NonNotizie:Sei morto ieri

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Questo articolo è parte di NonNotizie, la tua fonte di disinformazione.
Condividi la NonNotizia su: Icona Facebook.png Icona Twitter.gif Icona MySpace.png Icona Google Plus.png


14 febbraio 2008


Ieri alle ore 12:34 di mattina ci hai abbandonato amico mio, lasciando dentro di noi un grande vuoto ma dando allo stesso tempo un respiro di sollievo a tutti gli utenti che dovevano correggere le tue minchiate.
Secondo fonti ancora non appurate sei morto ieri in un grave incidente in cui sono state coinvolte ben trentuno persone di cui trenta miracolosamente sopravvissute. Con le nuove ricerche in ambito paramedico è stata scoperta la sindrome "Nolo crepare" ( detto nella nostra lingua: Non voglio tirare le cuoia) da cui, secondo un sondaggio di due mesi fa, risulta affetta l'intera popolazione di casa tua, ma da ieri il risultato non è più considerato attendibile.
Essa causa, nel caso di una morte incombente un mascheramento della malattia, del colpo, dell' episodio dei Teletubbies o di una qualsiasi causa di morte stia agendo sul corpo della vittima nascondendola al cervello e che, essendo il centro del nostro organismo, inganna a sua volta il corpo stesso impedendogli di reagire e assicurandosi così una morte certa e inconsapevole per il soggetto; a meno che andando in bagno non guardi in basso e non noti il fiume di sangue che gli sgorga dallo stomaco, il che è raro che accada.
Secondo i ricercatori Oral-B le persone maggiormente esposte a tale malattia sono molto suggestionabli, dalla scarsa autostima, particolarmente ignoranti, con problemi di impotenza...ma nonostante le molte e dispendiose ricerche non è stata ancora trovata una cura adeguata alla malattia; ma è consigliato, a scopo di prevenzione, l'utilizzo di un dentifricio ad alta presenza di fluoro anti-batterico con lo spazzolino di lamine in acciaio rotanti Oral-B.
Secondo molte correnti filosofiche la malattia può essere considerata la lebbra del terzo millennio ed è allo stesso tempo molto più comoda, poiché non è necessario cacciare i malati dalle città, non essendo contagiosi, e non devono essere spese risorse e tempo nella loro esecuzione poiché se ne occupano da soli.
Secondo alcuni gli affetti da tale malattia possederebbero semplicemente un cervello emo.
E secondo altri sarebbe interessante se Dr. House riuscisse in un episodio a curare un paziente affetto da tale malattia.
Ma io personalmente dico vivi e lascia vivere, non trovi anche tu?
Il Presidente della Repubblica ha assicurato il pagamento di un'indennità annua alla famiglia del morto, comprese le spese del funerale (e il fatto che tu non avessi famiglia ha facilitato molto le cose).
Leggendo questo articolo hai scoperto di essere morto e la malattia ha smesso di avere effetto lasciandoti stecchito.
Non c'è bisogno che mi ringrazi, era mio dovere informarti.



  • Tu: Io...morto...! Non mi ricordo niente... ma come è successo?


  • Io Ti basta?



  • Tu: Sono stato una brava persona durante il corso della mia vita. Ho rispettato ed aiutato il prossimo. Sono andato in chiesa tutte le settimane. Non ho mai ucciso niente, nemmeno una mosca. Non ho mai desiderato la donna o la roba d'altri e non ho mai rubato. Insomma, ho rispettato tutti i comandamenti. Ho studiato fino all'età di 30 anni e per permettermi gli studi ho cominciato a fare il turno notturno all'età di 6 anni. Con i miei brillanti risultati da avvocato, ho devoluto tutti i miei guadagni all'associazione "Fate pena fratelli"...e adesso come faccio a riscuotere ciò che mi spetta, ovvero vivere nel Paradiso a fianco del Signore per tutta l'eternità?
  • Io: Appena muori vediamo che succede.


  • Tu: Ma ora cosa c'è da fare?
  • Io: In teoria puoi fare tutto quello che facevi nella vita: guardare la televisione, andare su internet, ascoltare la musica, ballare, fare sesso eccetera. Ma dato che qui non esiste niente, nemmeno la teoria, non lo puoi fare. Però potresti sempre ammazzare il tempo usando la tua fantasia, se esistesse.


  • Tu: E...
  • Io: Aspetta! Non trovi che sia un po' monotono: Tu che dici una cosa e Io che ti contraddico? È la solita botta e risposta tipica di quelli stupidi duetti comici...perché non cambiamo?
  • Tu: D'accordo.


  • Tu: Posso almeno diventare uno zombie?
  • Io: No.


  • Tu: Che ne dici se diventassi invece un fantasma?
  • Io: No.


  • Tu: Un vampiro?
  • Io: No.


  • Tu: Un pornoattore?
  • Io: No! Ma puoi reincarnarti in un utente di Wikipedia.
  • Tu: Allora no, lasciamo stare!


  • Tu: Ti prego dimmi che è uno scherzo e che non sono morto!
  • Io: È uno scherzo e non sei morto!


  • Tu: Davvero? Oh, non ci credo...
  • Io: E fai bene!


  • Tu: Ma...aspetta...se io sono Tu e tu sei Io, chi sei?
  • Io: Io sono te.


  • Tu: No!
  • Io che poi sarei Tu: .


Strumenti personali
wikia