NonNotizie:Sanremo 2010: vince il malcontento

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Questo articolo è parte di NonNotizie, la tua fonte di disinformazione.
Condividi la NonNotizia su: Icona Facebook.png Icona Twitter.gif Icona MySpace.png Icona Google Plus.png


22 febbraio 2010

Valerio Scanu.jpg

Il vincitore, Marco Cart... ehm, volevo dire Valerio Scanu

Sanremo - "Perché Sanremo è Sanremo" recitava il vecchio adagio, ma da un paio di edizioni del famoso festival della canzone italiana il noto jingle è diventato innegabilmente "Perché Sanremo è AmicidiMariaDeFilippi". Anche quest'anno infatti ha vinto uno dei pupilli dell'ermafrodita più nota d'Italia, che per l'occasione aveva mandato il buon Maurizio Costanzo ad accertarsi che non ci fossero intoppi durante le concitate fasi di eliminazione fisica degli altri concorrenti.

Ma la vittoria del giovane Valerio Scanu, idolo delle bambine insieme alle Winx, è stata accolta malamente dai membri dell'orchestra dell'Ariston, i quali hanno iniziato a lanciare feci sul palco per protesta subito dopo l'annuncio, seguiti a ruota dal pubblico in platea. Antonella Clerici in imbarazzo (oltre che in sovrappeso) non ha potuto far altro che blaterare qualcosa e far finta di nulla, come usava fare quando il compianto Beppe Bigazzi (riposi in pace) faceva una delle sue solite gaffe.

Il motivo di questa incredibile protesta è presto detto: il secondo posto del trio Pupo, Emanuele Filiberto di Savoia e Apicella. Chiunque al termine della finale infatti era certo che il primo premio spettasse a loro di diritto, grazie alle qualità canore ineguagliabili di Pupo, alla innata simpatia e umiltà del Piccolo Principe di Savoia e alle insospettate doti da tenore di Apicella. E invece la vera Musica, con la M maiuscola, ha dovuto lasciare il gradino più alto del podio ad una insipida canzonetta da Zecchino d'oro, votata da orde di bimbeminkia assatanate, che neanche i miliardi spesi dai Savoia per acquistare telefonate di voto da vari call center nostrani son riusciti a fermare.

Emanuelefilibertosavoia.jpg

Emanuele Filiberto ama l'Italia. Davvero, non vuole solo pigliarci tutti per il culo. Perché non gli credete? Perchééééé????

Ma nonostante tutto, Emanuele Filiberto ha tenuto a precisare che non si è dato per vinto e che la sua carriera di showman è soltanto agli inizi. Che fortuna, non trovate? Mentre voci di corridoio riportano che avrebbe già acquistato uno stock di mignotte da regalare al padre (in televisione costano meno), è certo che sarà presto conduttore di un programma di successo, forse addirittura de I raccomandati.

Mentre al terzo posto si è piazzato uno di cui non ricordo neanche la faccia, figuriamoci il nome, va ricordato come grandi artisti premiati negli anni passati quest'anno non se la sono passata molto bene cosa che naturalmente è andata ad alimentare la polemica contro Scanu e i talent show in generale.

Di seguito un piccolo riassunto delle canzoni in gara che giustamente non sono state cagate minimamente dal pubblico.

  • Arisa, Malamoreno - una nuova canzonetta di Arisa, non vedevamo l'ora. Il prossimo anno canterà direttamente con Topo Gigio. Ritornello allegro e spensierato per una canzone che se ascoltata al contrario rivela inni a Satana e accenni non troppo velati all'incesto.
  • Malika Ayane, Ricomincio da qui - Malika Ayane sorprende tutti con un nuovo successo e tutti sorprendono lei mandandola a casa a mani vuote.
  • Simone Cristicchi, Meno Male - Ci manca il Cristicchi che finge di suicidarsi alla fine della canzone, come la volta scorsa.
  • Toto Cutugno, Aeroplani - Ma Toto Cutugno non era morto due anni fa?
  • Nino D'Angelo, Jammo J.. - Nino torna alla ribalta ricordando a Gigi D'Alessio chi comanda sulla scena napoletana. Peccato che Sanremo sia il Festival della canzone italiana...
  • Irene Grandi, La cometa di Halley - Grande canzone per una grande interprete. Margherita Hack scrive un testo di alto valore scientifico.
  • Fabrizio Moro, Non è una canzone - Moro ha finito di spremere la vacca grassa della Mafia e fa flop.
  • Nomadi con Irene Fornaciari, Il mondo piange - il termine "raccomandazione" assume tutto un nuovo valore...
  • Noemi, Per tutta la vita - Questa me la son persa. Appena ho letto Noemi, pensavo si trattasse della giovane amichetta di Papi e ho cambiato. Mi spiace.
  • Povia, La verità - Bambini, piccioni, gay. Ora anche i malati in stato vegetativo hanno il loro nemico giurato a Sanremo.
  • Enrico Ruggeri, La notte delle fate - Quando guardo Ruggeri mi ricordo della donna che ha partorito il feto alieno, intervistata nel programma Mistero, e non posso far altro che ridere. Un uomo che è riuscito abilmente a rovinarsi la carriera televisiva senza sforzo.
  • Sonohra, Baby - Ma per piacere...

[modifica] Fonte


Strumenti personali
wikia