Pino Daniele

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Avvertimento autoradio assordante
Attenzione
Questa roba è inascoltabile!
L'ascolto prolungato può portare alla paralisi cerebrale.
Si consiglia di accucciarsi a terra o di scappare a gambe levate.
Puffo1
Quote rosso1 Che dio ti benedica, che fica! Quote rosso2

~ Pino Daniele su Rosa Russo Iervolino
Quote rosso1 Il mio nome è Pino Daniele e vivo qui. Quote rosso2

~ Pino Daniele al suo portinaio
Quote rosso1 Pecché so' blues e nun voglio cagna' Quote rosso2

~ Pino Daniele, che ora fa le canzonette da Festivalbar
Quote rosso1 Yes I know... my way... Quote rosso2

~ Pino Daniele su andare a Fanculo
Quote rosso1 Cose inutili da dire... Quote rosso2

~ Pino Daniele sulle sue canzoni


Daniele Pino, in arte Pino Daniele, nasce a Bergamo in data ancora da definire. A due anni si accorge che i suoi concittadini sono tutti razzisti o leghisti e disgustato dalla scoperta si trasferisce a Napoli dove resterà per molto tempo. Almeno fino a quando non gli offriranno un sacco di soldi per rinnegarla.

[modifica] Biografia

Pino Daniele

Un armadio Ikea a 3 ante plasmato sulla figura di Pino Daniele.

Poco prima di diplomarsi come ragioniere in una scuola superiore illegale allestita nel retro di una macelleria, Pino Daniele scrive a soli 18 anni la canzone 'Napule è', il pezzo che lo renderà famoso e che ancora oggi caratterizza la sua intera carriera. La canzone narra le gioie di Napoli e di come, nonostante tutto, la città possa affrontare la raccolta differenziata senza grandi problemi.

Lo stile di Pino Daniele è da subito chiaro fin dal primo album: blues, dialetto napoletano, blues, elementi tradizionali della musica napoletana, blues, slang americano, blues, blues, blues, testi talvolta scanzonati ma sempre diretti, blues, blues. Questa ricetta andrà avanti fino agli inizi degli anni '90, momento nel quale Pino Daniele deciderà di gettarsi alle spalle quanto di buono fatto per dedicarsi al pop e al commercio spudorato.

Nel corso degli anni, Pino Daniele collezionerà molte importanti collaborazioni internazionali di prestigio ma tutte con l'inganno: grazie alla sua stazza, l'artista napoletano si spaccia per Pavarotti. Ancora oggi, in molti sono convinti dell'esistenza di una cosa chiamata Pavarotti & Friends. Trattasi, invece, di Pino Daniele & Friends (Blues).

Pino Daniele dice di ispirarsi al blues. Anche Zucchero dice di ispirarsi al blues. Eppure i due artisti producono canzoni distanti anni luce fra loro. Chi se la spiega 'sta cosa?!?

Il cantautore Daniele è molto legato a Napoli. Nel senso che i fan napoletani gli hanno attaccato un'enorme palla al piede alla caviglia per non farlo uscire dal suolo partenopeo. Ma grazie a una motosega, il problema si è risolto e ora Daniele torna a Napoli solo se ha il biglietto del ritorno già in tasca.

Gli anni '90 significano un periodo di grande sperimentazione per Pino Daniele. La sua ricerca e la sua passione per la World Music lo spingeranno ad arditi e complessi tentativi musicali, il tutto in contemporanea con la sua voce che giorno dopo giorno se ne va sempre più a puttane, probabilmente a causa dell'enorme quantità di roba fumata in gioventù ma molto più probabilmente per i suoi problemi cardiaci (Pino Daniele ha 12 peacemaker, di cui due installati dalla Nestlé in qualità di sponsor).

Il tormentato rapporto con Napoli si rinvigorisce quando Pino Daniele rivolge a Bossi, leader della Lega Nord, le seguenti parole: "È un uomo di merda. Mi fa schifo." Solo in seguito si scoprirà a chi si riferiva veramente: a Nelson Mandela.

Pino Daniele si è sempre vantato di essere stato un grande amico di Massimo Troisi, sebbene nel testamento di quest'ultimo vi fosse scritto: "vi prego, non lasciate avvicinare quell'uomo alla mia famiglia. Io non so chi sia, non so cosa voglia. Mi ha obbligato a usare le sue canzoni nei miei film con la minaccia di mangiare me e tutti i miei conoscenti. Aiuto!"

[modifica] Le canzoni più celebri

  • Sara non piangere: dedicata a sua figlia e alle notti insonni causate dal suo pianto. Il titolo originale recitava Sara non piangere, porca di una puttana!
  • Dubbi non ho: celebre hit. Il titolo è la risposta di Pino Daniele quando gli chiedono se sa già quanto vuole essere pagato per un'esibizione.
  • Quanno chiove: svariate le interpretazioni possibili della canzone. Una su tutte: che succede ogni volta che lavi la macchina?
  • Je so' pazzo La prima canzone italiana a contenere una parolaccia. La parolaccia era "diplomato".
  • Anna verrà: vecchissima canzone e Pino Daniele sta ancora aspettando Anna. E i soldi che gli deve.
  • Na tazzulella 'e cafè: un uomo entra in un caffè... splash!
  • A mè me piace o blues: Pino Daniele vuole chiarire una volta per tutte le sue origini musicali. Giusto per essere chiari, a questa si aggiungeranno: I got the blues, Tra la pazzia e il blues, Un uomo in blues, Sono un cantante di blues, Blues del peccatore, l'album Iguana cafè - Latin blues e melodie e l'opuscolo S'è capito che mi piace il blues e tutti i giorni voglio cantare perché mi sono stato zitto e adesso è il momento di sfogare?

[modifica] Curiosità

Icona scopa
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Contribuisci a scop migliorarla disintegrando le informazioni nel corpo della voce e aggiungendone di inappropriate

  • Un paio di anni fa Pino Daniele disse che Bassolino si sarebbe dovuto vergognare di aver abbracciato Gigi D'Alessio. È di questi giorni, invece, la notizia che Pino Daniele ha invitato Gigi D'Alessio a partecipare al concertone organizzato in Piazza Plebiscito a Napoli. Un uomo, una coerenza.
  • Pino Daniele è al suo secondo matrimonio. Anche se sembra aver partecipato a molti più banchetti di nozze.
  • Ha tanti di quei figli che sarebbe tedioso elencarli tutti.
  • Pino Daniele è politicamente molto attivo. Ma qualunque politico abbia sostenuto è finito male. Da qui, la leggenda che lo vede come un porta sfiga.
Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo