Porta a Porta

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

(Reindirizzamento da Porta a porta)
Manifesto raccolta porta po

Celebre manifesto del programma.

Quote rosso1 Il programma di Vespa valorizza la televisione italiana. Quote rosso2

Quote rosso1 "Caro Daniele, cos'è l'anteprima di Porta a Porta dopo i telefilm?" "Il segnale per cambiare canale." Quote rosso2

~ Daniele Luttazzi su Porta a Porta.


Porta a Porta è un circolo per vecchi falliti e scarti della società che si riunisce ogni sera dopo le 23.00 per esercitare del buono yodel e raccontarsi storielle erotiche.

[modifica] Il programma

LogoNonNotizie

NonNotizie contiene diffamazioni e disinformazioni riguardanti Porta a Porta.

Porta a Porta nasce dalla fusione dei due neuroni di Bruno Vespa, come ramo della Lega Nord nella televisione italiana per combattere l'insonnia che affliggeva gli habitué del postserale, monopolizzando la loro attenzione su argomenti ripugnanti che facevano svenire gli ascoltatori, come il domandarsi come bacia Vladimir Luxuria o una panoramica dello scroto di Cristiano Malgioglio. Condotto inizialmente dal maestro della televisione italiana, Carlo Conti, e da un suo alter ego pallido, registra un record negativo di ascolti, con una percentule di numeri sotto lo zero, battuto però da Sottovoce, programma del nemico Marzullo che consisteva nell'ascoltare la sua voce per ore mentre ansimava.

I capi della RAI, non soddisfatti di non aver raggiunto la prima posizione, liquidano Carlo Conti chiudendolo in un solarium assieme al vecchio amico Lupo Lucio, noto ninfomane che nel milanese aveva gettato nell'incubo numerose famiglie cattoliche. Al suo posto, lo splendido Bruno Vespa, celeberrimo giornalista di Qui Svervegia che dopo anni di gavetta e un Premio Pene riesce ad arrivare alla ribalta. È portatore di numerose novità, tra cui va sottolineato il cambio di nome in Porca a Porca. È vetrina ora di tutte le puttanelle del circolino, donne di strada che vogliono raccontare le loro esperienze e vecchie malate e vogliose in cerca di compagni. Il presentatore, perfettamente a suo agio fra culi e tette, si muove da vero esperto da un argomento all'altro, sbavicchiando e imbrufolandosi sempre più, aumentando gli ascolti del 12883%, mandando il programma fra le prime posizioni delle trasmissioni più guardate di sempre.

VESPA1

Una puntata particolarmente intensa di Porca a Porca.

Sempre i capi della RAI cominciano a odiare anche Bruno Vespa. Il successo distrugge tutte le loro ambizioni di fare della televisione un cesso per il regresso, sconvolgendo le loro rosee previsioni e mandandoli su tutte le furie. Cappone, direttore centrale spirituale, costringe Bruno Vespa a chiudere il programma "a causa dei risultati conseguiti", mandandolo in depressione e in astinenza da porcellone accalorate. Mentre lui si droga di ecstasy, che gli viene passata regolarmente dai senatori del gruppo di Clemente Mastella, i sovrani della tv si riuniscono in gran segreto ad Arcore meditando su come peggiorare il programma. Marzullo, imbucato, suggerisce di far parlare fra di loro politici ultracentenari.

Vespa Tette

Vediamo meglio l'immagine di prima

Superato l'iniziale sgomento per quella proposta di cattiveria sconcertante, si decide il piano di fallimento del programma, scommettendo sempre su Bruno Vespa nel ruolo di tappezzeria e maggiordomo. Trovano il grande giornalista in coma etilico nei cessi della metropolitana, col fegato in gola, grigio e con un numero di brufoli superiore al migliaio, tanto da essere scambiato in un primo momento per un negro abbandonato lì.

Vespa con donna in topless con la faccia di Berlusconi

Ed ecco cosa aveva in mente Vespa durante quel momento.

Penetra nuovamente il palcoscenico nazionale con la sua presenza inutile e spiacevole, costretto a far tornare il programma al vecchio splendore della conduzione Conti e tornando alll'oramai leggendario nome, garanzia di cattiveria, Porta a Porta.

[modifica] Premiata sartoria Vespa

Premiata sartoria Vespa (PSV) diretta dal mastro sarto Bruno Vespa da anni si occupa delle più famose opere che vanno a occupare gli spazi della sfilata di porta a porta. Ha ormai assunto il ruolo principale nella boutique dal confenzionamento diretto delle interviste a un'attenta cernita delle domande, da un'accurata attenzione per i temi proposti, a una maniacale e pregiata costruzione di plastici della casa di Cogne e Avetrana.

[modifica] Le più importanti opere presentate nelle sfilate

  • "La promessa del vecchio".
    Impegni contratto

    La promessa del vecchio. Visti i risultati, avrebbero dovuto fargliela firmare sopra un maiale.

    Un uomo ormai anziano, una scrivania di mogano, un sorriso, una promessa. Uno dei più grandi capolavori del mastro.
  • "Il pianto dell'innocente". Una casa, una donna, una madre, un plastico, un pianto, una replica, un'altra replica, altre 5-6 repliche, una puntata sul coltello, una sul pigiama, un'altra replica, una sulla neve ormai sciolta, una sul figlio nuovo, un'altra replica della puntata sul pigiama.
  • "Ritorni dal limbo".
  • "I lupi e l'agnellino"

[modifica] Nascita di un'opera

Come per ogni opera d'arte che si rispetti, la PSV non rivela mai l'iter con cui esegue le sue creazioni. Ma dati i risultati, si cela dietro un profondo amore per il lavoro, una continua ricerca della perfezione volta a essere competitiva e seria nel mondo. La scelta dei prodotti più genuini hanno fatto da sempre il punto di forza della sartoria, il suo amore per le cose fresche e per le facce nuove l'ha resa celebre a livello mondiale e richiestissima da politici, vallette, madri assassine, cuochi e svegliati dal coma. La sua professionalità e la sua etica impeccabile si può anche notare dalla modalita' con cui avvengono le prenotazioni, e dalla disponibilità del mastro sarto stesso :

- Mastro Vespa: “Pronto?”
- Cliente Salvatore Sottile: “Bruno!? Salvatore sono!”
- Vespa: “Ehi!”
- Sottile: “Senti, com’è strutturata la trasmissione?”
- Vespa: “Niente, dipende da voi.”
- Sottile: “No, aspetta...”
- Vespa: “Gliela strutturiamo, gliela confezioniamo addosso...”
- Sottile: “Che fai, fai una ricostruzione sui documenti che ci sono?”
- Vespa: “No no, allora ti facciamo il Berlusconi in parlamento...”
- Sottile: “Berlusconi in parlamento.”
Augusto a Porta a Porta

Porta a Porta ospita sempre personaggi di rilievo. Nella foto: l'imperatore Augusto.

- Sottile: “Ma vabbé fai un pezzettino della conferenza...”
- Vespa: “E come contraddittore?”
- Sottile: “Ehm... Non so, tu chi c’hai, Fassino? Chi c’hai?”
- Vespa: “No, non lo so, uno che proponevamo noi se lui non ha niente in contrario sarebbe Rutelli... Non gli va?”
- Sottile: “Non lo so... non lo so... Aspetta un attimo... E di altre persone chi c’è in più?”
- Vespa: “Di altre persone ci sarebbero Mario Arpino...”
- Sottile: “Mario Arpino...”
- Vespa: “Mario Arpino e... Margelletti eventualmente.”
- Sottile: “Margelletti... ho capito!”
- Vespa: “E... poi in collegamento Luttwak e Rula...”
- Sottile: “Minchia!”
- Vespa: “Ma se li volete ehh!”
- Sottile: “E ru... Gente che ci va in punta di vanga.”
- Vespa: “Sì sì.”
- Sottile: “Sì sì sì... Ecco”
- Vespa: “Sento però dei cenni di assenso da parte del tuo principale (Gianfranco Fini nda).”
- Sottile: “No non senti nessun segno di assenso... Siccome sa che tu sei un pessimo giornalista...”
- Vespa: “E che allora... Infatti... Che facciamo? Proviamo con Rutelli?”
- Sottile: “Gianfranco, che dici Rutelli?”
- Vespa: “Proviamo?”
- Sottile: “O proviamo a Fassino?”
- Vespa: “È che Fassino è venuto molto spesso... Capisci? È venuto sempre lui...”
- Sottile: “Uno vale l’altro mi ha detto...”
- Vespa: “L’uno vale l’altro... Va bene... Alle 18 va bene?”
- Sottile: “Alle 18 ti va bene? (domanda a Fini)... Prima, prima, prima...”
- Vespa: “Eh... Dimmi a che ora...”
- Sottile: “Prima ehm... 16.30.”
- Vespa: “16.30.”
- Sottile: “Sì”
- Vespa: “Benissimo... Domani!”

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo