NonPoesie:Stai lontana da me

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Ragazza sola ad un tavolo.jpg

Stai lontana da me


Ti ho lasciata in cucina, sola, come meriti di stare.
Non puoi darmi il tormento, lo capisci?! Che cosa ti ho fatto?!
Da me prendi quello che vuoi, senza dare nulla in cambio. Ora basta!
Andando via non ho trattenuto il disprezzo che provo per te,
il mio odio nei tuoi confronti è profondo, totale, assoluto.
Ora sei entrata nella stanza da letto, furtiva come sai ben fare.
Ti sei avvicinata senza rumore, eppure ti ho sentita, per un attimo.
Mi rendo conto che m'infastidisce la tua sola presenza, oramai da tempo.

Adesso prendo la ciabatta e ti spiaccico sul muro, zanzara tigre del cazzo.


Altiero Ghepardi

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif


Stai lontana da me è un componimento scritto da un insolito Altiero Ghepardi, che abbandona il suo abituale stile poetico per indugiare nella prosa. Con buona approssimazione, comunque priva di certezze, risale ad un afoso magosto del 1883, in una sera che il poeta aveva finito gli zampironi e l'emporio Ravanelli era chiuso per ferie.

Icona cacca oro.png
Icona cacca oro.png Questa è una voce in latrina, sgamata come una delle peggiori voci evacuate dalla comunità.
È stata punita come tale nella 24° settimana del 2017 con 100% di voti (su 5).
Naturalmente sono ben accetti insulti e modifiche che peggiorino ulteriormente il non-lavoro svolto.

Segnala un candidato  ·  Votazioni in corso  ·  Controlla se puoi votare  ·  Discussioni

Strumenti personali
wikia