The Witcher 3: Wild Hunt

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Ammazza che mazza
Ma quest'articolo è più corto di un gioco in flash!

Coraggio, scarica da eMule compra in un punto vendita autorizzato The Witcher 3: Wild Hunt, finiscilo e poi amplia questo stub sui videogiochi. Non renderlo lungo come la trama di Final Fantasy, però!

Quote rosso1 Ma chi è 'sta Ciri? Quote rosso2
~ Giocatore che non ha letto i libri
Quote rosso1 Ommioddio Ciri!!!!! Quote rosso2
~ Giocatore che ha letto i libri mentre si masturba
Quote rosso1 Avrà la mappa 30 volte più grande di Skyrim Quote rosso2
~ Gli sviluppatori all'inizio dello sviluppo
Quote rosso1 Avrà la mappa 10 volte più grande di Skyrim Quote rosso2
~ Stessi sviluppatori quasi alla fine dello svillupo
Quote rosso1 È più grande di quella di Skyrim, non scassate la m***hia Quote rosso2
~ Sviluppatori all'uscita del gioco
Quote rosso1 Questa volta oltre ai capelli posso fargli anche la barba!1!1! Quote rosso2
~ Motivo per cui Tu hai comprato il gioco

The Witch fucker 3: Caccia forsennata, è l'ultimo gioco porno capolavoro creato dai polacchi di CD Projekt RED, seguito del favoloso The Witcher 2: Assassins of Kings, con protagonista l'ormai notò gigolò Geralt di Rivia oramai prossimo alla pensione, infatti in questo gioco in molti rimarranno delusi in quanto si tromba poco ma con stile, avete sempre sognato di farlo su un unicorno?È il gioco per voi.

[modifica] Trama

Il gioco inizierà con un tutorial che vi introdurrà al fantastico sistema di combattimento di due tasti, tre se volete fare gli sboroni e ci dimostrerà che Geralt usa buone droghe. Finito il tutorial saremo in aperta campagna con un vecchio strigo che si lamenta da cose da vecchi perché è vecchio ed in quanto tale deve lamentarsi, ma ci darà una balestra però, con cui uccideremo un povero grifone che passava di lì. Poi pesteremo a morte dei tizi in una taverna perché siamo fighi, ma a questo punto incontreremo la nostra amata Yennefer, che ci saluterà con un plotone di Imperiali, che ci scorteranno gentilmente dall'imperatore Darth Vader, che ci chiederà di trovare sua figlia, ma non Leila, l'altra, Ciri che è anche la bambina che Geralt ha cresciuto, prima di mandarla in vacanza studio, tipo per sempre. Da qui inizierà la nostra ricerca girando tutto il mondo di gioco per poi scoprire che bastava andare a Velen per trovare il maestro di Ciri che dopo averlo liberato dall'acne ci dirà dove si trova Ciri. L'andiamo a prendere in un isola dove dei nani/gnomi ci fottono la barca, e la portiamo a casa nostra qui entra in scena la Caccia assatanata che ci farà il culo, e si il vecchio dell'inizio muore male. Ma poi faremo il culo a tutti e vivrete felici e contenti con Yennefer, se farete le scelte giuste, altrimenti Ciri morirà, Yennefer se ne andrà per i cazzi suoi e voi resterete solo e depresso.

[modifica] Personaggi

[modifica] Geralt Di Rivia

Il protagonista. Tutta la sua vita consiste nell'uccidere mostri, senza seguire alcuna legge biologica e della fisica. A causa di alcuni riti Satanici, i suoi occhi sono diventati come quelli dei gatti e le sue emozioni sono svanite[1]. Tra le altre abilità acquisite vi sono:

  • Mangiare un pranzo a quattro portate in un secondo anche nel mezzo del combattimento;
  • Trovare la forza per tagliare in due il nemico solo quando gli manca un pixel di vita. Evidentemente tutto il combattimento precedente serve a renderlo più morbido.
  • Stancarsi subito quando corre ma poi fermarsi un attimo per ricominciare come se niente fosse;
  • Morire cadendo anche dall'altezza di un tavolo;
  • Combattere con raffiche di fendenti alla velocità della luce;
  • Pilotare barche a vela perfettamente anche controvento;
  • Dormire da seduto e a comando[2];
  • Indossare comodamente tutti i vestiti che trova, che diventano magicamente della sua taglia.

Ha anche imparato ad usare perfettamente le spade e alcune magie ovvero Aard, raffica telecinetica, che sposta le nuvole e distrugge i cancelli, ma usato contro un nemico non serve a niente.

Igni, il fuoco che crea degli incendi che si spengono ancora prima di riuscire a vederli.

Yrden, un cerchio di lampadine a luce ultravioletta per terra che dovrebbe rallentare i nemici, ma fa solo cercare al giocatore di farli entrare dentro per poi non vedere nessun effetto. Anche se nessuno l'ha capito serve ad affrontare i fantasmi, che altrimenti diventano intangibili e prendono per il culo Geralt che tanto non può colpirli.

Quen, uno scudo che rende Geralt invincibile, per vendicarsi dei fantasmi.

Axii, il più utile, si tratta di una dose di potenti droghe che rimbambiscono il nemico permettendo a Geralt di colpirlo ripetutamente. Molti giocatori fanno tutto il gioco usando solo quello, per poi morire quando incontrano un costrutto, che siccome è come un robot è immune alle droghe[3].

[modifica] Creature e nemici

Il mondo di gioco è popolato da mostri delle varie mitologie "rivisitati artisticamente", ovvero sono dei mostri inventati a caso con i nomi delle creature mitologiche.

[modifica] Ghoul

Sono i mostri più utili del gioco[4]. Queste... cose, infatti servono solo a riempire gli spazi vuoti del mondo. Non si sa nulla del loro passato, ma molti studiosi ritengono che si siano evoluti diventando più simili agli umani e siano andati ad abitare a Tokyo. Esistono inoltre altre specie che sembrerebbero diverse dai Ghoul: le Arpie e i Drowner. La loro funzione però è la stessa: occupare zone in cui non sapevano che mostro mettere per renderle meno noiose, i Ghoul nella terra, le Arpie nell'aria e i drowner nell'acqua.

[modifica] Succubi

Sono delle metà gnocche metà capra, e gli piace scopare. Il problema è che oltre ai peni succhiano l'energia vitale alle persone, quindi Geralt è sempre pronto a farle a fette, anche perché non vuole allungare troppo la lista delle persone con cui ha avuto una relazione sessuale per restare fedele a Yennefer. E Triss. E Keira. E tutte le altre.

[modifica] Banditi

La legge dei videogiochi di ruolo e open world impone che ogni umano ostile che abita il mondo di gioco, che sia esso un ladro, assassino, brigante eccetera venga chiamato "bandito". I banditi, specialmente in questo caso, sono visti solo come carne da macello poiché tutti li ritengono costituiti al 100% di malvagità e sono dotati di intelligenza inferiore a quella dei mostri selvaggi. Quindi se Geralt andrà in uno dei loro accampamenti e li smembrerà uno per uno rubando poi i loro soldi dall'onnipresente forziere del tesoro, verrà visto dai civili della zona come un eroe. Da notare l'immancabile "Capo dei Banditi" di ogni RPG che si rispetti, che è più forte, furbo e cattivo degli altri ma farà la loro stessa triste fine. In alcune zone ci sono anche cannibali e pirati, ma i loro covi sono comunque chiamati accampamenti di banditi.

[modifica] Bug

Ce ne sono talmente tanti, sparsi per il mondo, che si pensa siano anch'essi cerature immonde giunte sulla Terra dalla Congiunzione. La missione di Geralt è trovare Ciri, ma sarà ostacolata dalla Caccia Selvaggia? Dalle missioni secondarie che lo distraggono dalla retta via? No... dai bugs! E i bugs non sono gli insettoidi, ma gli errori di programmazione.

[modifica] Curiosità

  • A differenza di ciò che succede di solito in questi giochi, più si va avanti nella storia più personaggi spariscono. La leggenda narra che una volta completato tutto il gioco, la Terra sarà una zona arida e disabitata.
  • Nessuno ha ancora capito se in The Witcher le divinità esistano davvero o no, nemmeno gli sviluppatori.
  • A quanto pare non sanno nemmeno se i Leshen siano semplici mostri o cerature sacre.
  • Potreste dire che dietro a ciò che è stato detto nelle due curiosità precedenti ci sia una profonda riflessione sulla religione voluta dagli sviluppatori, ma molto più probabilmente non hanno letto bene i libri.
  • Nonostante tutto, Geralt non ha ancora partecipato ad Alta Infedeltà.



[modifica] Note

  1. ^ In teoria.
  2. ^ Questa cosa viene chiamata meditazione... ma la meditazione è un po' diversa.
  3. ^ Ma non ai veleni.
  4. ^ Almeno per gli sviluppatori.

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
Altre lingue
FANDOM