NonNotizie:Diritti bruciati

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Questo articolo è parte di NonNotizie, la tua fonte di disinformazione.
Condividi la NonNotizia su: Icona Facebook.png Icona Twitter.gif Icona MySpace.png Icona Google Plus.png


30 giugno 2008

Tizio che mostra un documento.jpg

L'ingegner Vacadio cerca di far valere i propri diritti, carte alla mano. Il giovane figlio, sullo sfondo a sinistra, nonostante l'abitudine ai colpi bassi della vita, ancora una volta non riesce a nascondere la disperazione.

Padova – L’ingegner Vacadio non ci sta. In un mondo dove lo strapotere delle imprese private supera quello degli stessi Stati Nazionali grazie ai brevetti registrati, il placido professionista padovano ha deciso di far valere i propri diritti troppo a lungo calpestati.

Wikiquote.png
«I miei avi sono gli inventori del fuoco e le carte sono qui per dimostrarlo!»
(L'ingegner Vacadio, alzando la voce alla conferenza stampa indetta)

Documenti alla mano, l’ingegner Vacadio ha rivelato come il brevetto del fuoco sia stato registrato da suo nonno Gualtiero nel 1761 a.c., a fronte del pagamento di una tassa comunale di 143 mila lire.

“Nei registri della parrocchia di Santa Rosalia in Luterano”, ha argomentato l’incalzante Vacadio, “risulta che mio nonno è l’unico titolare dei diritti di sfruttamento del fuoco e di tutte le sue applicazioni pratiche. Le carte mi danno ragione”, ha poi ribadito sbattendo il pugno sul tavolo e bestemmiando.

L’ingegnere veneto si è poi confidato con Nonciclopedia, rivelando il dramma che sottende a quest’aspra battaglia legale. “Sono povero in canna,” ci ha detto, “e vedere calpestati i miei diritti di erede a godere delle royalties del fuoco mi ha fatto molto male. Soprattutto economicamente, ma anche moralmente”.

La battaglia dell’ingegner Vacadio non finisce qui, ovviamente. “Anzi, è solo all’inizio”, ha dichiarato alla fine della conferenza, dando appuntamento in tribunale alle sette sorelle della raffinazione del petrolio. Non si è però fatta attendere la risposta dell’Eni, la nota compagnia petrolifera italiana.

Wikiquote.png
«Se anche il brevetto del signor Gualtiero Vacadio fosse autentico e certificato per il diritto civile italiano e internazionale sarebbe comunque scaduto dopo 300 anni, ovvero nel 1461 a.c. S’informi meglio il dottor Vacadio jr. prima di pontificare, accusare e intentare azioni temerarie contro rispettabili multinazionali. Saluti affettuosi.»
(Dal comunicato firmato dall’avvocato Montessorca, ufficio legale dell'Eni)

Eppure il diritto ci ha insegnato che l’interpretazione della legge non è mai una sola. La battaglia dell’ingegner Vacadio non si fermerà.

Strumenti personali
wikia