Star Ocean: Second Evolution

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Nota disambigua.svg Oops! Forse cercavi l'anime tratto da questo videogiuoco?
Gruppo Star Ocean Second Evolution.jpg

Una parte del gruppo mentre assiste a un trip da ecstasy.

Quote rosso1.png Ma perché non l'ha più riparata? Quote rosso2.png

~ Chiunque sulla pistola di Claude.
Quote rosso1.png IL DIÀULO!!! Quote rosso2.png

~ Matteo Montesi su Lucifer.
Quote rosso1.png Meglio che prenda appunti: potrebbero tornarmi utili... Quote rosso2.png

~ Tetsuya Nomura vedendo i 10 uomini saggi.
Quote rosso1.png Vale anche per me; come se avessi delle idee originali... Quote rosso2.png

~ Mazashi Kishimoto sulla citazione precedente.

Star Ocean: Second Evolution è il secondo capitolo della fortunata serie fantasy-spaziale, anche stavolta fatto da cane per SNES e poi raffinato per PSP. Visto che il primo capitolo aveva venduto così bene, Gotada ebbe la brillante idea di non implementare nulla di nuovo e semplicemente di fare un bel copia-incolla cambiando solo ambientazione e qualche personaggio, e spacciando il tutto per un sequel.

Il prodotto è andato così bene che ci hanno pure fatto un anime e un seguito per cellulari delle dimensioni di tostapane, cose che però sono rimaste in mano ai gongolanti giapponesi senza che solcassero l'oceano Pacifico.

[modifica] Trama

Stop hand.png
Attenzione, da qui in poi questo articolo contiene spoiler.

Una volta avevo un criceto di nome George che lesse la trama di "Bianca e Bernie nella terra dei Borghezio" prima di vedere il film e si suicidò. Quindi fate attenzione, non voglio avere altre morti pelose sulla coscienza.

Spazio, data astrale 366 SD: la pace regna sovrana nella galassia, e gli eroi del precedente capitolo vengono ritenuti eroi per loro gesta nei confronti dell'ex colonnello della Guardia Imperiale Jie Revorse. Cosa migliore, si inizia con uno degli ex protagonista, Ronyx: potrebbe mai andare qualcosa di storto?

In questo clima di apparente figaggine interstellare, ecco arrivare il protagonista, pronto a rovinare tutto: Claude C. Kenny, figlio raccomandato del fiero comandante nonché adolescente bloccato in eterno nella fase fallica. Il biondino è in viaggio nello spazio profondo con suo padre alla ricerca di non si sa bene che obbiettivo, quando improvvisamente Claude scopre che la toilette della nave non funziona e che per espletare i suoi bisogni deve scendere a terra sul primo pianeta idoneo alla vita che passa[1]. Quando trova quello che sembra un orinatoio, Claude viene circondato da una strana polvere magica verdastra e sviene casualmente, ritrovandosi poi da solo sullo sperduto, verdeggiante nonché catastrofico mondo chiamato Expel. Qui Claude incontra un grazioso animaletto da compagnia dai capelli blu e le orecchie a punta di nome Rena, la quale lo scambia per un altro Claude e credendolo l'eroe di turno lo costringe a viaggiare in lungo e in largo per il suo piccolo e grazioso mondo con la missione di distruggere un artefatto alieno radioattivo proveniente direttamente da Chernobyl. Come d'obbligo in questi casi, durante il viaggio i due giovinetti incontrano casualmente una serie di persone disadattate con cui ricreare il gruppo di allegre scorribande del primo capitolo.

Organizzazione XIII ad un concerto.png

I tremendi 10 uomini saggi si manifestano in tutta la loro potenza. Un momento, ma non dovevano essere dieci?

Infine, dopo esorcismi presunti e non, scoperte di antiche rovine e decifrature di riviste dallo strano contenuto, il gruppo giunge davanti all'artefatto, il misterioso Globo stregato, rovina di tutti i geometri dato che nonostante tutti gli expelliani lo chiamino così, più che un globo è un meteorite con tanto di brufoli crateriali[2]; dopo aver fatto irruzione con il giocatore che pregusta già i titoli di coda, avviene un bel plot twist casuale senza che nessuno, nemmeno i produttori si aspettavano: a causare i disastri nel mondo non è il globo in se, ma un gruppo di 10 cazzari in tunica nera[3] che adora zompare di pianeta in pianeta per distruggerlo nel tentativo di raggiungere la loro base d'origine, e difatti, Expel è il prossimo pasto nella metafora di Galactus, visto che esplode portandosi via ore e ore di caratterizzazione dei villici locali.

Potrebbe anche essere finita così, ma sfortunatamente per tutti il gruppo sopravvive ritrovandosi sul pianeta-pila Energizer Nede, dove dopo una serie a catena di rivelazioni scioccanti e altamente questionabili, finalmente si passa al pestaggio finale del gruppo cattivo con tanto di effetti sonori alla Bud Spencer e Terence Hill. Dopo aver malmenato anche il cattivone finale, attraverso un non ben compreso ageggio che risiede nel cuore del pianeta, il capo di Energizer Nede riesce, dopo un monologo lungo quanto il finale di Metal Gear Solid 4 a ristrutturare totalmente Expel[4] sacrificando però la base nel processo, ma almeno facendo vivere il gruppo felice e contento, con tanto di Rena incinta nonostante abbia qualcosa come 14 anni. L'educazione è alla base della moralità di questo gioco.

Ah già, nel frattempo il padre di Claude, Ronyx, muore di una morte orrenda, ma purtroppo nessuno ha notato ciò.

OKAY.png
Spoiler.gif
La trama è finita, leggete in pace.


[modifica] Personaggi

[modifica] Protagonisti loro malgrado

Cosplay di Claude.jpeg

La galassia è nelle sue mani, gente: c'è da dormire fra quattro guanciali.

Claude C. Kenny

Il mozzarelloso protagonista giovinotto di primo pelo del caso, stavolta dalla capigliatura granacea e dalla dabenaggine molto elevata, il tutto nonostante suo padre sia uno dei protagonisti del capitolo precedente e Claude non faccia altro che lamentarsi di non voler essere paragonato a lui, quando invece sarebbe la cosa migliore viste le sue azioni; ma ovviamente il senso d'onore deve venire prima di tutto, e il giocatore deve sorbirsi un protagonista insicuro di se e che monologa fino all'infrangimento dei genitali del possessore della PSP.

Nonostante il padre dia a Claude una pistola di ultima generazione sullo stile di Devil May Cry, ovvero a colpi infiniti, la trama improvvisamente decide che il protagonista la debba usare un paio di volte e poi si esaurisca, costringendo il biondo a dover usare uno spadino smussato per tutto il resto del gioco. Perché si sa il protagonista deve avere sempre una spada[citazione necessaria].

Rena Lanford

Co-protagonista/schiavetta personale di Claude, questa puffetta innocente è specializzata nel farsi rapire e nel non saper fare nulla di concreto in battaglia; difatti anche se come arma usa dei guantoni da boxe, Rena ha la stessa potenza che avrebbe una pallina di carta tirata tra i banchi di scuola, e le sue magie curative non riescono neanche a riparare un graffiettino di 1 HP di danno. Da questo si intuisce che la bimbetta dai capelli cerueli viene generalmente scartata quando il gruppo diventa di 5 elementi o più, divenendo utile solo nelle cutscene.

Non solo è possibile che in uno dei finali Rena rimanga incinta, ma una delle rivelazioni finali sparate a caso la vedrebbe anche come ultima discendente di una razza di scienziati che volevano creare un Superman nediano; non si può proprio dire che la cosa sia riuscita...

Celine Jules

Novella maga dalla conoscenza profonda, dal prosperoso petto, dal lussurioso fondoschiena e dai simboli magici tatuati nell'interno-cosce, Celine viaggia alla ricerca di segreti, tesori nascosti e bodyguard con cui poter passare la notte. Primo personaggio abbordabile, quando Rena e Claude entrano nel suo raggio d'azione, Celine li adocchia immediatamente e con la scusa di cercare un tesoro li trascina subito in una caverna per tentare un menage a troi, ma sfortunatamente la presenza di un insetto rovina l'atmosfera, costringendo il gruppo a setacciare il posto in cerca di una copia della Bibbia del tredicesimo secolo.

Per tutto il resto del gioco, Celine non riuscirà a dare neanche un briciolo di contributo alla trama; quantomeno, nell'anime l'hanno resa ancora più prosperosa e più divertente grazie ai suoi ilari Thunderbolt a caso.

Ashton Ancors
Chibi Ashton.jpg

Ashton durante un qualunque combattimento.

Questo povero cacciatore incompreso da tutti è sostanzialmente un povero sfigato: per cominciare è orfano, senzatetto e con un passato tragico, cose che renderebbero Oliver Twist uno show per stand upper. Inoltre si procaccia da vivere uccidendo mostri dalle forme più orripilanti possibili, anche se per combattere è costretto a usare due coltelli usati di solito per spalmare la Nutella; come se tutto ciò non bastasse, durante l'unico suo giorno fortunato in cui può uccidere un drago a due teste che gli può fruttare un enorme bottino, Ashton viene distratto giusto un secondo da un rutto di Claude e compagnia, e in quel momento le due teste del drago gli si fissano alla schiena per sempre.[5]. Da quel momento in avanti, Ashton si unirà al gruppo di Claude con la scusa di voler trovare un rimedio, sebbene in realtà volesse solo un pasto caldo e un posto dove vivere la notte; grazie ai suoi ospiti parassitari diventa un personaggio sgravato oltre ogni misura ma che si mette a frignare e a fare scenette pucciose a ogni piè sospinto, e per giunta può sviluppare una modalità possessiva in cui le teste di drago hanno la brillante idea di staccare temporaneamente la corrente del cervello di Ashton per inserirsi al loro posto.

Ernest Raviede.jpg

L'affascinante Ernest mentre rivela i suoi legami con la famiglia Elric.

Opera Vectra ed Ernest Raviede

Tetragenisti e veri genitori di Tenshinhan grazie ai loro vistosi terzi occhi e alla leggera calvizie incipiente in entrambi, questa lunatica coppia di alieni cercatori di tesori è costituita da una milf armata di un cannone laser con munizioni infinite e da un affascinante hispanico con una frusta allungabile quanto vuole lui e piena di rose sbrirluccicose, esattamente come Kurama di Yu degli spettri. Nonostante entrambi usino una capiente nave spaziale per spostarsi, casualmente non possono portare Claude a casa in quanto devono prima salvare il mondo, svelare arcani misteri e bla bla bla; inoltre viaggiano separati senza incontrarsi prima della penultima parte della trama.

La cosa migliore è che nonostante su Expel non esistano persone con tre occhi, Opera ed Ernest non solo non vengono notati o etichettati come strani, ma vengano pure rigraziati per cose che non hanno fatto; l'unico momento in cui il razzismo avrebbe avuto un'esistenza logica...

Leon D.S. Gehste

Giovane scienziato pazzo felipoide, Leon[6] è un ragazzino vivace, pieno di se ed estremamente rompicoglioni; difatti la primissima, singola volta in cui si fa vedere, appare come l'Einstein della situazione, capace di inventare macchinari giganti e mirabolanti che nemmeno Cid si sognerebbe. Tuttavia Leon per il resto del gioco si rivela una vera e propria palla pelosa al piede, visto che grazie alla sua grande capacità di sfottimento passa metà del suo tempo a impersonare lo stereotipo della tsundere altezzosa e l'altra metà a frignare per non riuscire a uccidere mostri grandi come l'unghia del suo piede se non con una pioggia acida ottenuta dai fumi di scarico di porto Marghera.

Sporadicamente ricordandosi della sua presenza nel gruppo, ai giocatori pieni di domande intelligenti non verranno mai date spiegazioni sul fatto che nonostante i felipoidi non debbano esistere al di fuori del pianeta Roak del primo titolo, Leon sia presente e accettato normalmente. Mistero.

Dias Flac

Una sorta di fratello acquisito di Rena nonché oggetto di molte bestemmie, questo è il classico personaggio forte ma tenebroso, che potrebbe risolvere i problemi di tutti con cinque spadate ma che preferisce starsene da solo per espiare i sui peccati etc.[citazione necessaria] In teoria protettore numero 1 di Rena, ma di fatto vagabondo accattone dall'aspetto elfico, Dias finisce ovviamente in rivalità con Claude su chi si debba tenere l'animaletto puccioso, e a un certo punto scatta la scusa per un duello epico/mortale/squartante; tuttavia, la potenza del mozzarelloso protagonista è nulla in confronto a quella di Dias, ergo Claude viene agilmente tritato dall'avversario e successivamente rimesso insieme dalla forza pucciosa di Rena.

Dopo una sorta di missione solitaria in barca senza alcuna rilevanza, a Dias può girare la luna giusta e decidere di combattere assieme al gruppo, perdendo tuttavia quel briciolo di caratterizzazione che aveva avuto fino a quel momento e sparendo comunque dalla trama per sempre.

Bowman Jeane
Non è lupus.jpg

Il tappetino davanti alla porta di casa di Bowman: accogliente, vero?

Tipico dottore di campagna fancazzista e sottopagato a causa della crisi della malasanità generale e delle riforme di Tremonti e di Brunetta, Bowman in teoria dovrebbe occuparsi della raccolta di erbe e medicinali vari, ma in realtà spedisce a farlo sempre gli ignari avventurieri che gli capitano a tiro, come nel caso del gruppo di Claude. Ovviamente prendendosi poi tutto il merito e quindi conquistandosi le prosperose madri dei bambini che cura regolarmente; dura la vita del dottore a domicilio...

Una volta reclutato, la specialità di Bowman è tirare addosso al nemico vagonate di pellet esplosivi, e anche se qualcuno potrebbe chiedersi quale sia il fenomeno fisico che possa far detonare dei cilindretti di legno, la figaggine della cosa risponderà a tutte le domande da sé.

Precis F. Neumann

La bimbaminkia lolita del gruppo; questa giovane ragazzina discendente di Archimede passa le sue banali giornate a inventare oggetti sempre più inutili come robottini radiocomandati, pugni a razzo cartoonosi che escono da zaini e macchine del caffè che al posto dello zucchero usano il sale. Quando incappa nel gruppo di Claude la vena ninfomane di Precis scatta a razzo e da quel momento in avanti proverà a zompare addosso al biondino, finendo quasi sempre per prenderle da Rena.

Come per Bowman e Dias prima di lei, anche la caratterizzazione di Precis si dissolve con il vento dopo i 2/3 della trama, e peggio ancora, a differenza del suo design originale, nel remake la bimbetta viene ingrassata di almeno 40 kg in modo che sembri la versione femminile e miniaturizzata di John Goodman.

Noel Chandler

Professore nediano e parente stretto di Brock, questo nerd da allevamento passa le sue giornate a fare il naturalista e l'allevatore su tutto Energy Nede, divenendo il Bear Grylls della situazione; contattato da Claude e compagnia, Noel è costretto a unirsi alla scampagnata facendo utilizzare il suo psynard[7] per scarrozzare tutti da una parte all'altra del pianeta.

Sopravvissuto al finale, lo zoofilo deciderà di restare su Expel a studiare i colori delle api locali, giusto perché altrimenti non avrebbe avuto niente di interessante da fare; in compenso il poveretto è stato tagliato fuori dall'anime per evitare altrimenti denuncie per plagio dal signor Peters.

Libero fini chiappe.jpg

Lo scoop più recente di Chisato: un retroscena della sconcia politica di Enegy Nede.

Chisato Madison

Giornalista rompiballe alle dipendenze di Sandro Mayer, Chisato è una nediana instancabile, decisa e assolutamente egocentrica, visto che anche se il mondo sta letteralmente dividendosi, lei deve comunque girare il suo servizio di gossip sulle unghie dei piedi del capo in seconda dei 10 uomini saggi.

Dopo il salvataggio dalla distruzione ultima, Chisato ha deciso spontaneamente di non voler essere scritturata nell'anime ed invece ha deciso di cambiare nome in Dana Troy per sfigurare nella next-gen di Mass Effect 3.

Welch Vineyard

Yep, sempre lei, esattamente la stessa biondina del titolo precedente con le stesse mosse, lo stesso equipaggiamento, e la stessa aura da rompicazzo; l'unica cosa diversa che fa in questo titolo è contendersi Claude con Rena, Celine e Precis, dando il via a numerose manifestazioni di gelosia infantile tipiche da anime. Guardacaso però, Welch non ha voluto nemmeno lei essere scritturata per Star Ocean EX, e anche se non ha mai specificato perché, si sospetta sia a causa del non voler far apparire eccessivamente la sua tinta bionda in favore di quella lilla-pacchiano del quarto capitolo.

[modifica] I 10 uomini saggi

Zaphkiel
Wolverine incazzato.jpg

Zaphkiel dopo aver fatto un bagno. Purtroppo non è un amante dell'igiene...

Il più spompato del gruppo malvagio, e quindi anche il primo a cadere come un pirla; dall'aspetto di Wolverine e dotato di una classica spada gigante usata principalmente come simbolo di compensazione, Zaphkiel ha la brillante idea di sorprendere i protagonisti proprio nel loro momento di cazzeggio più totale, ovvero in una versione nediana di Disneyland.

Peccato solo che venga sorpreso da un fendente stiloso di Claude e muoia senza un minimo di gloria e senza un minimo di adamantio nelle ossa.

Jophiel

Robottone chiassoso alimentato prevedibilmente con Windows Vista, il che spiega la sua tendenza a sparare a oggetti casuali invece che sul bersaglio; inoltre, questo esponente degli uomini saggi soffre tremendamente della sindrome di Caps Lock, cosa che lo fa urlare anche solo per chiedere a un altro uomo saggio di passargli il sale a tavola.

Grazie al suo avanzatissimo sistema interno, per Jophiel sono serviti ben due colpi anziché uno per stenderlo; una vera forza della meccanica, ancora meglio di Bender.

Metatron

Fabbricato basandosi su una scatoletta Simmenthal, questo uomo saggio passa metà del suo tempo a vantarsi di quanto ce l'abbia duro[8], e l'altra metà a crocchiare di botte qualcuno, in genere il gruppo di Claude. L'unica sua altra particolarità è il mento, di dimensioni tali da far rabbrividire perfino Bruce Campbell.

Multi.jpg

Foto di repertorio di Zadkiel di quando andava all'asilo: un amore.

Zadkiel e Raphael

Il primo è il classico smilzo mezzo effemminato mezzo emo che non manca mai in nessun gruppo malvagio, mentre il secondo è l'incappucciato misterioso che non parla mai; entrambi però hanno in comune il fatto di essere gli anonimi senza caratterizzazione tra tutti i dieci cattivoni, quindi affrontarli fa ottenere come unico effetto al giocatore di domandarsi come questi siano entrati nel gruppo.

Zadkiel in compenso è divenuto progenitore di tutta quella schiera di personaggi femminili dalle orecchie robotiche dalle forme più strane presenti in Sora no Otoshimono, Chobits e nel gruppo Vocaloid.

Camael

Se Zaphkiel era la copia di Wolverine, questo uomo saggio è l'esatto gemello di Ciclope, anche se con una leggerissima differenza d'età di qualcosa come 26.724 anni; nonostante ciò, Camael è un gran ficcanaso, e adora sapere vita, morte e miracoli di qualunque essere possa catturare la sua attenzione. Da questo si capisce la quantità industriale di giornaletti di gossip presenti in camera sua, unita al fatto che il suo visore non serva proprio a sparare laser...

A causa dell'età però, il povero Camael non può esercitare troppo le sue attività da tombeur de femmes, e la frustrazione per ciò lo rendono uno dei più sgravati tra gli uomini saggi.

Michael

Lontano parente della torcia umana. Molto lontano. Ad ogni modo, Michael dopo aver incendiato qualcosa come ottanta completi ha capito che non è cosa buona rimanere in mutante o peggio davanti a un nemico, pertanto come abbellimento ha iniziato a darsi fuoco solamente alla testa[9], e così gli altri uomini saggi hanno iniziato a stargli un po' più vicino. Solo un po' però.

Haniel
Haniel.png

Quanta virilità, quasi ai livelli di Magnum P.I..

Ex-cantante glammer, quest'uomo saggio di mezza età e dai baffoni a spazzola da far invidia a Stalin usa ancora la tinta di color viola per la sua peluria corporea, cosa che lo rende una pessima scelta come compagno di Michael; non di rado infatti il povero Haniel si è acceso come un cerino a causa della calda vicinanza con l'altro uomo saggio.

In uno di questi incidenti, il violaceo baffone ha perso un orecchio, ma la sua prontezza gli ha consentito di rimpiazzarlo con uno scouter di Dragon Ball Z, dandogli anche un po' più di figaggine.

Lucifer

Il demonio in persona, incarnato nel corpo di uno smilzo dai capelli bianco/celesti in stile Sephiroth; in teoria spalla del capo dei cattivi, questo uomo saggio in realtà è incredibilmente malvagio e mira a diventare il gestore di tutta la baracca dell'universo, anziché volerla distruggere. Non si sa se è più incredibile il fatto che sia l'unico tra gli uomini saggi ad essere effettivamente saggio o se siano gli altri membri così stupidi da non aver capito che con un nome del genere, da questa persona non si poteva aspettare diversamente.

Attualmente Lucifer vive di rendita su Youtube, piazzando oggetti di vario genere per i video di Matteo Montesi in modo che ottenga più audience, il tutto per un misero 10% sui guadagni[10].

Gabriel

Versione rossiccia di Xemnas, è il capo degli uomini saggi, ma sorprendentemente è anche il più stupido di tutti: in origine infatti, Gabriel era un brilliante scienziato che aveva progettato gli altri nediani per utilizzarli come operatori ecologici, quando nel momento cruciale, Gabriel scoprì sua figlia Philia intenta a vedere uno spettacolo televisivo immondo. Sconvolto dalla cosa, il fulvo dottore decise di diventare egli stesso parte della sua creazione e di giurare eterna distruzione al resto della galassia.

Anche se non si è ancora capito bene come, è possibile far sì che Gabriel moderi i toni d'incazzatura nella battaglia finale contro di lui; il segreto alcuni dicono risieda nel far notare all'uomo saggio o meno che si sia tinto i capelli, anche se altri pensano invece possa essere legato al peperoncino calabrese trovabile facilmente dai nediani.

[modifica] Pianetuncoli

Milokeenia

Pianetino anonimo iniziale di cui a nessuno importa; esattamente come Fargett del titolo precedente, anche Milokeenia non ha uno straccio di vita, uno straccio di architettura e uno straccio di rilevanza nella trama, tanto più che non viene mai più nominato per tutto il resto della saga.

Expel

Il sassolino verdeggiante su cui si svolge metà dell'azione: nonostante i suoi abitanti siano palesemente umani, il gioco non ha mai la cortesia di spiegare perché o come sia potuta accadere una cosa del genere nel ramo evolutivo. Come per Roak del titolo precedente, anche Expel ha le sue 3-4 isolotte appiccicate una vicino all'altra, ma come innovazione, in questo capitolo viene introdotto un ecopass per potersi spostare, tesserino che ovviamente per essere ottenuto dovrà richiedere il completamento di qualche quest assurda.

Energy Nede

Campana gigante di vetro creata su progettazione di don Camillo in persona, possiede una tecnologia così potente, così progredita e così utile alla sua popolazione da averla quasi sterminata tutta con la solita scusa/cliché che gli scienziati volevano essere Dio e bla bla bla. Niente di nuovo dunque, ma almeno a differenza di Expel, questo poligono trasparente ha un parco divertimenti al suo interno per cazzeggiare in attesa che i cattivi conquistino l'universo.

La cosa migliore è che esiste un pianeta gemello di questo, comparso nel quarto capitolo, ed è tenuto così segreto che nemmeno i produttori ne sospettavano l'esistenza.

[modifica] Spazi correlati

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Purtroppo gli Autogrill erano ancora in fase di brevetto in quel periodo.
  2. ^ Poteva andare peggio: nell'anime è addirittura una torre che non ha nulla di sferico.
  3. ^ Esattamente le stesse tuniche nere di tutti i gruppi cattivi; le sartorie del mondo del male costano parecchio.
  4. ^ Avrebbero dovuto chiamarlo a questo punto per finire la Sagrada Famiglia.
  5. ^ Niente domande su come facciano a respirare o dove vada a finire la roba che mangiano, non esiste una risposta decente.
  6. ^ Non quello di Luc Besson.
  7. ^ Un incrocio fra l'Ultima Weapon e Giratina.
  8. ^ Il rivestimento, mica è vestito di verde.
  9. ^ Ghost Rider e Dormammu hanno già iniziato le pratiche per la causa.
  10. ^ Ed è già tanto se con i video di Youtube ci si ricava qualcosa...
Strumenti personali
wikia