Salvador Dalí

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Giovanni muciaccia
Questo articolo è frutto di un attacco d'arte!

Giovanni Muciaccia e Neil, il grande artista raccomandano di munirsi di abbondante colla vinilica, anime dei rotoli della carta igienica e, soprattutto, di non dimenticarsi le forbici dalla punta arrotondata prima di intraprenderne la lettura... ffatto?

Neil il grande artista
Salvador Dalì gatto

Salvador Dalí si prepara a pippare un buon gatto, per trovare nuove ispirazioni.

Quote rosso1 La sola differenza tra me e un uomo pazzo è che io giro indisturbato e guadagno miliardi. Quote rosso2

~ Salvador Dalí su se stesso
Quote rosso1 Non comprate i quadri contemporanei, fateveli! Quote rosso2

~ Il Dalí
Quote rosso1 Non comprate i quadri contemporanei, fateveli... Fatto? Quote rosso2


Salvador Dalí (nome completo, Salvador Domingo Giacinto Gualtiero Pampero Dalí Aquì, marchese del pube) è stato un pittore, scultore, scrittore, cineasta, designer, madonnaro, graffitaro, testimonial della chupa chups, talent scout, e perché no, anche architetto, imbianchino e pescivendolo spagnolo.

[modifica] La vita

[modifica] Le origini

Salvador Dalì Sogno-Causato-Dal-Volo-Di-Un-Boing747

Sogno causato dal volo di un Boeing 747, 1747, Museo del Prato, Prato.

Salvador Dalí nacque in Spagnogallo a Fregneres nei primi del '900. Sulle modalità della sua nascita nessuno è pienamente certo, in quanto vi sono delle teorie discordanti: c'è chi afferma sia nato da genitori umani, e chi afferma che in realtà non sia altro che una creatura uscita da un quadro surrealista, dipinto proprio dal suo miglior amico e collega Pablo Picasso, e dotato in seguito di vita autonoma grazie a un incantesimo del mago Silvan. Ad ogni modo, suo padre (naturale o adottivo che fosse) era un orologiaio, e ciò spiegherebbe la mania del Dalí di dipingere orologi. Inoltre per questo motivo acquisì una terribile fissazione nervosa: ogni qualvolta sentiva una sveglia o un orologio suonare, cominciava a martellarsi le palle con un pendolo contundente. A 14 anni partecipò a una mostra di artisti locali gareggiando con il suo quadro olio extravergine su tela intitolato autoritratto a luce spenta. Il quadro piacque moltissimo alla giuria presieduta da artisti non vedenti. Fu così che il giovane Salvador sfondò nel mondo dell'arte, sfondando anche tre quadri, una scultura e la sua testa durante uno scivolone su una buccia di banana. Poi cominciò, da buon pervertito, a dipingere quadri aventi come oggetto sua sorella, che spiava dal buco della serratura mentre si faceva la doccia.

[modifica] La carriera

Salvador Dalì fiori

Il Dalì nel suo periodo hippy. Notare i bellissimi baffi in fiore.

Suo padre, una volta capite le attitudini artistiche del figlio, lo iscrisse all'accademia delle orrende arti di Madrid, dove conobbe grandi artisti della sua epoca, come Federico García Lorca (con il quale probabilmente ebbe una relazione gay) e Neil Buchanan (geloso di questa loro relazione). Nell'accademia passò un periodo hippy, che fece molto bene alla sua carriera di artista: iniziando a fumare marijuana, a darsi all'alcool e a pippare gatti, la sua mente si espanse fino a superare il limite della conoscenza umana e a entrare nel periodo del surrealismo, o della pazzia e schizofrenia più profonda, come preferite. Durante i suoi numerosi trip dovuti a quantità esacerbate di stupefacenti, egli vedeva soggetti assurdi in situazioni ancora più assurde: pinguini volanti, donne di legno, persone deframmentate, orologi sciolti, cavalli che si fanno preti, preti che si fanno cavalli, colline di sterco, Riccardino Fuffolo, e perfino pinguini di legno deframmentati che si fanno le suore e i cavalli su colline di Riccardino Fuffolo. Solitamente, dopo ogni allucinazione, vagava per le strade della città immortalando sui marciapiedi le sue visioni in stile madonnaro, per racimolare qualche spicciolo così da pagarsi gli studi, ma finì per essere arrestato per aver imbrattato il suolo pubblico. Fu così processato e spedito in un carcere italiano di massima sicurezza, l'asilo di Rignano Flaminio, dove scontò 10 anni, e successivamente condannato a 5 anni di servizi asociali, come assistente alla monta dei tori. Nel 1900 e qualcosa in più (volendo essere precisi), ormai libero, tornò a Parigi, dove incontrò e strinse amicizia con Pablo Picasso. Quest'ultimo lo trascinò in un night club, dove vedendo spogliarelliste generose ballare sul cubo, si interessò anche al cubismo. Cominciò così la sua carriera di vero artista: dipinse 2534 quadri, dandogli titoli dalla lunghezza improponibile, che non avevano niente da invidiare a un intero cantico della Divina Commedia. Qualcuno lo accusò di essere pazzo, ma lui prontamente si difese dicendo «Io non sono pazzo, i miei quadri sono pazzi. E comunque adesso vado a dire all'orsetto rosa che vive nel mio armadio che mi prendete in giro!». Divenuto un punto di riferimento per tutti i drogati surrealisti, si trasferì negli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale. Lì su commissione di Willy Wonka realizzò il logo della chupa chups; fu pagato con 100 lecca-lecca, 50 scatole di caramelle gommose e varie stecche di liquirizia. Successivamente tornò in Spagna dove il re gli concesse il titolo di marchese del pube.

[modifica] La vera ispirazione

Gioconda Dalì

Questi egocentrici...

Non tutti sanno però che alla vera ispirazione artistica del Dalí contribuì molto la sua relazione con il transessuale Amanda Lear, anch'egli coinvolto nel mondo dell'arte (sempre che si consideri passare la vita a farsi smontare e rimontare in un centro di chirurgia estetica un arte). Salvador vedeva in Amanda un vero e proprio capolavoro surrealistico vivente, soprattutto per le labbra 3 volte più grandi del suo stesso corpo. Fu lei (o lui) a ispirare profondamente Dalí, il quale le dedicò anche un quadro inedito mai pubblicato. Purtroppo Salvador Dalí morì a causa di un incidente provocato proprio da Amanda: questa tentò di baciarlo, ma il peso eccessivo delle labbra finì per schiacciare il poveretto provocandone la morte per asfissia.

[modifica] Le opere

[modifica] Olio extravergine d'oliva su tela

  • Paesaggio vicino Fregneres
  • Interno olandese
  • Fumo nel coffee shop olandese
  • Autoritratto nello studio
  • Autoritratto a studio aperto
  • Autoritratto con collo di Raffaello
  • Autoritratto con collo spezzato
  • Autoritratto mentro vengo investito da un tir (ma come avrà fatto?)
  • Ritratto di mio padre
  • Ritratto di mio padre durante un infarto
  • Ritratto di mio padre all'obitorio
  • Autoritratto cubista
  • Il bambino malato
  • Il bambino morto

[modifica] Cera lacca su tela

  • La persistenza della memoria
  • Orologi
  • Orologioni
  • Orologini
  • Troppi orologi
  • Orologi tarocchi
  • Un orologio al giorno toglie il medico di torno
  • Toglietemi tutto ma non il mio Braille
  • Orologi D&G

[modifica] Sperma su tela

Simpsons dali

La persistenza dei Simpson (1945), Museo d'Elprado di Celta Vigo Vibo Valencia Valenzia.

  • Ritratto di mia sorella e figura picassiana contrapposta
  • Ritratto di mia sorella nuda sotto la doccia
  • Ritratto di mia sorella con una zucchina
  • Ritratto di ritratto
  • Autoritratto mentre mi ritraggo
  • Autoritratto mentre mi ritraggo mentre mi ritraggo
  • Il grande masturbatore
  • Il grande masturbatore ora è cieco

[modifica] Starnuto su tela

  • Ragazza alla finestra
  • Ragazza sotto la finestra
  • Ragazza sotto di me
  • Ancora autoritratto
  • Di nuovo autoritratto
  • Tanto per cambiare autoritratto
  • Rocco barocco
  • L'ultima cena (ho chiesto il permesso a Gesù)

[modifica] Opere per forza realizzate dopo aver aspirato benzina

  • Burocrate medio atmosferocefalo munge un'arpa cranica
  • Morbida costruzione con fagioli bolliti: premonizione di Guerra Civile (poi l'opera scomparì a causa di Bud Spencer che si mangiò i fagioli e anche la guerra civile)
  • Donna-cavallo paranoica
  • Uomo-cavallo superdotato (ispirandosi a John Holmes)
  • Dioniso sputa l'immagine completa di Cadaqués sulla punta della lingua di una donna a tre ripiani
  • Totti sputa l'immagine completa di Poulsen durante gli europei
  • Sogno causato dal volo di un'ape intorno a una melagrana un attimo prima del risveglio
  • Sogno causato da un tiro di coca un attimo prima dell'infarto
  • Esplosione della fede mistica nel mezzo di una cattedrale
  • Esplosione della cattedrale nel mezzo a un gruppo di terroristi islamici
  • A proposito del Discorso sulla forma cubica di Juan de Herrera
  • A proposito del Discorso sulla forma fallica di Tinto Brass

[modifica] Galleria Fotografica

Orologio

La persistenza della memoria - Il quadro più famoso del Dalí. Secondo un'analisi Freudiana il dipinto esprime la più profonda rabbia dell'autore. Appena uscito da una orologeria con il suo rolex d'oro nuovo di zecca da 20000 euro, accidentalmente quest'ultimo gli scivolò dalla tasca e finisce sotto a un autobus. Il risultato dopo tante bestemmie è ciò che vedete nel quadro.


Quadro strano

Rocco Barocco reverse - Per realizzare l'opera l'artista fu ispirato da Rocco Siffredi, che qui è stato rappresentato con parti inverse, secondo la tecnica della scomposizione.


Labbrone

Il quadro inedito che Dalí dedico ad Amanda Lear, oggi esposto al British Fetish Scrotish Museum. Notare che pur utilizzando uno stile surrealista, l'opera è più vicina alla realtà della realtà stessa.


Salvador Dalì cervello

Una foto di Salvador Dalí mentre tenta di infondere la conoscenza nel cervello di Amanda Lear, ovviamente senza riuscirci.


Salvador Dalì con pollo
Salvador Dalí in compagnia di Mike il pollo.


Salvador Dalì religioso

Il Dalí in trans mistica, dopo una bella striscia.


Salvador Dalì letto

Salvador Dalí in una tipica posa maschia e virile.<<Vieni qui bel bocconcino!>>.


Salvador Dalì

Salvador Dalí nella sua posa più ispirata, seduto sul water.


[modifica] Voci correlate ma neanche più di tanto


StellaWoSArticoli

Questo articolo è entrato nella
Walk of Shame Articoli
in data 25 agosto 2009
con 10 voti a favore su 10.

Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo