NonNotizie:Sandro Bondi lascia il governo

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Questo articolo è parte di NonNotizie, la tua fonte di disinformazione.
Condividi la NonNotizia su: Icona Facebook Icona Twitter Icona MySpace Icona Google Plus


3 marzo 2011

Dante Bondi
Ci mancherai...

Roma - È un Sandro Bondi abbattuto e amareggiato quello che vediamo in questi giorni vagare per le fredde stanze del potere italiano, dopo aver rassegnato le dimissioni da Ministro per i beni e le attività culturali. Non sorride più, non scondinzola e non lecca le briciole per terra come usava un tempo, quando ancora il padrone gli accarezzava amorevolmente la liscia pelata che lo ha contraddistinto fin dalla sua infanzia.

Nella lettera mandata al quotidiano Il Giornale, oltre alle sue solite 150 poesie d'amore, trova spazio per scrivere di come i suoi amichetti di partito lo abbiano tradito, togliendogli inspiegabilmente tutto l'appoggio di cui godeva, soprattutto da dietro. La fiducia concessa nei giorni scorsi al nostro simpatico beniamino era solo una presa in giro. E ora il povero Sandrone preso a calci in culo a destra e a manca non può far altro che nascondersi nelle retrovie della politica, a curare le ferite del suo innocente cuore martoriato.

Perciò niente più aumenti ai biglietti del cinema, niente più tagli alle opere teatrali, niente più crolli a Pompei per il blob più amato dagli italiani. Non ci rimane che chiederci quante altre opere di bene avrebbe potuto fare se fosse rimasto ancora al suo posto. Magari radere a zero Pisa, oppure subappaltare il restauro della Cappella Sistina a Peter Griffin o ricoprire di sperma gli Uffizi.

Quote rosso1 Non ho convinto il governo del ruolo chiave che ha la cultura Quote rosso2
~ Sandro Bondi

Beh, forse avresti dovuto convincerli con delle mignotte vestite da professoresse e guide turistiche. Ci mancherai comunque, questo è sicuro, come alla Gelmini manca l'ABC o come manca a Emilio Fede un difensore come Ghedini.

[modifica] Fonte


Strumenti personali
wikia

Utente:Mufufu/Diario di bordo