partita interna.

Prima delle cosiddette "esigenze televisive", la vita del romanista era scandita da precisi ritmi biologici. Oggi le partite si spostano con l'umore di donna isterica: il sabato pomeriggio, il lunedì sera, la domenica prima di pranzo, il sabato dopo cena, il venerdì a merenda; manca solo che si giochino quando chiudono le discoteche, per "esigenze sonore". A noi piace pensare ai bei tempi in cui era tutto più semplice, e alla settimana tipo di un romanista.

  • Lunedì : Colazione al Bar dello Sport con sciarpa di riconoscimento obbligatoria (anche ad agosto); lettura del Corriere per valutazione e commento delle pagelle; "imbruttita"[2] al tizio che ha ritenuto il voto 8 per Totti un tantino generoso; caffè e via al lavoro; scontro col collega juventino sull'ennesima partita vinta dai bianconeri al 98'; scontro col collega interista sull'ennesima partita vinta grazie al fuorigioco non segnalato di circa tre metri; scontro col collega rossonero sull'ennesima partita vinta grazie ad un rigore (stavolta concesso per la caduta di Galliani in tribuna VIP).
  • Martedì : Visione della seduta defaticante della squadra a Trigoria, in piedi sul tetto di un furgone fattosi prestare da un suo amico pescivendolo.
  • Mercoledì : Visione dell'allenamento della squadra a Trigoria, appollaiato su un pioppo con un binocolo.
  • Giovedì : Visione della seduta tattica della squadra a Trigoria, grazie alla cimice e alla microcamera installate nottetempo.
  • Venerdì : Visione della seduta di rifinitura della squadra a Trigoria, a bordo di un elicottero appositamente noleggiato.
  • Sabato : Studio della probabile formazione della squadra avversaria; telefonata ad un amico fisiatra per essere rassicurato sull'impossibilità di recupero di un paio dei loro giocatori infortunati; riti macumba sui restanti, cena e letto.

[modifica] Il romanista allo stadio

Tifosi romanisti con mezzi giallorossi.jpg

Alcuni romanisti si recano allo stadio con i loro tipici mezzi.

Finalmente è Domenica. La giornata si diversifica a seconda che la squadra giochi in trasferta o meno.

  • Partita casalinga
    • Ore 06:15, preghiera dell'eremita, che portò bene nel '64 durante una vittoriosa trasferta a Cagliari.
    • Ore 07:45, consultazione del televideo per sincerarsi che, durante la notte, nessuno si sia infortunato cadendo dal letto.
    • Ore 09:00, seduta di allen contempl ... vabbè, ci siamo capiti.
    • Ore 10:30, preparazione dei paramenti sacri, comprendenti: sciarpa, cappellino e bandiera con canna telescopica.
    • Ore 11:00, preparazione del tascapane col kit da stadio, comprendente: panino col salame, acqua, tappo di scorta, caffè Borghetti e nunchaku.
    • Ore 12:00, Angelus del Papa e annessa benedizione.
    • Ore 14:45, alla centotrentaduesima bestemmia si trova parcheggio fuori dello stadio, a questo punto la benedizione del Papa è andata a farsi fottere.
    • Ore 15:00, ultima strofa di Roma Roma e fischio d'inizio.
    • Ore 15:45, fine primo tempo. Roma in vantaggio: viene consumato il panino, bevuta l'acqua e a seguire il Borghetti; Roma in svantaggio: viene consumato nervosamente il panino, bevuto il borghetti, re-inserito il tappo di scorta sulla bottiglia e la stessa tirata alla tifoseria avversaria.
    • Ore 16:45 circa, fine partita. Roma vittoriosa: abbracci, sorrisi e commenti a caldo; Roma sconfitta: caccia all'uomo coi nunchaku.
    • Ore 20:00, impronte digitali in questura.
    • Ore 20:30, chiamata a casa con la frase standard: "Ciao amore (oppure mamma), io e i ragazzi del Roma Club abbiamo deciso di restar fuori tutta la notte".
    • Ore 21:00, scelta del letto in cella e dormita.
  • Partita in trasferta (esempio a Firenze)
    • Ore 09:15, prima sosta in autogrill, grattata di palle per riattivare la circolazione e caffè.
    • Ore 11:00, seconda sosta in autogrill, pisciatina e saccheggio.
    • Ore 12:00, uscita tranquilla dal casello, grazie all'esposizione sul retro dell'auto di un brucone viola (riverniciato ad ogni trasferta) per ingannare la pattuglia della polizia.

Il resto della giornata è identico.

Tifosi romanisti striscioni al derby.jpg

La tifoseria "nemica" della Burinese viene omaggiata in modo doveroso.

[modifica] Rapporti con le altre tifoserie

Il romanista è normalmente tollerante con le altre tifoserie, a patto che si verifichi una delle seguenti condizioni:

  1. la Roma ha vinto la partita,
  2. la Roma non ha perso la partita e non l'ha nemmeno pareggiata,
  3. la squadra avversaria ha perso la partita,
  4. la squadra avversaria non ha vinto la partita e non l'ha nemmeno pareggiata,
  5. la partita è finita in pareggio ma la Roma ha segnato al 93'.
  6. la partita è finita in pareggio ma la Roma era sotto di 3 gol.
  7. la Roma ha perso, ma la partita era a porte chiuse.

In tutti gli altri casi il tifoso avversario deve dotarsi di teletrasporto. Antichi rancori impediscono al romanista di accettare, con serenità, l'esistenza di alcune tifoserie considerate "tradizionalmente nemiche". In primis la Lazio, poi tutte le altre del campionato.

[modifica] Le gioie di essere romanista

Tifosi romanisti festeggiano scudetti.jpg

Nel corso degli anni il tifoso romanista si è "evoluto". Il quarto scudetto (se mai arriverà) sarà una gioia per gli occhi.

Wikiquote.png
«♪♫ Totti goool, Totti goool ♫♪ che ce frega del cileno noi c'avemo Totti gool...♪♫»
(Canto di curva in voga nel 2001.)

Per il tifoso della Roma la gioia di tifarla si ripaga da sola, però se vincesse qualche scudetto in più sarebbe meglio. Il primo ci fu nel 1942, il secondo nel 1983 e il terzo nel 2001. La cadenza approssimativa che sembrava profilarsi era 40-20-10, alla quale doveva matematicamente seguire un 5 nella parabola discendente, ma siamo nel 2016 e il quarto tarda ad arrivare. Si teme a questo punto un ciclo temporale 40-20-10 di tipo ricorsivo, sicuramente più armonioso ma che farebbe bestemmiare i tifosi anche per la prossima generazione. Ben diverso il discorso Coppa Italia, nella quale la Roma vanta ben nove vittorie, superata solo dalla Juventus con 10. Il rammarico è che questo trofeo venga ritenuto d'importanza marginale altrimenti, per coerenza, quest'ultima ne avrebbe uno o due di meno.
Veder giocare Totti vale comunque il prezzo del biglietto, assioma però contestabile con un ragionamento logico: la spesa di un posto in curva vale un pompino in auto con puttanone nigeriano, ma con quello che si paga un superpalco in tribuna Monte Mario ci scappa una notte intera con una escort di lusso, quindi avere dubbi è lecito.
Comunque essere romanisti è davvero dura, ci sono un sacco di rinunce.

[modifica] Note

  1. ^ o del governo come quando piove
  2. ^ occhiata raggelante carica di minaccia



[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia