FANDOM


Percy Jackson ma poi lo ritrovai
Percy Jackson approva questo articolo!

L'autore ha quindi diritto ad una vacanza premio al Campo Mezzosangue di una settimana.
Si ricordi comunque che ha una settimana di tempo per raggiungerlo...

Percy marchio nero


Quote rosso1 Un figlio dei tre maggiori ... Quote rosso2
~ L'oracolo sui figli dei tre maggiori capi di stato
Quote rosso1 Ragni! Grossi-ragni-pelosi! Quote rosso2
~ Annabeth giocando terrorizzata a Minecraft survival
Quote rosso1 Hai avuto la mia stessa idea? D'accordo, Percy Jackson. Ma io sono più forte! IO SONO UN TITANOOOOOOOOOOOOO! Quote rosso2
~ Crono quando Percy l'ha copiato su God of War


Logo di Wikipedia sballonzolante
Per quelli che non hanno il senso dell'umorismo, su Wikipedia è presente un articolo in proposito. Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo

Percy Jackson e gli dell'Olimpo è una saga fantasy scritta da Rick Riordan quando gli resta un po' di tempo fra una nuotata nei dollari e l'altra. È iniziata nel 2005 e continuerà per l'eternità.[1]

Dai libri sono stati tratti alcuni film per cavalcare l'ondata fantasy che affligge l'umanità da quando il quasi omonimo Peter Jackson ha vinto la lotteria col fantasy spiccio, ma contrariamente alla benemerita tradizione introdotta da Il Trono di Spade, in Percy Jackson non esistono le tette.

La trama modifica

Percy jackson ed annabeth chase si abbracciano

La coppia più famosa della saga

America, data imprecisata. Il ragazzo più sfigato della Yancy Academy, Percy Jackson, iperattivo, dislessico e con un grave problema di incontinenza (cose per le quali è stato espulso da scuola più volte di Bart Simpson), durante una gita al museo, vede la sua professoressa di matematica rivelarsi come una vampira di Twilight Furia, e tenta di fargli il culo, ma inutilmente perché Percy scopre di essere un semidio: mezzo uomo, mezzo Diego Abatantuono. In pochi mesi Percy scopre anche che:

  • gli dei dell'Antica Grecia sono veri e si sono spostati in America per vedere chi vincerà le elezioni americane del 2016;
  • il suo vecchio amico Grover è un satiro, ovvero un uomo-capra con la mania di prendere in giro persone a caso;
  • la sua vecchia amica Annabeth Chase è notevolmente trombabile;
  • esiste un luogo dove tutti i figli degli dei[2] possono allenarsi a sopravvivere ai vari mostri delle leggende greche;
  • lui non ha nessuna voglia di andarci.

Nonostante ciò, la trama richiede che Percy e la sua allegra combriccola debbano unirsi per salvare il mondo dai soliti esseri malvagi che vogliono distruggerlo, in particolare da Luke[3], dai Titani dell'ancora più malvagio Crono, e da qualunque altra cosa l'autore si faccia venire in mente per allungare il brodo.

Libri modifica

  • Il ladro di fulmini: il libro dove comincia tutto. All'inizio Luke costruisce un parafulmine in grado di attirare a sé tutti i fulmini del mondo, tra cui la potentissima folgore, l'arma più potente al mondo. Gli dei decidono di incolpare il primo che passa, ovvero Percy, e lui deve restituirla prima dell'estate.
  • Il mare dei mostri: Luke manda tutti i mostri marini della mitologia greca nell'Oceano Atlantico, e mentre tutti sono impegnati a rimediare ai guai che ha combinato, lui decide di distruggere il Campo Mezzosangue , di cui aveva demolito le difese con un po' di insetticida.
  • La maledizione del titano: Luke decide di lanciare una maledizione a Percy, il suo peggior nemico, per vendicarsi delle umiliazioni subite in passato, e per farlo chiede aiuto al titano apposito, che gli consiglia di rapire una dea a caso e la migliore amica di Percy.
  • La battaglia del labirinto: Luke organizza una battaglia a Cluedo nella vita reale, scegliendo come campo di battaglia il Labirinto di Minosse. La posta in gioco è la salvezza del Campo Mezzosangue.
  • Lo scontro finale: Consueta battaglia finale contro l'esercito dei titani e dei mostri di Crono.
Luke Castellan

Il personaggio più malvagio di tutti: LUKE CASTELLAN!

Personaggi principali modifica

Personaggi importanti ma di cui non frega niente a nessuno modifica

  • Sally Jackson: la madre del protagonista. Quando andò in viaggio di nozze con Poseidone, Egli volle vedere del cibo azzurro. Da quel momento cucinò solo cibo di quel colore[7].
  • Chirone: il saggissimo mentore della saga. È stato il primo professore figo nella storia, dato che alle interrogazioni portava sempre come premio uno spadone greco.
  • Mr D: altri non è che Dioniso punito da Zeus in quanto colpevole di averlo messo in imbarazzo davanti ad Era vomitandole sulla bellissima veste, poiché era un po' brillo. È il classico animatore antipatico che si è stufato del troppo tempo passato nel campeggio[8];
  • Clarisse la Rue[9]: la bulla per eccellenza della saga. È la figlia di Ares, il dio della guerra. Si salva dall'inutilità totale ammazzando un drago nell'ultimo libro. Punto.
  • Talia Grace: figlia di Zeus, si è travestita in albero magico prima che un esercito di mostri riuscisse a divorare lei, un Luke non ancora malvagio ed Annabeth. Alla fine del terzo libro si unirà alla setta segreta di Afrodite che ha per obbiettivo il dominio del mondo.
I diversi volti di Grover Underwood
(1/?)

Caricamento delle immagini in corso...

Personaggi inutili o durati un capitolo o poco più modifica

  • Gabe Ugliano: è il primo patrigno di Percy. È il ricettacolo di tutti i vizi dell'umanità: fuma, beve alcool, gioca al Gran Casinò a Las Vegas, è bulimico, antipatico e soprattutto è il gay più gay di tutti i gay. Non sopravvive al primo libro;
  • Atlante: il Sergente Maggiore Hartman[10]dei titani, signore della guerra, re del mondo e maggiordomo preferito del grande Crono. Dalla fine del terzo libro è in stretti rapporti con la volta celeste;
  • Paul Stoccafisso Stockfis: il secondo patrigno di Percy. È l'unico mortale figo della saga, anche se totalmente inutile ai fini di essa;
  • Charles Beckendorf e Silena Beauregard: la seconda coppia della saga, il primo è il capo supremo della casa di Efesto, la seconda capo di quella di Afrodite. Entrambi moriranno nel quinto libro, Silena è più interessante perché farà l'Agente 007 per conto di Crono;
  • Juniper: la fidanzata di Grover, nonché prima ninfa nella storia mondiale ad essersi sposata con un satiro. Anch'essa è inutile ai fini della trama.

Film modifica

Saghe sequel modifica

Percy Jackson e gli dei dell'Olimpo non è la unica saga scritta da Riordan. Quando gli viene voglia di comprarsi un'altra Ferrari apre un libro di mitologia a caso e ci infila dentro concetti a caso pescati da altri libri fantasy. Che Rick Riordan tempo da perdere non ne ha, e neanche intenzione di smettere. Ad esempio:

Curiosità modifica

Icona scopa
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse ti incuriosisce sapere com'è dormire coi pesci?

Quote rosso1 Luke, io sono tuo padre! Quote rosso2
~ Hermes a Luke Castellan
Quote rosso1 NOOOOOOOO! Quote rosso2
~ Sempre Hermes. Non Luke. Hermes ha appena saputo cos'ha combinato Luke Castellan nei libri 1, 2 e 3
  • La saga è uguale a Harry Potter. Infatti Rick Riordan e la Rowling erano sposati, ma si sono lasciati appena lei ha scoperto che lui voleva copiarla.[11]

Voci correlate modifica

  • Malpertuis - (Malpertugio) di Jean Ray, dove i morenti déi dell'Olimpo sono imprigionati in una decrepita casa belga dentro i corpi di alcuni piccolo-borghesi belgi (Sì: Jean Ray era belga).
  • Tutti gli spermatozoi dell'Olimpo - di Daniele Panebarco, dove le Parche sono delle vecchiette mattacchione stile Arsenico e vecchi merletti che vivono a New York.

Note modifica

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ O almeno fino alla morte della zia dell'autore
  2. ^ Tipo lui
  3. ^ Non quello di Star Wars
  4. ^ Dalla fine del 5° libro
  5. ^ Come Draco Malfoy. Ma è solo una coincidenza.
  6. ^ che, nessuno sa il perché, si fa chiamare la Foschia
  7. ^ A Percy disse che era per una scommessa con il patrigno Gaybe
  8. ^ E ci mancherebbe: deve stare lì circa 500 anni
  9. ^ In francese significa "la via". Nessuna parentela con il più famoso Danny La Rue.
  10. ^ o almeno così dice di essere
  11. ^ Ci è riuscito comunque.