Prostetnico Vogon Jeltz

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Freccia blu.png Voce principale: Guida galattica per autostoppisti


Prostetnico Jeltz Guida Galattica per Autostoppisti.jpg

Jeltz ti sta salutando. Scappa, prima che ti costringa a firmare qualche centinaia di documenti!

Quote rosso1.png Chi Zark t'ha dato il permesso di mettere qui una mia frase!!?? Ti avverto che rischi di incorrere in sanzioni se non mostri immediatamente la richiesta scritta in triplice copia. Su sbrigati scimmietta glabra!!! Quote rosso2.png

~ Jeltz su citazione
Quote rosso1.png Sono fiero di lui Quote rosso2.png

~ un suo se stesso alternativo in un universo parallelo poco prima di venire violentemente distrutto per un ritardo nel pagamento di una caramella
Quote rosso1.png Vuoi sentire una mia composizione? Quote rosso2.png

~ L'inizio della fine


Il Prostetnico Vogon Jeltz, passato alla storia come Jeltz l'Ottemperante, è il comandante della Flotta Costruzioni Stradali Vogon, nonché grande poeta della sua specie. Il che per inciso va visto come un demerito, se si conta che la poesia vogoniana è attualmente la terza in ordine di bruttezza in tutto l'Universo.

[modifica] Biografia

Nato nella Vogsphere da un seme di qualche sconosciuto e da un ovulo di un essere spaziale random, il giovane Jeltz mostra subito la sua vogonità scegliendosi il nome più cacofonico al momento. A 2 anni entrò nella scuola di insulti subito dopo aver passato il primo ciclo solare della sua vita a riempire scartoffie per l'iscrizione. A tre anni già era estremamente kroompst[1], si dice infatti che avesse fatto condannare alla frusta nove dei suoi dieci compagni per non essere riusciti a rendere la loro scrittura estremamente comprensibile, ma solo mediamente comprensibile.
Profilo Jeltz Guida Galattica per Autostoppisti.jpg

Jeltz si tiene sempre al passo coi tempi...

Terminata la scuola di insulti scelse il Liceo Artistico Vogon, dove cominciò ad appassionarsi di componimenti poetici, e in particolare dei Grandi Classici del suo pianeta quali Shpataplastz l'Aulico[2], Toophatbér lo Scatarroso[3], Jinseng il Suscettibile[4] e Sgaar'Bat-Ur il Sommo Poeta[5], divenendo ben presto un grande esperto. Sfortuna volle però che fosse figlio di uno dei piani alti dell'Ente Viabilità Galattico, e che questo si sentisse particolarmente in vena di nepotismo, raccomandazione e amenità simili, spedendo quindi il povero[citazione necessaria] Jeltz all'apprendistato della Flotta Costruzioni Vogon proprio quando gli mancava una sola domanda per conseguire la laurea in Poesia Vogoniana. Fu così che fu messo in quelle navi assurdamente trash, ma anche in un certo senso invidiabili, che accompagnano i Vogon nelle loro scorrerie autorizzate in giro per la Galassia.

Il suo primo mentore fu un tal Feldprostetnico Turgid Rowls, che gli insegnò come si cammina goffamente, si insultano adeguatamente i dipendenti, si appare emaciati, lerci e odiosi e in ultima istanza come si comanda e porta una nave resistendo alla tentazione di distruggere questa e tutto ciò che la circondava per vendicarsi dell'inettitudine dei sottoposti. Il suo apprendistato non fu però privo di cadute, a volte divertenti, altre un po' meno: si dice infatti che durante il suo primo viaggio di gomito, Jeltz avesse erroneamente fatto esporre l'impronta di Turgid Rowls su un BD140565 anziché su un BD140664, cosa che provocò reazioni ben più pesanti di quanto non ci sarebbe aspettato, dal momento che il BD140565 era un ordine di confisca dell'atmosfera, mentre il BD140664 era un addebito per la consegna tardiva al videonoleggio. In sostanza, uno studente di Blagulon Gamma s'era appisolato dimenticando di restituire King of the firefly warlords II - La vendetta del Re delle lucciole shogun e senza capirci nulla si svegliò su un pianeta morente per viverci i suoi ultimi trenta secondi di vita.
Comunque sia, il suo incarico contemporaneamente più gramo e più appagante fu quello di distruggere il mega-computer che avrebbe dovuto scoprire la risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l'universo e tutto quanto, universalmente conosciuto come Terra, e con esso tutti i suoi abitanti. Riuscendo la prima volta nella sua missione, non riusci però a distruggere tutti i suoi abitanti: infatti mancavano all'appello una tal Tricia Mc Millian e un tal Arthur Dent, che s'erano gentilmente rifiutati di farsi polverizzare dalle sue armi atomiche approfittandone di un suo sottoposto per un autostop. Riuscendo dapprima a catturali e a torturarli deliziarli con una sua poesiola, si vide offendere dall'umano in vestaglia Dent, mentre il suo compagno di Betelgeuse stava al gioco. Poco dopo i due fuggirono. Inizia così un estenuante viaggio alla ricerca di questi individui, che lo porterà ad un universo parallelo per distruggere quella Terra, come d'altronde tutte le altre varianti, e completare il lavoro. Accadde però che i terrestri si salvarono trasferendosi sul pianeta Nano, protetti dal dio Thor, il quale giocò la figura del martire per dare il contentino sia al suo rappresentante in Nano, sia a Jeltz contro il quale non aveva nulla, o almeno personalmente.

[modifica] La vena artistica

Scena Poesia Vogon Guida Galattica per Autostoppisit.jpg

"Allora? Vi è piaciuta?"

Come intuibile dalla sua storia, il caro Jeltz si appassionò alla poesia. Ovviamente quando si dice appassionò si intende nell'accezione Vogon che, per inciso, non va oltre il non voler sputare addosso alla cosa oggetto della passione. In senso proprio o figurato. Questa è la prima composizione di cui suo il curriculum parla:

Wikiquote.png
«Oh, acciacciato grugnosco, le tue minzioni mi appaiono

Come ciance di sebi su luride api.
Deh! Impiacciami, imploroti, sgabazzone rampante
Sciasciami, sprusciami, sprusciami coi crespi tentachili

O ti strapperò gli sputtoni coi miei scassagangli, CAPITO?»
(Oh, acciacciato grugnosco)

Questa, invece è a detta del poeta, la prima poesia di cui avesse memoria, composta presumibilmente durante gli anni dell'apprendimento:

Wikiquote.png
«Più non

Giocar costì
Presso la fossa granchiosa
Deponi cotesto mazzuolo
E sguiscia le brascia flosce
A un mondo di sole e di pelle tesa.
L'odio vieppiù apprendi

Mio piccolo Maledetto Bastardo»
(Piccolo Maledetto Bastardo)

Altre poesie non possiamo trascriverle perché già per queste abbiamo dovuto fare una formale richiesta alla Corte Galattica dei Diritti degli Esseri Senzienti, ma se proprio l'argomento è d'interesse, possiamo citare le sue raccolte più famose quali "Canti alla Luna Semi-distrutta Alla Quale Vorrei Togliere Quel "Semi-" ", "Le Parti di Me che non avresti Mai voluto conoscere" e "Tutto sul Mio Pormozzufolo". Notare che più andando avanti negli anni, il poeta si concentri molto sul suo (rivoltante) aspetto fisico nonché su alcuni suoi organi.

[modifica] Il figlio Mown

Primo, solo e unico figlio di Jeltz fu Mown, un giovane Vogon che spuntò casualmente da una fotocopiatrice quando Jeltz provò a vedere che succede quando si infilano le cosa dalla parte sbagliata[6], secondo altre fonti, Mown nacque da uno sputo involontario del prostetnico che casualmente finì dentro un'incubatrice superpotenziata dall'iperspazio. Sfortunatamente il giovane Mown era un vogon evoluto, che non odiava se stesso e che non si ritrovava ripugnante e che soprattutto non ce l'aveva con il resto dell'Universo, cosa che normalmente avrebbe fatto spedire un vogon a pulire la nave dall'esterno in eterno. Fortunatamente il giovane Mown era in grado di tenere a bada la cosa, e di salvare gli esseri senzienti dalla Furia Vogon con l'astuzia finché visse. A lungo, per inciso.

Tra i salvataggi in extremis di specie regolari e abituali contribuenti alle Tasse Imperiali, va citata la specie umano-nanica, che il giovane Mown salvò per il rotto della cuffia proprio quando il suo paparino stava per ridurla in poltiglia col gentile ausilio dei Raggi della Morte Inutilmente Lenta e Dolorosa grazie all'inattesa conoscenza della Legge. Cosa che ha dello strabiliante tra i Vogon, che mediamente di solito conoscono per di più i cavilli burocratici, ma soprattutto se si calcola che Mown era dove era per via del suo sangue.

[modifica] Onorificenze (vogon)

  • Onorificienza minatoria.png - Onorificenza Imperiale Galattica per il maggior numero di specie viventi estinte con un motivo valido (quasi)
  • Onoreficenza5.png - Gran Bastardo dei Bastardi
  • Onereficenza cavaliere del lavoro.jpg - Ottemperante Esattore ed Evasore delle Tasse
  • Ordine Civile di Savoia .png - Gran Maltrattatore di Dentrassi
  • Onorificenza massoneria.png - Efficiente Costruttore di Autostrade Iperspaziali Inutilizzate

[modifica] Pagine correlate

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Kroompst è un termine vogon che sintetizza perfettamente la loro essenza, cioè quella di essere simpatici quanto un documento da firmare obbligatoriamente ove vi è la dichiarazione dei redditi, una lettera di pensionamento e la richiesta di accettazione alla propria pena capitale per sbranamento da una Bestia Bugblatta di Traal il tutto riempito di sonori insulti personali.
  2. ^ Famoso per aver tenuto una caffè poetico in galassio-visione assieme ai Baroni Stop e Alt di Gamma Centauri ed esser riuscito nella stessa riunione a disinfettare la stanza con i suoi componimenti da tutti gli esseri viventi nei paraggi. Ospiti compresi.
  3. ^ Famoso per aver riempito della propria bava un intero lago su Sconsiglioso Epsilon 2 e aver su questo composto e decantato le proprie infime gesta
  4. ^ Famoso per essere riuscito a litigare con tutti i Vogon sul suo pianeta natale, e creando successivamente una guerra civile, a causa di un ospite esterno che non lo stava ascoltando
  5. ^ Lasciamo perdere...
  6. ^ Va detto a sua discolpa che la fotocopiatrice era una di Sconsiglioso Zeta, e cioè quel tipo di fotocopiatrice che ha più a cuore la propria sopravvivenza genetica che avere lo stomaco pieno...
Strumenti personali
wikia