Strage di piazza della Loggia

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Anni di piombo.jpg
Divieto di giustizia.jpg

A causa del divieto di amministrare la giustizia vigente nel nostro Paese, l'articolo che segue parla di un fatto che non ha spiegazioni e/o colpevoli. Quindi ce li siamo inventati di sana pianta.
Può anche darsi che i fatti narrati non siano mai accaduti e che siamo tutti vittime di un'allucinazione collettiva.

Anni di piombo inverso.jpg
Wikiquote.png
«C'è stata l'età della pietra, quella del bronzo e l'età ferro, gli anni di piombo sono stati così chiamati per sottolineare una palese involuzione della razza umana. Col senno del poi possiamo considerarla "una leggera flessione" se la poniamo al confronto con la New economy, ma "torniamo a bomba"
(è il caso di dirlo).
»
Strage di Piazza della Loggia.jpg

Brescia, 28 maggio 1974. Dopo quasi quarant'anni ci rimane il solito grosso punto interrogativo.

Pino Rauti con raudi.jpg

Fu un terribile equivoco, una telefonata anonima segnalò la presenza di razzi e raudi nella piazza, ma il poliziotto capì Buzzi e Rauti. Quindi le indagini si indirizzarono sugli esponenti dell'estrema destra bresciana.

Logo di Wikipedia sballonzolante.gif
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Strage di piazza della Loggia

La strage di piazza della Loggia è stato un attentato terroristico compiuto il 28 maggio 1974 a Brescia, nella centrale piazza della Loggia. Una bomba, nascosta in un cestino portarifiuti, fu fatta esplodere mentre era in corso una manifestazione contro il terrorismo neofascista. Erano evidentemente altri tempi, oggi una cosa del genere non potrebbe mai succedere, per due motivi: trovare un cestino portarifiuti nelle piazze è già poco probabile, che questo sia vuoto (e puoi quindi piazzare l'ordigno) è impossibile.
Si inserisce tra le stragi del periodo (1969-1984) dei cosiddetti anni di piombo. Fa parte anch'essa della lista di episodi interpretati: da qualcuno come strategia della tensione, da tanti altri come "sono cose che succedono".
Per le forze dell'ordine, che invece hanno il dovere di accertare le responsabilità,[citazione necessaria] si aprirono alcuni filoni investigativi:

Wikiquote.png
«Sono stati quelli di estrema destra!!»
(Vertici dei Carabinieri.)
Wikiquote.png
«Sono stati quelli di estrema sinistra!!»
(Vertici della Polizia.)
Wikiquote.png
«Sono stati gli ultrà dell'Atalanta!!»
(Ultrà del Brescia.)
Wikiquote.png
«Sono stati i servizi segreti deviati!!»
(Il solito saputello.)
Wikiquote.png
«Sono stati i marziani!!»
(Uno che era in astinenza da vaffanculo.)
Logo ADS.png Questa voce è stata punita come
Articolo della Settimana
dal 28 gennaio 2013 al 4 febbraio 2013.

Eppure, esattamente tre anni prima i russi avevano spedito la sonda Mars-3 su Marte, che l'avessero presa a male gli omini verdi?!
L'attentato provocò la morte di otto persone, il ferimento di un centinaio e una spesa esagerata per imbiancare di nuovo la piazza.

[modifica] Arrivano i soccorsi

Strage di Piazza della Loggia le istituzioni.jpg

Dopo quasi 40 anni le istituzioni non hanno fatto chiarezza.

L'intervento delle Istituzioni non si fece attendere, arrivarono in pochi minuti. D'altra parte erano state avvisate in tempo e, per fortuna, la sera prima avevano trovato posto all'Hotel Al Curvone, situato nella vicina Piazza del Duomo.
Lo sdegno era tangibile sui loro volti, come pure l'incazzatura per essersi svegliati troppo presto. S'era parlato di 10:30, allora era stato inutile fare la riunione la sera prima e sincronizzare gli orologi sull'ora X, se ognuno fa come gli pare e si anticipa di quasi 20 minuti, non è professionale.
Il loro arrivo passò quasi inosservato, troppo dolore e sangue ovunque, la gente si accorse di loro nel momento in cui un colonnello dei Carabinieri li salutò. L'insolito trio, composto da due bianchi e un mulatto, lasciò perplessi i più. La mescolanza cromatica ricordava i Re Magi, ma l'unico pacco in giro era quello esploso, quindi si poteva escludere tranquillamente la cosa.
Qualcuno iniziò a dare ordini per organizzare soccorsi ed indagini:

Wikiquote.png
«Prendete le generalità a tutti i presenti nella piazza, sono tutti sospettati!!»
Wikiquote.png
«Sbrighiamoci a ripulire che domenica prossima è il Corpus Domini e c'è la processione!»

Magari si potevano escludere quelli che sanguinavano vistosamente e i mutilati gravi, ma gli ordini sono ordini. A dire il vero il secondo giunse inaspettato, la Scientifica (convocata urgentemente da Catanzaro) era alle prese con la Salerno-Reggio Calabria, quindi a Brescia sarebbe giunta presumibilmente a metà luglio.
In poco tempo la piazza era diventato un continuo andirivieni di mezzi di soccorso, abilmente orchestrati[citazione necessaria] dai vigili urbani (pareva brutto dirgli di no un'altra volta).

Strage di Piazza della Loggia depistaggio.jpg

Le autorità si affrettarono a dare spiegazioni alla folla sgomenta.

Ci furono anche momenti d'incomprensione, come ad esempio quando i Carabinieri, che parlavano quasi tutti il tricalabro, non riuscivano a coordinarsi con i forestali, che conoscevano solo il camuno della Val Camonica. A complicare ulteriormente le cose, sopraggiunse gente che non si fa mai i cazzi suoi e anche gente che passava di lì per caso. Tutti chiedevano cosa fosse successo, il portavoce incaricato dalle autorità (un tizio attempato con occhiali scuri) non si fece pregare:

Wikiquote.png
«È esplosa una bottiglia di Coca-Cola con dentro un centinaio di Mentos!!»
(Il tizio attempato con occhiali scuri.)

L'affermazione fu considerata da qualcuno "difficilmente collocabile in un contesto logico", ma piacque stranamente ai più, che si allontanarono maledicendo i pericolosi "prodotti del capitalismo".

[modifica] Strane presenze sul luogo

Strage di Piazza della Loggia ditta pulizia prove.jpg

La presenza di uno strano furgone sul luogo della strage insospettì molti, fu ritrovato due giorni dopo nelle campagne vicino Cremona, ben pulito.

Strage di Piazza della Loggia pulizia prove.jpg

La scena fu ripulita con una frettolosità sospetta.

Nel bailamme generale che si creò, saltarono le elementari norme procedurali da attuare nel caso di un crimine.
La zona fu circoscritta, ma in maniera approssimativa. L'ordine era di permettere l'accesso alle sole forze dell'ordine e ai mezzi di soccorso, inoltre, considerando l'elevato numero di feriti, potevano entrare anche i dottori in borghese, purché in possesso di un documento che attestasse che erano tali.
L'errore fu affidare la tutela del perimetro agli ausiliari del traffico. A quel punto riuscirono ad entrare:

  • Nove giornalisti. Alcuni mostrando il tesserino dell'AVIS col gruppo sanguigno che danno durante le donazioni, altri dicendo "Sto con lui!".
  • Cinque veterinari, avevano comunque conoscenze mediche e potevano tornare utili. Con loro si intrufolò uno che dava i biglietti omaggio del Circo Bardum, semplicemente facendo vedere il tagliando con sopra la tigre.
  • Una dozzina di curiosi. Avevano il biglietto da visita con scritto sopra "Dott. qualcosa..."
  • Tre macellai, due farmacisti, sei bidelle e una sarta. Avevano il camice.

In mezzo al viavai di ambulanze, giunse un furgoncino che sembrava appartenere ad una impresa di pulizie. I solerti occupanti scesero e iniziarono subito a darsi da fare. Un poliziotto tentò di capirci qualcosa e si avvicinò a quello che sembrava dar ordini al gruppetto. Il dialogo fu breve ma terminò con un "SIGNORSISSIGNORE!!!!" da parte dell'agente, alla moda Full Metal Jacket (tanto per rendere l'idea). Siccome da soli non ce l'avrebbero mai fatta, diedero anche ordine ai vigili del fuoco di usare le autopompe.

Strage di Piazza della Loggia sparizione prove da ospedale.jpg

Sparirono anche alcune prove dall'ospedale che ospitò i feriti.

Wikiquote.png
«Eeeeeeh, ad averci i mezzi!!»

Tempo poche ore, la piazza era tornata linda e non c'era traccia di sangue... e nemmeno di indizi, reperti e prove.
All'arrivo del magistrato stavano già montando i calcinculo per la fiera parrocchiale, l'artificiere che lo accompagnava non riuscì ad eseguire alcun rilievo.
L'operazione "Piazza pulita" continuò anche presso gli ospedali dove erano state portate le vittime. Furono prelevati abiti ed effetti personali delle medesime, lasciarono anche il tagliandino di una lavasecco monoprezzo. La conseguente indagine portò all'interrogatorio del gestore, tale Fur Gonh Cin (un cinese morto nel 1907), che in dialetto mandarancio disse: "Nenti sacciu, nenti vitti, nenti 'ntisi". I dubbi sull'identità di quelle persone restarono intatti.

Wikiquote.png
«Lavoravano per i servizi segreti?»
Wikiquote.png
«Lavoravano a mezzo servizio?»
Wikiquote.png
«Gli versavano i contributi?»

Tutte domande a cui, ancora oggi, non riusciamo a dare una risposta. Tra l'altro, potrebbe non piacerci.

[modifica] Le indagini e i processi

Auto in bianco e nero.jpg

I primi indiziati furono il gruppo di estrema destra Ordine Nuovo.

Le indagini iniziali puntarono sull'estrema destra bresciana, a logica: se a morire sono i rossi, i colpevoli sono i neri.
Può sicuramente valere per la maggior parte dei casi, ma con questo atteggiamento approssimativo, se vedessimo un gatto spiaccicato sull'asfalto, dovremmo cercare un pastore maremmano che guida un SUV. Invece bisogna indagare, vagliare attentamente gli indizi e trovare riscontro nei fatti.
I riscontri, trovati dal magistrato attaccati al frigorifero con una banana-calamita, portarono all'arresto dei vertici di Ordine Nuovo, un gruppo di estrema destra. Ermanno Buzzi, Pino Rauti, Delfo Zorzi ed altri, finirono in manette. Sul gruppo indagava da tempo il magistrato Vittorio Occorsio, nell'ambito dell'inchiesta sulla Strage di piazza Fontana.
A questo punto è bene riassumere, per chiarezza e in punti, alcuni eventi che seguirono.

  • 10 luglio 1976, Pierluigi Concutelli (sempre di Ordine Nuovo) uccide il magistrato Occorsio;
  • 13 febbraio 1977, Concutelli viene arrestato per l'omicidio Occorsio e condannato;
  • 13 aprile 1981, Concutelli si trova nel carcere di Novara con Ermanno Buzzi (che stava collaborando) e lo strangola;
  • 10 agosto 1982, Concutelli uccide nello stesso carcere Carmine Palladino (altro terrorista informato sui fatti di Brescia).
  • 11 agosto 1982, alla Camera si discute una proposta della Sinistra che chiede di non trasferire più terroristi pentiti al carcere di Novara, perché non giova alla loro salute.
  • 12 agosto 1982, dopo la votazione contraria del giorno prima, alla Camera si discute una proposta della Sinistra che chiede di trasferire Concutelli da qualche altra parte, magari su Marte.
  • 12 aprile 1994, il terrorista pentito Martino Siciliano, dopo aver scagionato Delfo Zorzi dai processi per le stragi di Milano e Brescia, sparisce nel nulla ed è tuttora latitante. All'epoca, non si sa a che titolo, riceve 6.000 marchi tedeschi provenienti da un conto svizzero riconducibile alla (pensa un po' te!)[citazione necessaria] Fininvest/Mediaset[1].
  • 30 agosto 2008, una perizia antropologica su una fotografia comproverebbe la presenza sul luogo della strage di Maurizio Tramonte, militante di Ordine Nuovo e collaboratore del SID[2].

Nel frattempo, Delfo Zorzi fa "due più due", se la squaglia in Giappone e prende la cittadinanza. Oggi si chiama Hagen Roi, che significa "Puppamelo!!", commercia in abiti d'alta moda (anche in Italia) e non è estradabile. Secondo una recente indagine della Guardia di Finanza alcune società, a lui riconducibili, hanno evaso il nostro fisco per circa 50 milioni di euro.

Wikiquote.png
«Ma non abbiamo un "Pierluigi Concutelli" da mandare in vacanza in Giappone?»
(Uno favorevole alla giustizia che funziona.)

Dopo un ping pong processuale durato quasi quarant'anni, il 14 aprile 2012 la Corte d'Appello conferma l'assoluzione per tutti gli imputati, condannando le parti civili al rimborso delle spese processuali.

[modifica] Ma lo Stato come la pensa?

Strage di Piazza della Loggia polemica assoluzioni.jpg

Protesta per le assoluzioni.

Quote rosso1.png <...> il corso della giustizia deve continuare con ogni scrupolo, nel contempo va però fin da ora messo in luce quanto è emerso, dalle carte processuali e dalle inchieste parlamentari, sulla matrice di estrema destra neofascista di quell'azione criminale e sugli ostacoli che una parte degli apparati dello Stato frappose alla ricerca della verità <...> Quote rosso2.png

~ Giorgio Napolitano, nel messaggio inviato al sindaco di Brescia, Adriano Paroli 28 maggio 2012.

Il 3 agosto 2007 è stata approvata la legge n.124, essa prescrive che: passati al massimo trent’anni dalla data in cui è stato apposto il segreto di stato sull’evento, e sui relativi documenti, gli stessi siano resi pubblici e consultabili. Da allora sono passati quasi sei anni e non abbiamo aperto nemmeno il diario segreto di una truzza.

Wikiquote.png
«Che facciamo, gli chiediamo di rispettare la legge?»
Wikiquote.png
«Ma sì dai! Proviamo a farlo [con questo appello].»

Comunque, a pensarci bene, per toglierci qualche dubbio, basterebbe rispondere alla domanda che segue questa considerazione:
"Quando c'è una manifestazione, specie se annunciata in anticipo, le forze dell'ordine sono sempre presenti. Trattandosi di una piazza è facile supporre che fossero poste ai lati del perimetro, quindi anche su quello dove è esplosa la bomba."
Allora la domanda è:

Wikiquote.png
«Quanti feriti ci sono stati tra le forze dell'ordine?»

Certo che se il numero fosse zero...

[modifica] Poi finalmente la verità... vabbè, forse la parola è un po' forte, diciamo che si condanna qualcuno

È il 22 luglio 2015, sono da poco passate le 21, la maggior parte della gente ha fatto il ruttino del dopocena e fruga nella TV, cercando qualcosa con cui addormentarsi sul divano. La notizia arriva con un'edizione speciale del TG1[3], inserita tra la pubblicità del nuovo Samsung SS Heil Hitler e lo spot per le nuove puntate de Il commissario Montalbano.

Wikiquote.png
«La Seconda Corte d'assise d'appello ma se sei assente ti si richiama noi tra nove mesi di Milano, dopo otto ore di camera di consiglio, ha condannato all'ergastolo Carlo Maria Maggi e Maurizio Tramonte per la Strage di piazza della Loggia.»
Martello giudice.png

La sentenza definitiva.

Il primo è l'ex ispettore veneto di Ordine Nuovo (ritenuto il mandante), l'altro e l'ex fonte "Tritone" dei servizi idrauli segreti (ritenuto l'esecutore).
A questo punto c'è chi è sceso in strada, gridando come un ossesso

Wikiquote.png
«Ce l'avete fatta! Sono passati 41 anni!»

e altri

Wikiquote.png
«Però li porta davvero bene!»

altri ancora

Wikiquote.png
«Ma che cazzo stai a dì?!»

Questo centinaio di persone, tutte parenti delle vittime e gente che passava di lì per caso, hanno protestato. Gli altri non sapevano nulla di stragi, di logge e balconi, di morti con esplosivi, di depistaggi e processi farsa, di strategia della tensione e anni di piombo, hanno continuato a godersi il gelato e a chattare col cellulare, guardandoli come fossero matti.

[modifica] Bibliografia

  • Ermanno Buzzi, Le mie memorie (a breve termine), Carcere di Novara 1981, Ed. SISMI
  • Carmine Palladino, Secondo me non la svango!, Carcere di Novara 1982, Ed. Verano
  • Maurizio Tramonte, Nome in codice: Serpe in seno, Milano 2003, Ed. Lo Spiffero
  • Pierluigi Concutelli, Mai quello verde, Brescia 1975, Collana "I pratici", Ed. La Pirica
  • Delfo Zorzi, Sayonara!, Tokyo 2008, Ed. Dell'Utri
  • Giuseppe Umberto Rauti, Quando dissi quelle cose ero ubriaco! (Ho passato un guaio, accidenti a voi!), Pisa 2009, Ed. La Loggia
  • Francesco Cossiga, Bocca mia statte zitta, Sassari 1980, Ed. Gladio

[modifica] Collegamenti esterni

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Inchiesta Mediaset, un bonifico porta al pentito delle "stragi nere", La Repubblica, primo luglio 2005
  2. ^ Il Servizio Informazioni Difesa (SID) è stato il servizio segreto italiano prima del comico duo SISDE-SISMI
  3. ^ Ma dai! Ci avete creduto veramente?! Figurati!

[modifica] Voci correlate


Uomo che porta granata gigante con carriola.jpg
Le stragi famose

Strage di Porcella dalla Finestra - Strage di piazza Lontana - Strage di Noia Sauro - Strage di Petoano - Strage dei questuanti di Milano - Strage in piazza con la pioggia - Strage dell'Itaglianicus - Strage di Urtica - Strage di Polognia - Strage del Ripido 904 - Strage dell'Osel - Febbre Strage del sabato sera - Strage di InCapaci - Strage in via DiMeglio - Strage alle Tuin Tauers - Strage di Erba, l'avevo detto di non calpestare le aiuole - Strage di Spareggio - Strage in Svervegia Norvegia

Strumenti personali
wikia