Sculettamento

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Sculettamento.gif

Ottimo esempio di classico sculettamento.

Sculettamento, scientificamente detto moto-natica, è un processo dinamico a carico del culo eseguito allo scopo di fare intendere un'offerta del medesimo. Fanno eccezione gli sculettamenti dovuti alle emorroidi, fatti per evitare il dolorosissimo attrito apocalittico con le mutande.

[modifica] Esecuzione

Corsa a gambe aperte.gif

Particolare variante giapponese.

Eseguire un buon sculettamento non è cosa da tutti, inoltre il fatto che molti aspetti di esso siano ancora controversi non aiuta. Ad esempio, è materia di acceso dibattito se all'inizio dello sculettamento bisogna spostare il culo prima ad Est o ad Ovest, quale velocità adottare durante il movimento e la lunghezza delle oscillazioni delle natiche.
Ma queste sono questioni da specialisti. Quello che interessa a gente come te sono i semplici elementi fondamentali che vanno sempre rispettati, ovvero:

  1. Avere un bel culo sodo e invitante, possibilmente a mandolino, non guasta mai.
  2. La presenza di colui al quale esso vuole essere offerto.
  3. Un foglio di carta vetrata posto fra le chiappe: al fine di evitare le abrasioni ne deriva un movimento ondeggiante simile al rullio delle navi.
  4. Non emettere peti, possono causare un effetto nefasto che vede l'aria compressa squilibrare lo sculettante provocando rovinose cadute, senza contare l'impatto negativo sull'efficacia attrattiva del culo.

[modifica] Cenni storici

Ragazza sculetta giocando a bowling.gif

Può essere una strategia vincente anche nello sport.

La motonatica ha le sue origini nella notte dei tempi. La stessa Bibbia afferma che Eva si diresse verso l'albero proibito sculettando e che, a causa di ciò, sia riuscita a cogliere la mela solo dopo ripetuti assalti sessuali da parte di Adamo.
Gli antichi scozzesi usavano questa pratica in guerra, per scoraggiare il nemico. Dinanzi ad esso le fanterie scozzesi si sollevavano il kilt e sculettavano a culo nudo emettendo peti sincroni.
Diversi papiri egizi raccontano che l'esercito di Ramset IV sculettasse di fronte agli Ittiti per esorcizzare i demoni che, secondo loro, proteggevano questi nemici ed infondevano loro forza sodomizzandoli. Poiché Ramset IV vinse quella terribile battaglia, fu detto che i culi egiziani erano piaciuti ai demoni più di quelli Ittiti.
Giulio Cesare, dicono le cronache del tempo, attraversava sempre il campo romano sculettando, forse per attirare legionari nella sua tenda; si dice fosse abilissimo poiché era stato istruito allo sculettamento dalla regina Cleopatra.
Falsa invece risulta la notizia secondo la quale un abilissimo sculettatore fosse Papa Callisto IV; studi storici rigorosi hanno dimostrato che in quel caso specifico lo sculettamento era dovuto alla sofferenza dei calli ai piedi, per cui detto Papa camminava in modo anomalo provocando involontariamente l'ondeggiamento del culo.
Nella Chiesa, alcuni decenni or sono, vi fu una durissima diatriba a proposito dell'uso del vestito invece della tonaca. Alcuni cardinali sostennero che l'uso della tonaca fu imposto ai religiosi al fine di mascherare lo sculettamento e le eventuali erezioni. Ma, alla fine, la Chiesa dovette cedere alla modernità, anche perché era notevolmente aumentato il numero dei ricchioni tra i religiosi e questi pretesero libertà di sculettamento.

[modifica] Scienza

Si deve a Galileo Galilei la definizione dello sculettamento sotto forma di legge scientifica. La leggenda dice che egli trovò le leggi del pendolo osservando le oscillazioni di un candelabro nel duomo di Pisa. Ricerche accurate hanno oggi accertato che in detta chiesa non vi erano caldelabri sospesi e autorevoli studiosi avanzano l'ipotesi che, probabilmente, le osservazioni sulla regolarità delle oscillazioni avvennero fuori la chiesa dove stazionavano diverse abilissime troie e che una di queste, detta Culoabocca, avesse suggerito allo scienziato fiorentino le leggi del pendolo.

[modifica] Calcolo delle oscillazioni secondo la legge di Eulero

Ragazza sodomizzata da un nero.jpg

L'agognato risultato.

Il grande matematico svizzero Leonard Eulero elaborò una legge mediante la quale è possibile calcolare tempi ed ampiezze degli sculettamenti. Stabilita la massa culare e divisa per due (massa di una singola natica), l'ampiezza dello sculettamento è data dalla derivata quarta dell'altezza dello sculettante per detta massa elevata alla potenza ennesima dell'esponenziale turco per la derivata frazionaria della dilatazione anale.

La legge di Eulero consente anche di stabilire i limiti dello sculettamento: siccome esso è funzione diretta della massa culare, è evidente che sono esclusi quei culi la cui massa dà un derivata quarta negativa.

[modifica] Medicina

Molti ortopedici sostengono che lo sculettamento sia responsabile di moltissime fratture dell'anca per il fatto che spostando il baricentro del culo si provocano sollecitazioni che indeboliscono le ossa del bacino.

[modifica] Aspetti legislativi

Molti insigni giuristi si sono domandati se la violenza carnale praticata nell'ano della vittima possa trovare una valida attenuante nello sculettamento della stessa. Il Prof. Minchiante, massimo esperto di violenza carnale, afferma che: lo sculettante, al di là di ogni leggittimo dubbio, di fatto e di diritto autorizza la penetrazione di colui al quale lo sculettamento è rivolto. A tale parere si conforma la giurispridenza corrente che, il più delle volte, assolve l'inculante per legittima difesa.

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia