NonPoesie:Mare, io t'aborrisco

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Nelson Muntz.png
HA-HA!
Questa pagina è orfana e in cerca di affetto. Invece di riderle dietro come Nelson, adottala inserendole almeno un collegamento in entrata (possibilmente non a casaccio); successivamente rimuovi questo avviso mandandolo a cagare.
Sindaco adam west accoltella mare.png

L'uomo contro il mare, illustrazione ispirata in parte a questa poesia.

Mare, io t'aborrisco è una poesia scritta da un anonimo che è stata rinvenuta nel 1976 in una spiaggia nei pressi di Pozzallo, vergata su una pergamena di pelle secca.

Sole che 'l capo scotta
alga che 'l piede tocca.

M'irrita il tentacolo
sabbia dentro l'oculo.

Passa 'na dama prosperosa
no, solo 'na vecchia adiposa.

Mi nascondo nel fondale
cerco gioie 'n mezzo al sale.

Un tesoro trovo sotto
no, è solo un cerotto.

Torno in spiaggia, tremo tutto
l'acqua del mare m'ispira un rutto.

Colla schiena tutta arsa
faccio a me una promessa.

Che l'estate che verrà
il mar non mi vedrà.

Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Pix.gif
Strumenti personali
wikia