NonNotizie:Complotto contro la Chiesa

Da Nonciclopedia, l'enciclopedia libera...

Questo articolo è parte di NonNotizie, la tua fonte di disinformazione.
Condividi la NonNotizia su: Icona Facebook.png Icona Twitter.gif Icona MySpace.png Icona Google Plus.png


10 aprile 2010

Quote rosso1.png se un qualsiasi prelato può assolvere un fedele o un uomo di Chiesa responsabile di violenze su minori indifesi, lo stesso non può fare con una donna che ha abortito, a meno che non riceva “una dispensa speciale” dal vescovo Quote rosso2.png

~ Gianfranco Girotti, il reggente della Penitenzieria Apostolica[1]
Importanza della vita secondo il Vaticano.png

Come si vede, la Chiesa è sempre vicina ai bambini

10 aprile 2010 - Vaticano. Continua la perversa campagna diffamatoria messa in atto dalle lobby malthusiane e dalla lobby ebraica contro la chiesa e il papa, volta tra l'altro a rubare il Natale.

Mentre i giornalisti sinistroidi e laicisti tirano ondate di fango sulla fede, mossi senz'altro da cattive intenzioni, il nostro Amato Santo Padre, sua Super-Santità Joseph Ratzinger, ci illumina i cuori con le sue dolci e materne parole.

"Ricordate ke i preti fogliono zolo il fostro pene!" ha ricordato ieri nell'omelia, il fatto ke la chiesa appia raccomandato alle famiglie di tenere nazcosto tutto è in perfecta armonia con le parole del Divino Zalvatore: lasciate ke i pampini vengano a me.

Per fortuna, cari fratelli, molti politici illuminati dalla fede ci vengono in appoggio. Buttiglione, fine pensatore dell'era moderna, ha chiarito alle pecore del nostro gregge come il fatto che i giornalisti ne parlino non avvenga perché è il loro mestiere - finta ingenuità da laicisti massonico-neopagani - ma perché c'è un complotto dietro. Questo complotto, sfuggito a noi umili vignaiuoli nella casa del Signore Iddio, non è passato inosservato per una mente acuta e sveglia[citazione necessaria] come quella di Rocky.

Nell'odioso accanimento mediatico di questi nostri tempi malati anche Le Iene si sono unite al branco di sciacalli superficiali mostrando quello che a loro dire sarebbe un prete pedofilo. l'hanno chiamato- e qui siamo alle comiche- pedofilo solo perché ha mostrato la simpatica e assolutamente innocua abitudine di toccare il membro ai 18enni. Sembrerebbe uno scandalo, e invece osservando bene il filmato si scopre che è falso: il "prete" è in realtà un rettiliano travestito da anziano curato di campagna.

E anche il New York Times non è da meno in questa gara, mosso com'è dalla livida voglia di fango, e grida allo scandalo per solo qualche centinaio di casi di pedofilia. Come se tra i giornalisti non esistesse la pedofilia, e come se l'ordine dei giornalisti non avesse mai suggerito alle famiglie dei bambini di far finta di nulla spostando i giornalisti da una sede all'altra. Ipocrisia, insomma, scatenata direttamente da Lucifero, che dagli inferi si gode lo spettacolo, circondato da abortiste, atei e ingegneri edili.


L'arcivescovo di Torino, Poletto, ha fatto notare che:

Wikiquote.png
«Si punta il dito contro gli errori di qualche persona consacrata, sacerdote o religioso dimenticando di dire il tanto bene che nella storia la Chiesa ha fatto per l'umanità»
(Poletto, arvivescovo di Torino)


"E come dargli torto?", direbbe Giordano Bruno.


Per aiutare il clero a comportarsi correttamente Bagnasco ha rilasciato subito un gioco flash che al confronto Metal Gear sembra Tetris.


[modifica] Fonti laiciste


Strumenti personali
wikia