Suinusite

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Uomini con tuta.jpg
ATTENZIONE: MALATTIA CONTAGIOSA NEI PARAGGI
La malattia e/o sindrome e/o patologia descritta
in questa pagina è estremamente pericolosa!
Per evitare che si possa diffondere una pandemia si consiglia di non mangiare nulla che proietti ombra prima di aver letto attentamente tutto l'articolo.
Maiale malato.jpg

Dopo la mucca pazza era lecito aspettarsi il maiale deficiente, invece torna il terribile morbo della suinusite, ritenuto debellato nel 1969.

La suinusite è una grave patologia neurodegenerativa di origine virale, che colpisce i maiali in età prescrofale. È infatti accertato che il nascituro può contrarre la malattia già nell'utero materno, ma il manifestarsi dei sintomi avviene attorno ai sette mesi di vita, sempre che il soggetto colpito non sia diventato nel frattempo porchetta.

Quote rosso1.png Il porco si presenta con la bava alla bocca, lo sguardo allucinato, battito accelerato e sudorazione intensa. Esattamente come un immigrato stupratore durante il suo passatempo preferito. Quote rosso2.png

~ Il dottor Olav-Håkon Bjørkdal, luminare norvegese in Istochimica della braciola.

La malattia è a decorso fatale, che non significa che il maiale ha le allucinazioni e inizia a vedere le Winx, ma che tira le cuoia. Inoltre è molto contagiosa perché si veicola tramite la puzza, cosa che "sta al suino come la cocaina a Maradona". Ha un potenziale epidemiologico pari a V9, che equivale alla velocità con cui si è propagato il video di Belén Rodríguez che trombava[1] col ragazzo, dopo sei minuti l'aveva visto anche uno sherpa in Nepal. Se si ammala un soggetto in un allevamento, è meglio che inizi ad accendere la macchina per fare le salsicce (così intanto si scalda) e poi fai venire il veterinario.

Contadino : Quote rosso1.png Dottò, che se pò ffà? Quote rosso2.png
Veterinario : Quote rosso1.png Per evitare l'epidemia abbattiamo tutti i capi e li bruciamo. Quote rosso2.png
Contadino : Quote rosso1.png A te er montenegro t'ha bruciato er cervello. E io dopo come magno? Quote rosso2.png
Veterinario : Quote rosso1.png Mi spiace ma è necessario, devo anche fare la segnalazione alla ASL, nulla di personale mi creda. Quote rosso2.png
Veterinario : Quote rosso1.png Perché mi guarda così strano e ha preso la roncola? Quote rosso2.png
Contadino : Quote rosso1.png Niente de personale dottò... Quote rosso2.png

[modifica] Origine

Maiali morti ammucchiati.jpg

La micidiale epidemia degli anni '60.

Il primo ceppo virale fu identificato in una fattoria del West Sussex appartenente a Wilfred Pigmore, un allevatore di maiali da combattimento utilizzati negli incontri clandestini, che si tenevano per la maggior parte delle volte nel rustico di Sean Connery. Provate ad immaginare lo sgomento del povero Wilfred quando, al posto dei suoi settantadue maiali, ne trovò solo uno grosso come una betoniera. Qua e là setole sparse, un paio di orecchie in un angolo, un flacone di Diger Selz in un altro, ci mise poco a fare due più due, era sicuramente opera degli alieni nazisti, o di quel perfido Kenny Delaney, il suo confinante di origini irlandesi. Quel vecchio ubriacone aveva realizzato una distilleria clandestina, la tremenda puzza che arrivava dal suo capanno copriva i fragranti effluvi delle sue scrofe[da verificare], tanto che i suoi maiali ne risultavano disorientati e andavano a masturbarsi da qualche tempo nella latrina. Purtroppo quello strano comportamento erano le prime avvisaglie del tremendo morbo, che colpisce in prima battuta l'olfatto e subito dopo la vista, fino al punto che la bestia, privata di questi sensi fondamentali, appena urta qualcosa pensa che sia un secchio col pastone di granaglie e lo sbrana. Sfruttando questa voracità esasperata, WIlfred riuscì a liberarsi di quel pachiderma rosa puzzolente, tirandogli (da debita distanza) una pagnotta ammuffita farcita con una granata. Per sua fortuna smerciò i due tir di salsicce alla fiera di Littlehampton in un solo pomeriggio, ma la magagna era destinata a venir fuori presto. L'ingerimento di carne contaminata provoca nell'uomo la squaqquera ereditaria, chiamata così perché dura non meno di due generazioni. Alla sesta lavanda gastrica si identificò il fattore comune, perché proprio di un fattore si trattava. Pigmore dovette risarcire tutti i clienti, i quali ebbero la brillante idea di disfarsi delle salcicce appestate dandole in pasto ai loro porci. Fortunatamente l'Inghilterra è un isola e il problema fu circoscritto, almeno finché un deficiente non ne scongelò un paio per usarle come esca per pescare i delfini.

[modifica] Sintomatologia

La suinusite colpisce dal 1° ottobre al 30 aprile, festivi esclusi, più il 15 agosto, giorno in cui i maiali amano farsi i gavettoni, prendono freddo e sono più suscettibili alle patologie d'origine infiammatoria e virale.
Piccolo maiale con scarpe rosse.jpg

Precauzioni inutili, la suinusite non può essere certo evitata col rimedio della nonna.

Il sintomo più evidente riguarda chiaramente le cavità nasali del suino: si gonfiano, si irritano, si coalizzano tra di loro e cominciano a rompere le scatole che ognuna invade lo spazio dell'altra. Fastidiosa conseguenza del blocco totale nasale è la parlata del maiale, che assume i tratti di un maruga in fila alla mensa della Caritas. Da:
« Oink! Oink! Gruff! Gruff! Suiiihhh! Suiiihhh! Gronk! »

A:

« Oing! Oing! Ehi, g'ero brima io, sdronzo! Angora grusga, voglio, angora! Meddi angora formaggio! »

Meno prevedibile sono i cambiamenti del suino a livello gastronomico: un elemento che non sente alcun sapore magari non perde appetito, ma potrebbe mettersi a divorare qualsiasi solido masticabile gli capiti a tiro. In questo caso è ben consigliabile sorvegliare l'intero branco: può capitare di distrarsi e accorgersi l'istante successivo che i maiali stiano mangiandosi le code a vicenda credendole delle rotelle di liquirizia. Altri ben peggiori orrori sono facilmente immaginabili:

- Maiale: “Gnam gnam gnam, sgurz! Beurp! Diamine, questa pietanza è veramente gustosa. Posso chiederti cos'è, padroncino caro?”
- Porcaro: “Ma... Ma... Cristo Santo! Ti stai sbranando i tuoi stessi garretti!”
- Maiale: “Oh.. Porco mondo...!!! Io... Io... Sono delizioso!”

Il suino suinusitico è sfruttato per questa sua caratteristica dalla mala di Chicago: invece di usare del costoso acido per distruggere ingombranti cadaveri si usa il metodo del maiale digiuno con la suinusite: si buttano le salme agli affamati onnivori e in una manciata di femtosecondi degli scomodi incomodi non rimangono nemmeno le cerniere lampo dei calzoni.

[modifica] A che punto è la ricerca?

Maiale con le ali.jpg

Purtroppo ancora non esiste una cura.

La suinusite è una malattia per la quale non sono mai stati stanziati dei fondi atti alla ricerca di una cura. Il problema viene sottovalutato poiché considerata ancora una patologia poco aggressiva, distante, destinata ai poveracci. Gli allevatori, non i maiali. Che ci frega dei maiali. A noi piacciono le costine alla brace, mica i maiali.
Il punto è anche che "suinusite" non è un bel nome, non è molto attraente e la scienza se la snobba. Epiteti come Atrofia muscolare spinale benigna congenita autosomica dominante, sindrome di Klinefelter, SARS e pure quel morbo di cui non ricordo il nome, quello che ha colpito il cervello di Di Pietro, sono invece cazzutissimi, incidono molto sulla voglia del ricercatore di studiarli.
Un altro fattore da valutare è la totale specificità della malattia: colpisce solo il genere Sus, forse perché le piacciono i palindromi particolarmente brevi, e ciò significa che eventuali prove di cure sperimentali vanno eseguite solo sul maiale. Questo comporta sempre un certo astio degli allevatori che dovrebbero fornire gli esemplari-test: perdere un gibbone o un ratto usati come cavie da laboratorio è un conto, rischiare di mandare a puttane 130 chilogrammi di mortadella farebbe vacillare i buoni propositi anche all'allevatore più progressista.

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ e non solo

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia