Repubblica Dominicana

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

File-Logo isola dei famosi metà
Torta con decorazione a forma di isola tropicale metà
ATTENZIONE! QUESTA È LA METÀ DI UN'ISOLA!
Pertanto, nello sventurato caso vi siate rimasti intrappolati, è inutile costruirsi un amico testa di cuoio. È inutile anche la vostra pistola a salve, se volete uscire da questo luogo maledetto al 50%. Questa mezza isola è abitata da tribù di cannibali, pietre assassine e esseri per metà immondi.
IL VIAGGIO SULL'AEREO SCIAGURATO VI È STATO OFFERTO DA CATAPECCHIA AIRLINES.

Repubblica Dominicana

Alpitour™ presenta: La Repubblica Dominicana
Bandiera Repubblica delle banane Bogotà-stemma
(Bandiera) (Stemma)

Motto: "Dios, Patria, Rickymartin!
Inno: Lo stesso del Canada
Mappa del mondo
Dovrebbe essere da qualche parte lì in mezzo...
Capitale Santo Domingo
Maggiori città

Santo Domingo
Un baracchino che vende granite sulla spiaggia


Lingua ufficiale

Spagnolo, rutti


Governo Repubblica alla cazzo di cane
Capo di stato El Presidente
Riconosciuta da sè stessa
Antartide
Svervegia
Padania
Afghanistan (solo durante il regime talebano)
Area πr²
Popolazione

90% donne delle pulizie, 7% negri, 3% meticci figli di turisti sessuali


Moneta di cioccolato
Religione

culto di Cthulhu, culto di Flavia Vento


Sport nazionale

Merengue


Sito internet www.escort-en-dominica.org


Ragazze in costume ammucchiate su una spiaggia della Repubblica Dominicana

Tipica fauna della Repubblica Dominicana. La stagione della caccia alla gnocca si apre il 13 febbraio e termina il 20 novembre.

La Repubblica Dominicana è la parte dei caraibi spagnoli meno interessata dal fenomeno del turismo sessuale. Confina a ovest con Haiti, che praticamente le ruba tutti gli uomini d'affari europei in cerca di sesso a buon mercato, spiagge da sogno e piña colada. È limitata a nord dall'Oceano Atlantico mentre a est il Canale della Mona[1] la separa dalla Repubblica Popolare di Mosconia. A sud, per uno strano fenomeno relativo alla corrente del Golfo, è bagnata dal Mar Caspio.

La Repubblica Dominicana non va confusa con Dominica, un altro paese caraibico, perché i dominicani sono per indole persone leggermente suscettibili. Il reato di confondere le due nazioni è severamente punito dal codice penale dominicano con tredici anni di reclusione in una stanza assieme a Fabio Volo o, in alternativa, con l'ascolto obbligato di tutta la discografia di Amedeo Minghi. Entrambe queste pene sono catalogate dall'ONU come altamente lesive dei diritti umani.

[modifica] Geografia

Il territorio della Repubblica Dominicana è un'isola, cioè uno dei luoghi geografici più noiosi da commentare. C'è mare dappertutto, tanto da uscire dalle fottute pareti - ma questo accade solo nel caso di gravi inondazioni, cioè in media dodici volte l'anno.

La Repubblica Dominicana occupa la metà dell'isola caraibica di Hispaniola, confinando quindi a ovest con Haiti. Inizialmente i due stati erano uniti, ma poi ci fu un burrascoso divorzio che occupò le prima pagine dei rotocalchi scandalistici per mesi e intristì molto le figlie della coppia, le Piccole Antille.

[modifica] Orografia

Il territorio dominicano è principalmente montuoso, anche in spiaggia. Secondo recenti studi effettuati dal Cambridge Institute of Geology and Prostitution, l'80% delle montagne sarebbe in realtà composto da rifiuti provenienti dai vicini Stati Uniti d'America, e questo fatto ha meritatamente conferito alla repubblica Dominicana il soprannome di Napoli Caraibica.

Non ci sono fiumi rilevanti, ma la rete fognaria a cielo aperto è molto graziosa e spesso meta di turisti, per lo più coprofaghi.

[modifica] Ortografia

Si scrive Dominicana e non Repubblica Domenicana, questo perché la nazione prende il suo nome dal suo programma televisivo più popolare, Buona Dominica, talmente famoso da dare il nome anche a un celebre giorno della settimana.

[modifica] Clima

Il clima dominicano è prevalentemente tropicale. Fa un caldo fottuto dalle sette del mattino alle cinque e cinquantaquattro del mattino dopo. Dalle cinque e cinquantacinque fino alle sei e cinquantanove la temperatura raggiunge inspiegabilmente lo 0 Kelvin.

[modifica] Storia

Casa in legno

La massima espressione del genio architettonico dei dominicani.

La storia dell'isola di Hispaniola, prima conosciuta con il nome di Nou-wae Nou-e (letteralmente: Isola che tra qualche anno sarà conosciuta come Hispaniola) affonda le sue narici radici nel passato dei caraibi abitati dalle tribù precolombiane. Ma siccome noi ce ne sbattiamo allegramente delle inutili civiltà autoctone, cominceremo a raccontare la storia della Repubblica Dominicana partendo da Colombo, facendo finta che i Maya non siano mai esistiti. Forza Europa!

[modifica] Il periodo coloniale

Cristoforo Colombo sbarcò sull'isola il 5 dicembre 1492. In realtà Colombo voleva soltanto fermarsi al distributore della Esso lì vicino per fare benzina alle caravelle e far fare la pipì al secondo ufficiale di bordo, che se la stava tenendo dal 3 agosto, ma poi si convinse a restare un po' più del previsto anziché proseguire per New York per la serata di apertura del nuovo negozio di Prada sulla 5th Avenue, come era in programma.

Al ritorno di Cristoforo Colombo, la Spagna reclamò l'isola di Hispaniola come suo dominio, dando inizio al fenomeno del colonialismo. Dall'odierna Repubblica Dominicana vennero importate molte risorse naturali, come l'oro, il legno, la pietra e il cibo, ossia tutto quello di cui Isabella di Castiglia necessitava per vincere la sua partita ad Age of Empires. Nel 1510 venne anche aperto il primo villaggio Alpitur, multinazionale che attualmente possiede l'isola.

La popolazione indigena fu duramente colpita dall'imperialismo spagnolo. Molti degli autoctoni, che venivano trasferiti in Spagna come bottino, si lasciavano morire di fame, di sete o di intestino pigro. La loro popolazione, dai quattro milioni originari, si ridusse drasticamente, tantoché ora gli indios rimasti fanno tutti parte del pubblico di Forum.

[modifica] Qualche simpatica rivoluzione

Nel 1791, una rivolta di schiavi giudata da Antonio Zequila (faceva lo schiavo nella Repubblica Dominicana, ecco perché è famoso!) guidò all'indipendenza la vicina colonia di Haiti. I dominicani allora chiesero a gran voce l'intervento dei cugini haitiani per sovvertire la loro sorte di schiavitù e oppressione.

Dominicani : Quote rosso1 Ehi, amici haitiani? Visto che voi vi siete liberati dal giogo dell'oppressione e bla bla bla, non è che dareste una mano anche a noi? Per piacere piacerino? Quote rosso2
Haitiani : Quote rosso1 Puppa! Quote rosso2
Dominicani : Quote rosso1 E dai, se venite vi prepariamo anche i biscottini. Quote rosso2

E così il prode condottiero Zequila liberò i dominicani dalla dominazione spagnola, richiedendo in cambio solo un mondo più egalitario e dei frollini alla cannella.

Qualche anno più tardi, però, Napoleone Bonaparte volle riconquistare l'isola, per farne il centro del suo impero coloniale e soprattutto perché aveva già dato un anticipo all'Alpitour per le ferie di quell'estate. Vane furono le resistenze dei dominicani, nonostante l'intervento del redivivo Zequila. Napoleone lo convinse alla resa semplicemente offrendogli un lavoro come giullare di corte e quattro Gocciole al cioccolato.

[modifica] L'indipendenza

Alla reconquista napoleonica fece seguito un periodo di grande instabilità politica per la futura Repubblica Dominicana, nel lasso di pochi anni venne dominata da francesi, tedeschi, inglesi, spagnogallesi, alieni, nani, pirati, pirati informatici, pirati della strada, dagli esportatori di droga colombiani, e infine dall'esercito delle marmotte sataniche. Che la controllò fino al 1992. In quell'anno la Repubblica Dominicana scoprì in sè la forza di ribellarsi nuovamente all'invasore.

Dominicani : Quote rosso1 Ehi, amici invasori? Visto che noi siamo un povero popolo privato delle proprie radici e bla bla bla, non è che la potete smettere di opprimerci? Per piacere piacerino? Quote rosso2
Invasori : Quote rosso1 Puppa! Quote rosso2
Dominicani : Quote rosso1 E dai, abbiamo sentito che c'è tanto posto per organizzare una bella invasione, laggiù in Iraq e in Afghanistan. Quote rosso2

Ottenuta quindi l'indipendenza, la Repubblica Dominicana è diventata una potenza di primo piano nel panorama mondiale, se si escludono tutti gli stati Europei, Asiatici, Africani, quelli del Commonwealth, gli Stati Uniti, l'Antartide e tutti gli altri stati che non sono isole e il cui nome non è composto da due parole comincianti per R e D. La nazione è inoltre un membro dell'ONU, ma in realtà quel burlone di Kofi Annan ha sostenuto la sua candidatura solo per prendere in giro l'ambasciatore dominicano per i suoi vestiti non all'ultima moda.

[modifica] Politica

Donna con cesto di frutta sulla testa

Paloma Patagarroso, primo ministro della Repubblica Dominicana dal 1994 al 2003.

La Repubblica Dominicana è, come da nome, una repubblica. Molti avrebbero preferito una monarchia dittatoriale assoluta come in Vaticano, ma quando i padri della patria acquistarono la nazione su eBay, il nome era già quello e si sono dovuti adeguare. Al momento di precisare il tipo di democrazia, si decise di prendere esempio dall'Italia e instaurare pertanto una repubblica parlamentare basata sulla corruzione e sul nepotismo.

Il Presidente della Repubblica Dominicana è detentore dei poteri legislativo, esecutivo e giudiziaro, e li amministra come cazzo preferisce. È inoltre il capo delle forze armate, della corte costituzionale e del Parlamento, nomina il Consiglio di Gabinetto, rende esecutive le leggi approvate dal Congresso e può farsi la doccia per primo quando torna dalla spiaggia e consumare tranquillamente tutta l'acqua calda senza che nessuno gli dica niente. Come stabilito dalla Costituzione, El Presidente viene eletto ogni quattro anni tutti i candidati che si presentano alle libere e democratiche elezioni. Che poi ogni quattro anni si presenti sempre il solito candidato sponsorizzato dai cartelli della droga è semplicemente una coincidenza.

Uno dei diritti fondamentali dei dominicani è la partecipazone assoluta nelle decisioni politiche del proprio paese. Tutti i cittadini, per legge, hanno infatti il diritto di scolarsi un bicchiere di rum insieme a El Presidente mentre discutono dei problemi politici del paese e della linea istituzionale che il governo deve adottare per risolverli. In realtà El Presidente tende a non ascoltarli quasi mai, si limita ad annuire e a pensare quando siano più brutti di lui i suoi connazionali.

L'attuale presidente è Leonel Fernández, che è anche vicepresidente, ministro degli interni, degli esteri, dei confini nazionali, e ministro del turismo sessuale ad interim. Tutti gli altri incarichi sono ricoperti da Dario Franceschini.

[modifica] Economia

La principale fonte di reddito dei dominicani è la pesca. A Santo Domingo viene praticata una particolare forma di pesca, prevalentemente da ragazze sui diciotto anni, che consiste nel catturare, anziché pesci, ricchi turisti americani. Invece di usare amo e verme, le pescatrici, che vengono anche chiamate addescatrici, utilizzano altri strumenti perfettamente naturali e a impatto zero.

[modifica] Curiosità

Icona scopa
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse ti incuriosisce sapere com'è dormire coi pesci?

  • La lingua ufficiale della Repubblica Dominicana è il dominicano, una particolare forma di spagnolo. Curiosamente, oltre il 59% della popolazione, parla perfettamente il bergamasco.
  • Lo stato delle strade della Repubblica Dominicana è talmente disastrato che ci invidiano la Salerno-Reggio Calabria.
  • Le guide turistiche non sconsigliano di bere l'acqua del rubinetto, perché nella Repubblica Dominicana non c'è acqua corrente.
  • Se visitate la Repubblica Dominicana, state attenti alle zanzare. In questa nazione sono così numerose che hanno perfino un proprio partito e svariati seggi in Parlamento.



[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Sul serio
Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo