Sandro Piccinini

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Sandro piccinini

Sandro Piccinini pensa che adottare una posa meditativa farà di lui un giornalista intelligente.

NonCitazLogo
NonCitazioni contiene deliri e idiozie (forse) detti da o su Sandro Piccinini.


Quote rosso1 Numero! Quote rosso2

~ Sandro Piccinini su passaggio al portiere
Quote rosso1 Brivido! Quote rosso2

~ Sandro Piccinini in Antartide

Sandro Piccinini (pseudonimo di Nino Picci, per gli amici Piccinino) è un telecronista italiano di origini mediaset-milaniane.

[modifica] Identikit

È l'esponente di punta di quella gabbia di matti conosciuta come redazione sportiva Mediaset, setta di fanatici del Berlusconesimo della quale fa parte anche il comico Guido Meda. Oltre che per aver condotto trasmissioni calcistiche di successo come "Guida al campionato" e "Controcampo", la sua popolarità è principalmente dovuta alle adrenaliniche telecronache: come dichiarato dal suo figlioccio Fabio Caressa, Piccinini ha rivoluzionato il telecronismo, professione un tempo preclusa agli ultrà.

[modifica] Caratteristiche della telecronaca piccininiana

Prima di tutto bisogna dimenticarsi la compostezza del collega/rivale Bruno Longhi, come pure l'eleganza efebica del buon Alberto Brandi. Fatto questo si può entrare nel clima-partita creato da Piccinini.

Piccini guarda la partita rigorosamente dopo quarantasei ore di privazione del sonno, condite da abbondanti dosi di stimolanti, per cui ogni volta che avviene qualcosa di estremamente comune (uno stop, un controllo di palla, un passaggio, un getto di muco a narice tappata) non può che definirlo "'ccezionale".

Ogni cross, corner, tiro in porta, fallo laterale o rinvio del portiere prende il nome di "sciabolata morbida" o "sciabolata tesa". Negli ultimi minuti di partita, nonostante il risultato sia di 14 a 0 per una squadra, ogni passaggio, cross o peto dei giocatori diventa una "sciabolata disperata", rigorosamente durante un "arrembaggio finale" Altro modello è la "sciabolata classica", un lancio che effettua un difensore centrale (generalmente Bonucci) per impostare l'azione.
Infine, nel caso in cui un cambio di fronte assuma un leggero effetto a rientrare, questo prende il nome di "sciabolata avvolgente". Recentemente ha nominato Re delle sciabolate morbide David Beckham.

Un altro vocabolo allusivo è mucchio, inteso come bestiale affollamento in area di rigore. Da questo termine discendono altre varianti care al Piccinini, come "mucchio selvaggio", "mischia furibonda", "ammucchiata" o l'inquietante "mucchio selvaggio con trenino".

Ogni volta che un giocatore tenta il tiro in porta Piccinini esclama "Prova/rischia lui!", "Prova la gran botta!" o, in alternativa, una serie di urla incoerenti. Chi lo conosce però sa bene che il gol non arriverà, perché, come "ambasciator non porta pena", "Prova lui!" non porta gol, ma solo un "Non va!"
In ogni caso, qualsiasi tiro diretto verso la porta, qualunque sia la traiettoria seguita dal pallone nella sua corsa (dritta, arcuata, sbilenca, scalena) e qualunque sia il piede con il quale viene effettuato, verrà immancabilmente definito con l'urlo "Destro secco!"
Similmente, anche un tap-in a due centimetri dalla linea di porta non potrà che essere una "gran botta" o un "siluro".

Piccinini grida "Pericolo!" anche quando il portiere batte una rimessa dal fondo o viene battuto un fallo laterale sulla linea di centrocampo, facendo morire a ogni partita numerosi telespettatori cardiopatici per via del suo urlo isterico e improvviso.
Dello stesso filone è "Brivido!", urlato dopo ogni tiro, cross, calcio d'angolo e di punizione, anche se il pallone finisce in tribuna. Sospettiamo che i suoi "brividi" siano messaggi in codice per avere un caffè caldo durante la partita. In quest'ultimo caso Piccinini esclama in modo eccitato: "Minispot!", "Spot per noi!" e qualche volta perfino "Nando Sanvito per noi!"


Strumenti personali
wikia