Pizza

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

La cucina della Signora Van de Kamp.jpg
Squalo che esce dalla zuppa.jpg

Nonciclopedia si schiera a difesa dei
buoni sapori di una volta.
Aiutaci anche tu a tutelare le nostre eccellenze enogastronomiche come
la proboscide ripiena e l’insalata con dita.
E ricorda: Siamo quello che mangiamo!
Sì, sei un coprofago.

Pizza Peperoni.jpg

Lo so, hai l'acquolina in bocca. Vorresti entrare nel monitor e mangiartela tutta. Oppure mangiarti il monitor.

Quote rosso1.png Se non la smetti te ammollo na pizza!! Quote rosso2.png

~ Romano che offre la cena ad un amico
Quote rosso1.png Vorrei una pizza con mozzarella, cetrioli, funghi porcini, burro, uova, cotolette e origano. Niente frittura, che mi fa ingrassare. Grazie. Quote rosso2.png

~ Cliente salutista che ordina una pizza.
Quote rosso1.png Se fossi pizza sfamerei il mondo Quote rosso2.png

La pizza è il pasto che consumiamo durante il fine settimana quando nessuno ha voglia di cucinare.

[modifica] Biografia

Gesù pizzaiolo.jpg

Esempio di servizio Pizza a domicilio

La pizza nasce a Napoli dall'ardita fantasia di Gennariniello Esposito, che stava seguendo le istruzioni per preparare un panettone. Qualcosa evidentemente andò storto ed ecco che il cuoco partenopeo si trovò tra le mani un cibo che odorava di pizza e sapeva di pizza. Gennariniello decise saggiamente di chiamarla pizza. La prima pizza venne nominata pizza Margherita in onore alla regina Margherita di Savoia, che ne mangiava a chili, specialmente il Sabato sera quando c'era la nazionale di calcio alla Tv. Gennariniello avrebbe voluto dedicare una pizza anche al marito ma la Pizza Pasqualone suonava troppo brutto.

Altre pizze inventate furono la marinara, la quattro stagioni, il calzone, il giubbino, ò mattone è Zì Nicola.

Nonostante sia un prodotto organico essa è gustosa, di bell'aspetto e facilmente rivomitabile, nel caso le pizze non siano a sufficienza per tutti.

[modifica] Tipologie di pizze

Pizza mista.jpg

Una pizza leggera, da accompagnare con due ettolitri di bicarbonato.

Ecco gli ingredienti ufficiali per preparare una pizza verace, così come ci sono stati tramandati dal celebre trattato di cucina del 1886 A' panza 'nturzata del cuoco Vicienz' à Paranza:

  • Margherita: pomodoro, olio, mozzarella e basilico
  • Marinara: pomodoro, olio, aglio e origano.
  • Semplice: solo l'impasto, e a volte neanche quello.
  • Alla merda: pomodoro, olio, mozzarella, deiezioni canine.
  • Calzone: pomodoro, mozzarella, salame, prosciutto, il tutto cotto a vapore dentro un paio di pantaloni. La famigerata versione alla cipolla è proibita dall'ONU, ma ne è consentito l'uso come arma biologica.
  • Dietetica: nulla.
  • Don Peppe: pomodoro, olio, mozzarella e pezzi di Don Peppe.
  • Speck e panna: pomodoro, mozzarella, speck e panna.
  • Speck e sperma: pomodoro, mozzarella, speck e qualcosa che sembra panna.
  • Pizza Perdasdefogu: ottima pizza sarda, preparata con pomodoro, olio, aglio, pelle di capra, e forfora di pastore sardo.
  • Pizza di fango: oltre a essere la moneta di scambio usata in Arabia Saudita, è anche il pasto più consumato dagli Arabi dopo la famosa soppressata araba al caciocavallo di sterco di Pupo. Durante la guerra del Golfo questa pizza venne adoperata come arma di distruzione di massa e tuttora solo alcune nazioni la possiedono, minacciando le altre di usarla.
  • Pizza ai funghi: si è proprio quella del pizzaiolo ricchione, condita con veri funghi raccolti nelle docce di piscine e palestre.
  • Pizza al pollo: veramente buona. Sa di coniglio acido.
  • Pizza per Single: Consiste in una normale pizza Margherita con un grande buco al centro da penetrare (per gli uomini) oppure con un grande wurstello tedesco con cui penetrarsi (consigliata per donne o anche gay)
  • Pizza Zia Sofia: è una variante di pizza che si ritrova solo fuori Napoli o (peggio ancora) all'estero, dove qualunque pakistano che apre una pizzeria crede di rendere il suo locale più partenopeo e le sue pizze più buone dandole nomi molto napoletani (pizza bella Napoli, pizza Zì Rafaele, pizza Giggino Scannapieco, pizza On Giuann' ò crapar)
  • Pizza pazza ( o pazza pizza): 3 etti di lievito ogni 4 grammi di farina rendono spumeggiante il composto organico, causando la nascita di psiche e coscienza nel piatto, facendo schiumare le sinapsi del cliente incauto che la mangia.
  • Pizza pazza del pozzo pazzo: pomodoro, mozzarella di bufala campana, scaglie di Uranio 235, deus ex machina, pancetta, caviale, ravioli e segatura.
  • Pizza melenzane sott'olio e Nutella: davvero un bijoux
  • Cicc' à Paposcia: cornicione alto, mozzarella tagliata a fette e olio in quantità industriale, questa pizza ha tanto di quell'olio che ci potrete lubrificare le giunture delle porte di casa vostra.
  • Pizza semovente: pizza dotata di funzioni vitali basiche che cerca di sfuggire al taglio con movimenti lenti ma fluidi. Non è molto agile e mangiarla risulta comunque facile.
  • Pippo pippo: Pizza leggendaria a tre piani che contiene vari ingredienti tra i quali salame piccante, speck, Spock, soppressata, salsiccia, interiora di gatto, capelli di Rob Halford, sedimenti di varie ere geologiche, pezzi di Michael Jackson e rucola.
  • Pizza Capricciosa: varia a seconda della zona dove viene creata; dovrebbe essere "il capriccio del pizzaiolo" quindi non arrabbiatevi se una sera, quando siete a cena fuori con una strafiga a lume di candela, con una brezzolina leggera proveniente da Nord-Sudovest, senza zanzare che rompono i coglioni e ordinate una pizza capricciosa vi arriva una sottospecie di gatto arrotato 20 volte da un tir guidato da un camionista strabico perché infondo voi avete ordinato "il capriccio del pizzaiolo" che quella sera non aveva voglia di cucinare.

[modifica] Controindicazioni

Grosso pensa alla pizza.jpg

La pizza ha illuminato parecchi personaggi celebri in momenti importanti.

Gli studiosi del centro di ricerche del Michigan hanno appurato che la pizza è nociva. Può provocare morte, insomma è una cosa davvero mala. Essi hanno anche stabilito una scala di misurazioni simile alla Scala Richter in base agli effetti provocati dalla pizza.

  1. Sazietà e appagamento.
  2. Lieve mal di pancia, cagata regolare.
  3. Rutti al salame, peti rumorosi.
  4. Mal di testa, stordimento, cagata potente e rumorosa, bestemmie vigorose contro la pizzeria e contro i vicini di casa.
  5. Dolori lancinanti all'addome, demenza, parto prematuro e prolasso uterino, anche negli uomini.
  6. Rutti del terzo grado della scala Richter, cagate tsunamiche, pazzia, adesione al PdL, stato allucinatorio, Francia campione del mondo.
  7. Delirio di onnipotenza, sdoppiamento della personalità, sindrome di Sandro Bondi (la SSB).
  8. Stato catatonico post-traumatico, post-digestivo e Post-It. Pupo Presidente del Consiglio. Capacità di predire il futuro.
  9. Esplosione dell'intestino retto, sopravvivenza dell'intestino ingiusto.
  10. Allucinazioni di gravità inaudita: Berlusconi si fa processare per i suoi reati e Costantino Vitagliano si laurea in Fisica nucleare.

[modifica] Voci correlate

[modifica] Documenti multimediali


Cuoco che fa il dito medio.jpg
Il mondo della cucina
Caricamento in corso...
Gli Chef Le attrezzature Le leccornie
Le salse merdavigliose L'Olient Expless La Desserteria I surgelati
Clicca su una delle categorie qui sopra per espanderla
Gatto in pentola.jpg

Strumenti personali
wikia