Pigmei

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Pigmei con esploratori.jpg

L'esploratore inglese Sir Archibald Gibbons Pudding era un grande estimatore dei pigmei, dei quali apprezzava la disponibilità ad essere impiegati forzatamente nelle sue miniere di carbone.

Quote rosso1.png Non ho proprio idea di come sia fatto un pigmeo. Quote rosso2.png

Quote rosso1.png I pigmei non li ho mai assaggiati. Quote rosso2.png

I pigmei sono un gruppo etnico diffuso in gran parte dell'Africa equatoriale. È una razza di bassa statura, ma nel loro caso il termine "basso" è un'esagerazione. Sono talmente bassi che nelle radici scoperte non ci inciampano: ci sbattono la testa. Hanno pelle scura, capelli crespi, naso schiacciato e cranio brachimorfo[1], per rendere l'idea proviamo a visualizzare mentalmente un Renato Brunetta seminudo sporco di fuliggine[2].
Il termine "pigmeo" deriva dal greco πυγμαιος pygmâios ("alto un cubito"), misura che i Greci usavano per posizionare il cesso nelle loro abitazioni. Con esso identificavano un leggendario popolo di nani, localizzato a sud dell'Egitto, perennemente in guerra contro le cicogne e le gru che devastavano i loro campi. Avevano anche provato a mettere degli spaventagru®, ma niente.

Quote rosso1.png Esse[le gru] migrano dalle pianure della Scizia verso i bassopiani dell'alto Egitto, da dove fluisce il Nilo. Qui si racconta che assalgano i Pigmei. E non è un racconto favoloso: è conforme a verità che si tratta di una stirpe di uomini di piccole dimensioni, e di piccole dimensioni sono anche i loro cavalli. Le poppe delle loro donne hanno comunque misure considerevoli. In tutte le realtà naturali v'è qualcosa di meraviglioso. Quote rosso2.png

~ Aristotele, De abhorrens animalium, X.7, 1177 b30-31 e spicci.

Il termine è considerato dispregiativo dalla maggior parte degli indigeni africani, a ciò si aggiunge il fatto che i pigmei (loro malgrado) sono negri. Tutto questo li rende una delle forme di vita umana più schifate del pianeta, dopo i politici.
Si dividono in molti sottogruppi, ognuno dei quali costituisce un popolo a sé, i più diffusi sono i Twa, gli Aka, i Baka e gli Mbuti, questi ultimi amatissimi dalla loro regina Vulvia.

Quote rosso1.png Il leopardo non dorme mai su un ramo secco. Quote rosso2.png

~ Antico proverbio della tribù Twa, famosa per i detti che non capisce nessuno.
Logo ADS.png Questa voce è stata punita come
Articolo della Settimana
dal 2 maggio 2016 al 9 maggio 2016.

[modifica] Storia

In Egitto, durante gli scavi presso la tomba di Manfruitis III, è stato rinvenuto un papiro che si riferisce ai pigmei, definiti nello stesso: "Danzatori degli Dei". Il faraone ringraziava un suo governatore, Harkhuf il Grinzoso, per avergli fatto dono di alcuni "nani neri" provenienti dalla "terra dei mezzi uomini".

Caro il mio Harkhuf,
che Iside possa volgere il suo sguardo benevolo sul tuo scroto.
Geroglifici e numeri fino a 8.png
Traduzione a cura di Saleh Abdel-Shafy (chirurgo/fornaio)

1-2 Grazie per queste piccole danzatrici, sono le classiche "donna nana tutta tana".
3-4 I maschi sono alti come un'anatra, ma hanno una verga lunga una pertica.
5-6 L'unico problema è che cagano a pallette come le pecore, bisogna procedere a zig-zag.
7-8 Gli uomini sono veri e propri tori a letto, le donne invece arrivano esattamente ad altezza pompino.


Grazie ancora
Manfruitis III
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif


Nell'arte romana i pigmei sono spesso rappresentati come figure caricaturali, quasi sempre impegnati in orge e scene di sesso estremo. Gli esperti, dopo aver condotto uno studio decennale, erano concordi: "I pigmei erano buffi ominidi che non facevano che scopare dalla mattina alla sera". Alcuni affreschi di questo tipo sono stati rinvenuti a Pompei sul fianco di un triclinio nella Casa dell'Efebo.

Quote rosso1.png A loro dobbiamo l'invenzione del "trenino dell'amore", sia l'affresco sia il diminutivo ne sono conferma. Quote rosso2.png

~ Ciro Cantagallo, Pigmei e pompe a Pompei, Napoli 1964, Ed. Dal Basso.

I pigmei ebbero in seguito contatti con i popoli bantu dell'Africa subsahariana, che in un primo momento li accolsero con i biberon credendoli bimbi smarriti nel deserto. Quando capirono che avevano davanti dei piccoli grandi stronzi, non ebbero difficoltà a cacciarli dalle loro terre, o sottometterli, per via della loro superiorità dal punto di vista tecnologico. Mentre i pigmei usavano ancora arco e frecce, i bantu erano già in possesso di AK-47 e mine antiuomo.

[modifica] Distribuzione

Arnold 2.jpg

Un pigmeo della tribù Harlem Dwarf.

La maggior parte dei pigmei è diffusa lungo la quasi totalità della fascia tropico-equatoriale dell'Africa e quindi, se vi capita di fare due passi da quelle parti, attenzione a non calpestarli. Si tratta di comunità composte da pochi individui, uscite indenni dalle varie guerre africane perché i soldati sparavano ad altezza uomo. In Uganda e Gabon troviamo le tribù più numerose, con una popolazione totale di sessantadieci individui (dopo aver moltiplicato per 0,5). Sono tradizionalmente stanziali, ma alcuni hanno preferito trasferirsi in altri Paesi, posti in cui vengono tuttora apprezzati i fenomeni da baraccone. Tra loro:

  • l'attore comico Gary Coleman, famoso per aver interpretato, quando aveva 47 anni, il piccolo Arnold Jackson in una fortunata serie tv;
  • l'attore porno Preston Nthiro, unico individuo al mondo che steso di fianco a Rocco Siffredi è in grado di "oscurarlo";
  • il fisico Théophile Aboubakar, astro nascente del CERN di Ginevra, abbastanza piccolo da cavalcare uno ione pesante e guidare tutti gli altri all'interno dell'acceleratore di particelle.

[modifica] Cultura

Esploratori con pigmei.jpg

A sinistra: pigmei Mbuti con un tipico svedese.
A destra: un pigmeo Baka con un tipico calabrese.

I pigmei si definiscono "cacciatori-raccoglitori" e questo li riempie di orgoglio per la loro intelligenza, perché sono convinti che il resto dei cacciatori di tutto il mondo siano dei deficienti che abbattono la preda per poi lasciarla in terra a farla divorare dai vermi. Gli uomini cacciano con arco e frecce avvelenate; le donne pescano con le reti, anch'esse avvelenate, ma con risultati meno brillanti.
Il loro stile di vita è basato su un profondo legame con le foreste, conoscono gli usi delle piante, sia a fini curativi sia per la produzione del veleno, scopi che coincidono quando una suocera inizia ad essere un fastidio difficilmente sopportabile. In alcuni casi praticano modesti scambi commerciali con i popoli vicini, per esempio gli Zulu, ma quei paraculi li fregano puntualmente sul resto.
Ogni gruppo ha una sua lingua distinta, ma tutti hanno una parola che li accomuna: "jengi", ovvero spirito della foresta. Preoccupati dal calo delle nascite, tutte le tribù hanno condiviso di recente un nuovo termine importato dall'itagliano: "dammela".

[modifica] Curiosità

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse ti incuriosisce sapere com'è dormire coi pesci?

Mokele Mbembe.jpg

Pigmei contro il temibile Mokele Mbembe.

  • Molti pigmei Aka affermano di combattere saltuariamente contro l'ultimo esemplare vivente di dinosauro: il Mokele Mbembe. Gli stessi combattono anche contro la dipendenza dall'alcool, una delle principali piaghe che affligge la popolazione.
  • Il dio supremo della loro religione, Kvum, viene descritto come il creatore e signore di tutte le cose. Secondo la tradizione Kvum li creò soffiando in una noce di cola, ma visto il risultato doveva essere asmatico.
  • Le tribù Twa credono in una particolare forma di metempsicosi, chiamata Karma da 0-0, che prevede la trasmigrazione dell'anima del morto dentro il corpo di un elefante nano con una proboscide enorme.
  • I matrimoni sono di natura esogamica e quindi: passi per i buoi, ma le mogli devono essere di tutt'altra parte. Un primo vantaggio ottenuto è il rafforzamento della razza, inoltre, quando un pigmeo è stufo della moglie, l'accoppa e non viene a cercarla nessuno.
  • Per riequilibrare il rapporto fra donne e uomini all'interno di ogni gruppo sociale, il gruppo cedente una sposa è obbligato a prenderne una dall'altro. Non vale fare i furbi e scambiarla con una capra.
  • Uno dei principali problemi che i pigmei devono affrontare è la mancanza di riconoscimento dei loro diritti territoriali. La terra ancestrale è stata trasformata in parchi nazionali, oppure assegnata a società che organizzano safari di caccia.


Quote rosso1.png Un tempo, la foresta era per i Baka, ora non lo è più. Ci muovevamo nella foresta secondo i cicli stagionali, ma adesso abbiamo paura che ci uccidano. Siamo troppo simili ai Nusbari. Quote rosso2.png

~ Racconto di un uomo Baka a Survival.

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ hanno la capoccia parecchio strana
  2. ^ ci scusiamo per l'immagine vomitevole ma era l'unica adatta


[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia