Stefano Cucchi

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Scarface.gif
Gandhi e tutti i seguaci della nonviolenza disapprovano questo articolo!
Questo articolo è da BOLLINO ROSSO!
Il personaggio o l'argomento descritto può incitare alla VIULENZAAA!
Se ne SCONSIGLIA perciò la lettura ai minori di 14 anni.
Stefano Cucchi.jpg

Stefano Cucchi mostra i denti per farseli rompere a gomitate.

Quote rosso1.png Tranquillo papà, ho solo sbattuto contro una porta Quote rosso2.png

~ Stefano Cucchi prima di sbattere di nuovo contro la stessa porta, morendone
Quote rosso1.png Ah-ah! Paghi la mossa! Quote rosso2.png

~ Secondino mentre insegna nuovi divertentissimi giochini al Cucchi
Quote rosso1.png ...e quindi è colpa dei dottori Quote rosso2.png

~ Magistrato mentre rimette sotto il banco un cappello pieno di foglietti e con su scritto "a chi diamo la colpa"
NonNews

NonNotizie contiene diffamazioni e disinformazioni riguardanti Stefano Cucchi.


Logo ADS.png Questa voce è stata punita come
Articolo della Settimana
dal 10 giugno 2013 al 17 giugno 2013.

Stefano Cucchi (Roma, 1 ottobre 1978 - Regina Coeli 22 ottobre 2009 NON È SUCCESSO NIENTE) è stato un geometra molto amico di Carlo Giovanardi, tossicodipendente, spacciatore di cocaina e sieropositivo tristemente famoso per essere stato troppo magro per resistere ai pugni che si è dato da solo in preda a un attacco epilettico causato dai morsi della fame, sotto gli occhi esterrefatti dei secondini del carcere di Regina Coeli che purtroppo non hanno potuto impedirne la morte.

Tutto questo per colpa dei dottori.

Anzi, di nessuno.

[modifica] Biografia spicciola

1 ottobre 1978, Stefano Cucchi nasce e viene subito preso a sberle dall'ostetrico, già da questo doveva capire che lo cose non cominciavano per il verso giusto.
Alle elementari viene esentato dalle attività sportive perché in tutte le partite di calcetto era continuamente vittima di falli da parte degli assistenti di gara, il terzo uomo e l'arbitro che subito dopo, non contento, espelleva anche tutti i difensori della squadra del Cucchi, per non aver loro impedito di malmenare il poveretto.

Alle medie, continuamente vittima di bullismo da parte del capoclasse, comincia a prendere a testate da solo le nocche dei professori che costringono la famiglia a mandare il giovane dallo psicoterapeuta che, non riuscendo a capire di cosa si tratti, viene accusato di omissione di soccorso.

Diplomato alla maturità come geometra con 89 punti di sutura dovuti alle squadrettate di compagni, professori e bidelli, comincia subito ad esercitare la professione.

Di spacciatore.

[modifica] Caso Cucchi

Ilaria Cucchi.jpg

Ilaria Cucchi, la sorella buona di Stefano. Candidata in parlamento con Ingroia, è la prova vivente che è inutile cavalcare l'onda della morte di qualcuno se ti candidi con Di Pietro.

15 ottobre 2009, Stefano Cucchi viene trovato in possesso di hashish, cocaina e farmaci contro l'epilessia essendo epilettico, cocalettico e hashishettico.

Il Cucchi prova prima una timida difesa verbale:

Wikiquote.png
«Sembra talco ma non è, serve a darti l'allegria!»

che non viene però ritenuta valida dagli agenti. Cucchi prova quindi a divincolarsi per sfuggire alla legge colpendo anche con i propri testicoli il ginocchio di uno dei due carabinieri venendo quindi arrestato anche con l'accusa di aggressione a pubblico ufficiale.

Una volta arrivato al carcere di Regina Coeli viene subito interrogato dai secondini che, incapaci di reagire alla violenza di quest'ultimo, sono costretti a difendersi più volte dagli attacchi del giovane che li colpisce sulla punta dei piedi e sulle nocche delle loro mani con la propria vescica, la colonna vertebrale e la faccia, causando anche una gravissima escoriazione al mignolo del piede di uno degli agenti della polizia penitenziaria.

Il giorno dopo viene processato per direttissima e il Cucchi, minacciando gli agenti di ulteriori attacchi, si fa portare in cella dell'ombretto con cui si trucca gli occhi per assomigliare a un panda e fare tenerezza al giudice.

Arrivato in tribunale e interrogato dal padre sul motivo per cui si trovasse in quello stato Cucchi risponde perentoriamente:

Wikiquote.png
«Stai tranky déd, vado là, mi faccio una pista e son fuori.»

Fuori sì, ma fuori dai coglioni. Il Cucchi aveva trovato un giudice poco incline all'umorismo che non aveva apprezzato l'offerta di cocaina del geometra e aveva fissato una nuova udienza per qualche settimana dopo.

Il Cucchi, sconvolto dalla vicenda, viene portato in custodia cautelare a Regina Coeli dove, tra lo sconcerto degli agenti, comincia a prendere a dentate la porta della sua cella.

In 5 giorni il Cucchi ha già perso 5 kg e ogni loro ricerca da parte del personale del carcere si rivela vana.

Il Cucchi, trasferito all'ospedale Fatebenefratelli insieme ad un agente a cui aveva aperto una crosta colpendolo al volo con un suo dente, muore.

La notizia della morte di Stefano Cucchi viene data subito dopo alla famiglia da un agente.

Qui di seguito una breve, quanto realistica, ricostruzione della cosa:

Agente : Quote rosso1.png Salve signora, sono qui per vostro figlio Stefano. Quote rosso2.png
Signora Cucchi : Quote rosso1.png Grazie al cielo, lo avete scarcerato? Quote rosso2.png
Agente : Quote rosso1.png Sì, signora, è scarcerato e lo vedrete pure presto, per il riconoscimento del cadavere. Quote rosso2.png
Signora Cucchi : Quote rosso1.png Cos- Quote rosso2.png

Il giorno dopo, essendo la famiglia Cucchi abbastanza permalosa, parte la denuncia per il presunto omicidio del figlio.

Dopo 4 anni e almeno 15 dichiarazioni sgradevoli di Carlo Giovanardi, si ha una prima sentenza: i secondini sono assolti mentre sono considerati colpevoli i 6 medici che avevano malmenato Stefano, come evidenziato dai segni di stetoscopio e di esami del sangue presenti su tutto il corpo del giovane.

Anche i secondini vengono però puniti, con un buffetto amichevole sulla guancia.

Il 31 ottobre 2014, al processo d'appello, medici, infermieri e secondini vengono tutti assolti con la motivazione "so' reghézzi", costringendoli però ad andare a letto senza cena. Col rischio che sopraggiunga la fame, unica vera colpevole del delitto, che li potrebbe picchiare fino ad ammazzarli.

Il 4 ottobre 2016, colpo di scena! Pare che il giovinastro fosse epilettico, una patologia che notoriamente rende insolitamente suscettibili alle fratture vertebrali. Il giallo si infittisce.

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia