Saint Seiya: Next Dimension

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...


Homer.jpg
Ebbene sì. L'autore di questo articolo dichiara ufficialmente:
Quote rosso1.png Non ce l'ho fatta! Quote rosso2.png

Quote rosso1.png È impossibile trovare qualcosa da dire su Saint Seiya: Next Dimension che sia più demenziale della realtà stessa. Parlarne normalmente genera così tante idiozie da mettere in crisi le fondamenta stesse di Nonciclopedia. Quote rosso2.png

L'autore si scusa e rimane disponibile per chiunque volesse punirlo con il supplizio dello sparticulo.
Saint Seiya Next Dimension.jpg

L'ideona.

Saint Seiya: Next Dimension è un manga con cui gli autori de I Cavalieri dello Zodiaco cercano di spremere ancora di più la loro gallina dalle uova d'oro.

[modifica] L'inizio

Era un luminoso pomeriggio d'aprile. Il Maestro Kurumada[1] riposava nel suo letto a baldacchino stile Luigi XIII, sapientemente accostato ad un capitello corinzio quale comodino[2]. Su di esso, un cellulare D&G aveva appena cominciato a squillare, turbando il sonno del venerabile...

- Masami Kurumada: “ (voce assonnata) Pronto?”
- Assistente: “Kurumada Sensei? Sono Toshiro, il suo assistente! La chiamavo per...”
- MK: “Senti un po' Michiro, ma lo sai che ore sono? Stavo dormendo!”
- T: “S-sono le 16.30 Sensei, mi perdoni! Non credevo di disturbare!”
- MK: “Credevi male. Che vuoi, Mashiro?”
- T: “S-sarebbe Toshiro, comunque... Volevo comunicarle le recensioni del Meikai-Hen, sono pessime. L'anime è un fiasco ancor prima di uscire. Forse se si scusasse con il precedente regista per avergli dato del porco incestuoso tornerebbe a dirigere almeno l'Elisio...”
- MK: “Stai scherzando? Quel porco incestuoso ha urtato la mia sensibilità... E poi abbiamo i videogiochi, il nuovo film, i modellini... Tranquillo, Mizuiro.”
- T: “Toshiro. Anche quelli si sono rivelati un flop maestro, sono tutti in perdita...”
- MK: “Anche i modellini? Quelli mi sembravano belli, gli otaku impazziscono...”
- T: “In effetti con quelli sarebbe andato in pari, se non avesse speso tutti i soldi delle royalties per la ricostruzione del primo combattimento di Ring Ni Kakero in marmo nero e avorio... Sensei, lei rischia la bancarotta! Cosa intende fare?”
- MK: “Mmmhhhh...”

[modifica] La Storia Continua

Stop hand.png
Attenzione, da qui in poi questo articolo contiene spoiler.

Ti ricordi quella volta che per sbaglio hai toccato la vagina a tua madre? Ecco, se continui a leggere te ne pentirai allo stesso modo.

Ade.jpg

Il Dio mentre si rilassa.

Ebbene sì! I Cavalieri dello Zodiaco sono tornati, e ora lottano contro la diversità! Segui le nuove avventure di Seiya il paraplegico, Shun il frocio e Ikki il negro... Ah, non è negro? Comunque, andiamo con ordine.

La nostra storia riprende dall'ultimo combattimento con AIDS, per essere precisi nel momento in cui il Dio si sta divertendo a maciullare i nostri eroi garbatamente, ma con fermezza[3].

Al momento decisivo, cioè prima di staccare la testa a Seiya per la gioia di tutti noi, il Re degli Inferi ha un flashback che lo riporta a quando era un dolce ragazzino di nome Aron, circa 250 anni prima[4]...

[modifica] La nuova, vecchia storia

Poiché il Maestro non ha voglia di fare un cazzo, questa parte sarà un leggero plagio del Lost Canvas, ma voi fate finta di niente.

La scena si sposta su due Cavalieri d'Oro (appena nominati tali in virtù del concorso "Gratta una mucca e scopri se hai vinto"): Dohko e Sion[5]. I due, rispettivamente Cavalieri della Bilancia e dell'Ariete, sono la prova che Kurumada non riesce a lavorare se i personaggi principali non sono dei cazzoni[6]. Infatti, se nel manga originale erano raffigurati come maestri saggi e venerabili, qui Dohko è identico a Seiya, solo più brutto e capellone, tant'è che, come l'odioso Cavaliere di Bronzo, parte alla carica senza ragionare. Più precisamente decide di andare ad uccidere il ragazzo in cui sta per incarnarsi Ade, facendo una figura di merda in quanto il bambino è più forte di lui, possessione o non possessione. Vista la scena pietosa Aron, il futuro Dio della Morte, si intenerisce e decide di curare il malcapitato e scusarsi per avere esagerato. Sion, nascosto fino a quel momento, decide di far fuori il moccioso mentre non guarda.

Tutto sembra perduto per il piccino, quand'ecco arrivare il suo unico amico, Tenma, a salvarlo e a portarlo in un posto sicuro in sella a Pegaso[7].

Ora, se non siete del tutto idioti, avrete capito che Tenma (stesso nome del Cavaliere di Pegasus nel Canvas[8]), a cavallo di Pegaso, non può essere altri che il Cavaliere di Pegasus di quest'epoca e, come tale, sarà un coglione di proporzioni bibliche, infatti, non solo lascia l'armatura ai piedi dei due Cavalieri d'Oro[9], ma consegna Aron praticamente nelle mani di Ade, per poi venire asfaltato dai suoi soldati più scarsi. Un attimo prima di morire, viene salvato a sorpresa[10] da Sion e Dohko (agiscono per ribadire la gravità della situazione) e, insieme a loro, parte alla volta dell'ennesima figura di merda.

Clash of the titans - Saint Seiya Next Dimension.png

Speravate avesse smesso di fare vaccate per soldi...

Verranno cioè sodomizzati dai cazzutissimi giudici del Grifone e di Garuda, che li lasceranno moribondi sul prato in attesa di essere finiti da qualche scarto dell'esercito di AIDS.

Proprio quando uno spettro ghignante sta per ucciderli, indovinate da chi vengono salvati? Esatto! Dal pony![11]

Tornati al Grande Tempio, vengono bonariamente redarguiti dai Cavalieri del Toro e del Capricorno e invitati a non fare più figure del genere. Nel frattempo il Cavaliere della Vergine sente la presenza della Dea Atena.

[modifica] Ritorno al presente

Tornati ai giorni nostri scopriamo che Seiya non è morto a causa della spada di AIDS (ancora infilzata nel suo petto, a quanto pare). È solo in coma sulla sedia a rotelle. Purtroppo la Lega Nord sta per fare approvare (roba di tre giorni al massimo) un decreto per il quale paraplegici, baluba e terroni sono da considerare a tutti gli effetti selvaggina.

Atena decide allora di tornare indietro nel tempo per distruggere la spada prima che colpisca il suo amato[12]. Per fare ciò deve recarsi da Artemide, sua sorella, sul Monte Olimpo. Come fa a sapere che Artemide controlla il tempo? Intuito femminile.

Una volta che il suo amato, e schifosamente raccomandato, Seiya è impossibilitato ad accompagnarla, chi porterà con sé la Dea in questa rischiosa missione? Quel caino russo di Hyoga? Quel cazzuto cinese immortale di Shiryu? Quell'ancor più cazzuto (e ancor più immortale) giapponesaccio di Ikki? No. Ovviamente Atena porterà con sé Shun, il frocetto con l'armatura rosa.

Solo gli Dei possono arrivare sull'Olimpo quindi, grazie all'armatura di Atena, nessun danno. Appena arrivati scatta però per i nostri amici la classica commedia degli equivoci stile Saint Seiya, ovvero essere scambiati per nemici dai soldati di Artemide ed essere presi a mazzate dalla stessa, che non può viaggiare nel tempo, detesta il genere umano e soprattutto non tollera che si piombi in casa sua alle quattro di notte per cazzate del genere;

Tranquilli, Shun sarà salvato a sorpresa da Ikki[13], che annullerà in un lampo il guerriero tanto ostico per poter subito sparire[14].

Non bisogna però perdersi d'animo: la Dea della Luna s'è fatta sfuggire che esiste qualcuno in grado di far tornare il frocetto e la viziata indietro nel tempo: Crono. Questo è un Dio particolarmente bastardo: decide di esaudire la richiesta dei due facendoli arrivare al tempo di Sion, Dohko e Tenma, ma rendendo Atena una bambina!

Come dite? Almeno così non combinerà cazzate? In effetti. Forse non era tanto bastardo.

[modifica] Ritorno al passato

Ok, chiudiamola in fretta che ho sonno e pure la febbre.

Shun e Atena sono stati separati all'arrivo, e mentre il nostro Arcigaio è ben contento di doversi pestare con tanti omaccioni nerboruti, Saori viene salvata dai Cavalieri d'Oro e portata dal Grande Sacerdote. Quest'ultimo però nutre un morboso sentimento nei confronti della bimba, e il Cavaliere della Vergine si rende conto che forse non è stata una buona idea affidare una bambina in fasce all'anziano capo di una setta religiosa. Arriva appena in tempo per evitare il misfatto. Purtroppo verrà mortalmente ferito dal Cavaliere dei Pesci che, guarda caso, è malvagio e asseconda le trame ordite dal Sacerdote per assassinare la Dea.

Riuscirà Shijima della Vergine ad avvertire i suoi compagni del tradimento interno al santuario e a salvare la Dea?

Riuscirà Shun a convincere Tenma e Sion a schierarsi dalla sua parte?

Riuscirà Garuda a fare a pezzi tutti gli abitanti del Santuario?

Riuscirà Cardinale dei Pesci a dimostrarci che anche se gioca con le rose non è omosessuale?

Solo il tempo potrà dirlo....


... Di nuovo qui?

Bene, ci sono stati dei cambiamenti, dopotutto, immagino la vostra curiosità. Andiamo con ordine:

1) Riuscirà Shijima della Vergine ad avvertire i suoi compagni del tradimento interno al Santuario e a salvare la Dea? Ci prova, senza dubbio. E il suo messaggio raggiunge Sion, il miglior telepatico in circolazione, al quale affida la sua vita.

2) Riuscirà Shun a convincere Tenma e Sion a schierarsi dalla sua parte? Sì e no. Almeno, non come intendeva lui. Infatti il Cavaliere D'Oro ode il messaggio di Shijima proprio mentre sta massacrando Shun solo per averlo proposto[15].

Il nostro fancazzista preferito[16] si trova costretto ad accettare l'alleanza, poiché gli spettri sono alle porte. Ecco il dilemma: per fermare i due bronzini ha bisogno di usare una mano. Per gli agguerriti soldati di Ade, nella loro compattezza, tenacia, e resistenza, basta altrettanto? No. Potrebbero essere sterminati da un vecchio. A sputi.

3) Riuscirà Suikyo a fare a pezzi tutti gli abitanti del santuario? Siamo sulla buona strada. Il caro bastardo infrange il muro difensivo del vecchio amico con un sassolino[17], indice di quanto forte sia quest'ultimo. Dopodiché lo rovina. Sion però non si arrende, brucia il suo cosmo e ferisce gravemente il generale.

...

Ci avete creduto? Ovviamente no, viene salvato a sorpresa da Ikki[18], come tutti. Ma Suikyo è un uomo democratico, e pulito. Dato che ha appena finito di pulirsi il culo con Sion, è giusto usare Ikki come bidet.[19]

Il guerriero della fenice, seppur moribondo, riesce a lanciare il suo pugno di nightmare™ che stordisce l'avversario, poi però stramazza. In tutto ciò Sion invoca pietà e si finge morto allo stesso tempo. Suikyo si allontana disgustato.

Arrivato alla casa del Toro, lo attende una battaglia contro Ox, della quale non vale la pena parlare. Solito riciclaggio, solito punching-ball, solito finale.

4) Riuscirà Cardinale dei Pesci a dimostrarci che anche se gioca con le rose non è omosessuale? Sicuro di volerlo sapere?

Arrivati a questo punto della trama, il maestro comincerà a saltare di palo in frasca e da presente a passato senza alcuna valida ragione.

Tornando al '900, scopriamo che Callisto ha inviato sulla Terra un angelo monoala[20] per fare definitivamente fuori Pegasus. Touma (questo il nome) all'inizio è abbastanza riluttante, ma una volta accortosi delle condizioni di degrado[21] in cui è costretto a stare il poveraccio, decide di alleviare le sue sofferenze.

Seiya viene però salvato a sorpresa da Marin[22], la quale era nei paraggi giusto perché, vista la stagione degli amori, i randagi cominciavano a diventare molesti[23]. Data la sua scarsezza, viene anch'ella salvata a sorpresa da Hyoga, che mette in fuga l'angelo improvvisando un minuetto e, in rapida successione, un rondò. Poco dopo arriverà Shaina che insieme all'amica si offrirà di proteggere Seiya, incitando Hyoga a partire. Il biondino si domanda a ragione se non sia il caso di affidare l'amico ai cani anziché a quelle due, ma poi si convince pensando che un po' di compagnia femminile non gli farà male.

Dopo aver concluso questa parte senza alcuna spiegazione, torniamo nuovamente al '700[24], dove, arrivati alla casa dei gemelli, i nostri eroi troveranno nientepopodimenocchè il santo dei gemelli di nome Abel. E indovinate un po'? Questo santo ha due personalità[25] ma a differenza del suo successore indossa l'elmo[26] e le due personalità sono contemporaneamente due fratelli gemelli distinti: appena compare uno l'altro si teletrasporta a fanculo per poi tornare nei momenti indesiderati facendo teletrasportare via l'altro. Comunque il santo dei Gemelli malvagio carica di botte Shun e Tenma che vengono salvati a sorpresa da Suikyo[27] che consente ai due frocetti di passare verso la quarta casa. Suikyo viene pestato prima da Abel, poi però arriva il gemello/alter ego buono di nome Cain che prima lo umilia ancor di più con un sermone, poi lo pesta per bene, e in seguito riprende il sermone dicendogli di andare avanti, ma prima che possa passare ritorna Abel che fa teletrasportare nuovamente Cain a fanculo e ipnotizza Suikyo con la mossa del demone malvagio. Intanto i nostri amanti Tenma e Shun arriveranno alla quarta casa del cancro dove trovano indovinate chi? Deathtoll del cancro, un santo omicida, stronzo[28] che si mette a costruire le bare[29], perché nel tempo libero guadagna il denaro non solo uccidendo le vittime per cosa nostra ma ne guadagna una quantità maggiore lavorando per un agenzia funebre[30]. Questi non si fida dei due cavalieri e li combatte personalmente, rinchiudendoli nella sua bara di nome "Omertà"[31] ma arriva Suikyo e le prende, quindi per farsi scudo libera i due frocetti che stanno per essere colpiti a morte dal giudice cazzutissimo...

OKAY.png
Spoiler.gif
La trama è finita, leggete in pace.


[modifica] Personaggi

[modifica] Tenma di Pegasus

Identico a Seiya, se possibile ancora più stupido. È il degno protagonista dell'opera, scarso come pochi, ma immortale. L'unica cosa che sapeva fare come si deve, ovvero rubare autoradio, la abbandona perché costretto da Suikyo a forza di schiaffoni. Si intenerisce di fronte a Shun perché gli ricorda Aron.

[modifica] Aron

Dolce e innocuo ragazzino che ama raccogliere fiori, dipingere e farsi possedere da divinità malvagie.

È la persona più buona del mondo, ha dato fuoco ai suoi pennelli per far luce a Tenma che al buio non riusciva a rubargli l'argenteria.

[modifica] Shun di Andromeda

Gaio e inopportuno.

[modifica] Ikki di Phoenix

La sua figaggine e potenza sono sempre eccezionali. E se ne fotte della logica!

[modifica] Hyoga di Cygnus

Ballerino di bolshoi scartato da Step up e finito rovinosamente in questo manga. Al momento non ha un ruolo ben definito, forse perché nessun suo consanguineo, adorato maestro e/o amico di infanzia si è ancora fatto vivo. Non si può biasimarli.

[modifica] Marin dell'Aquila

Cavaliere d'argento, richiamata in servizio per mancanza di personale.

[modifica] Shaina di Ophiucus

Passata da bella donna[32] a diversamente guardabile. Come la collega sopracitata ha una rilevanza nella trama pressoché nulla. Almeno con quella faccia tiene lontani i cani.

[modifica] Atena

Ha sempre la stronzata facile e le decisioni suicide tra le sue peculiarità. Parte in quarta indossando l'armatura divina come se la sapesse effettivamente maneggiare, ma poi la sorellona e Crono la fanno a pezzi.

Si è fatta infinocchiare nell'ordine da una bambina vecchia, Artemide e un vecchio Dio rincoglionito.

[modifica] Sion dell'Ariete

Uno dei più rinomati fancazzisti della serie classica torna tra noi, anche se in versione meno hippie.

In quest'avventura Sion è uno dei raccomandati di livello più alto, tanto che gli viene pure concesso di sbirciare nel proprio futuro e scoprire che non solo sopravviverà, ma diventerà pure il nuovo Grande Sacerdote[33]. È in questa guerra che impara la preziosa arte del tenersi fuori dai guai, dato che lo scontro con i Giudici degli Inferi lo fa sudare freddo, e acquisisce il dono di trovarsi al posto sbagliato nel momento sbagliato.

[modifica] Dohko della Bilancia

Il vecchio Maestro dei cinque picchi com'era quando non avreste mai dovuto (e voluto) conoscerlo: si mostra più di una volta infame e ridicolmente scarso, oltre ad essere davvero stupido. Se sulla cima di una torre altissima ci fossero da un lato lui e dall'altro Tenma voi sareste all'entrata a posizionare la dinamite.

[modifica] Ox del Toro

Come i suoi alter ego del Canvas e del manga classico, mostra di essere un gigante buono che mena le mani per insegnare, non danneggiare[34]. Come Rasgado e Aldebaran, inoltre mostra di essere la barzelletta del santuario, tanto che gli altri guerrieri lo sfottono definendolo "Il più forte dei Cavalieri d'Oro" per poi scoppiare a ridere. È lecito dunque pensare che con gli altri abbia in comune anche la propensione di venire trattato come punching-ball da chicchessia o sedicente tale. Dato che al momento Garuda marcia sul santuario e sulla sua strada ci sono prima Sion e poi il Nostro, avremo presto conferme esaurienti. Infatti dopo aver ferito il Garuda con il suo colpo migliore, viene ucciso in un colpo solo[35] e muore da fesso. Attualmente Ikki si è fermato alla sua casa e, vedendo come è morto, è scoppiato a ridere anche lui e non riesce a proseguire per le ingenti quantità di risate che si sta facendo.

[modifica] Shijima della Vergine

È detto il placido per via del suo sorriso buono indotto dalla maria. Non si scompone davanti a niente, tranne quando realizza di essersi ferito(e di brutto) per salvare Atena dal Grande Sacerdote senza scrupoli e il Cavaliere del Sagittario non si vede da nessuna parte.

[modifica] Izo del Capricorno

Fino a questo momento il più figo del gruppo, forse perché ancora non ha fatto granché.

Eccezionale nel momento in cui taglia il terreno sotto ai piedi di Tenma, Dohko e Sion, dandoci l'illusione di averli finalmente fatti fuori. Perde un po' di carisma quando ci si accorge che ha volutamente salvato i tre, ma ha tutte le occasioni per rifarsi.

[modifica] Cardinale dei Pesci

Cardinale.jpg

Claudia in tutta la sua sfolgorante bellezza. Notare lo sguardo desideroso del Sacerdote.

Arrivata ad una certa età già nei favolosi anni '700, Claudia decise di dare una svolta alla sua vita. Prese dei provvedimenti drastici per sfuggire alla mondanità: cambiò sesso ed entrò a far parte del gruppo di guerrieri chiamati Cavalieri d'Oro, assoluti nullafacenti che passavano le giornate nell'ozio, tranne quando, ogni 250 anni, erano chiamati a combattere e morire per la propria dea. Claudia sorrideva tra sé e sé pensandoci. Quanta sfiga poteva mai avere? Abbastanza.

[modifica] Grande Sacerdote

Il capo del Santuario che se la fa sotto all'idea di scontrarsi con Ade per paura di essere scaraventato all'inferno e cerca il patteggiamento a tutti i costi.

Sembrerebbe un vigliacco, ma mettetevi nei suoi panni: siete il capo di un antico e potente ordine religioso, ve la siete data alla pazza gioia finita l'ultima guerra sacra, perché l'epoca è abbastanza promiscua se avete il potere e non ci sono donne, uomini, bambini, animali, cadaveri o cose che potreste giurare di non aver profanato su questo continente da sbronzi.

Aggiungiamoci poi che alcune di queste cose le facevate anche prima della guerra, e che Ade era arrivato proprio per mettere fine a questo scempio (e voi dopo averlo sigillato ve ne siete sbattuti le palle, perché tanto chi contava di rivederlo più?).

Ora quel Dio è tornato, furioso. Voi siete i primi della lista. Altro che cagarsi addosso.

[modifica] Cain e Abel dei gemelli

Indovinate un po'? come il suo successore ha due personalità una buona e una malvagia ma, stavolta, le due personalità sono fratelli gemelli contemporaneamente, e quando uno appare dal nulla l'altro scompare dal nulla, lasciando il lettore pronto al suicidio vista la confusione generata da questo personaggio[36].

[modifica] Deathtoll del cancro

Riciclaggio assoluto per questo personaggio, che è sempre un pazzo omicida[37], adesso per passatempo costruisce la bare, preparate apposta per le sue vittime e per la sua agenzia funebre con la quale ricicla il denaro sporco.

[modifica] Ade

Il Signore dell'Oltretomba, il Dio che domina la morte, Sovrano degli Inferi. Detto così fa un certo effetto.

Il suo più grande desiderio è possedere, ogni 250 anni, un ragazzino efebico con la scusa di estinguere l'umanità. Che sia solo un pretesto è evidente, dato che è capace di rinunciare a ogni piano malefico non appena qualcuno uccide il prescelto.

[modifica] Suikyo di Garuda/Crateris

Ex-amicone dei cari Sion e Dohko[38] ed ex-maestro di Tenma.

Dice di credere nell'amicizia e nel calore umano, per poi schierarsi dalla parte di AIDS. Dopo aver insegnato a Tenma a non danneggiare il prossimo (cioè Aron) per vivere, lo mazzia e per poco non gli stacca la testa. Il Mastella della situazione.

Si scopre però che agisce così perché turbato dalla sorte del fratello, promesso in sposa[39] ad Ade.

[modifica] Vermeer del Grifone

Fa una comparsata giusto per mostrare al lettore quanto siano cazzuti i Giudici e quanto siano cani i Cavalieri raccomandati. Per il resto è la fotocopia del suo successore, uno spietato sadico bastardo e manipolatore: Moggi.

[modifica] Artemide

La Dea della Luna, della caccia e delle mestruazioni, a giudicare da come si comporta in questo manga.

Prima lascia che Atena venga accolta nel suo palazzo con tutti gli onori del caso, per poi rivolgersi a lei glaciale e sprezzante, neanche fosse una blatta. Dopodiché inizia ad urlarle contro come un'isterica farfugliando vaccate sul genere umano e corcandola di mazzate: sembra si sia sfogata, dato che fornisce alla sorella le informazioni che desiderava, salvo poi buttarla fuori a calci da casa sua e scoppiare in lacrime perché teme di non rivederla mai più.

Crono potrebbe evitarle il ciclo in eterno, ma ha troppa paura ad avvicinarsi.

[modifica] Callisto

Il fatto che una donna di tale aspetto si chiami Callisto e che sia la sacerdotessa di Artemide la dice lunga sui gusti della Dea della caccia.

[modifica] RaskMoon

Personaggio assolutamente inutile, riesce a mettere in difficoltà Shun con le sue frecce avvelenate. Considerato che mio nonno avrebbe fatto altrettanto con una sassata, non è facile capire la forza della guerriera, che viene annichilita in un lampo da Ikki. Anche questo è un metro di giudizio un po' vago, dato che copre tutti gli stadi, dalla mezza sega al semidio.

[modifica] Touma

L'Autore di questo articolo si scusa, ma non sa davvero cosa scrivere su questo fantastico personaggio, il cui spessore è pari a quello di mezza Kate Moss a digiuno.

[modifica] Crono

Vecchiaccio rincoglionito che, inebriato dal senso di onnipotenza del pannolone, scaraventa Shun e Saori indietro nel tempo, cercando di trasformare la dea in infante e il ragazzo in invertito[40]. Con successo. Ma solo una delle due trasformazioni è merito suo.

[modifica] Ecate

Riassume in sé i personaggi della vecchia strega acida e della bambina rompicoglioni. È un caso che la vogliano tutti morta. Forse.

[modifica] Curiosità

  • Vermeer e Suikyo non hanno ucciso Tenma&Co. perché dovevano terminare uno scopone scientifico con Pandora, Aron e quelli che truccano le carte.
  • Se ti stai chiedendo come ha fatto Ikki a raggiungere l'Olimpo senza essere un Dio, ho qui la risposta del Maestro:
- Masami Kurumada: “E tu quante vagine hai visto dal vivo negli ultimi sei anni?”

Il 90% dei detrattori è scappato in lacrime.

  • Per la prima volta in questo manga, il Cavaliere della Vergine capisce cosa succede al santuario. E per questo morirà.
  • È bello vedere come i Cavalieri d'Oro sopravvissuti siano delle pippe immani rispetto agli altri, soprattutto perché a detta di chi li ha combattuti (tipo Shun) la loro forza non è diminuita. Anzi.
  • La storia della Lega Nord è vera, ed include anche gli omosessuali. Shun è andato con la dea per sfuggire a Calderoli.
  • Alla domanda "Come fa uno stupido pony a sopportare la barriera di Ade?" Kurumada ha farfugliato qualcosa su una scimmia a tre teste ed è fuggito al galoppo verso il Montana. Da Tokyo. Attualmente risulta disperso in mare.

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Sempre sia lodato!
  2. ^ Soverchio stile, soverchia eleganza.
  3. ^ Vedi immagine a lato.
  4. ^ Li porta bene, eh?
  5. ^ Come credevate si diventasse Cavalieri d'Oro? Con sacrifici e allenamenti? Polli!
  6. ^ Vedi Seiya, Tenma, Teppei, ecc.
  7. ^ Non l'animale mitologico, il suo stupido pony.
  8. ^ E stessa faccia di Seiya
  9. ^ Che pur potendolo raggiungere in un petosecondo ora hanno la scusa perfetta per non fare un cazzo e aspettarlo.
  10. ^ No. Non da Ikki. Sarebbe incoerente. Kurumada non fa queste cose.
  11. ^ Giuro, è così
  12. ^ Estrarla lì su due piedi pareva brutto.
  13. ^ Ecco, qui sì che è coerente!
  14. ^ I Grandi Classici. Se l'Odissea l'avesse scritta Kurumada, Ulisse avrebbe conquistato l'Europa a suon di cavalli di legno.
  15. ^ Il quale comunque ricambierà con sguardi languidi e mugolii soddisfatti.
  16. ^ Dohko mi sta sul culo.
  17. ^ Alla faccia di tutti gli spettri morti come dei coglioni.
  18. ^ Che era talmente incazzato quand'è giunto di fronte a Crono da indurre il Dio a fingere la siesta per evitare guai.
  19. ^ È uno dei pochi nel manga a riuscire nell'impresa, tra l'altro.
  20. ^ No, non lui.
  21. ^ Abbandonato in un prato alla mercé delle intemperie e dei cani randagi.
  22. ^ Colpo di scena.
  23. ^ Provate voi a disincastrare un cane rabbioso e in calore dai raggi di una sedia a rotelle, e poi vediamo come ridete...
  24. ^ La capacità di coprire buchi di trama con ulteriori buchi è arte ignota ai più.
  25. ^ Viva la fantasia e il riciclaggio
  26. ^ Questa è una novità, peccato che l'elmo se lo toglie dopo un minuto
  27. ^ Pensavate Ikki eh? e invece no! Ikki sta ancora nella seconda casa a ridere del santo del toro che è morto da fesso
  28. ^ Wow questa non me la sarei mai aspettata, sopratutto dal santo del cancro
  29. ^ questa è davvero nuova
  30. ^ Che celebra i funerali delle sue vittime per giunta
  31. ^ riferimento alla malavitosità del personaggio
  32. ^ Per gli standard di Kurumada.
  33. ^ Destino vuole che non guardi abbastanza a lungo da scoprire che schiatterà per mano di Saga. C'est la vie.
  34. ^ Non è in grado di fare diversamente anche volendo.
  35. ^ Come volevasi dimostrare: Lost-eeehhm, Next Dimension cap 29.
  36. ^ In realtà sono due personaggi, ma non incasiniamo le cose che è meglio
  37. ^ Un pochino meno del suo successore visto che almeno serve parzialmente la sua dea
  38. ^ Che ai tempi degli allenamenti batteva con tutti e quattro gli arti dietro la schiena.
  39. ^ Hai capito benissimo.
  40. ^ Così, per burla.


Strumenti personali
Altre lingue
wikia