Play Generation

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Homer.jpg
Ebbene sì. L'autore di questo articolo dichiara ufficialmente:
Quote rosso1.png Non ce l'ho fatta! Quote rosso2.png

Quote rosso1.png È impossibile trovare qualcosa da dire su Play Generation che sia più demenziale della realtà stessa. Parlarne normalmente genera così tante idiozie da mettere in crisi le fondamenta stesse di Nonciclopedia. Quote rosso2.png

L'autore si scusa e rimane disponibile per chiunque volesse punirlo con il supplizio dello sparticulo.
Quote rosso1.png PLAY GENERATION: La rivista per PlayStation più venduta in Italia Quote rosso2.png

~ Frase veritiera[citazione necessaria] scritta su ogni copertina della rivista Play Generation.
Logo play generation.png

L'accattivante[citazione necessaria] logo di Play Generation.

Quote rosso1.png Sono orgoglioso di essere un lettore di questa rivista. Le notizie sono sempre affidabili e alcune in esclusiva. Inoltre vi sono delle ottime recensioni sui videogiochi appena usciti: sempre chiare e con voti sempre azzeccati. La consiglio a chiunque. Quote rosso2.png

~ Affermazione di un lettore di una rivista che non è Play Generation.
Quote rosso1.png Non è buona neanche come carta igenica. Quote rosso2.png

~ Editore della rivista Play Station Magazine su Play Generation.

Play Generation è una nota rivista italiana adibita alla divulgazione di materiale top-secret sovietico di informazioni riguardanti il famigerato favoloso mondo della PlayStation 3, nonché della PlayStation 2, PlayStation Portable e negli ultimi tempi anche PlayStation 4 ; anche se il 97,999999...% la legge soltanto per gli articoli sulla PS3, guardando le figure e leggendo solo i titoli.

[modifica] Storia

Beppe centripeto.png

Foto dell'epoca che ritrae il nostro eroe felice per la sua nuova impresa giornalistica.

Tutto ebbe inizio un sabato di martedì notte del millenovecentonovantadieci, quando l'avvocato Peppe Centripeto, allora cuoco nella mensa della Sony Computer Entertainment Europe, decise di rubare tutti i file segreti della Sony dai computer degli addetti alla progettazione dei videogames; trovando solamente patacche come: notizie riguardanti il progetto di dominazione del mondo da parte di Sony o la pianificazione di copiare spudoratamente tutte le idee della Nintendo. Con queste notizie Peppe Centripeto decise di scrivere una rivista che riportava informazioni sui videogames. Ecco come nacque Play generation. Ogni anno si ricorda questa notte con il nome:"La notte in cui Peppe Centripeto, allora cuoco nella mensa della Sony Computer Entertainment Europe, decise di rubare tutti i file segreti della Sony dai computer degli addetti alla progettazione dei videogames con qui scrisse la rivista Play Generation". In realta questa storia è solo una leggenda metropolitana che non ha alcun credito storico.[1]

[modifica] La struttura della rivista

Lettore rivista.jpg

È inutile che mi guardi così, quella rivista ti porterà solo a soffrire di attacchi di rabbia improvvisi.

Play Generation non sarebbe la rivista[2] per playstation più venduta in italia se non avesse le sue tipiche sezioni:

  • La prima sezione riguarda le ultimissime notizie dal mondo videoludico che comprendono: trailer di videogiochi, romur sulle uscite posticipate/anticipate di questi ultimi o dichiarazioni dei produttori di videogames...

... in realtà la notizia più recente registrata nell’arco di due anni è stata quella del 21 maggio 2009 che dichiarava l’uscita della console Nintendo 64.

  • La seconda sezione, che molti studiosi tra cui Roberto Giacobbo e Raz Degan l'hanno definita la nuova Atlantide a causa della sua misteriosa inutilita, riguarda i reportage, che mischia degli articoli sulle ultime notizie di videogames non ancora usciti con delle interviste fatte dagli editori di Play Generation ai produttori dei giochi in questione; e fin qui nulla di anormale sinchè non si comincia a leggere come gli editori sono arrivati dal aereoporto o cosa hanno mangiato la sera seguente, causando così una crisi isterica dei lettori che scaraventano la rivista fuori dalla finestra in direzione verso il cassonetto nel giardino del vicino posizionato accuratamente giorni prima per evitare di raccogliere le cartaccie dalle sue aiuole.
Zaino play generation con faccia di Peppe Centripeto.gif

Immagine che rappresenta il ninnolo più ricercato di Play Generation, nonché il migliore[3].

  • La terza sezione riguarda le recensioni dei videogiochi appena usciti descrivendo la sua grafica, il divertimento che suscita[4] e la longevità del prodotto. Naturalmente a queste caratteristiche viene dato un voto in centesimi di cui viene fatta la media. Con questa media si dà il voto finale al videogioco...

...in realtà la media viene fatta dal più grande matematico di tutti i tempi: Michi Mango in persona, ad esempio la media di 71,64 e 69 risulta 83.

  • Infine vi è la sezione che ti propone assurdi abbonamenti a questa rinomata[citazione necessaria] rivista proponendoti allettanti ninnoli...

... ad esempio con l'abbonamento che dura 3 generazioni ti regalano un rancido zainetto di pelle di mucca viola della Milka© con simpaticissime rilegature della faccia dell' avvocato Centripeto che neanche il più povero degli immigrati clandestini vorrebbe.

Ammazza che mazza.jpg

Uno dei tanti giochi recensiti da questa rivista.

[modifica] Utilità della rivista

Sterpaglia.gif

Un momento... l'ho già detto carta igenica?

[modifica] Il forum di Play Generation

Non parliamo poi, ma in verità lo facciamo, del forum di Play Generation, nel quale lo scopo principale degli utenti è farsi bannare nel modo più originale possibile. Inoltre in questo forum si parla, a dirla tutta si scrive, di argomenti riguardanti il mondo videoludico e non, come ad esempio: le figurine in giapponese del mondo di Patty; il quale ha suscitato molto interesse da parte di tutti gli utenti iscritti. Per non dimenticarci che il tempo viene misurato in "Jokersecondi".

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Quindi avete letto questa parte per niente, hahaha!
  2. ^ Se si può considerare una rivista.
  3. ^ Pensate come sono messi male.
  4. ^ Tra parentesi: i parenti degli editori svolgevano la professione di becchini.

[modifica] Argomenti correlati

[modifica] Collegamenti esterni

Strumenti personali
wikia