Pipino il Breve

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1 Chissà perché dopo gli allenamenti in palestra non voleva mai farsi la doccia... Quote rosso2
~ Compagno della squadra di curling di Pipino
Quote rosso1 Laconico! Quote rosso2
~ Pipino gridando alla nascita riguardo alle dimensioni del suo membro.
Quote rosso1 Le dimensioni non contano, l'importante è saperlo usare! Quote rosso2
~ Pipino sul suo esercito
Pipino il breve

Pipino III in tutta la sua brevità.

Pipino III detto il Breve (* 28 novembre 714 – Saint Denis, † 24 settembre 768) fu prima maggiordomo e poi re dei Franchi[citazione necessaria]. Lo avreste mai detto? Era figlio di Carlo Cacciavite Martello e Carlo Mazzone.

Venne incoronato re di Francia da papa Marzullo I, che, minacciato dall'avanzata dei Longobardi e dal costante impuzzolimento dei suoi calzini, si era trovato in bisogno di protezione. A quei tempi il papa lavorava ancora in nero e quindi incoronò Pipino illegalmente; per questo motivo Pipino venne prima sottoposto allo sparticulo insieme al papa, poi venne ringraziato dalla contessa per i suoi servizi da maggiordomo.

[modifica] Maggiordomo di palazzo

Martello

Il padre di Pipino, Carlo Martello.

Carlo chiave inglese Martello, grazie all'aumento di prestigio dei Pipinidi e al crollo della reputazione dei Merovingi, che furono costretti a prostituirsi, spartì il regno fra i suoi figli, come se davvero fosse lui a regnare: assegnò la Repubblica delle Banane, la Svevia e la Zuzzurellonia al primogenito Carlomanno; Terronia, Borgogna e Fascistopoli all'altro figlio Pipino il Breve, lasciando Paperopoli e Baviera sotto l'autorità congiunta dei due fratelli.

Tuttavia questi re di fatto, finché sul trono sedeva il re-pappone merovingio, di diritto erano ancora soltanto volgari maggiordomi. Pipino spinse il fratello a ritirarsi in un monastero tibetano per starci 7 anni insieme a Brad Pitt; così facendo tutto il potere restò nelle sue mani. Così ottenne il potere, ma non ancora il titolo legittimo di re. In questo contesto Pipino si decise a fare il passo fondamentale, inviando a papa Zaccaria[1] un gruppo di mafiosi nel 751 per dargli un piccolo incentivo per incoronarlo.Pipino il Breve era affetto da pipinus brevis, da cui prende il nome, infatti appena nato non si sapeva se fosse maschio o femmina e si scopri solamente quando ebbe 32 anni.

[modifica] L'incoronazione

Appena il papa venne assunto legalmente[2], i Longobardi si diressero verso Roma[3] per fare viuleeenza. Pipino fece rinchiudere nel suo sgabuzzino il suo signore Childerico III e si proclamò governatore al suo posto[4]. Pipino diventò così il primo re dei Franchi carolingi.

Fu cruciale per l'uretra l'atto di incoronazione da parte del papa (eggià, il suo potere di papa non gli bastava). Pipino intanto stava mirando al titolo di re della Tedeschia, e per questo si mise a complottare e creare assedi costituiti da bombardamenti con goldoni riempiti con cemento armato. Anche il papa mirava all'incoronazione, anche se il suo desiderio non stava né in cielo né in terra, lui la pretese lo stesso, dicendo: «Mi sono rotto le balle di stare in mezzo a tutti questi santarellini!». Dopo un neanche troppo lungo periodo di richieste, minacce di morte e rosicamenti, il papa riuscì a ottenere la corona. Poi pero se ne fregò altamente i coglioni, ammettendo a sé stesso che il potere di papa era già abbastanza. Ma per ripicca, fece inginocchiare sui ceci il primo prete che incontrò.

Iniziò con Pipino anche la cerimonia dell'unzione[5] regale, un atto che nessun altro faceva, per mancanza di voglia e perché in quell'epoca l'olio di colza costava un casino. Solo i ricconi in Israele la facevano. In quel periodo nacque probabilmente per analogia anche la leggenda delle piaghe sulla testa causate dall'olio bollente portato da un piccione viaggiatore scelto a caso dal boss. La nuova sacralità dei carolingi, in definitiva, era ritenuta più importante di quella dei puttanieri merovingi.

[modifica] Curiosità

Icona scopa
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse ti incuriosisce sapere com'è dormire coi pesci?

Papa Stefano II si recò in Francia per chiedere l'appoggio di Pipino, che ricevette la nomina di patrizio romano. Ma questa è solo una copertura: in realtà il papa andò in Francia perché aveva un circolo di case chiuse importantissimo nella Loira e a Parigi. Di Pipino e di tutto il casino che creò con quella sua cazzo di incoronazione, non gliene fregava una benemerita mazza.

Siccome il papato si sentiva più benevolo del solito[6], da allora nacque una zona al centro dell'Italia tutta dedicata alla religione (infatti da tutte le altre parti si può bestemmiare).

Pipino il Breve è conosciuto anche come Pipino il Corto.

Pipino III, in un momento di noia, ha creato la riforma della moneta carolingia di ghisa, di amianto e di adamantio... ah no, quello è Wolverine... di tungsteno.

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...

  1. ^ No, non il profeta
  2. ^ Che per festeggiare fece un party a base di erba, superalcolici e spogliarelliste
  3. ^ ♪♫ Noi marcerem verso Rooooma ladronaaa... ♪♫
  4. ^ Come potete notare, anche a quell'epoca era tutto un magna-magna
  5. ^ Rigorosamente con olio di colza bollente benedetto
  6. ^ La castità li portava a fare cose senza senso

[modifica] Voci scorrelate

Roba dei Mangiarane

La Grande Nation Imperatori Francesi Troie Francesi
Popoli Francesi "Intellettuali" Francesi Gente inutile ancora viva
Nouvelle Cuisine Roba di Parigi Altra roba inutile francese
Clicca su una categoria per espanderla.
Strumenti personali
Altre lingue
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo