Presidente della Repubblica Italiana

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

(Reindirizzamento da Presidente della Repubblica)
Matteo Renzi con Firenze alle spalle
Attenzione: il seguente articolo tratta argomenti di

Politica

Ti invitiamo alla cautela, le battute ivi contenute potrebbero offenderti nell'animo umano e causarti la voglia di ricontare le schede elettorali, inneggiare allo sciopero fiscale, assassinare preti, bruciare chiese o manifestare contro i tuoi parenti sventolando bandiere rosse.
Berlusconi-mitra
Napolitano con fette di prosciutto sugli occhi

Il nostro attuale Presidente della Repubblica, il vigile vegliardo Giorgio Napolitano.

Quote rosso1 Ma che minchia di "presidente" saresti?!?!? Quote rosso2
~ Italiani sul perché il loro presidente non è figo come quelli delle altre nazioni
Quote rosso1 Quindi non era quel vecchio tappo pelato che cerchiamo di evitare ad ogni summit internazionale? Quote rosso2
~ Obama si confonde tra "presidenti" italiani
Quote rosso1 Oh mio dio! Moriremo tutti! Si salvi chi può! Quote rosso2
~ Il Presidente della Repubblica Italiana durante il discorso di fine anno


Il Presidente della Repubblica Italiana è un personaggio di fantasia. In altre nazioni sarebbe la carica politica più importante, ma in Italia decisamente no. Ufficialmente è la prima carica, ma nella realtà le sue decisioni hanno meno peso di quelle di un fattorino che consegna le pizze, di un immigrato clandestino, di Malgioglio, di Tonio Cartonio, di Paolo Bitta e di un sasso. Sotto di lui ci sarebbero il presidente del consiglio, il presidente del Senato, il presidente della Camera e il presidente del consiglio superiore della magistratura italiana. A dire il vero essere presidente della repubblica consiste solo nel fare il Di Caprio espiatorio.

[modifica] Elezione

Il presidente è sempre un vecchio e resta in carica settordici anni, durante i quali non fa assolutamente nulla. Ogni tanto lo si vede apparire in televisione, ma in realtà si tratta di un sosia; la sua voce invece è opera di un imitatore che si nasconde sotto la scrivania mentre il sosia muove le labbra. Questo perché accettare di fare il presidente della repubblica è già il primo sintomo di una parziale emorragia interna al cervello, con conseguente pressione intracranica mortale se non tenuta sotto strettissima sorveglianza. Il giorno dopo il giuramento il presidente viene scortato in gran segreto nel manicomio criminale dell'isola di sant'Elena, ove risiede per il resto della sua breve vita. Va sottolineato che la sostituzione avviene dopo il giuramento, per cui l'uomo che risiede a palazzo Chigi non ha nessun obbligo nei confronti della popolazione. Il presidente viene scelto tra i concorrenti del grande fratello, e deve essere accettato sia dalla maggioranza che dalla minoranza. Spesso capita che questa disputa duri troppo a lungo, per cui ai candidati viene data una rivoltella con cui eliminarsi usando la roulotte russa.

[modifica] Requisiti per essere eletti

Pertini

"Sono stato eletto? Elementare, Watson." Si noti la tipica flemma inglese di Holmes.

Per essere eletti, oltre a candidarsi e a essere scelti (fin qui era facile) bisogna soddisfare requisiti fisici, psichici e anagrafici.

  1. fisici: occorre essere alti più di Berlusconi, avere un pene nella norma, portare i capelli corti, né piercing né tatuaggi.
  2. psichici: bisogna essere eterosessuali, avere al massimo 37 neuroni (da dimostrare tramite apertura chirurgica del cranio), avere almeno uno scheletro nell'armadio, avere legami con gente dalla dubbia onestà e saper contare fino a tre.
  3. anagrafici: serve essere nati in Italia, ma è consentito anche in Etiopia e in Albania. L'età minima è di cent'anni, di cui almeno novanta vissuti all'estero per poter essere ignoranti dei problemi del paese. Bisogna anche essere sposati perché non avere una first lady non è di moda.

[modifica] Ruolo

Orso corazziere

Durante gli anni di piombo, visti i rischi derivati dal ruolo, vennero assunti come corazzieri degli orsi siberiani

Il presidente può essere descritto in vari modi:
  • una banderuola al vento
  • un burattino nelle mani dei politici
  • un capro espiatorio
  • un incompetente
  • un cestista dell'NBA

Il punto è che il presidente della repubblica italiana è un ruolo di facciata. Nei momenti di crisi deve invocare la calma, la solidarietà, la cautela. Deve accogliere gli eroi nazionali, vivi o morti che siano, e rispettivamente abbracciarli, stringergli la mano dargli una medaglia oppure presenziare ai funerali, leggere un discorsetto scritto da altri, consolare i parenti e piegare il tricolore da mettere nella bara. Il suo tipico discorso di fine anno, oltre a essere pieno di ipocriti auguri, è farcito di luoghi comuni; fa un riassunto dell'accaduto nell'anno appena trascorso dopodiché viene rimesso in coma farmacologico per altri 365 giorni. A parte quest'ultimo punto, quello del coma, è praticamente un papa!

In ogni caso, la Costituzione sancisce per lui dei compiti ben precisi, non molto importanti, ma non per questo inutili e privi di soddisfazione. Vediamo alcuni:

  • Accreditare e ricevere funzionari diplomatici: apre loro la porta del Campidoglio con un vassoio di tartine.
  • Effettuare visite ufficiali all'estero, accompagnato da un esponente del governo: solitamente Roberto Benigni o un qualche altro spassoso comico per ricordare agli stranieri che, anche se affoghiamo nei problemi, noi italiani siam gente simpatica.
  • Dichiarare lo stato di guerra, deliberato dalle camere: citofona, dichiara, e poi scappa il più veloce possibile per non essere colpito da eventuali cannonate di risposta.
  • Nominare fino a cinque senatori a vita: che lo malediranno fino alla decima generazione (vedi sotto)
  • Promulgare le leggi approvate in Parlamento: al massimo può rimandarle indietro dicendo che c'è qualcosa che non va, ma se poi gli tornano indietro uguali se non peggio lui deve per forza promulgarle. Alla faccia dell'inutilità...
  • Indire i referendum e in caso di esito favorevole dichiarare l'abrogazione della legge ad esso sottoposta: gliene saremo grati quando finalmente ci saranno dei referendum per l'abolizione delle tasse
  • Presiedere il Consiglio Supremo di Difesa (CSD) e detenere il comando delle forze armate, benché in qualità di ruolo di garanzia, non di comando effettivo: in altre parole, se anche si azzarda solo a dire <<Riposo, soldato!>> a una recluta arriva un generale che lo prende a schiaffoni e gli ricorda di lasciare le faccende militari a chi ci sa fare.

[modifica] Poteri magici

Einaudi

Per un pugno di voti, Gandhi non fu eletto. La carta Bossi si era rifiutata di fornirgli alcun aiuto.

Al momento dell'investitura il presidente viene chiuso in una camera sottoposta a radiazioni nocive, ma non mortali, per un paio d'ore. Non appena tirato fuori gli si inietta un antidoto che azzera il rischio di morte e che aumenta la possibilità che nascano in lui dei poteri sovrannaturali, capaci di renderlo a tutti gli effetti un X-man. Altre abilità gli vengono poi insegnate nel corso del tempo, come l'abilità di centrare un bersaglio a 50 metri di distanza con un coltello, con le mani legate dietro la schiena, oppure quella di fare tre salti mortali consecutivi senza prendere la rincorsa.

[modifica] Al termine del mandato

Al termine del mandato egli è obbligato a diventare senatore a vita. Prima di tutto si noti come questa carica gli conferisce più potere rispetto a prima, anche se la popolarità crolla di brutto. Ma soprattutto se quel povero vecchio sentisse di doversi ritirare dalla scena politica, se fosse mentalmente instabile, se volesse trasferirsi alle isola Cayman assieme al suo recentissimo cospicuo conto in banca, non potrebbe! Dei vigilantes ogni mattina gli entrano in casa, lo prendono di peso e lo trascinano al lavoro sulla sua sedia. Lì viene preso a sberle dai suoi due aguzzini ogni volta che è sul punto di addormentarsi; deve intervenire almeno una volta al giorno; non può andare al bagno per tutto il giorno; deve pagare di tasca propria i torturatori e non può licenziarli.

[modifica] Storici presidenti

Dal momento della proclamazione della repubblica, sono stati eletti 27/3=9.1111111 presidenti. Alcuni meritano la citazione; gli altri, la citazione in tribunale. Ecco l'elenco completo dei primi:

N. Immagine Nome Partito Periodo in cui ha mangiato a spese nostre
7 Enrico De Nicola e Jack Nicholson Joker Nicola De Enrico Partito dei Poveracci post-bellici 1 luglio 1946 - 12 maggio 1948
13 Einaudi Gandhi Partito Capitalista 12 maggio 1948 - 11 maggio 1955
2 Giovanni Gronchi color rosa in un francobollo Giovanni Bronchi Famiglia Cristiana 11 maggio 1955 - 11 maggio 1962
4,24 Antonio Segni La Mummia Famiglia Cristiana 11 maggio 1962 - 6 dicembre 1964
ABC Stregatto Giuseppe Lo Stregatt Partito Nazicomunista 29 dicembre 1964 - 29 dicembre 1971
28 Leone vecchio coglione Giovanni Leone Famiglia Cristiana 29 dicembre 1971 - 15 giugno 1978
(Si dimette perché voleva stare in vacanza il più a lungo possibile. Attualmente si trova ancora ad Alassio.)
-4 Pertini Sherlock Holmes Partito Qualunquista 9 luglio 1978 - 29 giugno 1985
(Si dimette pochi giorni prima del termine del mandato, in polemica col Governo che non gli aveva comprato il tabacco per la pipa.)
½ Cossiga tiene fascia Il picconatore di palle altrui Famiglia Cristiana 3 luglio 1985 - 28 aprile 1992
(Si dimette perché i giornali erano già due giorni che non parlavano più di lui e cominciava a sentirsi trascurato...)
X Oscar Luigi Scalfaro Playboy Oscav Luigi Scalfavo Famiglia Cristiana 28 maggio 1992 - 15 maggio 1999
© Orso bear testa Carlo Azeglio Ciampi Partito Golpista Sudvenezuelano 18 maggio 1999 - 15 maggio 2006
___ Mastino napoletano Giorgione O' Napuletan' Partito degli Amici di Beppe Grillo 15 maggio 2006 - fino a che la Nera Signora non chiama...


Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo