FANDOM


Fante, cavallo e regina
Fante di spade e re di bastoni con occhietti

Un fante di spade piuttosto annoiato
un giorno ebbe a dir con fare seccato:

« Che vita grama! Che vita piatta!
Per vincer lo tedio son sempre in lotta! »
Una vitaccia trascorsa nel mazzo...
Alfine vien di rompersi un po' le scatole!
Finché un brutto giorno fu mescolato
dal lato sbagliato, ma fu scalognato:
Se ne incappò dinanzi al bel viso
d'una regina dal tono deciso:
« Chi è questo bruto dall'aria pezzente?!
Ei puzza di fogna! Cavategli un dente! »
Il povero fante avea il cuore in gola
e fremea - ci credete? - per alzar la suola!
Ma al posto dei tacchi di ruvido legno
sotto la cinta v'era... il suo grugno!
E il cavallo - direte - accorse al tapino?
Ma manco po' cacchio: russava, il ciuchino!
« È dunque così che conclude il mio viaggio?
Destino sardonico! Può esserci peggio?! »
Ma il mescolatore notò l'errorino
e s'incalzò per voltar lo fantino
che finalmente cessò di lagnarsi
e in mezzo alle carte tornò ad annoiarsi!
Pix
Pix
Pix
Pix
Pix


Fante, cavallo e regina è una filastrocca satirica che narra dei soprusi subiti dai valvassori della corte del Duca Beauregard, a cavallo del XXXIII° secolo. Venne composta da una bambina di 9 anni durante il campeggio parrocchiale di Castiglione del Lago (PG), per sostenere le prove a staffetta che i malvagi educatori imponevano alle squadre. Potevano scegliere tra un esercizio di equilibrio, una prova del cuoco o una poesia. Lei convinse i suoi compagni a scegliere quest'ultima, perché aveva 9 in italiano e 10 in storia.
La sua squadra perse e venne giustiziata.