Rasputin

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1 Dio ha visto le tue lacrime e ascoltato le tue preghiere. Non temere, il bambino non morirà. Ora, se volessi essere così gentile da firmare quell'assegno... Quote rosso2
~ Rasputin a una madre affranta

Grigorij Emofiliavič Rasputin, più noto come Il monaco folle, Il barbiere pazzo e Il Rocco Siffredi di San Pietroburgo, è stato un mistico russo.
Guaritore, rabdomante, scippatore, dominatore sadomaso: tutti titoli che avrebbe potuto sfoggiare nei biglietti da visita, se solo avesse imparato a battere a macchina. Eccelleva anche nell'arte dell'ipnosi: una volta convinse un obeso di essere incinto e lo fece partorire. Non fu un bello spettacolo.

[modifica] Vita

[modifica] L'influenza sui Romanov

Nato come umile contadino in quel di Siberia, fin dai suoi esordi come sottosegretario nel movimento indipendentista dei Veri Siberiani dimostrò una spiccata propensione all'inganno, al sotterfugio e al voltar bandiera a seconda della situazione. Al ritmo di un tradimento all'anno passò dai Veri Siberiani ai Siberiani Moderati, dai Siberiani Moderati ai Siberiani Incerti e infine si fece eleggere parlamentare tra le fila dei Veri Russi.
Rasputin Putin

Rasputin a vent'anni. All'epoca militava nel neonato KGB.

Nel 1905 la polizia irruppe nella sede del partito mentre Rasputin e i suoi compagni stavano praticando riti orgiastici, fumando cilum e guardando i film proibiti di Krzysztof Kieślowski. Agli sbirri in tenuta antisommossa Rasputin ordinò di lasciarlo libero appellandosi all'immunità parlamentare. Ottenne un fracco di legnate, una prognosi di quaranta giorni e una camera con vista nelle galere patrie.

La permanenza in galera fu breve: la zarina Alessandra Feodorovna Romanova, incoraggiata dalla fama di guaritore che lo stesso Rasputin aveva contribuito a diffondere nel suo blog, lo convocò per mettere fine all'inguaribile e copiosa diarrea che da mesi l'affliggeva. Rasputin consigliò di ricorrere al limone, noto per le sue proprietà astringenti.
Dopo una settimana la zarina lo riconvocò. Era furiosa:

- Zarina: “Il tuo rimedio non funziona, vile ciarlatano!”
- Rasputin: “Non avete usato il limone come vi ho suggerito?”
- Zarina: “Certo che l'ho usato! Ma non appena lo tolgo dal culo, la diarrea ricomincia!”
Rasputin non ebbe il coraggio di svelare il banale equivoco e optò per un rimedio più drastico: dieta a base di radici crude, salassi tre volte al dì e clisteri di acqua e sale. "Se sopravvive, Maestà" - soleva dire baldanzoso, "la diarrea sarà solo un fastidioso ricordo".
La zarina guarì, anche se da allora accusò difficoltà a camminare per più di cinque metri e a sollevare oggetti più pesanti di un accendino. Per ringraziare Rasputin gli concesse la libertà e la carica di suo consigliere personale. Quando apprese la notizia il mistico pianse di gioia e si soffiò il naso con la sua stessa barba.
15 luglio 1914 - Un Rasputin visibilmente provato batte il record ufficiale di donne possedute in un solo giorno: ben 25. A ben guardare quello in alto a sinistra è un uomo coi baffi, ma questo nulla toglie allo spessore della prodezza amatoria.

[modifica] Le passioni

Rasputin era dotato di appetito smisurato e libidine insaziabile; amava abbuffarsi di maccheroni al formaggio e darci dentro con qualche pollastra. Spesso contemporaneamente.

[modifica] Le idee

Rasputin venne scelto come consigliere, oltre che per le sue conoscenze mediche e la sua indiscussa abilità nell'incendiarsi i peti, perché rappresentava un contatto diretto e autentico tra gli zar e il popolo russo, senza intermediazioni di etichetta e convenzioni sociali. Dalle campagne migliaia di postulanti si accalcavano davanti all'ufficio di Rasputin chiedendo aiuto e intercessioni: lui di solito fingeva di non esserci e diceva alla sua segretaria di fissargli un appuntamento al suo solito centro massaggi, dove un team di esperte lo attendeva con ansia per la seduta pomeridiana. Ogni tanto però ascoltava la masnada di disperati e dopo aver promesso di fare il possibile per aiutarli si imbucava all'ippodromo aspettando che arrivassero le 17,00.

Nel 1914, allo scoppio della prima guerra mondiale, Rasputin si oppose fermamente all'entrata in guerra della Russia: temeva infatti che il conflitto avrebbe portato a innumerevoli perdite di vite umane, e che l'ippodromo e la massaggiatrice asiatica chiudessero!

La partenza per il fronte dello zar e l'inopinato attacco di stitichezza che aveva colto la zarina consegnarono il potere nelle mani di Rasputin. Il fatto scatenò le ire di nobili e funzionari di corte, che cercarono ogni modo per screditare Rasputin. Non che dovessero sforzarsi molto. L'ex mistico (che ora insisteva perché ci si rivolgesse a lui chiamandolo Vostra Ravanosità) aveva infatti suscitato la riprovazione generale con una condotta che gli storici di oggi definiscono "da vecchio porco". In particolare:

  • Si era fatto beccare con le mani nelle mutande di una serva.
  • Aveva scialacquato i soldi pubblici facendosi costruire uno scivolo acquatico di 50 metri dietro casa.
  • Aveva nominato la sua pornostar preferita Ministro degli Esteri.
  • Aveva nominato un fattorino della pizza Ministro dei Trasporti.
  • Aveva nominato suo nipote di quattro anni Ministro della Difesa, causando così una serie di bombardamenti a tappeto sugli asili nido del paese.
  • Aveva imposto il nudismo a tutte le giovani donne sotto i 40 anni; alle altre impose il burqa.
  • Aveva fatto giustiziare una settantenne che girava nuda per strada, che tentò di giustificarsi dicendo di sentirsi ancora una giovincella. Rasputin non ebbe pietà, ma prima dell'esecuzione volle comunque verificare personalmente.
Congiura omicidio Rasputin

Rasputin con i suoi fedelissimi Pavlovič e Puriškevič. Magari avrebbe dovuto scegliere un po' meglio le amicizie...

Gli oppositori di Rasputin prepararono un dossier così schiacciante che neanche un Niccolò Ghedini esperto di codice penale russo sarebbe riuscito a salvarlo. Peccato che, essendo Rasputin la carica più alta dello stato, non ci fosse nessuno che potesse condannarlo.
"Mi spiace, ragazzi" - disse Rasputin autoassolvendosi, "se vi volete liberare di me dovete ammazzarmi".
"Wow, bella idea! Non ci avevamo pensato!" - risposero gli oppositori.

[modifica] La morte

La crisi di governo spinse il granduca Dmitrij Pannunzio Pavlovič, il principe Feliks Francopio Jusupov e il deputato Vladimir Mariagianluca Puriškevič a ordire un piano per assassinare Rasputin. Inizialmente pensarono a qualche trama raffinata per impedire che qualcuno attribuisse a loro il crimine, poi vennero a sapere che Rasputin aveva ordinato che tutti i cortigiani dovessero indossare calzamaglie rosa e body con le pailettes e decisero di farlo fuori senza tanti preamboli. I tre invitarono a cena Rasputin, che pur non fidandosi di loro non poteva resistere al cibo scroccato. Gli condirono di veleno tutte le portate, dall'antipasto all'ammazzacaffè: Rasputin resse benissimo, ed espresse il suo gradimento con un rutto che ribaltò a terra Jusupov.

I complottisti ricorsero allora alla violenza:

  • Pavlovič gli sparò sei colpi al cuore a bruciapelo;
  • Jusupov lo castrò e bastonò a oltranza;
  • Puriškevič gli strappò le sopracciglia e lo finì passandogli sopra con un tosaerba.

Tutto ciò non bastò, dato che Rasputin aveva la pellaccia dura, e se l'era cavata con qualche graffio: furono quindi costretti ad affogarlo, e solo allora si decise a esalare l'ultimo respiro.
Tentarono poi di far sparire il cadavere buttandolo nel cesso, ma lo scarico si intasò e furono costretti a tagliare il corpo a tocchetti e a bruciarli.

[modifica] Rasputin nel cinema

Rasputin è un personaggio che esercita sul pubblico un'attrazione sempre attuale, in virtù delle sue conoscenze occulte, del suo fascino tenebroso e della sua nerchia di proporzioni priapiche (oggi conservata nel Museo dei Peni Culturali di San Pietroburgo). La figura del monaco folle è stata riadattata con alterne fortune in produzioni a basso budget come:

  • Rasputin - The Black Monk
  • Rasputin - The Mad Bastard
  • Rasputin - The Siberian Devil
  • Rasputin - The Disgusting Russian
  • Io sò Rasputin, e voi nun siete 'n cazzo
  • Rasputin VS Maciste
  • Rasputin VS la Lega dei Superamici
  • Rasputin VS Fantozzi
  • Raspatouille
  • Hellboy
  • Rasputin - Una pazza giornata di shopping e intrighi, con la partecipazione straordinaria delle gemelle Olsen
  • Rasputin - Dalla Russia con afrore
  • Il caimano di Нанни Моретти
  • Killing Anastasia


Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo