NonNotizie:Gravemente ferito da un NOKIA

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Questo articolo è parte di NonNotizie, la tua fonte di disinformazione.
Condividi la NonNotizia su: Icona Facebook.png Icona Twitter.gif Icona MySpace.png Icona Google Plus.png


30 giugno 2008

Monaco - Un italiano residente a Monaco (D.B. di circa 30 anni) si è gravemente ferito nel vano tentativo di aprire la parte posteriore di un telefonino Nokia. Solo la prontezza della sua convivente (Certa G. dei dintorni di Trento), che ha avvertito immediatamente la Croce Rossa, ha salvato il giovane italiano da conseguenze più gravi. La polizia indaga. Alla bravissima G. è stata conferita la medaglia al merito civile. D.B. è atteso oggi a Trento, dove, nel corso di un simpatico rinfresco,il sindaco volgerà al nostro connazionale gli auguri di tutta la popolazione. Tra le ore dieci e le tredici, il traffico tra il duomo e il municipio verrà interrotto, per dare possibilità alla popolazione di applaudire il corteo.

Apprendiamo in questo momento che Sua Santità il Papa ha fatto pervenire tramite l'Arcivescovo di Trento la sua benedizione parti la pratica di beatificazione della concittadina G. che ha salvato la vita al nostro connazionale è stata respinta dal Vaticano. La richiesta era stata presentata dall'Arcivescovo di Trento, portavoce di migliaia di credenti. Il responso negativo da parte della Congregazione fa seguito ad indagini della polizia, convinta che l'attentato a DB non sia imputabile al telefonino, bensì alla G. che voleva impossessarsi del telefonino stesso. Secondo voci dell'Osservatore Romano il Vaticano sarebbe più favorevole alla beatificazione della vera vittima: il telefonino stesso. Questo non per ultimo essendo il cardinale Ruini il maggior azionista della Nokia. L'assemblea straordinaria della Nokia ha peraltro rigettato la proposta in quanto una beatificazione potrebbe incidere negativamente nei paesi di religione non Cattolica.

Gazzetta di Trento del giorno dopo
La G. è stata ieri rilasciata dalla polizia, dopo essere stata fermata per alcune ore per accertamenti. L'avvocato S, noto professionista di Rovereto, ha convinto l'autorità giudiziaria che la G. non solo è beata, ma quasi santa, avendo lei fatto i due miracoli necessari per una santificazione: ha ritrovato il dito di D.B., ed è riuscita a contattare la Croce Rossa di Monaco in pochissimi minuti.

Strumenti personali
wikia