Porcupine Tree

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Jalisse.jpg
ASCOLTA BENE QUESTA PAGINA


A me ricorda tanto i Jalisse dopo che hanno vinto il Festival di Sanremo
Infatti è corto tanto quanto il loro successo dopo il Festival
Ma tu cerca di essere migliore di loro, metti a posto questo stub musicale.

Quote rosso1.png Chi cazzo sono? Quote rosso2.png

~ Falso metallaro su domanda la quale non riceverà mai risposta.
Quote rosso1.png Follow me down to the valley below...You know Moonlight is bleeding from out of your soul Quote rosso2.png

~ I Porcupine Tree su mestruazioni ogni 28 giorni.
Cavallo Pazzo.gif

Un fan del gruppo si scatena durante l'ascolto di un brano.

Questa è una strana e brutta storia, la storia di un ragazzo stanco di band inglesi che con un po' di alcol tirano su quattro canzonette, arrivando a scalare le classifiche mondiali, come gli Oasis e i Sex Pistols e si scopano vagonate di donne. Questa è la storia dei Porcupine Tree , nati dalla frustrazione di un ragazzotto che suonava 25 ore su 24 la chitarra ascoltando dischi al contrario dei Pink Floyd come rituale sabbatico cavandone solo infinita tristezza e una profonda depressione.

Inizialmente, negli anni '80, Steven Wilson era tutto solo e depresso perché nessuno lo voleva far suonare, appestava i locali inglesi con la sua negatività e come un forever alone girava sotto la fredda pioggia di novembre, che pure odiava a causa del celeberrimo brano dei Guns n' Rozzi. In seguito un po' per noia un po' perché aveva appena finito la sua scorta di LSD, decise di comprare un albero di porcospino e magicamente riuscì a farlo suonare (male). LSD, come noto, causa effetti collaterali a lungo termine.

[modifica] Carriera del gruppo (mono)

Dopo svariati tentativi di suicidio da parte del frontman Lamette Wilson, nascono dalle ceneri di una tristezza infinita i Porcupine Three. La loro carriera ha un fulcro centrale: fare canzoni tutte con arpeggi ripetitivi che durano ore e con la voce narrante impostata su "effetto megafono" o radio anni 30.

Tutto questo per nascondere in realtà le limitatissime doti del range vocale del cantante. I due chitarristi sono in realtà depressi jazzisti che non sapendo come cavar un centesimo dal jazz si sono ridotti ad arpeggiare a random diverse note, al punto di ottenere arpeggi di una cacofonia tale da far esclamare a Ozzy: "Ma che cazzo di malattia ha questo chitarrista?" È con canzoni tristi e neomelodiche alla Gigi D'Alessio che comincia l'ascesa, seguita da una quantomai repentina discesa.

Nessun premio vinto. Nessuna donna li ama se non delle depresse "culone inchiavabili"(cit. Berlusconi).

Strumenti personali
wikia