FANDOM


La cucina della Signora Van de Kamp
Tartaruga hamburger

Nonciclopedia si schiera a difesa dei
buoni sapori di una volta.
Aiutaci anche tu a tutelare le nostre eccellenze enogastronomiche come
la proboscide ripiena e l’insalata con dita.
E ricorda: Siamo quello che mangiamo!
Sì, sei un coprofago.

Quote rosso1 Pe' sta' da Dio lo sanno pure i sassi,
metti: guanciale, ova e pecorino;
che il rigaton cottura mai trapassi;
te fai 'na carbonara e un sonnellino. Quote rosso2
~ Ignazio Sifone, poeta idraulico, Nun se vive de solo amore (c'è pure 'a carbonara), Garbatella 1964, Ed. La Pajata
Spaghetti alla carbonara

"Ahó, che guardi?! Continua a magnà er sushi tuo!"

Gli spaghetti alla carbonara sono un piatto caratteristico del Lazio, in particolare di Roma, preparato con ingredienti popolari, tanto che rilasciano ogni anno un numero impressionante di autografi. A volte più di Francesco Totti.
Il tipo di pasta tradizionalmente più usato sono gli spaghetti, o le linguine, ma si presta bene anche la pasta corta come le penne e le mezze maniche, queste ultime affermatesi grazie alla sfacciata disponibilità ad accogliere all'interno il pezzetto di guanciale. Tuttavia, niente di tutto questo può minare il consolidato predominio dei rigatoni, insuperabili nell'inzaccherarsi[1] di uovo e pecorino.
Alcuni scienziati giapponesi, stufi marci di mangiare pesce crudo marcio avvolto nelle alghe marce radioattive, grazie ad innumerevoli prove in laboratorio hanno dimostrato che la carbonara è uno dei piatti più indicati per l'alimentazione umana. Essa agisce infatti su due tipi di recettori:

  • quelli metabotropici, che favoriscono l'impressione parziale e incerta di essere alle Maldive;
  • quelli dopaminergici, che danno la sensazione di spararsi in vena una Red Bull ascoltando Mina.

Unico effetto secondario, del tutto trascurabile tenuto conto dei grandi giovamenti umorali, è l'ingrassare mediamente di 12 kg dopo ogni consumazione e il fetore causato dalla scoppiettante flatulenza causato dall'uovo.
Tali validazioni accademiche, che avrebbero reso tronfio un croque-monsieur, non hanno minimamente intaccato la natura umile della carbonara, che si fregia soprattutto del fatto di essere "bona assai".

Origini

Una cosa è sicura: la carbonara non viene citata nel manuale di cucina romana di Ada Boni, edito nel 1930.
Questo ci porta a formulare tre ipotesi:

  1. prima non esisteva;
  2. Ada Boni la considerava una ricetta segreta e riservata a pochi eletti;
  3. Ada Boni era affetta da Alzheimer, questo spiegherebbe peraltro la presenza della ricetta per la coratella in 76 pagine.
Hulk-pasta

Un sostenitore dell'ipotesi angloamericana

.

Ipotesi angloamericana

Il piatto compare nel periodo immediatamente successivo alla liberazione di Roma nel 1944, quando nei mercati romani arriva il bacon portato dalle truppe angloamericane. La tradizionale accoppiata con l'uovo viene presto integrata con la pasta, nel pieno rispetto delle raccomandazioni dei dietologi dell'epoca, che suggeriscono di mangiare qualsiasi cosa pur di non morire di fame. I cuochi romani però vanno oltre, d'altra parte: che in Italia si debba mangiare roba suggerita da popolazioni che mettono la marmellata sulla bistecca è un controsenso, sarebbe come insegnare a rubare ad un politico. L'iniziale 2-0 per gli americani, segnato da bacon e uovo, viene presto tramutato in 2-2 col repentino inserimento del cacio e pepe, condimento largamente usato e di successo. Ma anche il pareggio non basta, si vuole stravincere. Il bacon a Roma è ritenuto una "froceria", termine col quale si apostrofa qualsiasi cosa votata più all'aspetto esteriore che alla sostanza. Viene sostituito dal guanciale, del quale si riconoscono le equivalenti valenze proteiche e, in aggiunta, il fatto che favorisca la crescita del pelo su stomaco e alluci. L'idea di sostituire l'uovo con qualcos'altro viene presto abbandonata, l'unica alternativa sarebbe stata la besciamella; ma è tassativamente vietata all'interno dei Sette Colli. Ci si accontenta di chiudere la partita sul 3-1.

Totò nel film miseria e nobilità

Un sostenitore dell'ipotesi napoletana.

Ipotesi napoletana

Si individua in alcune ricette, presenti nel trattato Cucina bisunta ai piedi del Vesuvio, di Ippolito Cavalcanti (1837), una possibile origine napoletana della pietanza. In particolare, in alcune di esse, viene descritta l'aggiunta post-cottura di uno sbattuto di uova, formaggio e pepe. Parliamo comunque di due casi isolati: pasta con le zucchine e pasta con i piselli.
Questo irritante sconfinare nel vegetale, che testimonia anche un pavido atteggiamento nei confronti del colesterolo, non può appartenere alla terra che ha dato i natali al casatiello. A questo punto il diffidare è d'obbligo, come è pure doveroso additare i sostenitori di tali illazioni come: "ignobili detrattori di un meridione ciccione che sentiamo nostro".

Ipotesi carbonai appenninici

Una terza teoria condurrebbe ai carbonai provenienti dall'Appennino centrale, "carbonari" in romanesco. Secondo la loro tradizione: per ottenere la carbonella, elemento imprescindibile di una grigliata che si rispetti, occorre sorvegliare la carbonaia per lungo tempo. Bisogna quindi disporre di ingredienti di facile reperibilità e conservazione, come il guanciale (o il lardo), il formaggio e le uova, portati sul posto dentro un tascapane. L'origine sarebbe dunque abruzzese-molisana, ma ha tutta l'aria di essere un disperato tentativo di avvalorare l'esistenza del Molise. Viene rifiutata di conseguenza.

Usi e costumi

Original video

In una trattoria della capitale la frase corretta per ordinarla è:

Wikiquote
«A moré, portame 'na carbonchia come se deve!»
  • Moré: diminutivo di moretto/a, indica il cameriere. La scelta del termine non è casuale: l'abbreviazione consente di includere entrambi i sessi, il 90% dei meridionali e tutti gli extracomunitari. La presenza di una cameriera svedese è altamente improbabile, specie per l'attuale stipendio mensile proposto in Italia. Per quella cifra una ragazza nordeuropea non lavora, al massimo mostra una tetta in webcam.
  • Portame: imperativo che esclude l'assurda possibilità che la pietanza non sia disponibile. A Roma tale eventualità è considerata reato, punito con il ritiro della licenza e 6 mesi di reclusione per il cuoco.
  • Carbonchia: da preferirsi a "carbonara" perché si acquisisce il diritto allo sconto speciale del 20% riservato ai "noantri", gli indigeni della zona Trastevere.
  • Come se deve: di quantità adeguata e rispettosa della tradizione. Omettere tale precisazione sarebbe un madornale errore, perché il cuoco si sentirebbe indotto a:
    • provare alcune raffinate e fantasiose idee che aveva in mente da tempo;
    • pensare che stiate seguendo una dieta, con conseguente porzione di pasta di circa 80 grammi (quantità generalmente usata dai romani per saggiarne la cottura).

Giusto e sbagliato

L'estimatore della carbonara è molto esigente; sbagliare la preparazione (o l'impiattamento) può renderlo nervoso. In genere abbiamo a che fare un con manovale in pausa pranzo, probabilmente con i suoi attrezzi al seguito, e non è sicuramente il caso di farlo agitare. Ci sono modi giusti e altri che vanno evitati.

Carbonara vari piatti

Modi giusti e sbagliati di prepararla e servirla.

  1. Bottone arrabbiato Impiattamento da chef: da evitare. La parte più difficile sarà convincere il cameriere a servire il piatto. Presentandosi con 5 (cinque) mezze maniche è quasi certo che la sua mano finirà inchiodata al tavolo.
  2. Mostro Verde che si fa una domanda Senza pecorino: di esito incerto. Se la statistica afferma che il 20% delle persone non vuole il formaggio sulla pasta, per la carbonara la percentuale scende allo 0,00000012. Potreste essere fortunati.
  3. Smile 2 La "tanta assai": consigliata. La quantità minima deve attestarsi tra i 300 e i 400 grammi. A persona. Servendola in un'insalatiera tende a raffreddarsi in breve tempo, meglio portare in tavola direttamente la padella.
  4. Bottone arrabbiato Poca e scotta: rischio della vita. Usare lo spaghettino n.5, o peggio ancora i capellini, non è mai una grande idea. Il 70% resta ammalloppato[2] nella pentola, il resto è praticamente un pappone, schifato anche dai cani randagi.
  5. Mostro Verde che si fa una domanda L'artistica: chiamata a Roma "quella pe' i cinesi". Considerando la scarsa manualità con la forchetta, un muso giallo potrebbe in effetti apprezzare la possibilità di ingoiare il gomitolino di pasta in un sol boccone. Un romano invece pensa che sia giusto che una razza che non riesce ad arrotolare gli spaghetti si estingua.
  6. Smile 2 La "muratore": consigliata. Non è mai stato chiaro perché una porzione estremamente abbondante sia considerata "da muratore"; mio cugino lavora in banca e mangia comunque da fare schifo. Una cosa è certa: a prescindere dal mestiere, un piatto così è una gioia per gli occhi.
  7. Bottone arrabbiato La "sperimentale": da evitare. Di norma, un romano estende il "moglie e buoi dei paesi tuoi" anche al cibo. Di fronte a tale stravaganza è probabile che esclami: "Ciccio, porta via 'sti quattro tortelli! Presentate co' 'na cofana de rigatoni o te scoperchio er cranio col maleppeggio".
  8. Bottone arrabbiato La "ordinata": da evitare. Il cliente resterà sbalordito dalla maniacale disposizione dei rigatoni e vorrà parlare col cuoco, e non per i complimenti: è probabile che voglia impreziosire la sua collezione di dita umane estirpandole a chi ha giocherellato col suo cibo.
  9. Bottone arrabbiato La "francese": da evitare. Scempio proposto da un gaglioffo transalpino attraverso un tutorial sul web. La polizia postale l'ha identificato e, se mai dovesse sconfinare, sarà arrestato per vilipendio alla religione con l'aggravante della "farfalla", un tipo di pasta usato solo per i bambini e negli ospedali.

L'utilizzo della pancetta a dadini, quella che normalmente giace nelle scatolette bi-dose plastificate, può essere tollerata, ma solo se siete in vacanza nel Gabon e il supermercato ha finito i cubetti di licaone affumicato. Preferibili alla prima.
Si narra che alcuni individui, probabilmente discendenti dalle popolazioni primitive della krukkia settentrionale, arrivino a sostituire il guanciale con il würstel. Questa azione indegna, che vuole forse rimarcare ironicamente l'incredibile esito della Battaglia di Teutoburgo, andrebbe lavata col sangue. Dio non voglia che a un romano in viaggio nella bassa Sassonia venga propinato tale insulto, ciò sarebbe sufficiente a destare il sopito bisogno di riorganizzare le legioni e fare ordine nel mondo.

Wikiquote
«Ma allora, qual'è il modo giusto?!»
(Ok, vi si dice.)

Ingredienti

Carbonara ingredienti e barattolo

Sacro e profano.

Wikiquote
«Cipolla, o non cipolla, questo è il problema!»

In commercio esistono salse pronte di tutti i tipi, la carbonara è tra esse. Se la cosa più complicata che avete cucinato è la caprese, prendetele seriamente in considerazione. In alternativa:

  • guanciale, assai;
  • pecorino, come piovesse;
  • un uovo ogni due persone, superare tale dose porta al rutto con retrogusto pollaio[3];
  • un quintale di pepe nero macinato al momento, che senza "carbone" che carbonara è?

Serviranno anche acqua, sale e pasta, elementi indispensabili per passare dalla carbonara allo stadio successivo: la pasta alla carbonara.

- Tizio che alza la mano: “La cipolla si mette o no?!”
- Cuoco contrariato: “Faccio finta di non aver sentito!”
- Tizia che alza la mano: “Mia madre invece usa anche la panna!”
- Cuoco ironico: “Se lei sta seguendo il mio corso di cucina un motivo ci sarà!”

Preparazione

Carbonara vignetta

Sarai pure 'na gran figa, ma se nun sai preparà 'a carbonara: "Quella è 'a porta!"[4]

  • Tagliare a pezzi il guanciale nella padella. Se è molto grasso potete anche fare a meno dell'olio, se avete l'olio d'oliva buono sarebbe da cretini farlo. L'unico che possedete è quello di semi? Bene, usatelo per i cardini delle porte che cigolano.
  • Fatelo rosolare, ossia lo stadio intermedio tra "pare carne cruda" e "porca eva se stava pe' attaccà".
  • Sbattete le uova in un'insalatiera, con la brutalità necessaria. Sbattetele ancora, stavolta con la forchetta.
  • Aggiungete il pecorino e amalgamate il composto, fino ad ottenere una poltiglia simile al vomito, almeno per quanto riguarda il colore.
  • Mettete l'acqua sul fuoco, possibilmente contenuta in una pentola altrimenti si spegne la fiamma.
  • Mettete il sale nell'acqua che sta nella pentola, direttamente, senza contenitore.
  • Portate l'acqua a ebollizione, se non conoscete la strada usate il TomTom.
  • Buttate la pasta. Tanto non ce la farete mai!
  • Quando la pasta è al dente, come ci sia arrivata non ha importanza, scolatela.
  • Versate la pasta nell'insalatiera, aggiungete il guanciale, mischiate il tutto e servite.
  • Potrete aggiungere un pizzico di pepe[5] e altro pecorino[6].

In alternativa, il pepe può essere mischiato nell'intruglio di uovo e pecorino, l'aspetto non peggiorerà di molto.

Wikiquote
«Stanchi dei soliti sapori?!»
Wikiquote
«Stanchi della vita?!»
Wikiquote
«Esistono le varianti!»
(Ma decliniamo le responsabilità)

Varianti

Carbonara di mare e vegetariana

Varianti apprez... moderatamente tollerate dall'organismo umano.

Carbonara di mare

  • "Alla siciliana": con dadini di pesce spada in sostituzione del guanciale, colla di pesce al posto del pecorino e uova di lompo[7] invece che di gallina.
  • "Allo scoglio": geniale ricetta che prevede una spolverata di pecorino sul tradizionale tonnarello allo scoglio. Il suo ideatore ha vinto il premio Ma chi te lo ha chiesto?! edizione 2000.
  • "Alla marinara": che aggiunge panna e pecorino al classico condimento del risotto, ottenendo così un'irresistibile pastura per barracuda.

Carbonara vegetariana

Exquisite-kfind Non ti basta? C'è anche NonRicette:Carbonara vegetariana
  • "Alle erbette": realizzabile con ingredienti semplici e naturali. La ricetta prevede infatti: Borragine, Calamo aromatico, Balsamita, Fellandrio, Santoreggia, Nepitella, Elicriso, Tanaceto e Camedrio, tutte cose facilmente reperibili nel frigorifero (della Strega Salamandra).
  • "Al radicchio e piselli": una golosità che soddisfa anche l'occhio. Il radicchio infatti, a prima vista e se hai le cataratte in stadio avanzato, ricorda molto il guanciale; i piselli invece sono messi per ricordare che certe bojate sarebbe il caso di risparmiarle all'umanità.
  • "Alle zucchine": la più diffusa. Come resistere a tale accattivante creazione?! Zucchine, fiori di zucca e tofu, rendono il condimento perfetto per qualsiasi buongus... allevatore di carpe, anche quelli particolarmente esigenti.

Testimonianze culturali di rilievo

  • Amedeo Zinnapesa - Hai messo la cipolla?! Ti tolgo il saluto!, Roma (1969), Ed. Bujaccaro, ISBN 9L8-8U8-P45t4-3.
  • Matteo Sughiunti - Questa te la riporti indietro, Viterbo (2000), Ed. Tartina, ISBN 34-ECCHE-C4220-118.
  • Cantapiano, Regiz, Sgrullo - La panna mettimela sul gelato, Latina (2007), Ed. Picchio-La Suora, ISBN 123-DOPO4-EPOI5.

Il parere della gente

Da anni la ANTICO (Associazione Nazionale per la Tutela dell'Immagine della Carbonara Originale) si batte affinché venga rispettata la Convenzione del Tufello del 1964, che vietava l'utilizzo del termine "carbonara" in modo improprio. Di fronte a tali misfatti non si deve restare impassibili, è necessario far sentire la propria voce. Tuttavia, bisogna anche tener conto delle minoranze[8], quindi proponiamo un sondaggio:

Cosa pensate delle varianti alla ricetta originale?
 
147
 
4
 
16
 
4
 
15
 

Il sondaggio è stato creato alle ore 11:02 del set 24, 2017, e finora 186 persone hanno votato.

Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ tenere addosso il condimento
  2. ^ ridotto a matassa inestricabile
  3. ^ sconsigliato se state cercando di prendere il partner per la gola, in quel caso lo prendereste alla gola
  4. ^ Se fai in tempo...
  5. ^ dipende da quanto ne aveva il guanciale
  6. ^ dipende da quanto siete sprocedati
  7. ^ caviale da spilorcio
  8. ^ se non rompono troppo i coglioni
Cuoco che fa il dito medio
Il mondo della cucina
Caricamento in corso...
Gli Chef Le attrezzature Le leccornie
Le salse merdavigliose L'Olient Expless La Desserteria I surgelati
Clicca su una delle categorie qui sopra per espanderla
Gatto in pentola

Voci correlate

Icona cacca oro
Icona cacca oro Questa è una voce in latrina, sgamata come una delle voci meno pallose evacuate dalla comunità.
È stata punita come tale il giorno 15 ottobre 2017 con 100% di voti (su 3).
Naturalmente sono ben accetti insulti e vandalismi che peggiorino ulteriormente il non-lavoro svolto.

Proponi un contenuto da votare  ·  Votazioni in corso  ·  Controlla se puoi votare  ·  Discussioni