Prallo

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Signor gatto serio.jpg
AVVISO
Questo articolo tratta di cose serie. O almeno semi-serie. Insomma se avete qualche tipo di allergia oppure qualche patologia per cui un articolo come questo potrebbe causarvi danni cerebrali irreparabili, cambiate subito pagina, sito e numero di scarpe, o il vostro inevitabile destino sarà la morte cerebrale.


Wikipedia nera.png
GIOITE!
Dopo aver letto questo articolo anche noi potremo dire:
"Nonciclopedia ha questo articolo e Wikipedia no, pappappero!"
Alla facciaccia tua, Wikipedia!
P di Prallo.jpg

Miniatura esplicativa dell'utilizzo del prallo.

Quote rosso1.png Che diamine è un prallo?! Non c'è nemmeno su Google! Quote rosso2.png

~ Tu, nel vedere questa pagina.
Quote rosso1.png Sotto coi fagioli: ho chiesto un do# minore! Quote rosso2.png

~ L. van Beethoven nel tentativo di scrivere un arrangiamento per pralli del Chiaro di Luna.

Il prallo è un oggetto arcaico, antenato della vanvera da passeggio, il cui scopo è quello di musicare e profumare l'aria, calda e pressurizzata, proveniente dall'intestino, ed espulsa dall'ano, anchesì detta scoreggia.

[modifica] Conformazione

Il prallo è un oggetto in legno o in ceramica, delle dimensioni e delle fattezze di un uovo di gallina[1]. È dotato di due fori comunicanti e un comodo cordoncino nella parte esterna, per facilitarne l'estrazione. Al suo interno, inoltre, possono essere poste erbe aromatiche, sicché, all'espulsione della flatulenza, sia possibile rinfrescare l'aria, meglio di un diffusore elettrico.

Il tipico suono del prallo, quando la ventosità vi passa all'interno, è molto simile a quello di una trombetta, anche se, a seconda della potenza dell'aria emessa, questo suono può variare dalla similitudine con un fischietto a quella con un bassotuba[2].

[modifica] Storia

[modifica] La genesi

Non è ben nota l'origine di codesto strumento, anche se molti esperti archeologi affermano già nell'antico Egitto il prallo era largamente in uso. Si narra l'anonimo inventore fosse un musico di corte, il quale, volendo ampliare i propri orizzonti a livello creativo, progettò uno strumento musicale che potesse essere suonato dallo sfintere, così da poter animare le serate del suo Signore con un terzetto di strumenti, anziché un banale duo. All'inizio, codesto strumento non fu apprezzato, così l'anonimo inventore fu condannato, chiuso in un sarcofago con insetti assassini e, infine, divenne una mummia. Come accade a tutti gli artisti creativi, la loro arte viene riconosciuta solo post-mortem. Così, dopo che l'inventore morì, diventò mummia, resuscitò grazie al Libro dei Morti, morì di nuovo, resuscitò ancora[3], perì in modo definitivo, finalmente il prallo ottenne consensi e successo. E suscitò talmente tanta approvazione, che fu adottato da tutta la nobiltà egizia e, successivamente, greca, romana ecc...

[modifica] Il Medioevo e il declino

Tra la fine del 12° e gli inizi del 13° secolo d.C., il prallo cominciò a scomparire a seguito delle repressioni ecclesiastiche. Tre sono le motivazioni di tale repressione:

  1. Gli inquisitori ritenevano il prallo troppo simile alla pera, indi non volevano i sodomiti avessero un'anteprima della tortura a loro riservata. AL ROGO!
  2. Gli inquisitori ritenevano i concerti scritti per prallo fossero anticlericali e blasfemi: come osare inserire incensi[4] nel prallo per produrre aromi e musica?! AL ROGO!
  3. Gli inquisitori ritenevano il prallo un oggetto troppo venusto e utile[5] perché potesse essere lasciato nelle mani[6] della nobiltà. Meglio ne beneficiasse solo la Chiesa, scrivendo bellissimi concerti per organi per animare le sere del dì di festa. AL ROGO!

[modifica] L'evoluzione: Vanvera da Passeggio

Purtroppo, però, coll'eliminazione del prallo, le emissioni di CO2, gas nervino e acido cianidrico contaminarono l'atmosfera terrestre, portando, così, all'estinzione dei dinosauri. Dal momento che anche la razza umana era minacciata da codesto pericolo, la Chiesa decise di appellarsi a Dio, nel tentativo di creare un oggetto similare al prallo, ma meno blasfemo, meno eccitante e più silenzioso. Insomma, un oggetto noioso. Fu così creata la vanvera da passeggio: oggetto in pelle disponibile in vari colori (blu, rosso, giallo, terra di siena bruciata), realizzato su misura per aderire perfettamente alle vostre lacche! La parte aderente ai glutei è fatta a coppa e comunica, attraverso un collo, ad una sacca preposta a contenere le vostre flatulenze. Il tutto terminante in un pertugio, munito di solida e comoda chiusura con spaghetto, per consentire lo sfiato. Se sei un uomo, puoi indossarla comodamente sotto il mantello per recarti al Caffé del Corso o al Medusa Multisala; se sei una donna, puoi indossarla comodamente sotto la gonna[7] per recarti al Bar della Via o al The Space Cinema. Ogni rumore è assolutamente diminuito e ogni odore è evitato. Attenzione: all'apertura dello spago o alla rimozione della vanvera può seguire vomito e/o svenimento e/o morte.

[modifica] Manuale d'uso

Il segreto di Beeb Beeb.jpg

Beeb Beeb illustra quali siano gli effetti di un prallo riempito di nitroglicerina.

  1. Prendete il prallo tenendolo saldamente tra il pollice, l'indice e il medio della mano dominante[8].
  2. Assicuratevi che il cordoncino a forma di ramazza[9] sia rivolto verso il vostro palmo e non verso l'esterno della mano.
  3. Avvicinate il prallo allo sfintere.
  4. Sospingete all'interno, assicurandovi il cordoncino non penetri troppo a fondo (altrimenti l'unico modo per rimuoverlo sarà attendere uno stimolo maggiore, con conseguente difficoltà nel recupero).
  5. Bene, ora avete il vostro prallo nella posizione corretta. Andate e petate in pace, musicando le strade con concerti di sfiati e riempiendole di gradevoli profumi!

[modifica] Avvertenze

  • Un uso improprio del prallo può essere adoperato dai bardassi per trarne piacere sessuale.
  • Non inserire all'interno della vagina; per ciò esistono i vibratori.
  • Non inserire all'interno del prallo sostanze chimiche che producano reazioni a contatto con aerosol solfurei: l'omicidio è reato.

[modifica] Curiosità

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse ti incuriosisce sapere com'è dormire coi pesci?

Quote rosso1.png Grazie al prallo è potuto esistere il periodo Cretaceo. Quote rosso2.png

~ Il Presidente Premieraptor in conferenza stampa, 145.000.000 a.C.
  • La Raid, nel 600 a.C. brevettò il "Prallo Anti-Zanzara", inserendo citronella e geranio nell'utile strumento.
  • W.A. Mozart compose la sinfonia KV 297 inserendo i pralli nell'orchestra[10]. Da qui il nome della sinfonia: "Sinfonia Concertante per Sfiati[11]".
  • Beeb Beeb è un noto utilizzatore di prallo contenente nitroglicerina: ecco spiegati il suono che il volatile emette quando dà gas e la sua velocità da multa immediata.
  • Le flatulenze di Superman sono così potenti da far saltar via il prallo dallo sfintere come un sughero dalla bottiglia di Champagne.
  • Il caso sopra citato è un perfetto esempio di trasformazione del prallo: da dispositivo medico ad artiglieria pesante[12].

[modifica] Note

  1. ^ Realizzato anche in formato "uovo di struzzo", per le natiche più esigenti, e in formato "uovo di quaglia" per i giapponesi
  2. ^ Da qui l'impiego del prallo nelle maggiori orchestre del mondo
  3. ^ Vedi Dragon Ball per scoprire il segreto
  4. ^ Contaminandoli con le flatulenze poi!
  5. ^ In mancanza di persone o oggetti appositi, vedi: Avvertenze nel Manuale d'uso del prallo
  6. ^ Si fa per dire, tutti noi sappiamo che il prallo non era precisamente tenuto in mano
  7. ^ Perché disturbarsi a mettere il mantello? È così fuori moda!
  8. ^ Se siete ambidestri usatele entrambe
  9. ^ Scopino per la polvere
  10. ^ D'altronde si sa: Mozart era un burlone
  11. ^ For Winds/Vents
  12. ^ Sempre utile ad un supereroe

[modifica] Voci correlate




Gatto Bobob Ianco.gif
Gatto Bobob.gif
Strumenti musicali.png
Strumenti personali
wikia