Overlord

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Quote rosso1.png ...... Quote rosso2.png

~ L'Overlord quando fa una domanda.
Quote rosso1.png ...... Quote rosso2.png

~ L'Overlord quando da una risposta.
Quote rosso1.png ...... Quote rosso2.png

~ L'Overlord mentre scortica vivo un mezzuomo.
Quote rosso1.png ...... Quote rosso2.png

~ L'Overlord mentre canta sotto la doccia.
Quote rosso1.png ...... Quote rosso2.png

~ L'Overlord mentre ci da dentro con una delle sue signore.
Overlord.jpg

E chi l'ha detto che il protagonista dev'essere per forza un eroe ?

Overlord è un videogioco simil avventura/GDR, pubblicato nel 2007 da una casa editrice tanto semisconosciuta che non so nemmeno come si chiama. Tutto è incentrato su un simpaticone che, seguendo i consigli della grande fonte di sapere, ha mostrato a tutti chi è che comanda.

Il libro da non aprire.jpg

La copia autografata dell'opera su cui l'Overlord studiava per imparare come trattare i Mezzuomini.

[modifica] Personaggi

L'Overlord

Il loquace e socievole protagonista. È un incazzoso energumeno di dubbia natura barricato in un ammasso di ferraglia, che come tanti esaltati che ricoprono una certa carica aspirano al dominio del genere umano e alla conquista del mondo. Ogni riferimento o similitudine al personaggio di Sauron è puramente casuale.

Gnarl

La balia dell'Overlord, un vecchio, decrepito pessimo ibrido tra Gollum, Yoda e il Maestro Miyagi. Forse l'unico servente veramente utile, istruisce il protagonista nella sua carriera di dittatore, oltre a mettere a disposizione utili tomi di magia nera. Pare essere rimasto brutalmente traumatizzato quando uno degli Overlord precedenti è stato divorato da una donnola gigante.

Quaver

L'anti-stress dell'Overlord. È un patetico servente giullare con la sindrome di Tourette, che fa tutto fuorché essere divertente. Il suo unico scopo è quello di farsi malmenare/impalare/crocifiggere/sodomizzare dal suo malefico Sire.

Rose

La puttanella casta dell'Overlord. È una sottospecie di candida figlia dei fiori/animalista/ambientista dall'animo dolce e gentile, che con il regno malefico e perverso dell'Overlord non centra un cazzo, ma che si offre di dargliela come rigraziamento per aver aiutato i suoi concittadini.

Velvet

La puttanella fetish dell'Overlord. Stivaloni in cuoio nero con vertiginosi tacchi a spillo, gonna con spacco inguinale, corsetto ampiamente scollato (nonché quinta di reggiseno), ninfomane sadomasochista e torturatrice incallita. Ormai l'idea ve la sarete già fatta.

Melvin Più Pance

Un disgustoso Ciccio Bastardo a capo dei mezzuomini, con un forchettone da barbecue per scettro. Ex membro della setta degli Eroi, è ora costretto nel suo regno a causa della sua ciccia straripante.

Oberon

Il re degli elfi, la sua pigrizia è tale che il suo culo ha messo letteralmente le radici al suolo, e impone alle altre creature magiche di fare il proprio porco comodo al posto suo.

Sir William

Un tempo il più stimato della suddetta setta, è diventato un un losco tiranno puttaniere che si insiste a ostentare la sua rediviva immagine pulita e onesta pur non riuscendo a ingannare nemmeno i ritardati, con una particolare predilezione per delle mignotte alate sue vicarie.

Goldo Golderson

È il cugino plurimiliardario di Gimli, indossa un'armatura d'oro palesemente copiata dai Cavalieri dello Zodiaco, e ha un'ascia doppia come animale domestico.


[modifica] La storia

Tutto comincia quando il nostro amico viene risvegliato dal suo sonno incantato dai suoi serventi, che lo estraggono dalla concavità pietrosa in cui i sette eroi tempo addietro l'avevano rinchiuso. Ah, già: tanto per dimostrare quanto sono eroici, hanno deciso di darsi ai sette peccati capitali in maniera particolarmente squallida.

Comunque, l'avventura del nostro allegro, sociale ragazzo simil-Sauron si divide in diverse missioni, una più sanguinaria dell'altra; anche più idiota, a causa dei villici, contadini e paesani vari da medioevo e dei serventi dell'Overlord.

Il nostro Oscuro Sire parte per ritrovare il Cuore della Torre, un affare tutto luminoso; dopo essersi legnato con l'Organizzazione 13, visto che i due schieramenti si erano un po' confusi riguardo a tutta 'sta faccenda dei cuori (ma dico, solo cuori esistono tra gli oggetti magici? Il Cuore degli Abissi, il Cuore del Drago, il Cuore dei Cuori, o Eldunarì che dir si voglia, il Cuore di Metru-Nui...), riuscì a trovarlo, e a riportarlo a Gnarl, il suo anziano mentore. No, non fatevi strane idee, anche se sembra non è un prete; e poi non vedo come potrebbe fare, visto che Ovvy è alto oltre due metri e grosso come un armadio. Fanno anche la loro comparsa delle antipatiche creature che il gioco chiama Mezzuomini ma che in realtà sono incroci tra Hobbit esagitati mangiatori di carne umana fanatici delle zucche e la brava gente di Absolom. Oramai avrete capito che i programmatori di questa storia avevano il chiaro intento di trasformare tutti i pacioccosi deficienti dei fantasy classici in malvagi, grotteschi mostri assetati di sangue.

  • Seconda Missione: alla ricerca della Gru

A causa di un po' di amici che conoscono amici, la Torre era alquanto scassata; quel pirla del Giullare, un tizio che non fa altro che parlare a sproloquio senza far ridere, aveva promesso di rimettere il tutto insieme, ma poi la faccenda è finita come il Ponte sullo Stretto, cioè a guisa di Titanic o di un gioco che, va bene, continua la storia ma, in sé, era qualcosa di non così eccezionale. E così, Ovvy dovette andare in un accampamento di Mezzuomini e recuperare la gru, trovando anche il tempo di salvare alcuni pezzentucoli da un enorme Troll ricoperto di lardo, lanciando anche palle di fuoco (che fantasy sarebbe senza le palle di fuoco?) e mandando i suoi serventi a trucidare i Mezzuomini depredandone case e cadaveri.

  • Terza Missione: Operazione Anti-Unicef

I soliti pezzenti, che come si è capito non sanno fare niente da soli, si sono ritrovati a farsi fregare il cibo dagli halfings; e così, in un intrco di gallerie che si fotte le Miniere di Moria come niente, Ovvy e il suo esercito di folletti idioti se ne devono andare a ritrovare il cibo e renderlo agli abitanti. Salvo poi cambiare idea all'ultimo momento, intascarsi il cibo per creare nuovi serventi e accoppare la delegazione, Saddam Hussein docet.

  • Quarta Missione: Uccidere i Mezzuomini

Dopo essersi creato nuovi amici, Ovvy va alla festa campestre dei Mezzuomini con un solo scopo in mente: la carneficina. Infatti, squartando villici, cuochi panzoni e ratti taglie forti, saccheggia le loro case a zero e trova anche un nuovo tipo di serventi, quelli rossi che, oltre a essere immuni al fuoco, sanno anche lanciarlo manco fossero Pyro. Questo capitolo è stato creato solo per ingrabugliare il cervello al giocatore, visto che è il tipico labirinto multilivello con millemila sbocchi possibili.

  • Quinta Missione: di nuovo Uccidere i Mezzuomini

Dopo essersi districati tra i vari corridoi del palazzo dei Mezzuomini, talmente intricati che è più facile percorrere la Milano-San Remo, finalmente Ovvy si incontra con Melvin, che non è il pupazzo super-eroe di Jeff Dunham, ma un terribile panzone nato da un esperimento genetico che ha unito Peter Griffin a Giuliano Ferrara. Dopo averlo ucciso (io non avrei avuto il coraggio di avvicinarmi a un arnese del genere), esplode in una valangata di frattaglie puzzolenti e energia malefica.

  • Sesta Missione: Anche ai Serventi serve la mamma

Dopo aver accoppato il trippone, Ovvy ricomincia il giro turistico del labirinto di queste specie di Hobbit ritardati, dilettandosi in amene attività ricreative come arrostirli vivi, o darli in pasto alle pantegane. Intanto, Gnarl gli dice che anche se ha ripreso i tizi rossi, devono ritrovarne anche il nido! Dopo un paio di espressioni di disagio, Ovvy manda i rossi che ha già a tirare su il nido (dentro il quale pare che viva la loro madre; mostri, una madre incapsulata, un protagonista che non parla mai...non vi ricorda qualcosa?). Dopo questo non troppo lieto fine (di sicuro non per gli Halfings), finalmente si arriva alla parte migliore del gioco...

Sauron con l'anello.jpg

L'Overlord... o forse no... beh, più o meno è così.

  • Settima Missione: la Pupa e il Signore Oscuro

Ta-dah! Ecco, ora i fun dello yaoi capiscono che Ovvy è etero, mentre gli altri possono cominciare a scrivere melense funfiction sulla storia. Beh, le scrivo anche io, ma io sono bravo a farlo. Beh, passiamo oltre. Il nostro Ovvy deve girare per l'ennesimo labirinto roccioso cercando di liberare la tizia Rose dal gabbio; ovviamente, spuntano fuori degli incroci tra dei ninja e degli Shinigami. Tanto per vedere le piste che si sono sparati gli autori.

  • Ottava Missione: l'Arrivo degli Atroci

La solita cittadina di Spree sta andando a fuoco; "E a me chemmifrega?" direte voi; beh, dato che tanto Ovvy l'avrebbe smassacratizzata comunque, nulla; ma la fonte dell'incendio è una specie di enorme fonderia cilindrica che sembra tanto un pilone dei Necron; portandosela a casuccia sua, Ovvy rimedia un servo metallaro che gli forgia nuove armi circondate di fiamme verde fluo.

  • Nona Missione: l'Allegra Foresta degli Elfi

Non si capisce bene perché sprecare unìintera missione per tre minuti di gioco, ma questo è un gioco pieno di misteri. Comunque, Ovvy e i suoi appiccano il fuoco alla foresta degli elfi (guarda caso, la stessa degli Happy Tree Friends).

  • Decima Missione: Overlord si da al giardinaggio

La foresta è infestata da strane radici luminose, che gli elfi dicono essere risucchiatori di enrgie magiche, ma che in realtà sembrano grossi depositi di ecstasy fluorescente. Appaiono anche degli unicorni carnivori assetati di sangue, i cucciolotti di Flippy. A buon intenditor, poche parole.

  • Undicesima Missione: (non) svegliare l'Elfo che dorme

Ovvy scopre che la causa delle radici di ectsasy è il Re degli Elfi, anche lui in overdose, che materializza tutti i propri incubi, da bravo drogato qual è. L'unica maniera per accoparlo è tagliare le radici-flebo che lo mantengono fatto come una pigna in modo da svegliarlo.

  • Dodicesima Missione: Anche ai Serventi serve la mamma, parte 2

Purtroppo, le radici sono protette da pericolosissimi stagni profondi ben venti centimetri e da strani banchi di nebbia verde; e così, l'unica è andare nelle caverne da cui esce questo misterioso gas per ritrovare i verdonzi e il loro nido; eh, sì, la mamma è sempre la mamma; e la simmenthal è sempre la simmenthal. Cosa c'entra? Non ne ho idea! Ovvy percorre dunque le tortuose gallerie puzzolenti accoppando insetti ed estraendo oro da vecchi mucchi di ossa (oro nei mucchi di ossa...ma cos'hanno fumato?), finendo col recuperare il nido dei verdonzi.

Adesso Ovvy deve usare i verdonzi perché risucchino il gas (folletti alimentati da gas puzzolente... adesso le ho viste tutte), mentre i suoi altri soldati massacrano le flebo.

Abbandonando la foresta senza un motivo particolare, Ovvy si dirige a Picco del Paradiso; capiscimi a me... Il luogo è comunque infestato di zombie! Sono il classico nemico ideato perché ai giocatori sfuggano urla di disperazione: numerosi, non si fermano neanche se gli appicchi fuoco (forse non lo fai nella maniera corretta), spuntano dalle fottute pareti e, quando li accoppi, non rilasciano neanche energia vitale. In questa missione Ovvy incontra per la prima volta i tizi blu che sembrano incroci tra dei Goblin e il Mostro della Laguna Nera. Alti solo mezzo metro scarso.

  • Quindicesima Missione: anche ai serventi serve la mamma, parte 3

Dopo aver massacrato gli zombie, Ovvy si ritrova in una specie di palude sottomarina, dove dovrà ritrovare anche il nido dei blu. Peccato che il posto sia infestato da rospi dopati, anatre assassine, insetti azzurri fluorescenti e, peggio di tutto, serpenti di mare che sembrano i dragoni di D-war.

  • Sedicesima Missione: staccare la spina a Oberon, parte 2

Grazie ai Blu, Ovvy attraverserà le altrimenti invalicabili pozzanghere, assalendo violentemente i tubi che impediscono a Oberon di svegliarsi. Strano ma vero, lì si usano i sistemi di alimentazione artificiale per tenere le persone rintronate, anziché per svegliarle.

  • Diciassettesima Missione: Depredare Antichi Templi, Rubare nelle Tombe, Parcheggiare in doppia fila

L'ultimo tubo è nascosto; indovinate un po'? Esatto, l'ennesimo labirinto! Questo in particolare è un tempio, e tanto per essere malvagi, bisogna profanarlo con un crescendo di violenza oscenamente crudo e saccheggiando le varie tombe in cerca delle quattro chiavi per trovare una statua magggica. In questa missione appaiono anche Jewel (usare un nome del genere per una ragazza di colore che guida un gruppo di predoni del deserto; può esistere qualcosa di più scontato?) e il suo ragazzo, tale Kahn; no, Star Trek non c'entra niente.

  • Diciottesima Missione: Staccare la Spina ad Oberon, parte 3

Ovvy distrugge l'ultima radice. Sul serio, sprecano tutto sto casino per poi dare una missione che dura meno di un orgasmo di Pippo!

  • Dicannovesima Missione: Accoppare Oberon

Dopo aver risvegliato l'elfo strafatto, Overlord lo assale con tutto il suo esercito e lo spedisce nel sonno eterno. Qualcuno potrebbe obiettare che sarebbe stato più semplice ucciderlo mentre dormiva, ma in quel momento era invulnerabile grazia alla mistica bolla di estasy che lo circondava. Tipico di un boss da gioco fantasy, essere più forte nelle missioni secondarie che quando lo si affronta.

Ovvy si deve tuffare nelle fogne della città per distruggere gli zombie, salvo scoprire che ci sono quelli che usano gli incantesimi. Ma da dove saltano fuori gli zombie che tirano l'Onda Energetica? Bah, tanto vale: dopo averli amazzati Ovvy torna in superficie, pronto per andare ad ammazzare il leader dell'orgia-club.

  • Ventunesima Missione: The Atroci Reloaded

Ovvy torna nelle chiaviche per prendersi un altro dei calderoni, o quel cazzo che sono. Dopo esserselo portato alla torre, si fa costruire una nuova arma, sospettosamente simile alla mazza di Sauron.

Ovvy deve fare ancora il lavoro sporco con gli zombie, e senza neanche gli strumenti disponibili in Resident Evil 5; una cosa avvilente, anche se i serventi cercano di sdrammatizzare usando i pezzi degli zombie come armi e armature.

  • Ventitreesima Missione: Puttantour Rosso Sangue (titolo figo, neh?)

Stavolta Ovvy deve introdursi nel palazzo del cosiddetto Paladino, che intanto si da alle feste sesso, droga e rock'n'roll, ma senza droga e rock; Tanto per tenersi occupato, Ovvy massacra i suoi tamarrissimi seguaci in tunica rossa e la Succubus, a.k.a. la donnina della notte alata. E, senza un perché, s'intasca pure una strana statua di dubbio gusto.

[modifica] Curiosità

Icona scopa.png
L'abuso della sezione «Curiosità» è consigliato dalle linee guida di Nonciclopedia.

Però è meglio se certe curiosità te le tieni pe' ttìa... o forse vuoi veder crescere le margherite dalla parte delle radici?

  • Esattmente che cos'è l'Overlord? Un umano, un demone, un non morto...
  • E ce l'ha un nome anagrafico?
  • Quando l'Overlord è a casa e si cimenta in determinate attività fisiche è capace di scatenare terremoti forza sette della scala Ricter.
  • Se Rose è sostanzialmente buona, perché se la fa con l'Overlord?
  • L'Overlord del secondo episodio è suo figlio

[modifica] Voci correlate

Strumenti personali
wikia