Parasite Eve

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Parasite Eve, più che un gioco, è una lezione di vita: mostra infatti quello che succede quando una casa produttrice di videogiochi che ha sempre pubblicato storie di gruppetti di sfigati che inseguono dei cristalli in giro per un continente largo quanto un buco di culo tenta di fare una propria versione di Resident Evil.

[modifica] Storia

Locandina Parasite Eve.jpg

È chiaro che nessuno[citazione necessaria] compra il videogioco per la protagonista gnocca. Chiarissimo.

La trama inizia con la protagonista, poliziotta e probabilmente cugina di qualche sfigato degli S.T.A.R.S.[1], che nel disperato tentativo di farsi trombare dal ragazzo, lo porta all'opera. Purtroppo la cantante lirica che sale sul palcoscenico è in realtà Arisa, che si mette a cantare in anteprima il suo pezzo per il Festival di Sanremo. La canzone è talmente orribile da costringere le cellule delle persone a suicidarsi infiammandosi o sciogliendosi in pappetta pur di non ascoltare questo supplizio.

Fortunatamente per Aya, lei è sordomuta, come si evince dal fatto che parli a gesti per tutto il gioco[2], ed è quindi immune alle distruttive stecche. Starà dunque a lei affrontare e sconfiggere la perfida cantautrice prima che trasformi la popolazione globale in omogeneizzato.

Tuttavia, dopo aver sconfitto la ubercazzuterrima forma finale di Arisa e l'Essere Supremo da lei concepito, partorito e cresciuto nel giro di una notte (diventando la copia sputata di Sephiroth), SORPRESA!: c'è la modalità EX, dove Aya deve scalare il Chrysler Building di New York, su per 100 piani, con le mani legate dietro la schiena e saltellando sulla lingua. Ah, e naturalmente con enormi mutanti che spuntano dove meno te l'aspetti.

Tutto ciò, ovviamente, per raggiungere la propria sorellina e ridurla in fin di vita prima che si spari. Logico.

Attenzione, sono vietati spoiler di questo genere:
Maya è il boss finale

Adesso continua a leggere, a tuo rischio e pericolo.

[modifica] Gameplay

Il gameplay è un perfetto incrocio tra il Battle System di Final Fantasy e quello di Kingdom Hearts, con effetti disastrosi. Aya è infatti costretta a correre in giro cercando di schivare palle di fuoco, schizzi di melma, proiettili e quant'altro per 30 secondi prima che il suo AT (????) si carichi permettendole di attaccare una volta o due con pistole, manganelli e altre armi dall'enorme potenza[citazione necessaria], o usare un Parasite Energy, un'antica magia tramandata nella famiglia delle piattole inguinali di Aya, o usare uno degli oggettini che conserva nel proprio culo[3].

Le armi spaziano dal vibratore scarico, allo spara-cazzate; dal fucile a canne mozze, al lanciagranate. Tuttavia, non c'è alcuna differenza: i manganelli fanno tanti danni quanti una scarica di missili. L'unico modo per avere armi decenti è usare un "attrezzo" per smontarle e rimontarle in un procedimento che la fisica moderna deve ancora spiegare.

[modifica] Personaggi

Aya nella doccia.jpg

Scena da Psycho, riadattata per il videogioco

Aya Brea: una normalissima poliziotta di New York, semimutante, capace di lanciare palle di fuoco ad ogni angolo di strada. È l'unica nel suo distretto capace di uccidere un topo, e questo dice tutto.

Eve: una delle creature più sconosciute al mondo, un mitocondrio con manie di grandezza scappato dal cast di Trauma Center che ha la capacità di possedere le persone. Imparentata alla lontana con Kefka.

Melissa Pearce: in realtà una ex-concorrente di X Factor alla ricerca di un impiego, viene posseduta da Eve che rende la sua già tremenda voce insopportabile all'udito, rendendola estremamente pericolosa.

Daniel Dollis: l'inutile spalla di Aya, passa il 90% del tempo a rischiare di farsi sbranare, incenerire o decapitare, e l'altro 10% a impedire a Maeda di dare ad Aya l'unica arma capace di fare 999 danni a colpo all'Essere Supremo. L'unica cosa che gli riesce bene è guidare una volante mezza scassata in giro per la città. Del resto Aya non può mica andare a piedi...

Maya Brea: Sherry non era soddisfatta del suo ruolo marginale in Resident Evil 2, quindi ottenne una parte in questo gioco. La sorellina di Aya si è fatta trapiantare un rene da Ev, e un suo occhio è stato a sua volta trapiantato in Aya. E dire che c'è chi aspetta 10 anni per un trapianto...

Kunihiko Maeda: contro ogni aspettativa, l'unica persona normale di tutto il gioco è un nippomane. A parte il fatto che, nonostante sia un immigrato clandestino con poco più che la licenza della terza media, ne sa sempre di più di tutto il distretto di polizia messo insieme.

Hans Klamp: uno scienziato pazzo. Tocca l'apice di ogni pazzia mai raggiunta in un videogioco mettendo incinta Eve con l'essere che distruggerà il mondo.

Wayne Garcia: un collega di Aya. Questo ispano-americano è disposto a fornirla di residuati bellici della Prima guerra mondiale e mezza in cambio di carte Magic.

Torres Owens: perché qualcuno doveva pur morire. E morire è la cosa che gli riesce meglio.

L'Essere Supremo: il figlioccio di Eve, un neonato che si evolve in 4 stadi diversi per sconfiggere Aya. Proprio come Freezer. Coincidenza?

[modifica] Luoghi

Ratto Parasite Eve.PNG

Uno degli animaletti di Eve. Non è un amore?

Nel gioco è possibile visitare tutti i luoghi più famosi di New York, tutti rigorosamente pieni di mutanti fino a scoppiare, inclusi:

  • Il 17° distretto di polizia (da cosa pensavate derivasse la sfiga di Aya?);
  • Il Museo di storia naturale (sì, quello di Ben Stiller dove tutto prende vita);
  • Chinatown (l'unico privo di mutanti: le strane creature sono solo scappate dai ristoranti cinesi);
  • L'Ospedale Fatebenefratelli;
  • Central Park (infestato da un'orda di tenie);
  • L'ano della Statua della Libertà.

[modifica] Nemici

Aya insanguinata.jpg

Aya dopo una giornata-tipo.

Tra le creature che è possibile far saltare in aria a colpi di sparanoccioline, sono inclusi anche:

  • Ratti;
  • Ratti più grossi;
  • Ratti ancora più grossi;
  • Cani a tre teste;
  • Scimmie ninja mutanti;
  • Furry;
  • Serpenti;
  • Serpentoni;
  • Serpentononi;
  • I dinosauri viventi di "Una Notte al museo";
  • Tua nonna in carriola.

[modifica] Voci (S)correlate

[modifica] Note

Cioè, stai davvero leggendo le ♪♫note♫♪?! Pazzesco...
  1. ^ Molto probabilmente Brad
  2. ^ Infatti alla Square avevano speso troppo per la chirurgia riduttiva per le tette di Tifa per permettersi un qualsivoglia voice acting
  3. ^ Peraltro, a differenza degli altri RPG, tanto stretto da non essere capace di ospitare più di 20-30 oggetti alla volta


Square Enix logo.png
Strumenti personali
Altre lingue
wikia