Quetzalcoatl

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1.png Ma che cazzo di nome c'ha? Quote rosso2.png

~ Tonatiuh su Quetzalcoatl
Quote rosso1.png Sangue per il dio del Sole! Quote rosso2.png

~ Sacerdote azteco™
Quote rosso1.png No, ma che avete capito: Quetzalcoatl è un dio pacifico! Quote rosso2.png

~ Lo stesso sacerdote pochi secondi dopo

Quetzalcoatl, altresì conosciuto come Kokulkàn o "Quello strano serpente piumato di cui tutti hanno visto le statue ma di cui nessuno conosce il mito" era una divinità mesoamericana molto in voga soprattutto tra gli Aztechi e i Maya.

Disegno azteco -Quetzalcoatl.jpg

Un Picasso raffigurante Quetzalcoatl

[modifica] Mito

Quetzalcoatl sarebbe nato da una donna di nome Chimalman che, una volta durante una danza, venne sfiorata da una piuma di colibrì sacro e rimase incinta. Miracolosamente Chimalman riusci a partorire pur rimanendo vergine, il che ha dell'incredibile dato che nessuno finora non aveva mai sentito parlare della cosa[citazione necessaria][1].
Queztalcoatl era un bambino felice e sereno[2] e cresce nell'ammirazione generale, al punto che un giorno se ne approfitta e decide di proclamare la fine dei sacrifici umani con parole che molto probilmente suonavano così:

Wikiquote.png
«Orsù, amici, ch'è tutto questo sangue? Cosa? Non siete miei amici? Be' io sono nato da una vergine vorrà pur dire qualcosa, no? Be', allora fottetevi! Chi non è con me è contro di me. Allora, siete ancora indecisi? E per l'amor del Cielo, Porco Me, non è difficile... no, caro sacerdote Capalkatl che fai con quel coltello? Orpo!»
(Quetzalcoatl)

Secondo alcune versione molto risicate[3] il mito si fermerebbe quì con la cacciata del povero dio che, a causa dell'odio generale, fu costretto a salpare con una nave di serpenti verso il gorgo del Maelstrom. Ma dato che noi non siamo sfaticati narreremo anche le altre versioni un po' più lunghe: Quetzalcoatl ottiene un po' di consensi, e gli viene concesso di vivere in quattro case (una per stagione), diventando così capitalista.
Pare che ogni giorno il dio vada ad un fiume, e parli come un ebete tra sè e sè. Per il resto della giornata predica cavolate sull'agricoltura e il fuoco a mezza Aztlan vestendo una tunica piena di croci e lasciandosi crescerela barba e i capelli[4].
Un brutto giorno il malvagio dio Tezcatlipocal, famoso per aver corrotto la creazione originale di Quetzaloatl, oltre ad avere un nome impronunciabile, inganna il povero dio convincendolo ad andare con i suoi amici[citazione necessaria] ad ubriacarsi. Ovviamente prima di fare ciò aveva lautamente pagato tali amici. Lo sporco giochetto di Tezcalipocal funziona e, durante la cena dello stesso giorno, Quetzalcoatl uscirà talmente sbronzo da farsi una sua possibile sorella[5] Quetzalpétatl, cosa che nei riti sancira l'assoluto celibato dei sacerdoti.
Quando Quetzalcoatl si risveglia si trova vicino al fiume con la sua stronza controparte che, per giocarci ancora un po', lo veste con una maschera e lo tinge di rosso, infine, lofa specchiare. Al che Quetzalcoatl esclama:

Wikiquote.png
«Porci tutti gli déi! Ora sono brutto e rachitico, sono più un dio! Non avrò più tutta la gnocca che mi serve, la gente mi ucciderà perché ormai sono debole... E SOPRATTUTTO NON POTRÒ PIÙ PARTECIPARE AI TALK SHOW!!!»
(Quetzalcoatl visibilmente turbato)

Detto ciò il povero dio, più abacchiato di un abacchio, scuoia un paio di serpenti e prepara una barca con le loro pelli. Partirà per la famosa terra di Tlapallan, detta anche "Terra del rosso e del bianco".... non chiedete!

Quetzalcoatl serpente piumato.jpg

Quetzalcoatl s'è svegliato male. Chiederà qualche sacrificio?

Secondo un'altra versione Quetzalcoatl avrebbe seguito i preziosi consigli di Pino Scotto e si sarebbe dato fuoco su una pira, per poi trasformarsi in Tlahuixcalpantecuhtli, che poi non sarebbe altri che Venere, che a sua volta non sarebbe altri che suo gemello Xolotl che ha accompagnato il dio nell'oltretomba e poi al regno degli déi.

Morale della favola? Attenti alle piume di uccello vaganti, tira di più un gruzzolo d'oro che magnifici poteri soprannaturali e gli stronzi si divertono a vedervi fare cazzate.

[modifica] Culto

Di solito la venerazione non comprendeva sacrifici umani, di solito sostituiti da incensi, fiori, latte e farfalle. La cosa è molto insolita però perché privava i sacerdoti del famoso gioco della Grande Scalinata del Tempio, la cosa però si risolse quando questi studiarono più attentamente le stelle cercando un'interpretazione che giocassa e loro favore: così ampliarono il mito con la variante della pira di fuoco, con il cuore del dio (oppure tutto il dio stesso) che diventa un'Astro. Da allora i sacrifici si potevano fare a singhiozzi, per contro però i sacerdoi dovettero definitivamente rinunciare alla gnocca proclamando l'assoluto celibato. Cosa da allora sempre rispettata[lol].
Non si conoscono con precisione le date delle feste di tale divinità, si sa per certa solo una festa chiamata Etzalcualiztli, dove si costruivano nuove stuoie, subito dopo aver scuoiato prigionieri, sacrificato bambini e fatto finte guerre durante le feste precedenti.
Nel culto di Quetzalcoatl era prevista l'assoluzione di tutti i peccati in saecula saeculorum amen, ma era reiterabile una sola volta.


Ovviamente quando Cortèz seppe del mito e del culto pensò che fosse arrivato lì il demonio a parodiare la storia di Maria e del caro buon Gesù. Ma ovviamente questi gli chiesero se si fosse fumato qualcosa[6].
Così scrive Herman Cortés su tale mito:

Wikiquote.png
«Il Diavolo è molto astuto e ingannatore: ha fatto credere a questi villani, sporchi, brutti e taccagni come mio zio, che il loro falso dio sia nato da una vergine e che abbia poteri simili all'Onnipotente Gesù Cristo. Bastardi pagani. Ora scusami caro diario ma devo tornare a venerare Santa Caterina, Ermanaegildo e Germano per ingraziarmi gli indigeni e sperare non mi facciano la pelle.»
(Herman Cortés)

Col tempo però, tra uno sterminio di Indios e l'altro, Quetzalcoatl venne identificato con San Tommaso, che tutti sanno avere una storia pari pari a quella di Gesù.

[modifica] Curiosità

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse vuoi veder crescere le margherite dalla parte delle radici?

  • C'è chi identifica Quetzalcoatl con un re-sacerdote veramente esistito che avrebbe dato il nome alla divinità. Probabilmente costoro sono più fumati degli indios
  • Quetzalcoatl era di solito rappresentato come serpente piumato, forse per alludere al suo leggendario serpente
  • Non è ancora chiaro in quale mercatino il dio abbia comprato quella sua strana veste piena di croci
  • Quetzalcoatl era alto, bello e pure abbronzato[citazione necessaria]
  • Miracolosamente l'autore di questo articolo è riuscito a scrivere tutte le volte Quetzalcoatl senza sbagliarne neppure una!

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Ah? Cosa? C'era prima Maria? Fa niente: non gli dispiacerà perdere il primato. Vero?
  2. ^ Sempre che si possa definire sereno un marmocchio che gioca ad un gioco simile al calcio dove la palla era una testa umana...
  3. ^ Evidentemente i sacerdoti non avevano molta voglia di lavorare
  4. ^ Sarà mica stato un Rasta?
  5. ^ Sorella? E questa da dov'è spuntata?
  6. ^ E detto da una popolazione che venera la Marijuana come erba sacra....


[modifica] Pagine correlate

[modifica] Collegamenti esterni

La leggenda di Quetzalcoatl raccontato in modo sibillino da un indigeno visibilmente strafatto

Strumenti personali
wikia