NonNotizie:La Blasi sviene per strada

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Questo articolo è parte di NonNotizie, la tua fonte di disinformazione.
Condividi la NonNotizia su: Icona Facebook.png Icona Twitter.gif Icona MySpace.png Icona Google Plus.png


27 novembre 2009

Ilary Blasi Svenuta.jpg

La donna poco prima di essere stuprata.

Panico e scandalo a Milano, dove la famosa presentatrice, pornostar e mostro Ilary Blasi è svenuta in mezzo alla folla in seguito a un malore scatenato da un'affermazione.

Wikiquote.png
«Facciamo che per la prossima puntata ti paghiamo 180.000 euro, anizchè 190.000, eh?»

Queste le parole del Direttore Megagalattico, pronunciate attraverso il telefonino della Star, a proposito della prossima puntata delle Iene. Il tempo di dire "MERD" che gli occhi della donna si sono rivoltati all'indietro, temendo di non poter comprare l'ultima versione della vasca idromassaggio per il quinto bagno. Un malore improvviso che ha stordito la VIP, facendole cadere di mano il cellulare. Tempestivo è stato invece l'intervento di un ragazzetto che aveva assistito alla scena, e con riflessi rapidi ha afferrato il cellulare prima che toccasse terra. Questa azione ha però distolto l'attenzione generale dalla donna, che è cascata all'indietro sopra una cacca di cane. Il ragazzetto ha alzato l'oggetto esclamando : "Tutto a posto!". La folla, che si era momentaneamente fermata sull'azione, ha applaudito il ragazzo, per poi tornare alle loro attività. Non pago della scheda telefonica della Star, il ragazzetto ha richiamato un gruppo di amici e insieme hanno stuprato a turno la donna in mezzo alla piazza, senza che nessuno se ne accorgesse. I ragazzetti hanno poi rubato il cellulare della Star e si sono dileguati col favore del giorno. Tempo dopo i carabinieri sono inciampati nel corpo esanime della donna, e finalmente l'hanno soccorsa. Grande dispiacere dal parte del Gran Capo Mediaset che ha offerto alla donna la cifra di partenza, come indennizzo per l'avvenimento.

[modifica] Ops, era tutto uno scherzo delle Iene

[modifica] Fonti

[1]

Strumenti personali
wikia