Pietro Ichino

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Pietro Ichino.jpg

Il sorriso del politico.

Pietro Ichino, fondatore delle Nuove BR, nonché membro e ideologo delle Bestie di Satana, è un giuslavorista di fama mondiale, ossia uno studioso di tutte le tematiche applicate al lavoro (degli altri). Esercita il mercoledì, su appuntamento, dalle 10 alle 11.30, in Via del tutto eccezionale 8, a Milano (citofonare a Confindustria), e non tollera affatto di essere chiamato "fannullone" per tale motivo. La sua clientela è composta quasi esclusivamente dai 4500 fannulloni della redazione de "Il sole 24 ore", oltre che dai figli raccomandati dei suoi amici industriali e dalle drag queen ospitate al Maurizio Costanzo Show.

[modifica] Storia

[modifica] L'infanzia

Pietro Ichino nasce in Transilvania nella notte tra il 12 e il 29 brumaio del 1342 Dopo Pranzo, data che i rumeni ricordano ancora come "La lunga notte". Circa mezz'ora dopo essere venuto alla luce, Ichino riesce a far licenziare sia l'ostetrica che lo aveva fatto nascere, sia il rimanente personale del reparto Maternità . Ed è proprio per questo motivo che suo padre - noto come il Conte Vlad - lo disconoscerà con disonore, dopo essersi accorto che la ferocia del figliolo dava la merda alla sua. Da quel momento, il Conte si è dato alla filantropia spinta, e ora pare sia una delle volontarie un po' in là con gli anni che vi accolgono all'Avis di Lambrate.
Dalla Romania orientale, il piccolo ma già feroce Pietro decide di trasferirsi in Italia al fine di frequentare uno Stage presso i NAR, che lo invieranno come infiltrato-guastatore presso gli odiati nemici Comunisti. Nell'agosto del 1980, mentre cerca di aiutare i suoi amici della ditta Mambro&Fioravanti SNC a preparare alcune esibizioni pirotecniche in quel di Bologna, rimane lui stesso investito dall'onda d'urto di un'esplosione, riportando serie ferite su tutto il corpo. Prontamente soccorso dal personale del Soccorso Animale, si sdebiterà con loro facendoli licenziare in tronco e ottenendo la chiusura della loro sede. Pienamente rimessosi, si trasferisce dapprima a Torino, dove organizzerà la Marcia dei 40.000 per conto di Gianni Agnelli, e infine a Molino Dorino, dove tuttora risiede e dove gestisce una rivendita di strumenti di tortura destinati alla repressione dei lavoratori (in particolare fruste, catene, manette, elettrodi). Nel tempo libero occupa la carica di Scendiletto personale dei Presidenti della Confindustria.

[modifica] Gli studi

Completa con insuccesso le scuole dell'obbligo. Indeciso tra liceo classico di stampo steineriano e quello scientifico a indirizzo sadico, sceglie l'istituto per l'avviamento professionale (serale), dove non brilla. Mai. Quando qualcuno gli ricorda la sua somiglianza, fisiognomica e di timbro vocale, con Walter Chiari, reagisce scappando via, e gridando "Quella coca non è mia! È stato Mario Riva, a metterla nella mia 24 ore!".
Sembra sia stato folgorato dalla passione per i diritti dei padroni un'estate del 1943, ai "Bagni Mona" di Bibione, dove fece la conoscenza del rampollo della famiglia Krupp, in esilio sulle allegre spiagge del Veneto dopo un curioso incidente nella sua ferriera, che gli costò il titolo di "Consigliere del Fuhrer", poi attribuito al più mite Rudolph Hess.
Da quel giorno, il giovane Pietro non passa pomeriggio senza aver trovato nuovi modi per indebolire le conquiste sociali sui luoghi di lavoro.
Ottiene con fatica e abnegazione una cattedra in Statale. Ha provato anche alla Bocconi e alla LUISS, ma pare che il suo liberismo sia stato bollato come "eccessivo" dai rispettivi rettori.


[modifica] I sogni

Pietro Ichino Colosseo.jpg

Pietro si trova in difficoltà!

Desidera un nuovo mondo. Anzi, un "mondo nuovo", alla Huxley. Perciò si batte contro tutte le giustizie. Forse non tutti lo sanno, ma quando Reagan parlava di "Impero del Male" non si riferiva all'Unione Sovietica, ma alla residenza dell'Ichino sulla costa di Termoli rasa al suolo, anche se un po' in ritardo, da alcuni caccia USA approfittando del terremoto di San Giuliano di Puglia.

[modifica] Gli incubi

Una notte su due si sveglia di soprassalto, tormentato dal fantasma di Andrea Costa. Per tornare a dormire deve assumere due cofane di paella e mezzo litro di sangria.

[modifica] La politica

Eletto, al Senato, nelle liste della P2 alle recenti elezioni, ha incontrato perciò la forte ostilità dei Lion's, che lo hanno radiato dal loro movimento. Nella nuova legislatura si è già fatto notare per alcune proposte di legge:

  • Abolizione della Sanità pubblica, e introduzione di un sistema misto privato-privato.
  • Promozione della criminalità organizzata al rango di quinta forza armata.
  • Arresto, con l'aggravante della clandestinità, per le colf italiane.
  • Divieto di circolazione sul suolo italiano per i non vedenti.
  • Abolizione della tassa sui SUV, sostituita da una tassa sulla tratta delle bianche.
  • Innalzamento dell'età pensionabile fino alla morte del/la lavoratore/trice.
  • Divieto della pesca d'altura.
  • Rinfrancamento del morale dei soldati con forti iniezioni di nonnismo.
  • Trasformazione della Croce Rossa in squadroni della morte.

Nonostante il ministro Maroni lo abbia tacciato di eccessivo buonismo, molte delle sue proposte hanno trovato orecchie interessate nel Governo.
Complimenti gli sono giunti persino da suo zio Videla, dal cugino Galtieri e dall'iguana del compianto Colonnello Gheddafi, mentre Berlusconi per ora non commenta, essendo impegnato a ricevere piacere orale da Martufello.

[modifica] La scomparsa e la resurrezione

Pietro Ichino muore, il 24 luglio 2008, alla terza ripresa della sua sfida contro Ivan Drago. Il suo cuore non ha retto ai colpi del sovietico, ma sopratutto all'esibizione di James Brown e alla vista del ciuffo di Susanna Camusso seduta in prima fila tra il pubblico. Dopo tre giorni è resuscitato ed è asceso al cielo, dove siede alla (estrema) destra di Gianni Agnelli.

[modifica] Curiosità

I suoi personaggi storici preferiti sono, nell'ordine:

Da ragazzo fece parte dei Chicago Boys, un gruppo rock impegnato (a distruggere i diritti dei lavoratori e lo stato sociale). E' inoltre nota la sua frequentazione giovanile, insieme al suo ex marito Alessandro Cecchi Paone, di una straordinaria iniziativa culturale denominata "Balletti Verdi".

Nel gennaio del 2002 pare sia stato avvistato a Cogne, in Val d'Aosta, a poche centinaia di metri dalla villetta di Annamaria Franzoni. Si giustificò dicendo di trovarsi lì per prendere parte a un congresso sull'uso del casco di sicurezza nei cantieri edili. Al Processo che ne seguì, il Giudice Aldo Biscardi lo assolse per mancanza di prove, sostenendo la necessità della MMMOVIOLA IN GAMBOOOO !!!

Ogni estate si reca per un mese a Disneyland, dove lavora come uomo-mascotte, vestendo i panni di Pluto.

Attualmente convive con Sergio Marchionne, dal quale ha avuto il suo terzo figlio Lapo Elkann.

[modifica] Mail

Scrivigli

Strumenti personali
wikia