Ted Nugent

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Celentano.jpg
ATTENZIONE: QUESTA PAGINA È ROCK!!!
Quote rosso1.png Accidenti, Ted Nugent è proprio rock. Sì insomma, capisci quello che voglio dire? Non dico punk, metal o house, parlo di rock; e non un rock poco rock, ma vero rock rock. Un rock che ti entra nelle vene e ti penetra nell'anima senza lasciarti andare... proprio rock insomma.
L'house, il metal e il punk sono lenti. Ted Nugent è rock.
Quote rosso2.png

Ted Nugent, detto "Lo squartatimpani di Birkenau", è un criminale nazista sfuggito al Tribunale di Norimberga dichiarandosi Gonzo.

[modifica] Biografia

Ted nugent.jpg

Nugent in un momento di tranquillità

Famoso in patria per aver composto l'inno nazista "Wengen Tengen" le cui note furono diffuse come sottofondo per la grande parata di Berlino Nord del 1941, fu promosso al grado di Kapokkionen e gli fu assegnato il compito di insegnare musica agli internati di Dachau. Venne presto trasferito ad Auschwitz-Birkenau perché i suoi superiori ritenevano inumano il suo modo di torturare i deportati con mezzi orribili quali la chitarra a due manici e la Fender con tredici distorsori.

A Norimberga, Nugent riuscì ad evitare la condanna a morte dichiarandosi ufficialmente "Gonzo", convincendo così i giudici a lasciarlo libero.

Trasferitosi a Detroit (USA) nel 1948, Nugent si creò una nuova identità: abbandonata l'uniforme delle SS, cominciò ad indossare jeans e magliette stracce, lasciò crescere i capelli in modo da essere confuso con Napo Orso Capo e si ritirò in un ranch nel quale praticava sport tranquilli quali la caccia al cinghiale ed il tiro al negro.

Negli anni '70, ormai sicuro che nessuno avrebbe potuto riconoscerlo, decise di far rivivere la sua chitarra fondando un gruppo rock, gli Amboy Fukers. Nel gruppo militavano quattro checche provenienti dal Texas, quindi di idee politiche piuttosto affini alle sue. Dopo aver ucciso a colpi di machete a pile gli altri componenti del gruppo, Nugent si mise in proprio e cominciò a diffondere - negli Stati Uniti e nel resto del mondo - il suo truce messaggio teso a fondare una nuova razza eletta le cui caratteristiche fossero l'amore viscerale per la patonza e la sordità acquisita durante le esibizioni live.

Attualmente Ted Nugent gestisce un franchising internazionale dedito alla vendita di protesi acustiche. I clienti se li è procurati prima ancora di intraprendere questa attività, assordandoli durante i suoi terribili concerti.

[modifica] Discografia

  • 1975 Ted Nugent Yeahh
  • 1976 Free-for-fill
  • 1977 Rat Scratch Fever
  • 1978 Weekend Fuckers
  • 1978 Trouble Live "Gonzo"
  • 1979 State of plook
  • 1980 Shit Dream
  • 1982 Heil Nugent
  • 1984 Penetrator
  • 1986 Little Miss Dilderous
  • 1988 If You Can't Lick 'Em...Lick 'Em
  • 1995 Spirit Of The Wild
  • 1997 Live at Auschwitz '79
  • 2002 Graveman
  • 2007 Love Menade
Strumenti personali
Altre lingue
wikia