Pino Mango

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Mariottide
MADONNASANTODDIO!

Questo cantante/gruppo/genere musicale è così orrendo da far invidia al Maestro della Tristezza, quindi se non hai il gusto per l'orrido ti consigliamo di scappare a gambe levate da questa pagina.

Marioballo
Mango Maturo

Mango in pieno periodo di maturazione artistica.

Bouncywikilogo
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Mango
Quote rosso1 Per averti pagherei, un milione o anche più… Quote rosso2
~ Mango va a mignotte
Quote rosso1 Monna Lisa sai, Monna Lisa non dirmelo maaai...ho paura che ne soffrirei troppo! Quote rosso2
~ Mango scopre che la Gioconda è un trans
Quote rosso1 Io oggi mi sento come un lago... Quote rosso2
~ Mango sui suoi problemi di incontinenza

Pino Mango (poi una volta caduto dal pino semplicemente Mango) è una cantautore botanico italiano oramai destinato all’oblio per sopraggiunta mancanza di idee musicali degne di questo nome. Deve la sua celebrità al fatto di aver vinto il Festival di Castrocaro ancor prima di venire al mondo, avendo scritto e registrato il brano Io Nascerò quando era ancora nell’utero della sua mamma. È quindi universalmente riconosciuto come primo caso mondiale di feto prodigio, un titolo che segnerà indelebilmente tutta la sua lunga carriera musicale.

[modifica] Biografia

[modifica] Gli esordi

Quattro ciccione

Un gruppo di fans si scaldano poco prima di un concerto.

Come detto la sua vocazione canora è straordinariamente precoce: all'età di due anni già impazzava per i club gay di Tirana belando in numerosi gruppi locali, accostandosi a generi musicali (dal canto Gregoriano al Death Metal) totalmente diversi da quelli che, alcuni anni dopo, gli decreteranno il successo. Durante la sua adolescenza i suoi preferiti sono Cristina D’Avena, Mario Carta e successivamente i Bastard Sons of Dioniso. In questo periodo compone jingles per diversi spot pubblicitari di assorbenti igienici e di cibo per gatti, guadagnando abbastanza soldi per potersi permettere una vita dissoluta. Inizia così a scrivere canzoni accompagnato dallo sferragliare incessante della ferrovia che gli passava accanto a casa (da cui ha ereditato il particolare sound), dedicandosi contemporaneamente ad alcuni sport estremi, come la traversata dello Stretto di Messina in traghetto a Ferragosto senza aver preventivamente prenotato.

[modifica] La svolta Sanremese

Dopo aver fondato con Bill Kaulitz e un redivivo Darth Malak i Race of Idiots, gruppo di musica geronto-pelvica che si sciolse in seguito ad una rissa scoppiata per incompatibilità sessuale, Mango esplode come solista partecipando ad oltre trecento edizioni del Festival di Sanremo, riuscendo peraltro - unico al mondo - a non piazzarsi mai al di sopra della quarantaduesima posizione. Tuttavia riesce ad imporsi all'attenzione delle nonne, delle casalinghe, delle ciccione e dei fungaioli gay, suo naturale bacino di pubblico, grazie ad ammiccamenti e moine vocali degne dei migliori eunuchi presenti nei califfati sauditi. Grazie a questa estesa base di fans i suoi dischi iniziano a vendere oltre millemila biliardi di copie restando in cima a tutte le classifiche per decenni, trasformando Mango in un vero e proprio fenomeno da studiare nei nosocomi. Fu in questo periodo che, avvalendosi di numerose preziose collaborazioni (tra le quali citiamo Lucio Dalla, Olmo e Platinette), scrive canzoni praticamente per tutti. Il nostro cantante inizialmente sarà autore solamente della parte musicale delle sue canzoni, demandando i testi ad autori del calibro del Gran Mogol, Alberto Salerno in Maionchi, suo fratello e Pluto. Successivamente, non ritenendo questi eccelsi collaboratori all'altezza della sua arte sopraffina, decide di scriversi da solo anche i testi causando il fuggi-fuggi generale di tutti quegli artisti che volevano cantare qualche suo pezzo, e causando contestualmente devastanti fenomeni dissenterici in tutta Europa.

[modifica] Il declino

Avendo raggiunto una certa età, Mango appende cappello al chiodo, e anche se agli occhi di tutti sembra inesorabilmente un gay, fa il grande passo e si sposa con un rifiuto biologico dei Matia Bazar.
Mango accoltellato

Ecco come fu ritrovato quando tentò il suicidio.

Da questo momento si trasforma in un uomo qualunque di mezza età con famiglia, e le sue opere perdono una qualsiasi forma di drammaticità artistica diventando inutili nenie paragonabili ai canti Giavanesi contro la siccità. Visto il crescente insuccesso, viene tentata anche la via delle cover, con la vana speranza di risvegliare un po' di interesse nella base più affezionata dei suoi fans. Ma ormai sembra essere troppo tardi per il nostro cantautore: unico acquirente dei suoi CD è l'Ikea che li rivende come sottobicchieri marchiati Cakkät. Vendendone pochissimi, peraltro. Per questo motivo, in un momento di follia erotica, Mango tentò un clamoroso suicidio davanti a quasi tre persone, cercando dapprima di sbucciarsi e poi di tagliarsi a spicchi. Fortunatamente riuscì a non farsi un cazzo ed è tutt'ora da qualche parte a registrare canzoni.

Nei suoi progetti futuri ci sono altre collaborazioni eccellenti: sta attualmente registrando un album in cui duetterà con Barack Obama, Gigliola Cinquetti, Giuda e il Casto Immanuel e sarà anche il protagonista di alcuni cortometraggi sulla formaggia della Val Sugana attualmente in fase di pre-produzione a Cinecittà.

[modifica] Curiosità

Icona scopa
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Contribuisci a scop migliorarla disintegrando le informazioni nel corpo della voce e aggiungendone di inappropriate

Mango e Flash
  • Il papà di Mango, Oleandro Papaya, fu l’inventore dell’appretto con il manico.
  • Pur non avendo mai vinto un Festival di Sanremo Mango ebbe il privilegio di essere eliminato per primo, un gesto di stima che la giuria riserva alle canzoni più merdose.
  • Mango ha preso parte al film di Rocco Siffredi “Voglie di qualcosa di duro” nella parte di una pianta di mango.
  • Il naso di Mango è patrimonio dell'UNESCO.
  • Mango ha firmato la struggente colonna sonora di un documentario nepalese sulla cremazione dei castori morti di lebbra.
  • Nella sua città natale nessuno dice di conoscerlo.
  • Mango è facente parte della dinastia dei Ming al pari di Wolfang Amedeo Minghi e Andrea Mingardi.
  • Nel 2012 i Depeche Mode pubblicheranno un tribute album con i migliori brani di Mango reinterpretati dalla band: li riscriveranno del tutto.

[modifica] Canzoni celebri

  • Lei verrà...io lo sono già
  • Dal culo in poi
  • Biella d’estate
  • Tu sì, lui...no!
  • Mango canta Avocado
  • Dove vai? Cazzi miei
  • Come l’acqua ragia
  • La mia ragazza è un gran calvo
  • Ti riporto in Africa (e ti lascio lì)
  • Sbucciami il Mango
  • Dove andrò? Probabilmente affanculo
  • La rondine (il mio uccello)
  • Live in area di sosta Firenze sud

[modifica] Voci correlate


Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo