Olmo

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Nel caso tu non abbia la più pallida idea su ciò di cui si parla in questo articolo, dovresti fare un salto qui.

Olmoefriends.jpg

Non è meraviglioso?

Quote rosso1.png Sotto questa luna, dimmi cosa pensi di mmmeeeeeeaaahh... Quote rosso2.png

~ Olmo su chiunque
Quote rosso1.png Che sei una merda!!!! Quote rosso2.png

~ Chiunque su Olmo


Olmo è un cantante neomelodico arrivato al successo nella seconda metà degli Anni Novanta. È noto per la sua impressionante estensione vocale, nonché per le sue doti di Casanova, Dongiovanni, insomma... consumato e irresistibile sciupafemmine. Slurp.

[modifica] Vita

Olmo (al secolo Leopoldo Giovanni Maria Leonida Benedettoquindicesimo Olmo De Olmis) nacque sotto il segno della Vergine nell'anno sexagesimo quinto ab urbe condita a Cesano Maderno, sobborgo dell'Urbe, a sua volta antica capitale dell'Italistan sotto la dittatura di Saddam Hussein, cioè a un tiro di schioppo da Sparta. Si ritiene infatti ch'egli fosse figlio illegittimo di una fugace relazione tra il duce spartano e la famosa ideologa comunista Daniela Garnero per gli amici Santanché. Da sottolineare inoltre il fatto che Olmo fosse cugino di primo letto del luminare in campo scientifico noto ai più come Ingegner Cane - come non notare la straordinaria somiglianza, perdincibacco??

Orbene, il piccolo Leopoldo Giovanni Maria Leonida Benedettoquindicesimo Olmo De Olmis venne cresciuto dalla lupa che aveva già fornito il servizio catering a quei due perditempo di Romolo e Remolo. I problemi cominciarono con l'iscrizione alla prima elementare, allorché 'a criatura si ritrovò catapultata in un ambiente ostile, vittima del bullismo e delle inspiegabili, ingiustificate, immotivate prese peer culo dei suoi compagni di classe pariolini. Er regazzino tornava a casa invariabilmente con le pive nel sacco, e quando quella cagna... ops lupa!... di sua madre gli domandava: "Aaaawwwwww??" (che voleva dire in alternativa: "Cosa hai imparato oggi a scuola cucciolo mio?", "Che vuoi per pranzo, latte intero o scremato?", "Ah Leopò dovresti uscì de meno, fare li compiti, ajutamme 'ncasa 'n pochetto invece de annà sempre ar cinema a vede Grease per la ducentesima vorta..."), egli non rispondeva mai. Se ne andava in camera sua senza mangiare, senza parlare, e triste triste ascoltava allo stereo i suoi eroi d'infanzia: Umberto Tozzi e Nilla Pizzi.

La sua infelice condizione gli cagionò problemi a livello scolastico (fu bocciato all'esame di quinta elementare persino col metodo Grandi Scuole) e personale. A quarantacinque anni compiuti, la verginità del piccolo preadolescente Leopoldo G.M.L.B15.O. De Olmis era ancora intatta, e non solo dal punto di vista zodiacale! Il solo modo che aveva per essere toccato da una donna era che sua fratella Giuseppina gli mollasse un cartone in faccia. E anche i gay lo snobbavano. Ed era talmente sfigato che, quando passava, gli specchi si rompevano da soli e persino i gatti neri si davano una grattatina.

La disperazione del giovane cresceva esponenzialmente. Donde una tragica decisione: si suicidò ascoltando a loop per sei volte di fila l'ultimo discorso alla nazione del Presidente della Repubblica. La morte, dopo un'agonia dolorosissima, sopraggiunse infine per esplosione testicolare.

[modifica] Morte

Successivamente al misfatto, l'anima del trapassato giunse immantinente del Regno dei Morti. Ivi incontrò Ulisse ed Enea, che contrariamente a quanto tramandato si erano persi là sotto e ancora vagavano come du' scemi alla ricerca dell'uscita. In seguito giunse al cospetto del giudice infernale, il temibile Lapo Elkann (alcuni sostengono che in realtà non fosse Elkann ma El-càn, ossia suo cugino sotto mentite spoglie). Questi gli disse: "Leopoldo! Sei stato molto cattivo, ma lo 'mperador del doloroso regno mi comunica che non ci sono celle disponibili. Dunque sarai il primo a beneficiare del miracolo dell'indulto. Torna sulla Terra e inizia a goderti la vita! Oggi può essere un gran giorno, datti un'opportunità... no aspetta questo era l'altro jingle... com'era? Ah sì: giustizia mosse il mio alto fattore, vuolsi così colà dove si puote!". E sparì.

[modifica] Miracoli

Olmo (De Luigi).png

Olmo all'apice della carriera e della sua sensualità.

Il redivivo decise d'iniziare una nuova vita. Tanto per cominciare, cambiò il suo nome in Olmo (e meno male, perché l'autore di questo articolo si era rotto di scrivere tutta la litania). Smise di coprirsi con pelli di animali cacciati da sua madre e indossò dei vestiti umani. E per finire, last but not least, memore delle epiche gesta compiute dai suoi eroi d'infanzia (cfr. supra), si diede al canto. Dalla Sagra dell'Orzo Perlato di Casalpusterlengo in poi, fu un crescendo di popolarità e successo. La consacrazione avvenne alla Festa dell'Unità di Rio de Janeiro del 1859, dove gli fu consegnato il primo Disco d'Argilla (copie vendute: 10, di cui 8 comprate dalla mamma) per la sua originalissima interpretazione del carme catulliano Mamma mia dammi 100 lire ché in America voglio andar.

Gasatissimo dal successo (e anche da qualche tiro di popper di troppo), Olmo decise di partire in tournée planetaria. Per 5 anni luce percorse l'orbe terracqueo con i suoi artisti di supporto: Gianni Drudi, Gianni Sperti, Gianni dell'Ingegner Cane, Gianni Bella, Gianni Mutatis Mutandis (Gianni Morandi diede forfait e mandò un sosia), e Massimo Ciavarro in qualità di direttore artistico. La band si esibì nelle più esclusive case di riposo e bocciofile, riscuotendo ovunque una marea di consensi. Nella data conclusiva del tour (Casa di cura Domus Mariae, dicembre 1864), Olmo incontrò il primo di una lunga serie di torbidi e peccaminosi amori: la Madama Cristina, classe 1635.

Proprio Cristina di Savoia spinse Olmo al grande salto: la televisione. È di Olmo il primo video mai trasmesso da MTV, e non Video killed the radio stars come i più erroneamente ritengono! Si trattava di Sei il mio cucù versione unplugged, grande hit degli anni Settanta, Ottanta, Novanta, e pure Cento e Centouno giusto per non farsi mancare nulla.

[modifica] Discografia

Copolmo01.jpg

La copertina dell'album

Olmo ha inciso un solo cd: Olmo e Friends. Rolling Stone l'ha inserito al quarto posto della classifica degli album più belli della storia della musica.

Questa è la scaletta:

- Piccolo fiore bugiardo (pop version), Olmo

- C'è simpatia, Olmo

- Sei il mio cucù (studio version), Olmo

- Dimmi cosa pensi di me, Olmo feat. Vanette

- Non vuole un fratello, Olmo

- Fratello fever, Olmo

- Piccolo fiore bugiardo (alla vecchia), Olmo

- Gialappa's per vooi (parlato), Gialappa's Band

- Il ballo dell'umiltè, Maurizio Crozza & Elio e le Storie Tese

- Non voglio fare il militare, Maurizio Crozza & Elio e le Storie Tese

- Sei il mio cucù (live version), Olmo feat. Elio e le Storie Tese

- Dimmi cosa pensi di me (remix), Olmo feat. Vanette

- C'è simpatia (karaoke version)

- Piccolo fiore bugiardo (karaoke version)

- Sei il mio cucù (karaoke version)

Strumenti personali
wikia